A
B
C
D
E
F
G
H
I
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
Z

 
ESTRATTO 
DIZIONARIO ENCICLOPEDICO 
ROVIGNESE-ITALIANO
di 
Gianclaudio de Angelini

 
P, p s.f. - quattordicesima lettera dell'alfabeto. In posizione iniziale spesso si sonorizza: bàla per palla, beîzo per pisum. In posizione mediana spesso si tramuta in 'v': àva per ape, càvara per capra. Il nesso 'pr' generalmente diventa 'vr': avrìl per aprile, làvro per labbro, cavrìto per capretto;
pabìo escl. - accidenti, perbacco, orpo; pabìo! i nu iè mai sintoû oûna ruoba cunpagna: accidenti! non ho mai sentito una cosa simile; pabìo, i nu ma fariè ciù par coûl da teî: perdinci, non mi farò prendere in giro da te;
pabiòsia escl. - vedi pabìo;
pabogavìra escl. - perdio, per quanto è vero Dio; Etim.: in questa esclamazione, forse per stemperarne la valenza, vi è l'unione della parola slava Bog (Dio) con vìro, per cui il termine nascerebbe dalla forma contratta di: pa(r) Boga vira;
pabuò escl. - oibò, orpo, accidenti. Usato sia come esclamazione che come interiezione connotante stupore, meraviglia; pabuò, ca ruobe: accidenti che cose (succedono), che cosa tocca vedere;
Pabuòre - s.n. della famiglia Sfettina, vedi anche l'omonima valle;
pàca s.f. - pacca, botta, colpo, schiaffo, manata; el ga uò dà oûn fraco da pache: gli ha dato un sacco di botte; oûna paca intul coûl: una pacca sul sedere;
pacà v.intr. (i pèco) - peccare, commettere una mancanza, una trasgressione; a nu sa pol fà da manco da pacà: non si puà far a meno di peccare; peca anca i santi, figuriensi i nostri omi: peccano anche i santi, figuriamoci i nostri uomini; chi ca peca ga vol ca fago pinitensa: chi pecca deve far penitenza; Etim.: dal lat. Peccare = mancare, a sua volta da Peccus = difettoso nel piede;
pacà s.m. (pl. -di) - peccato; pacadi vieci, pinitensa nuva: peccati vecchi e penitenza nuova, prov.; a sa deîz el pacà e nuò el pacadur: si dice il peccato e non il peccatore, prov.;  ca pacà ch'el seîo cuseî basuoto: che peccato che sia così piccoletto; el viva doûti i siete
pacadi murtai: aveva tutte e sette i peccati mortali, ovvero era viziosissimo, cattivissimo; chi zì sensa pacà ca ciugo in man el scuriadeîn: chi è senza peccato prenda in mano il frustino. Modi di dire: fà pacà: a. far compassione; quil puovaro viecio bandunà da doûti ma fà pruopio pacà: quel povero vecchio abbandonato da tutti mi fa proprio compassione; b. dispiacere; ma fà pacà butà veîa el pan: mi dispiace, mi sembra che sia un peccato, buttare via il pane; Etim.: dal lat. Peccatum = peccato, da Peccare;
pacadùr s.m. - peccatore; doûti i omi, chi tanto e chi puoco, i zì pacaduri: tutti gli uomini, chi tanto e chi poco, sono peccatori; i semo doûti dei puovari pacaduri: siamo tutti dei poveri peccatori;
Pacài - s.n. della famiglia Nider;
pacaneîa s.f. - sonnolenza, fiacca, svogliataggine; i iè oûna pacaneîa in cuorpo ca nu ta deîgo: ho una fiacca che non ti dico; Etim.: forse dal gr. Pachea = grassa bonaccia, vedi anche il venez. Pachea, bonaccia, calma di vento;
pacanièa s.f. - vedi pacaneîa;
pacariela s.f. - piccola pacca, buffetto;
Pacarièla - s.n. delle famiglie Abbà e Sponza;
Pacchietto - Piero da Capodistria, 1754. Famiglia estintasi nel 1879;
pàce s.f. - pace, letterario rispetto a paz; pace fardai!: pace fratelli!;
Pàce - s.n. della famiglia Venier;
paceîfico agg. 1. pacifico, pacioso; el zì masa pacifeîco: è troppo pacioso; 2. flemmatico, persona che se la prende con filosofia, che se la prende comoda; ti siè ch'el zì paceîfico, el rivaruò cu la suova suolita fiaca: lo sai che è un tipo flemmatico, arriverà come al solito lemme lemme, prendendosela comoda;
pacèli s.m. - termine che definisce i bambini beati e contenti, magari dopo aver preso la poppata; ara ca paceli! ga vularavi pisigalo par sintilo pianzi: guarda che bimbo tranquillo e beato, bisognerebbe pizzicarlo per sentirlo piangere;
Pache - nel censimento del 1° ottobre '45 era presente una famiglia;
pàche (sàco de) locuz. - punching-ball, sacco d'allenamento dei pugili e per estensione persona che ci va sempre di mezzo;
Pachialat - nel censimento del 1° ottobre '45 erano presenti 2 famiglie;
pachiteîn s.m. - pacchettino;
pachìti (fà) loc. - far mazzetti, mescolare poco le carte; ma nuono cu na manchiva puoco par veînsi a trisiete, el fiva pachìti, cusseî li carte li zèva doûte a oûn... sa li zèva a nui gaviva puoca inpurtansa, tanto na manchiva puoco, sa li zèva a luri alura a gira tuduora...: mio nonno quando ci mancava poco per vincere a tressette, non mischiava le carte, così i tre i due e gli assi andavano tutti insieme, se toccavano a noi aveva poca importanza, tanto ci mancava poco per uscire, se andavano a loro allora erano cavoli amari...;
pachìto s.m. - pacchetto; fame oûn favoûr, ciume oûn pachìto da Saraio, ch'i lu iè apiena fineî: fammi un favore comprami un pacchetto di Serraglio, che lo ho appena terminato;
pàcia s.f. 1. pacchia; ca pacia frà, doûto el giuorno a magnà e bivi: che pacchia, tutto il giorno a mangiar e bere; 2. (fig) mota, fango, brodaglia; Etim.: voce di probabile origine onomatopeica;
pacià v.intr. (i pàcio) - vivere spensieratamente, divertirsi, spassarsela; ula ti vaghi? I ma vago a pacià: dove vai? mi vado a divertire;
