I DODICI  MESI  DELL'ANNO
da
I CANTI POPOLARI ISTRIANI
di
Antonio Ive


  traduzione e adattamento grafico del testo 
di
Gianclaudio de Angelini

 
mmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm

 GENARO

 
Genaro viene pien de gran valure, 
  El puorta l'ano nuvo, el scassa el viecio.         
  El preîmo foû circunseîzo el Signure, 
  A ven ai seîe la Pefaneîa paricio. 
  Antuonio ai disisiete el gioûsto unure; 
  Ai veînti San Bastian de vertoû spiecio. 
  Ai veîntiseînque Pavulo cunvierso. 
  El puorta trentaoûn, el furneîsso el vierso.

variante

 
Genaro son prinseîpio e a capo puosto, 
  De l'ano biel, cumo Pupeîlio volse; 
  In fra nìo e giasso e foco i me cunfuorto, 
  I stago a vidi quil ch'el biel loûjo acuolgie. 
  El preîmo giuorno de saloûte puorto, 
  La stila in mar el bon cameîno volse. 
  Antuonio cul foco e San Bastian cui strali, 
  Agnize e Pavulo cu i su signali.

FEBRARO

 
I son Febraro ugnur, la me bregata, 
  I puorto primaveîra, i scasio invierno. 
  A ven ai dui la Purificata, 
  La madre de Gizoû, el qual dizendo, 
  Ai veîntiquatro la foû culucata; 
  L'anema de Mateîo rigna in etierno. 
  Ai veîntiuoto el fìa quile gran pruve, 
  S'el zì biziesto, el puorta veîntignuove.

MARSO

 
I son quil viecio Marso, piligreîno,
  Nei vieci e nei pastur gran tema meto.
  A ven ai seîe el bon Tumazo Aqueîno,
  Al dudeze Griguorio in siil fu elito.
  Ai vintioûn quil Sperito diveîno,
  Luminato devuoto Benedito.
  Ai veînti seînque la nostra Avucata,
  De l'Anzolo Garbiil la foû nunsiata.

APREILE

  I son Apreîle e d'ugni vago fiure,

  Apro la tiera e i bai uzai cantare.
  Quanti suavi acenti a doûte l'ure,
  Erbe fabrite e frische a sulassiare!
  Ai ondeze Lione cunfessure,
  Marco ai veîntisinque, a selebrare.
  E trenta giorni el fìa quil duormi grato,
  E chi pioûn duormo pioûn se ten biato.

MAJO

  I son quil miz da Majio diletuzo,
  A zuvane e dunziele molto grato.
  El pr
eîmo giuorno puorta, ingluriuzo,
  Giacomo cun Fil
eîpo scunpagnato.
  El signo de la cruze luminuzo,
  Al tierso per miracul f
oû truvato.
  Al quarto parse l'Angel benedito,
  Ai trent'
oûn giuorno in sijl fìa oûn gran risieto.

ZOUGNO

  I son quil rico Zoûgno el mai suprano,
  E cun liteîsia gran liteîsia in Eîstria.
  Son quil che puorta el diziato grano,
  Omini cun calur gran priemio aqueîsta.
  Li trideze che puorta el Paduvano;
  Ai veîntiquatro San Giuvan Bateîsta.
  Piiro li veîntignuove lu segueîsse,
  Pavulo ai trenta el biel miz furneîsse.

LOJIO

 
I son quil miz da Loûjo, cusseî numato
  De quil gran Loûjo Cizaro, rumano.
  El preîmo che foû Piiro incalserato,
  Elizabieta e revizitar cun mano.
  Ai veîntioûn, che ven de majur stato,
  La Mandalena in siil nu zì luntano.
  Ai veîntisinque ven quil de Galeîsia,
  El puorta trentaoûn, el veîvo cun liteîsia.

AGUSTO

  I son Agusto e Augusteîn ciamato,
  De quil Cizaro Augoûsto inperature.
  El preîmo, che foû Piitro incalserato,
  El queînto ven Mareîa trasfigurato,
  Gioûnto a li seîe giuorni el Salvatore.
  El bon Lurenso martire e benedito,
  Ai gize giuorni in siil fìa oûn gran risieto.

