CONTE ROVIGNESI
libera traduzione di Gianclaudio de Angelini



 
mmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm

1

Ho perso la cavallina 
Gingina gingela 
Ho perso la cavallina 
Gingina, cavalier.

2

Geîro, geîro tondo, 
Oûn pan coto in furno, 
La panada zì sensa sal, 
Su la reîva del canal. 
Pasa tri cavai bianchi, 
Pasa la giuvintoû, 
Curucucù.

3

Siur Carlito zì zeî in ghieto
A cunprase oûna paroûca. 
O! ca tiesta da mamaloûco. 
O! ca naz da carton. 
Bin bun bon.

4

Liepi, la liepi
Liepi, liepi toûs.
Loûca, la loûca
Loûca, loûca toûs

5

Tri meîstro Teîta,
Furmaio fa la freîta,
Freîta, frità,
Furmaio fa cantà.
Viro viruò,
Quanti cuorni
Uò el bubuò?

6

Pizo, pizielo
Da buca d'anielo

Pioûn granda da doûti.

Frigulì i uoci,

Masa paduoci,

Scana babai,

Masa suldai.

7

Poûnto
Poûnto queîndaze.
Sa nu saruò queîndaze
Na mataremo tri.
Oûn, dui trì.


nnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnn

1

Ho perso la cavallina 
Gingina gingela 
Ho perso la cavallina 
Gingina, cavaglier.

2

Giro, giro tondo, 
Un pane cotto in forno, 
La pappa è senza sale, 
Sulla riva del canale. 
Passano tre cavalli bianchi, 
Pasa la gioventù, 
Cuccurucù.

3

Signor Carletto è andato nel ghetto
A comprarsi una parrucca. 
Oh! che testa da mammalucco. 
Oh! che naso di cartone. 
Bim bum bam.

4

Liepi, la liepi
Liepi, liepi tus.
Luca, la luca
Luca, luca tus

5

Tre mastro Tita,
Il formaggio fa la fritta,
Fritta, frità,
Formaggio fa cantare.
Vero o vero sia,
Quanti corni
Ha il diavolo?

6

Piso, pisello
Della bocca d'anello

Più grande di tutti.

Stropicciatevi gli occhi,

Ammazza pidocchi,

Scanna babbei,

Ammazza soldati.

7

Punto
Punto quindici.
Se non sarà quindici
Ne metteremo tri.
Un, due e tre.




GIOCHI ROVIGNESI
libera traduzione di Gianclaudio de Angelini



mmmmnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnn

Immm
mmmmmmmmmmmmmmmmmmm
Bati bati li maneîne
ca vignaruò papà,
el purtaruò i bonboni
el peîcio li magnaruò!
Am, am, am

2

Ghiri ghirin gaia, paiusa zuta paia, 
Paia paiusa, molighe na sardaloûsa

opoûr

Ghirighiringaia Corìna zuta paia 
Paia, paiusa, Corìna sa mastroûsa.

opoûr

Ghirighiringaia Corìna zuta paia
Paia, paiusa daghe oûna scupaloûsa

opoûr

Ghirin ghirin gaia, Marteîn zì zuta paia, 
Paia paiusa, Ciapa oûna scupaloûsa;

3

Pollice  : Quisto dumanda pan. 
Indice  :  Quisto deî i nu 'nda vemo. 
Medio  : Quisto deî cume faremo? 
Anulare: Quisto deî rubaremo. 
Mignolo: Nichi-nichi cheî roûba s'inpeîchi!

4


PANITI
Capofila: "Vierzi li puorte" 

Santi      : "Li puorte zì rute" 
Capofila: "File cunsà" 
Santi      : "Tanti anzuli puosa pasà"
 

5

Alta, burata, 
i speîni par la gata, 
i uosi par i cani, 
la pulenta par i furlani, 
el mìo par i uzei 
e la papa par i putei.


nnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnn   nnnnnnnnnn
n
1
nnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnn

Batti batti le manine
che arriverà papà,
porterà le caramelle
il piccolo le mangerà!
Am, am, am

2

Ghiri ghirin gaia, pagliuzza sotto paglia, 
Paglia pagliuzza, dagli uno schiaffetto

oppure

Ghirighiringaia Corina sotto paglia 
Paglia, pagliuzza, Corina si schiaccia.

oppure

Ghirighiringaia Corina sotto paglia 
Pagia, pagliuzza dagli uno scappellotto.

oppure

Ghirin ghirin gaia, Martino è sotto paglia, 
Paglia, pagliuzza, Prendi un buffetto;

3

Pollice  : Questo domanda pan. 
Indice  :  Questo dice non ne abbiamo. 
Medio  : Questo dice come faremo? 
Anulare: Questo dice ruberemo. 
Mignolo: Nicchi-nicchi chi ruba s'impicchi!

4


PANITI
Capofila: "Apri le porte" 

Santi      : "Le porte sono rotte" 
Capofila: "Fatele riparare" 
Santi      : "Tanti angioli possano passare" (*)
 
5

Alta, buratta, 
gli spini per la gatta, 
gli ossi per i cani, 
la polenta per i friulani, 
il miglio per gli uccellini 
e la pappa per i bambini.



(*) La fila incomincia accucciata a passare tra i due ragazzi che impersonano San Pietro e San Paolo i quali, battendo loro sulla schiena gridano: Paniti, paniti, paniti. L'ultimo della fila verrà però inevitabilmente catturato dai santi che presolo gli chiederanno: O da san Piro o da san Puolo?, per cui a secondo della scelta lo faranno schierare a fianco del giocatore che impersona uno dei due santi. Alla fine del gioco si saranno formate così due schiere di giocatori contrapposti che, una volta catturato anche l'ultimo dei supplicanti che è sempre il loro capofila, insceneranno tra loro un tafferuglio con cui il gioco stesso si conclude. Vi è da dire che quelli che scelgono san Pietro sono quelli del lato del paradiso, mentre quelli di san Paolo formano la schiera dell'inferno.



This page and all contents are Copyright ©

 
 
Ninne Nanne
Santi
Superstizioni
Proverbi
Stornelli
Il Ciclo dei 12 Mesi dell'Anno
Filastrocche
Indovinelli
Conte, giochi e...