pàciara s.f. - pacchia;
paciareîn agg. - persona che se la spassa, che si da alla bella vita;
Paciareîn - s.n. della famiglia Paliaga;
paciàsela v.rifl. (i ma la pàcio) - spassarsela, divertirsi;
pacièla agg. - pacifico, calmo, pacioso, bonaccione;
Pacièla - s.n. fam. Venier;
pacièr s.m. - paciere; nu stà metate in miezo cu i sa barufia, ca el pacier zì puoi quil ca da suolito ga ramieto: non metterti in mezzo quando si litigano, che il paciere è poi quello che ci rimette solitamente;
pacificà v.tr. (i pacifichìo) - pacificare, rasserenare, tranquillizzare, calmare; cu du geîngule-giangule la lu pacifichìa: con due moine lo rasserena;
pacioûco s.m. - facilone, persona superficiale;
paciucòn s.m. - pacioccone; ara ca biel peîcio paciucon, nu piura mai, nama el magna e duormi cume oûn anzuleîto: guarda che bel bimbo pacioccone, non piange mai, non fà altro che mangiare e dormire come un angioletto;
paciuòco s.m. - persona bem pasciuta, grassa e tranquilla;
pàco s.m. 1. pacco; duopo la guiera sa zeîva vanti cui pachi duoni dai miricani, cul furmaio zalo, el cacao dulso in pulvare, li stieche da ciculata...: dopo la guerra si andava avanti con i pacchi dono degli americani, col formaggio giallo, il cacao dolce in polvere, le stecche di cioccolata...; 2. (fig) colpa; a zì chi fà el fato e chi sa ciù el paco: c'è chi fa il fatto e chi si prende le colpe; 3. benservito, congedo amoroso; la ga uò dà el paco: gli ha dato il benservito, non sono più fidanzati. Questa accezione del termine nasce dall'usanza di restituire di restituire in un pacco tutte le lettere e regali scambiati tra i due innamorati che rompevano il fidanzamento; 4. tanto, assai; el viva oûn paco da ruoba, ca nu saviva gnanca anduve mitala: aveva tanta di quella roba, che non sapeva neanche dove metterla;
padàgno s.m. 1. ciocco, la parte del tronco ingrossata che sta sotto terra e da cui si dipartono le radici; i padagni uò uoio banadito, i ardo tanto virdi cume sichi: i ciocchi hanno olio benedetto, bruciano sia verdi, quando sono giovani, che secchi, quando sono ben stagionati, prov.; 2. zuccone, testone, persona stupida e scialba; quil padagno ma zì senpro tra i peîe: quel sempliciotto mi sta sempre tra i piedi;
Padàgno - s.n. della famiglia Iskra;
padàl s.m. (pl. -ai) - pedale; i padai da la beîci, zì masa basi, sa ti ciapi la curva strenta, ti pol zeî a l'uorsa: i pedali della bici sono troppo bassi, se si prende una curva stretta, puoi ribaltarti. Modo di dire: butàse in padàl: tuffarsi di piede;
padalà v.intr. (i padàlo - i padalìo) - pedalare; i padalìa a doûta fuorsa, gnanca sa fuoso stà el Geîro da Talia: pedalano a tutta forza neanche se corressero il Giro d'Italia;
.........
paducièra s.f. 1. vivaio di mitili, ovvero cozze; 2. pettine dai denti assai fitti, usato per togliere le uova di pidocchio; 3. ricettacolo di pidocchi; 4. epiteto offensivo;
padùcio s.m. 1. pidocchio; i nu siè anduve iè ciapà i paduci: non so dive ho preso i pidocchi; 2. cozza, mitilo; 3. per estensione persona spregevole, meschina, pezzente; Etim.: dal tardo lat. Peduculus, clas. Pediculo, diminuitivo di Pedis = pidocchio;
Padùcio - s.n. della famiglia Pedicchio;
padùcio da mar s.m. - pidocchio di mare, ligia oceanica;
padùcio dei bruòculi s.m. - pidocchio dei cavoli, Aphia brassica;
padùcio palùz s.m. - mitilo barbato;
padùcio rifà s.m. - parvenù, arricchito, epiteto offensivo; nuò ch'i son invidiuz, parchì oûn stà ben, ma quando ch'i vido ch'el paducio rifà sa dazmentaga da quil ch'el gira, alura i vago in bies'cia: non che sia invidioso, perchè uno sta bene, ma quando vedo che chi si è arricchito tutto un tratto, si dimentica di quello che era prima, (e si dà delle arie), allora vado in bestia;
paduciùz s.m. e agg. 1. pidocchioso, carico di pidocchi; 2. tirchio, avaro; 3. poveraccio, micragnoso; 4. ostinato, pervicace, capatosta;
Paduciùza (la) s.f. - personaggio di una storiella popolare, che era solita dare al marito del 'pidocchioso', il quale persa la pazienza, la gettò in mare. Non sapendo nuotare, inevitabilmente la poveretta stava per annegare, ma essendo notevolmente ostinata, con le mani che ancora non erano sommerse, continuava a fare il gesto tipico di chi schiaccia dei pidocchi, per insultare il marito anche in quegli estremi momenti. Per cui proverbialmente, la Paduciùza è passata ad indicare una persona irriducibilmente ostinata e pervicace: ti son cumo la Paducioûza: sei proprio capatosta;
paduòma s.f. 1. passo, o meglio il rumore provocato dalla camminata, dai piedi; a ma par da sinteî oûna paduoma, ca seîo gila...?: mi par di sentire un rumore di passi, che non sia proprio lei...?; el sa racugnuso dreîo la paduoma: si riconosce dal tipico rumore dei suoi passi; 2. orma, impronta lasciata dai piedi;
Paduòma - s.n. della famiglia Dapas;
pàga s.f. 1. paga, stipendio, salario, remunerazione; el ciapa oûna biela paga, in pioûn i uò oûn può da canpagna, insuoma i nu sa la pasa mal: prende una bella paga, in più hanno un pò di campagna, insomma non se la passano male; 2. premio, ricompensa; ieco, duopo doûto quil ca iè fato cuosa ma dì par paga!: ecco, dopo tutto quello che ho fatto, la vostra ricompensa!. Modo di dire: dà la pàga: come l'it. dare la paga, dare la biada;