  Scurando el queîntodiecimo biato,
  Mareîa gioûnta in siil cul feîlgio santo.
  Ai veîntiquatro el foû dispulgiato
  San Bartulumeîo del su biel manto.
  I son Agusto, e quil biel non de Augusto,
  Che de sapiensa el se pol dar el vanto.
  Talgia la tiesta a San Giuvane Bateîsta
  E chi fà festa de loû el siil aqueîsta.

SATENBRE

  I son Satenbre che rinfrisca el mize,
  Mareîa zì nata nel utavo giuorno.
  Ai quatuordese a la cruze el fù distize,
  Per darghe a li Giudai oûn grande scuorno.
  Ai veîntioûn Mateîo, quil virdo scìse;
  Ai veîntignuove San Miciel adurno,
  Giruolamo de nostra precausione;
  Ai trenta el lu descasia el lu despuone.

UTUOBRE

  I son Utuobre, che me puoi guantare,
  Al quarto giuorno San Fransisco siegue;
  E privilej el duna, el singulare,
  Che Deîo ne tenga in quisto mondo in asseîzo.
  A lì dizduoto Santo Loûca apare,
  Cun San Simion ed el biel Gioûda Asseîzo.
  Cusseî scurando i veîntiuoto zuorni,
  Zì trentaoûn i su bai feîlgi adurni.

NUVENBRE

 
I son Nuvenbre, i entro ben gajardo, 
  E doûti i Santi fà inciareîre el veîno. 
  El ven a i seîe el biato Liunardo, 
  Ai ondeze resplendo el bon Marteîno. 
  Ai veîntiseînque Catareîna guardo, 
  Insieme cu l'Angelico diveîno. 
  Sant'Andrìa, che in cruze el fù distize, 
  El ven ai trenta, ch'el furneîsso el mize.

variante

  Nuvenbre massa l'uoca, e fa gran ligna, 
  Ciù che Desenbre el puosso fà bon foco; 
  Alura l'omo de visteî el s'inzigna. 
  Li piante se spulgiorno a puoco a puoco. 
  Fra doûti i santi se dia memuoria digna, 
  Chi piange el muorto in siil Marteîn è loco. 
  Ed oûn'altra marteîra, cun Siseîlia. 
  Ven Catareîna e d'Andrìa vizeîlia.

DESENBRE

  I son Desenbre, che me puoi guantare,
  Ciù che ugnoûno nuoti meîa grandissa.
  A ven ai seîe San Ninculuò de Bari,
  Ai siete Anbruozio in siil fìa gran ligrissa.
  Ai uoto ven Rigeîna sensa indugiare,
  Cunsieta foû Mareîa nostra salvissa.
  Ai trideze ven Luseîa Santa,
  L'apuostelo Tumazo el veîntioûn canta.

  L'Inusenti cun li altri a selebrare,
  E cumo che la cieza via urdenato.
  El giuorno apriesso el ven, sensa indugiare,
  El Vanzileîsta, che foû da Deîo preziato,
  Ai veîntiseînque el biel Nadal apare,
  Stiefano, che foû el preîmo trumentato,
  Ai veîntiuoto Rumano gioûsto e peîo,
  Ai trentoûn San Silvestro, zì cun Deîo.

variante:
          
  Desenbre fà del puorco bacareîa,
  De ruosti e pulpetoni e gran prezenti.
  E cu l'Anbruozio ven Santa Mareîa,
  Luseîa, Tumazo in siil fìa gran prezenti.
  In carno naque el Salvadur Misseîa.
  Stiefano, San Giuvani e l'Inusenti.
  L'oûltimo zuorno puoi, che foû de l'ano,
  Tuca a San Silvestro avì l'oûltimo scagno.


mmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm
GENNAIO

 
Gennaio viene pieno di gran valore, 
  Reca l'anno nuovo, caccia il vecchio. 
  Il primo fu circonciso il Signore, 
  Giunge il sei l'Epifania e il suo apparato. 
  Antonio ai diciassette ha il giusto onore; 
  Ai venti San Bastian specchio di virtù. 
  Ai venticinque la conversione di S. Paolo. 
  Ne porta trentuno, termina il verso.

variante

 
Son Gennaio ho l'inizio e il primo posto, 
  Dell'anno bello, come Pupilio volle; 
  Fra neve, ghiaccio e fuoco mi riconforto, 
  Sto a vedere i frutti che il luglio accoglie. 
  Il primo giorno di salute porto, 
  La stella in mare il buon cammino volge. 
  Antonio col fuoco e San Bastian con gli strali, 
  Agnese e Paolo con i suoi "segnali".