pagà v.tr. (i pàgo) - pagare; chi zbaia da tiesta, paga da bursa: chi commette errori di testa, li paga poi di tasca sua, prov.; cu ti paghi, ti caghi: quando paghi puoi fare come ti pare, prov.; cheî ronpo paga: chi rompe paga, prov.; nu ti ma iè ancura pagà: non mi hai ancora pagato. Etim.: dal lat. Pacare = pacificare, da Pax-pacis = pace;
pagà p.p. e agg. (f. -àda) - pagato, saldato; diebito pagà, amiseîsia longa: debito saldato, amicizia lunga; Modo di dire: fà pagàdi: far patta, pareggiare (i conti);
pàga malàdi s.f. - cassa malattia;
pagabàze s.f. - paga base; nu ti siè gnanca quanto ti ciapi da pagabaze?: non sai neanche quanto prendi di paga base?;
pagabìle agg. - pagabile; sie, diciasiete, vintioûn, trinta e sinquantuoto, la sinqueîna zì pagabile: sei, diciassette, ventuno, trenta e cinquantotto la cinquina è pagabile;
pagadùr s.m. e agg. - pagatore; nu zì bravo da zugà ma el zì oûn bon pagadur: non è bravo a giocare ma è un buon pagatore; l'ufisial pagadur: l'ufficiale pagatore;
pagamènto s.m. - pagamento; cul pagamento in cuntanti ma vignaruò seîrca tri miliuni da leîre: pagando in contanti mi verrà all'incirca sui tre milioni di lire; la ga uò dà el naniel da su mareîn dafoûnto in pagamento del diebito: gli ha dato l'anello del marito defunto in pagamento del debito;
pagàn agg. e s.m. 1. pagano, senza dio, non cristiano, miscredente; 2. tristo, cattivo;
pagàn s.m. - vista la somiglianza, con lo stesso nome si indicano due diversi pesci dell'ordine dei Perciformi ambedue appartenenti alla famiglia dei Trachinidi: 1. tracina ragno, Trachinus araneus. Più tozzo delle specie congeneri, ha la testa massiccia, la bocca è grande con un taglio quasi verticale. Come tutti i Trachinidi ha la pinna dorsale costituita da raggi spinosi muniti di ghiandole velenifere. Il manto è grigio-giuallastro o brunastro con numerose macchie nere circolari od ovoidali, che ricordano quelle del manto di un leopardo. Può raggiungere i 40 cm. di lunghezza. Le carni, come quelle delle altre tracine, sono assai apprezzate; 2. tracina raggiata, Trachinus radiatus. Come detto, si confonde per l'aspetto con la tracina ragno, l'unico suo tratto distintivo sono alcuni solchi disposti a ventaglio sul capo dietro gli occhi, rivolti verso la parte posteriore del corpo.
paganeîa s.f. 1. terra dei pagani, dei senza Dio, degli infedeli (saraceni-mori ecc.) 2. per estensione insieme di poco di buono, gente di malaffare;
Paganeîn (san) loc. scherz. 1. giorno di paga; ancui zì el vintisiete, san Paganeîn: oggi è il ventisetti, giorno di paga; 2. persona che paga; ara ca nu son san Paganeîn, ugnidoûn par siè: guarda che mica pago io, ognuno (paghi) per sè;
pagarìa s.f. - pagamento;
pàgaro s.m. - pagro, variante di fràgo, conosciuto nel veneto anche come sparo d'istria, Pagrus pagrus;
pagàsa s.f. - grosso stipendio, pagona; la faviela gila ca uò li fore e 'l mareîn uò oûna pagasa: parla lei che ha terreni ed il marito ha una grossa paga;
pagàse v.rifl. (i ma pàgo) - pagarsi; el sa paga da sul la scola: si paga da solo le spese scolastiche;
paghìta s.f. 1. piccola paga, paghetta; 2. paga settimanale o mensile, mancetta, che si dava ai ragazzi che restavano in famiglia e non lavoravano ancora. Naturalmente la cosa avveniva solamente nelle famiglie più abbienti;
pagièla s.f. - pagella; fà vidi la pagiela a tu pare: fai veder la pagella a tuo padre. Modo di dire: el uò oûno in pagiela: è uno che sa tutto, frase idiomatica usata in senso ironico; Etim.: dal lat. Pagella, dim. di Pagina;
pagileîna s.f. - pagellina; soûn fà vidi a tu gnagna la pagileîna, ca la ta daruò oûn suldeîn: sù, mostra alla zia la pagellina che ti darà una mancetta;
pagina s.f. - pagina; vuolta pagina, ca la guiera zì fineîda!: volta pagina, che la guerra è finita!;
paginìta s.f. - paginetta; el sa uò spracà, in dù ure el uò scribicià nama ca oûna pagineîta: si è sprecato, in due ore ha pastrocchiato soltanto una paginetta;
..........
pàgo agg. - soddisfatto, pago; i son pago da quil ch'iè: sono pago di quel che ho. Modi di dire: dàse da pàgo: rassegnarsi; nu sa diva da pago: non si rassegnava;
pagoûra s.f. - paura; la pagoûra nu uò liege: la paura non ha legge, prov.; la pagoûra movo el cuorpo: la paura smuove il corpo, prov.; la pagoûra fa strenzi el coûl: la paura fa stringere il culo, prov.; la pagoûra nu zì mai bona cunseîlgira: la paura, non è mai buona consigliera, prov.; la pagoûra fà nunanta: la paura fa novanta, prov.;  sa sa uò pagoûra da pierdi, zì meo nu zugà: se si ha paura di perdere è meglio non giocare; ma stiva a vidi ancura cu la pagoûra in cuorpo: mi guardava ancora pieno di paura;  Etim.: dal lat. volgare Pavura; da Pavere, aver paura;
pagoûra (la) s.f. - nel gioco della tombola il numero 90;
pàgro s.m. - vedi pàgaro;
pàia s.f. 1. paglia; o paia o fien, basto che el cuorpo seîo pien: o paglia o fieno basta che il corpo sia pieno, cioè basta esser sazi, non importa di cosa, prov.; la paia nu stà ben rente al fogo: la paglia non sta bene vicino al fuoco; el zì oûn omo de paia: è un uomo di paglia;
 
 
Ghirin ghirin gaia, 
paiusa zuta paia, 
paia paiusa, 
muolighe oûna sardalusa

Ghirin ghirin gaia, 
pagliuzza sotto paglia, 
paglia pagliuzza, 
affibbiali uno schiaffetto

filastrocca che veniva detta ai bambini piccoli, facendogli solletico sul palmo della mano, dando un buffetto affettuoso pronunciamdo l'ultimo verso; 2. (fig) sigaretta; t'iè oûna paia?: hai una sigaretta?; Etim.: dal lat. volg. Palja, clas. Palea, paglia;
Paialònga top. - detta anche Valle Lunga, località ubicata sulla costa tra Munfùrno e Val San Banadìto;
.............
Paiòl (pl. -òi) - pagliolo, soprattutto della battana, vedi i versi della Viècia Batàna: Sta viecia batana cun quatro paioi, e pioûn ch'i la vardo, pioûn beni i ga vuoi, oûn rimo zì curto, quil'altro intuià, sta viecia batana, ca pian ca la và...; Etim.: dal fatto che una volta sul fondo delle
barche veniva sparsa della paglia;
Paiòl - s.n. della famiglia Benussi;
paiòla s.f. - forfora; lavite quila cavaiada ca ti son pien da paiola: lavati quella massa di capelli che sei pieno di forfora; Etim.: dal lat. Paleola diminuitivo di Palea, nel senso di lolla, cioè la parte più leggere del grano;
paiòn s.m. 1. pagliaio. Modo di dire: bruzàghe el paiòn: rompere le uova nel paniere, prevenire; 2. pagliericcio, giaciglio di paglia; a zì oûn viecio pruvierbio ca deî: Cheî sa cuntenta del suovo paion, el zì oûn Rì sensa prazon: vi è un vecchio proverbio che dice: chi si accontenta del proprio pagliaio è un re senza prigione, cioè chi si accontenta del proprio è libero da qualsivoglia condizionamento.Modo di dire: zeî in paion: andare a dormire, a coricarsi; Etim.: vedi paia;
Paiòn - s.n. della famiglia Rocco;
pàis s.m. - mordente ricavato dal mallo delle noci usato per tinteggiare il legname o come soluzione per conciare la selvaggina; Etim.: dal ted. Beize;
Pais - Innocente da Carnia, 1813;
paisà v.tr. (i paisìo) - stendere il pàis sul legname;
paìta s.f. 1. paglietta metallica usata per lucidare i tegami; 2. paglietta, il cappello di paglia rigido, tanto caro ai gagà di una volta;
paìto s.m. 1. tappetino di cordame usato una volta a bordo delle navi; 2. per estensione, zerbino; li ciave li zì zuta el paìto: le chiavi sono sotto lo zerbino;
paiulà v.tr. (i paiulìo) - vogare in piedi facendo forza sui paglioli;
paiulàda s.f. - la copertura di una superfice fatta con i paglioli;
paiulànte s.m. - vogatore all'inpiedi che fa forza sui paglioli;
paiulìto s.m. - parabordo, salvalati;
paiùsa s.f. - pagliuzza;
paìz s.m. - paese; paiz ca ti vaghi, uzansa ca ti truvi: paese che vai, usanza che trovi, prov.; cheî ganbia paiz, ganbia furtoûna: chi cambia paese, muta fortuna, prov.; và in quil paiz: vai a quel paese; i nu siè gnanca da qual paiz ca la zì: non so neppure di quale paese sia; Etim.: dal lat. Pagense, da Pagus = villaggio;
paizàn s.m. - paesano, dello stesso paese;
pal s.m. (pl. -ai) - palo; el uò ciapà el pal ma la bala zì fineîda in puorta lu stiso : ha preso il palo, ma la palla è finita in porta lo stesso; el cameîna cume s'el veîso oûn pal intul coûl: cammina come se avesse un palo nel sedere; i pai de la loûz: i pali della luce; el zì alto e sico cume oûn pal: è alto e secco come un palo; Etim.: dal lat. Palus;
pal prep.art.m. (pl. -ai) - per il; nu ta fà cià pal coûl: non farti prendere per i fondelli; i saruò pronti pai oûltami del miz: saranno pronti per gli ultimi del mese;
Pal palà - s.n. della famiglia Quarantotto;
pàla prep.art.f. (pl. -li) - per la; pala mizieria: per la miseria; el và mato pali fimane: va matto per le donne;
pàla s.f. - pala; - Pala d'altar: la pala dell'altare;
pàla s.f. - pala, strumento impiegato dai muratori; a zì da lavurà da pala e pincon: si tratta di lavorare di pala e piccone: Etim.: dal lat. Pala;
palà agg. (f. - ada) - pelato, calvo; ti rastariè priesto palà cume tu pare: resterai presto pelato come tuo padre; oûna fimana palada la fà inprasion: una donna calva fa impressione;
Palà - s.n. della famiglia Antolli;
palacanìstro s.m. - pallacanestro;
palàda s.f. - pelata, testa calva; ga uò da oûn baz soûn la palada: gli ha dato un bacio sulla pelata;
paladeîn s.m. - pelatino, persona calva;
paladeîn s.m. 1. paladino di Carlo Magno; ti siè viro la stuoria dei paladeîni da Fransa?: conosci non è vero la storia dei paladini di Francia?; 2. paladino, difensore, campione; el zì el paladin de li cauze pierse: è il paladino delle cause perse;
Paladeîn - s.n. della famiglia Pedicchio;
paladiàna s.f. - ornato posto ai lati di un portale;
paladùra s.f. - roncola, sorta di coltellaccio ricurvo usato per potare gli alberi, in particolare per potare la vite; fradai, curtai; surure, paladure: fratelli, coltelli; sorelle, roncole, prov.; Etim.: da pal, cioè arnese per tagliare i pali o per palà, cioè per potare;
palafìta s.f. - palafitta;
Palàio n.pr.m. - Pelagio, vedi la chiesetta di San Palàio nei pressi dell'Ospizio;
palamaduòna escl. - accidenti, orpo, perdinci, per la Madonna; palamaduona! e chi ta iè deîto?: accidenti! e che t'ho detto?;
palamazièria escl. - per la miseria, accidenti;
palameîda s.f. - palamita, pesce appartenente all'ordine dei Perciformi ed alla famiglia degli Scomberomoridi, Sarda sarda. Ha il corpo allungato e fusiforme, leggermente piatto ai fianchi. La bocca è ampia ed incisa, munità di denti appuntiti rivolti verso l'interno. Ha due pinne dorsali, di cui la prima, a forma triangolare, è ampia e raggiata. Il colore del dorso è blù scuro-nerastro, i fianchi sono argentati con riflessi verdastri/azurrastri. Può raggiungere gli 80 cm. di lunghezza e pesare oltre 10 Kg. E' un vorace cacciatore di acciughe, sardine, cefali, aguglie e costardelle. Le sue carni sono buone.
palamizièria escl. - per la miseria, accidenti;
...............
palànsa s.f. - asse di legno duro che viene disposta lungo il percorso di un masso di pietra o di una imbarcazione. Normalmente viene spalmata di grasso di sego per ridurre l'attrito; Etim: dal lat. Palanga;