FEBBRAIO

 
Io son sempre Febbraio, cara la mia brigata, 
  Porto la primavera, scaccio l'inverno. 
  Giunge al due la festa della Purificata, 
  La madre di Gesù, la quale va detto, 
  Ai ventiquattro fu collocata; 
  L'anima di Matteo regna in eterno. 
  Il ventotto fece quelle gran prove, 
  Se è bisesto, ne porta ventinove.

MARZO

 
Io son quel vecchio Marzo, pellegrino,
  Nei vecchi e nei pastori metto gran paura.
  Viene il sei il buon Tommaso Aquino,
  Il dodici Gregorio in cielo fu eletto.
  Il ventuno quello Spirito divino,
  Illuminato devoto Benedetto.
  Al venticinque la nostra Avvocata,
  Dall'Angelo Gabriele ebbe l'annunciazione.

APRILE

  Io sono Aprile e ad ogni vago fiore,

  Apro la terra ed ai begli uccelli il cantare.
  Quanti soavi accenti in ogni tempo,
  Erbe tenerelle e fresche a sollazzare!
  L'undici San Leone confessore,
  Marco il venticinque, a celebrare.
  E per trenta giorni sarà il dormire grato,
  E chi più dorme più si reputa beato.

MAGGIO

  Io son quel mese di Maggio pien di diletto,
  A giovani e fanciulle assai gradito.
  Il pri
mo giorno porta, glorioso,
  Giacomo con Filip
po aconpagnato.
  Il segno della croce luminoso,
  Il terzo giorno miracolosamente fu
ritrovato.
  Al quarto apparve l'Angelo benedetto,
  Il trentuno
in cielo vi è un gran ricevimento.

GIUGNO

  Io son quel ricco Giugno il più soprano,
  E con letizia gran letizia porto in Istria.
  Sono quello che reca il desiato grano,
  Gli uomini sotto l'afa gran premio acquistano.
  Il giorno tredici reca il Padovano;
  Il ventiquattro San Giovanni Battista.
  Pietro lo segue il ventinove,
  Paolo il trenta il bel mese finisce.

LUGLIO

 
Io son quel mese di Luglio, così chiamato
  Da quel gran Giulio Cesare, romano.
  Il primo giorno fu san Pietro incarcerato,
  Elisabetta e rivisitare con mano.
  Il ventuno, viene di maggior stato,
  La Maddalena in cielo non è lontana.
  Il venticinque giunge quello di Galizia,
  Ne porta trentuno, vive con letizia.

AGOSTO

  Io sono Agosto e Augustino chiamato,
  Da quel Cesare Augusto inperatore.
  Il primo, fu san Pietro incarcerato,
  Il quinto giorno Maria fu trasfigurata,
  Giunge il sei il Salvatore.
  Il buon Lorenzo martire e benedetto,
  Il dieci in cielo vi è un gran ricetto.

  Scorrendo il quindicesimo beato,
  Maria giunta in cielo con il figliolo santo.
  Il ventiquattro fu spogliato
  San Bartolomeo del suo bel manto.
  Io son Agosto, e quel bel nome di Augusto,
  Che di sapienza si può dar vanto.
  Taglia la testa a San Giovanni Battista
  E chi fa festa da lui il cielo acquista.

SETTEMBRE

  Io son Settembre che rinfresca il mese,
  Maria è nata nell'ottavo giorno.
  Il quattordici alla croce fu disteso,
  Per dare ai Giudei un grande scorno.
  Il ventuno Matteo, quel verde scisse;
  Il ventinove San Michele adorno,
  Girolamo nostra precauzione;
  Il trenta lo scaccia e lo depone.