palànsa s.f. - paranza, tipo di imbarcazione a vela latina munita di 2 alberi; zì doûto piso da palansa: è tutto pesce di paranza;
palanùdo s.m. - pallanuoto; a palanùdo i siemi i pioûn fuorti del mondo: a pallanuoto siami i più forti del mondo;
palàr s.m. - palato; a gira cuseî scutenta ca ma son scutà la lengua e el palar: era così bollente che mi sono ustionato la lingua ed il palato;
palàse v.rifl. (i ma palìo) - appellarsi;
palaseîna s.f. - palazzina;
palàsio s.m. (pl. -si) - palazzo; - Da chi zì quil grando palasio?: di chi è quel grande palazzo;
Palàsio Prituòrio top. - Palazzo Pretorio. Notizie storiche: sito in Piazza del Tibio fu edificato nel 1308 il palazzo pretorio, sede del Podestà veneto. Restaurato nel 1460, era munito di una loggia in cui si amministrava la giustizia. La loggia venne chiusa nel 1738, ottenendo due nuovi locali uno per la Cancelleria ed uno per l'Archivio. nel 1822 la loggia e la contigua porta di S. Damiano vennero abbattute per allargare il passaggio. In tale occasione venne rinnovata la facciata del palazzo, poi sede del municipio, e da allora l'unica modifica è stata la collocazione di alcuni stemmi sulla facciata e nel cortile interno del palazzo, attuale sede del Comune di Rovigno. Da un inventario del 1706, fatto per ordine del podestà Premarin si ha la seguente descrizione: "Che nella Sala del Palazzo pretorio vi erano una chiesetta con un quadro della B.V. col bambino, S. Maria Maddalena, e S. Rocco, un inginocchiatoio, un Cesendel (lampada) sempre acceso, sei camdelotti dinanzi l'immagine della Madonna, avente tanto essa che il bambino corona di argento; Il Tribunale, dove giudicava il pubblico Rappresentante; N. 9 rastelliere, e sopra 36 schioppi azzalini; Una Tribuna per gli Avvocati; Due quadri in contorno di pietra, sopra il Tribunale; uno del Semitecolo, l'altro dell'Orio, ambi podestà. Che nella Camera dell'Udienza vi erano - un altro quadro di Francesco Pasqualigo; La campana dell'Udienza: Banco e gelosia per ascoltare la messa; e che in corte del sud.o Palazzo v'erano N. 5 letti da cannon, due con le ruote ferrate, e tre senza ruote; N. 4 perielle di bronzo, senza manolo; e N. 4 cannoni di bronzo, due de' quali scarrati".
palasòn s.m. - palazzone, con significato spregiativo, casermone; a nu ma piaz sti palasoni mudierni: non mi piacciono questi casermoni moderni;
palastre s.f.pl. - i due pezzi di legno del carro in mezzo ai quali viene infisso il timone, dette anche ganàse;
Palatìte - s.n. della famiglia Sponza;
palàto s.m. - palato; a nu ga vol iesi masa sufeîstighi, chi ca uò oûn bon palato ingrasa: non bisogna essere troppo schifiltosi, chi mangia di tutto ingrassa;
palatuò s.m. - paltò, soprabito, cappotto; Etim.: dal fr. Paletot;
Palatuò - s.n. della famiglia Sponza;
palavòl s.f. - palla a volo, volley; i semo canpioni del mondo da palavol e palanudo: siamo campioni del mondo di palla a volo e di pallanuoto;
Palaziòl - nel censimento del 1° ottobre '45 erano presenti 2 famiglie;
palchìto s.m. - tegola di legno del parquet;in camara iè i palchìti e in cuzìna li matuniele: in camera (da letto) ho il parquet ed in cucine il pavimento con le mattonelle;
palchìto s.m. - palchetto, piccolo palco, in genere riferito al teatro dell'opera; ma piazarìa mondo vì oûn palchìto a la Scala da Milan: mi piacerebbe molto aver un palchetto alla Scala di Milano;
pàlco s.m. - palco; cu el zì montà sul palco i l'uò subisà da feîs'ci: quando è salito sul palco lo hanno inondato di fischi. Modo di dire: a càio el pàlco: cade il palco,  cioè cadono le finzioni e viene a galla la verità; Etim.: dal long. Palko, trave;
palcusiènico s.m. - palcoscenico; la ga par da iesi senpro soûn el palcusienico: le sembra di essere sempre sul palcoscenico; Etim.: calco dall'it.;
paleîn s.m. 1. pelino; 2. inezia par oûn paleîn Marteîn uò pierso la capa: per un'inezia Martino ha perso il mantello, prov.;
paleîna s.f. - biffa, lungo paletto generalmente bicolore, che serve una volta conficcato per terra, a traguardare e livellare il terreno;
paleîza v.intr.imp. (a palizìa) - riferito allo stato del mare con onde mosse che si infrangono sugli scogli, cioè come se il mare si palesasse, mettesse in mostra le sue potenzialità;
palgiàno s.m. - lassativo, purgante; el nu và da cuorpo gnanca cul palgiano: non va di corpo neanche prendendo il lassativo;
Paliaga - Stefano, taiapiera da Venezia, 1571. Nel censimento del 1° ottobre '45 risultavano 51 famiglie Paliaga, cognome che alcune volte veniva scritto anche Pagliaga;
Paliaga - Angelo di Giovanni ed Eufemia Lonza, nato nel 1865, di professione usciere. Abitante a P.za Vittorio Emanuele III n.ro 10, morì dal balcone della sua casa al secondo piano durante il tentativo di catturarlo dei titini;
Paliaga - Domenico Luigi di Michele ed Antonia Dapas, nato il 15 maggio del 1895, operaio della Manifattura Tabacchi, ucciso dai titini nel settembre-ottobre del '43;
Paliaga - Gianni, nato a Trieste nel 1931 da genitori rovignesi, iniziò la sua attività di nuotatore a Rovigno nel lontano 1945. Le sue prime gare ufficiali risalgono al 47, a Genova dove si era trasferito con i suoi. Nel '48 è terzo assoluto nei 1.500 metri stile libero ai campionati nazionali. Dal 1948 al 1954 fece parte della nazionale di nuoto. In quegli anni battè tutti i primati nazionali di stile libero, dai 200 ai 1500 metri, vincendo vari titoli nazionali. Le sue presenze in nazionale furono ben 25, culminate con la partecipazione alle olimpiadi di Helsinki. Dal 1973 dopo aver peregrinato in varie città d'Italia, si è definitivamente sistemato a Trieste, svolgendo attività imprenditoriale nel campo dell'edilizia. Tra i suoi meriti sportivi vanno ricordate le svariate vittorie nella "Maratona dell'Adriatico" e la vittoria nella traversata del lagodi Varese e dello stretto di Messina.