OTTOBRE

  Io son Ottobre, che mi posso vantare,
  Il quarto giorno San Francesco segue;
  E privilegio dona, singolare,
  Che Dio ci tenga in questo mondo in assise.
  Il diciotto San Luca appare,
  Con San Simeone ed il bel Giuda Assiso.
  Così scorrendo i ventotto giorni,
  Son trentuno i suoi bei figli adorni.

NOVEMBRE

 
Io son Novembre, arrivo ben gagliardo, 
  E tutti i Santi fanno schiarire il vino. 
  Giunge il sei il beato Leonardo, 
  L'undici risplende il buon Martino. 
  Il venticinque Caterina guardo, 
  Insieme con l'Angelico divino. 
  Sant'Andrea, che in croce venne disteso, 
  Giunge il trenta, e compie il mese.

variante

  Novembre uccide l'oca, e fa gran legna, 
  Affinchè Dicembre possa far un bel fuoco; 
  Allora l'uomo di vestirsi s'ingegna. 
  Le piante si spogliano poco a poco. 
  Fra tutti i santi si dia memoria degna, 
  Chi piange il morto Martino in cielo è posto. 
  Ed un'altra martire, con Cecilia. 
  Vien Caterina e di Andrea la vigilia.

DICEMBRE

  Io son Dicembre, che mi posso vantare,
  Affinchè ognuno noti la mia grandezza.
  Giunge il sei San Niccolò di Bari,
  Il sette Anbrogio in cielo fra grande festa.
  L'otto giunge Regina senza indugiare,
  Concepita fu Maria la nostra salvezza.
  Il tredici viene Santa Lucia,
  L'apostolo Tommaso il ventuno canta.

  Gli Innocenti con gli altri a celebrare,
  Così come la chiesa aveva ordinato.
  Il giorno appresso viene, senza indugiare,
  L'Evangelista, che fu da Dio apprezzato,
  Il venticinque il bel Natale appare,
  Stefano, che fu il primo martirizzato,
  Il ventotto Romano giusto e pio,
  Il trentuno San Silvestro, è con Dio.

variante:
          
  Dicembre fà del maiale macelleria,
  D'arrosti e polpettoni e gran regali.
  E con Anbrogio giunge Santa Maria,
  Lucia, Tommaso in cielo faceva grandi doni.
  Incarnato naque il Salvatore Messia.
  Stefano, San Giovanni e gli Innocenti.
  All'ultimo giorno poi, che è l'ultimo dell'anno,
  aspetta a San Silvestro aver l'ultimo scranno.



Annotazioni

Il ciclo dei mesi è un'antica tradizione del mondo italico, tanto che le poesie dedicate ai mesi da Folgore da San Gimignano, il contrasto dei mesi di Bonsevin de la Riva o la ballata trecentesca che conclude il Lunario composto nell'aria dell'Italia settentrionale, secondo alcuni autori come il Toschi, rientrano in quell'uso di rappresentare i mesi dell'anno durante le feste di Capodanno con i mesi  impersonificati ognuno da un "attore" vestito con gli attributi del proprio mese e che ne recitava le relative strofe: "possiamo immaginare che i dodici mesi formassero la ruota, con in mezzo il capo d'anno come corago: ciascun  mese usciva dal cerchio e cantava la sua parte, poi tutta la ruota ripeteva la strofa danzando". Tale antica tradizione sopravviveva ancora nel 1952 ad Arsita, paesino degli Abruzzi. Poteva avere sia un lato ludico e profano che, in maggior parte, un lato religioso come è in questo "I 12 mesi dell'anno" raccolto dall'Ive a Rovigno e pubblicato nei Canti popolari istriani nel 1877, anche se nelle varianti di novembre e dicembre non manca qualche accenno più profano.



This page and all contents are Copyright ©

 
 

Ninne Nanne
Santi
Superstizioni
Proverbi
Stornelli
Il Ciclo dei 12 Mesi dell'Anno
Filastrocche
Indovinelli
Conte, giochi e..