Paliaga - Giovanni di Giovanni-Antonio, segretario comunale di Gimino, da cui fu prelevato dai titini nel setembre-ottobre del '43 e fatto "scomparire";
paliàno s.m. - vedi palgiàno;
palidàga s.f. - stanga situata nella parte posteriore del carro e che serve a congiungere quest'ultima con la parte anteriore del tipico carro istriano, conosciuta anche come freccia del carro, per la sua forma a punta; Etim.: dal lat. Palus, attraverso *palatica;
pàlido agg. - pallido, smunto, smorto; chi ta zì nato ca ti son palido da fà pagoûra: che ti è successo che sei pallido da far paura; ti son palido cume oûna stràsa: sei pallido come uno straccio; Etim.: dal lat. Pallidus;
palieîo s.m. - la pelliccia con cui una volta si avvolgevano i neonati, e su cui venivano generalmente fotografati nudi; Etim.: dal lat. Pellis;
palièla s.f. - ferro usato dal calafato, per inserire la stoppa;
............
palisièl s.m. 1. piccolo palo, paletto; 2. palo di sostegno della vite;
Palisièl - s.n. rovignese;
palìta s.f. 1. paletta, piccola pala; 2. trafila, piastra di metallo fittamente bucherellata, filiera; 3. paletta metallica usata per raccogliere la brace; 4. parte della granceola situata nella zona ventricolare; 5. paletta, lo strumento usato dai vigili o dalla polizia per segnalazioni; 6. paletta, usata per esprimere il voto in maniera visibile; chi zì dacuordo ca also la palita: chi è daccordo alzi la paletta; Etim.: da pàla;
palizà v.tr. (i palizìo) - palesare, rivelare, dimostrare, rendere manifesto, svelare; i vuoi palizà li su magagne: voglio svelare le sue magagne;
palizà v.tr. (i palizìo) - adoperare la pala per livellare;
palizàse v.rifl. (i ma palizìo) - palesarsi, rivelarsi, dimostrarsi; ti ta son palizà par quil muona ca ti son: ti sei rivelato per lo stupido che sei;
pàlma s.f. - palmo della mano; ma feîo i lu tien doûti in palma da man: mio figlio tutti lo tengono in palma di mano;
pàlma s.f. - palma, ramoscello d'ulivo che viene benedetto una settimana prima della Pasqua; par li Palme da sigoûro zaruò a piovi: per la Domenica delle Palme, certamente andrà a finire che pioverà;
Palma - nel censimento del 1° ottobre '45 era presente una famiglia;
palmènto s.m. - pavimento; i stiva int'oûna balivierna, tra palmènti ruti, scale zbuzade, balconi sensa viri e tieto ca pisuliva: abitavano in una catapecchia, tra pavimenti rotti, scale bucate, finestre senza vetri e tetto che sgocciolava. Modo di dire: magnà a quatro palmenti: mangiare a più non posso, cioè come nell'identica espressione idiomatica italiana; Etim.: dal lat. Pavimentum, attraverso un supposto Paumentum;
Palmieri - nel censimento del 1° ottobre '45 era presente una famiglia;
pàlmo s.m. - palmo, la distanza intercorrente tra il pollice ed il mignolo di una mano distesa; arilo ca ti l'iè a oûn palmo dal naz: guarda che ti sta ad un palmo del tuo naso; el cameîna a oûn palmo da tiera: cammina ad un palmo da terra, è contentissimo;
palmòn s.m. - polmone; la cunpra el palmòn par i gati e quil puovaro viecio lu tien a stìco: compra il polmone per i gatti e quel povero vecchio lo tiene a stecchetto; Etim.: dal lat. Pulmonem;
paloû s.f. - palude, acquitrinio; i zì zeîdi a casà in paloû: sono andati a cacciare nella palude;
Paloû top. - località paludosa dopo Vìstro, esistono anche i toponimi Piàn da Paloû, Scùjo da Paloû, ecc. Al tempo di Venezia ogni anno durante le feste di Natale vi si svolgeva attività venatorie riservate al Podestà veneto, a tal fine il Comune stanziava 20 ducati;
paloû (fà el) locuz. - corteggiare, far la corte, fare il cascamorto; ti ta son inacuorto ch'el fà el paloû a tu sor?: ti sei accorto che corteggia, fa il cascamorto con, tua sorella?;
Paloû (el) top. - vasta palude di acqua mista avente una profondità media di 2 metri. Nelle cui acque vivono oltre alle anguille anche dei cefali, dato che per via sotterranea vi sono infiltrazioni d'acqua marina, vicino alla valle di San Puòlo;
Paloû da Pulari top. - è la palude di Polari, conosciuta anche col nome di Paloû, essendo la palude per antonomasia;
Paloû da Saline top. - letteralmente palude delle saline, ampia zona paludosa ed infossata, intersecata da vari canali in cui trovano rifugio i muggini;
..........
pàlpiri s.f.pl. - palpebre; và duormi ca ti iè li palpiri piculade: vai a dormire che hai le palpebre calate, cioè caschi dal sonno; Etim.: dal lat. Palpetra, variante di Palpebra, dal verbo Palpere = battere delle ciglia;
palpità v.tr. (i pàlpito) - palpitare, fremere per qualcosa o per qualcuno; el palpita par quila murieda: freme per quella ragazza; cu sento l'eîno nasiunal ma palpita el cor: quando sento l'inno nazionale mi palpita il cuore;
palpitasiòn s.f. 1. palpitazione, battito cardiaco accelerato; i iè li palpitasioni: ho il cuore che batte forte; 2. moto di commozione, forte afflato d'amore; par quila fimana iè li palpitasioni: per quella donna provo un forte trasporto amoroso;
pàlpito s.m. 1. palpito, battito cardioco; uogni pier da palpiti el cor ma fà i sabusi: ogni paio di battiti cardiaci il cuore mi fa una capriola; 2. fremito di commozione; ca palpiti, ca comusion: che fremiti, che commozione;
palpugnà v.tr. (i palpugnìo) - tocchicciare, palpare, palpeggiare;
palpùz agg. - gradevole al tatto, al tocco, piacevole da palpare, palpabile; ca biele ganase palpuze ca uò stu peîcio: che belle guance paffute, che è un piacere palpare, che ha questo bambino;
paltà v.tr. (i pàlto) - appaltare;
paltàn s.m. - pantano, fango, guazza, melma, poltiglia; i ma son truvà in miezo al paltan sensa binzeîna: mi sono trovato in mezzo al fango senza benzina; Etim.: dal lat. Pantanum, da Pantanus, antico nome del lago di Lesina una volta assai fangoso, forse da una antica radice mediterranea *palta;
Paltàn - s.n. della famiglia Sponza;
Paltanièl - s.n. della famiglia Sponza;
paltanùz agg. - fangoso, pantanoso, melmoso;
paltò s.m. - cappotto; Etim.: vedi paltuò;
paltuò s.m. - cappotto; Etim.: dal fr. Paletot, stesso significato dell'inglese Paltok = giubba;
palù (fà el) locuz. - vedi fà el paloû; cu el palù a faghe i iè scuminsià: quando ho incominciato a farle la corte;
paludùz agg. - paludoso;
palunbàro s.m. - palombaro; par l'inpriza de l'ingignir Maluzà, a gira vignoû oûn palunbaro da Puola, par veîa ca curiva meti oûna tubasion sul fondo del mar, là del mulìto de l'Aquario, par ciù aqua nita a largo par i pisi de l'Aquario: per la ditta dell'ing. Malusà, era venuto un palombaro da Pola, dato che serviva porre sul fondo del mare, là del moletto dell'Acquario, per prendere acqua pulita al largo per le vasche dei pesci dell'Acquario;
Palunbàro - s.n. della fam. Zaratin;
paluòso s.m. 1. anguzièl dal peso di oltre mezzo chilo; 2. il tipico guizzo il salto dell'anguzièl; Etim.: dall'it. Paloscio;
palùria s.f. - peluria;
palùz agg. - peloso; cheî naso paluz, o mato o venturuz: chi nasce peloso o matto o fortunato, prov.; duona paluza, senpro virtùza: donna pelosa, sempre virtuosa, prov.;
Palùz - s.n. delle famiglie Rismondo, Budicin e Percovich, vedi anche il curto de i Paluzi, dalla famiglia Rismondo;
paluzìso s.m. 1. pelosità, peluria; 2. curiosità, aiuto interessato;
palutulièr s.m. - pallottoliere;
pan s.m. 1. pane; - "Furlan, magnemo el tu pan". - "Magnemolo cun Deîo, preîma el tuovo, duopo el mieîo": - "friulano mangiamo il tuo pane", "Mangiamolo in grazia di Dio, prima il tuo, e dopo il mio", proverbio che che prende di mira la notoria fama di tirchieria che avevano i poveri, in quei tempi, friulani; zuta la nìo criso el pan, zuta el giaso sa cripa da fan: sotto la neve cresce il pane, sotto il ghiaccio si muore di fame, prov.; tiera mora fà bon pan, tiera bianca fà cripà de fan: la terra nera fà crescere del buon pane, la terra bianca fa morir di fame, prov.; sa nu zì soûpa, zì pan bagnà: se non è zuppa, è pan bagnato, prov.; sa nu zì pan buì, zì soûpa in brù: se non è pan bollito, sono pezzi di pane in brodo, e cioè più o meno la stessa cosa, prov.; el pan da i muona sa magna preîma: il pane degli sciocchi si mangia prima, prov.; pan e bona voia, ma in caza pruopia: pane e buona voglia, ma in casa propria, prov.; magari pan e savula, ma in caza pruopia: magari pane e cipolla ma a casa propria, prov.; pan e savula e cor cuntento e oûn biel vizeîn a rente del mieîo cuseîn: pane e cipolla e cuor contento ed un bel visino a fianco del mio cuscino, prov.; el pan de li sierve uò siete gruoste: il pane delle serve ha sette croste, prov.; magnà pan e lengua: mangiare pane e lingua, prov.; a nu zì pioûn quil bon pan ch'i fiva oûna vuolta: non c'è più quel buon pane che facevano una volta. Modi di dire: biègna ièsi al pan de li pruve: bisogna trovarsi al pane delle prove, cioè per poter giudicare bisogna trovarsi in certe situazioni; dà da intèndi pioûn pan ca furmàio: far credere una cosa per l'altra, ingannare, infinocchiare; bon cùmo el pan (ca sa màgna): è un pezzo di pane, cioè una brava persona; el zì oûn tuòco da pan: è un pezzo di pane, è una pasta di uomo, una persona buonissima; nu sà nà da meî nà da teî, cum'el pan dasavì: non sa nè di te nè di me, come il pane sciapo, detto di persona senza spirito, senza verve, insipida; magnà pan da bàndo: fare il parassita, scroccare, mangiare a ufo, vivere sulle spalle degli altri; el pan zì lìvo: il pane è lievito, cioè la situazione è ormai matura. Tipi di pane: pan biànco: pane fatto con farina bianca, pane
condito, pane raffinato; - El pan bianco fà paduci: il pane bianco fa pidocchi, ovvero rende poveri, visto che allora era solo per i ricchi, prov.; pan biscùto o brustulà: pane biscottato, pane tostato; el pan biscuto, ga tuca a cheî nu lu pol magna: il pan biscottato tocca a chi non lo può mangiare, prov.; pan broûn: a. pane integrale; b. pane di segala, pane nero; pan da feîgo: pane farcito con l'aggiunta di fichi secchi; pan da pulènta: pane preparato in parte con la farina di mais; pan da sìmula: pane preparato con una certa percentuale di semola; pan zàlo: pane fatto in parte con farina di mais; pan sìco: pane secco; pan frìsco: pane fresco, appena sfornato; pan dasavì: pane sciapo, senza sale; pan ièmo: pane andato a male; 2. fiore in boccio del cavolo; Etim.: dal lat. Panis, da la stessa radice di Pascere;
Pan - s.n. della famiglia Sponza;
Pan biànco - s.n. della famiglia Longo;
Pan broûn - s.n. della famiglia Brunetti;
pan da càso epit.off. - stupidone, cretino, cazzaro;
pan da Spàgna s.m. - pan di spagna, elemento base per la preparazione di molti dolci;
Pan frìsco - s.n. delle famiglie Massarotto e Millich;
pàna s.f. 1. pannocchia, la pianta e l'infiorescenza che produce i tipici chicchi gialli, mangiabili nei modi più svariati e da cui si ottiene la polenta; quando li pane muostra el moûzo, ugni sira feîla oûn foûzo: quando le pannocchie mostrano il muso, cioè quando i chicchi spuntano dalle foglie che li riciprivano, ogni sera fila un fuso, prov.; a ma piaz mondo li pane, o ruoste o lise ca seîo: mi piacciono assai le pannocchie sia arrostite che lesse; giuramenti, prumise, baziti, finchè la pana fà paniti, e quando el zì sasio da furmanton, ciapa la pana e zgnacala in canton: giuramenti, promesse e bacetti, finchè dura l'amore e quando si è stufato, ti butta via in un cantone. A seconda della preparazione abbiamo: pàna lìsa: pannocchia lessa; pàna ruòsta: pannocchia arrostita. Le pannocchie, soprattutto lessate in grandi calderoni con un pò di sale sparso sopra appena cotte e fumanti, erano un tipico cibo povero dei rovignesi che veniva venduto per le strade come a Roma le caldarroste, vedi anche la poesia di Giusto Curto "Pane calde" e di Francesco Tromba "Pane lisse":

gdea
Pane Calde
Sà Cateîna cula mastiela dali zmoîe 
cuvarziva el tuoco da pugnava li pane calde 
i granai da sal briliva sula zaloûra 
pariva peîci giamanti incastradi sul'uoro. 

"Pane calde" la sighiva par li cuntrade. 
"Furmantoûn da creîsto" coûn boûz raguza. 
Gira oûna virità da sudure indureîde 
da oûn puovaro creîsto ancura sui ciuodi. 

Quil suoldo stramanà dala veîta 
lu palpiva coûn quile man da pasiensa 
cume caminiva quila meîngula da gioda 
fra quile buze tanto dastudade. 

Quil seîgo ancura lu sento 
in quile cuntrade ca nûn pierdo l'ieco 
zì oûn profoûmo ca riesta sula meînto 
da quila zento da pane calde.

Pane lisse

Sa uziva a vendi par li piasse 
el frumanton nuvielo, 
cuvierto da bianche canavasse 
nel caldo dela sicia o del mastielo. 

Li prufumade pane lisse 
ancura calde da stagnada, 
li viva savur e balisse 
e li custiva oûna munada. 

Quii garnati ti mursighivi 
dal sal feîn insapureîdi, 
senplici savuri ca ti veîvi 
e adiesso zì spareîdi.


Pannocchie Calde
Signora Caterina con la mastella del bucato 
copriva con un pezzo di panno le pannocchie calde 
i granelli di sale brillavano su quella massa gialla 
sembravano piccoli diamanti incastrati sull'oro. 

"Pane calde" strillava per le contrade. 
"Furmantoûn da creîsto" cun una voce rauca. 
Era una verità fatta di sudore indurito 
da un povero cristo ancora sui chiodi. 

Quel soldo strapazzato dalla vita 
lo palpava con quelle mani pazienti 
come scendeva quella briciola di giuda 
fra quelle voci così spente. 

Quel grido ancora lo sento 
in quelle contrade che non perdono l'eco 
è un profumo che rimane nella mente 
di quella gente da pannocchie calde.

Pannocchie lesse

Si usava venderlo per le piazze 
il mais novello, 
ricoperto da un bianco canovaccio 
nel caldo del secchio o del mastello. 

Le profumate pannocchie lesse 
ancora calde di pentolone, 
avevano sapore e bellezza 
e costavano una sciocchezza. 

Mordevi quei granelli 
insaporiti  da sale fino, 
senplici sapori che una volta avevi 
ed ora son spariti.

GdeA
2. sempliciotto, stupidone, pupazzo, persona che non conta nulla; Eta: "Ben chi vì da deî! i vularisi dà da intendi ca ma mareîn zì oûna pana!". Lurensa: "Meî i nu deîgo gninte, deîgo nama ch'el sa ciama Nane!": Elisabetta: "Beh, che avete da dire! vorreste far credere che mio marito è un pupazzo!" Lorenza: "io non dico nulla, dico soltanto che si chiama Nane!"; Etim.: dal lat. Panus = spiga (del miglio), dim. Panucula, da cui l'it. pannocchia;
pàna s.f. - panna; a nu zì pioûn el lato da oûna vuolta, ch'el fiva dù didi da pana!: non c'è più il latte di una volta che faceva due dita di panna; sa ti vol pruopio giudàme, parpara la pana muntada: se vuoi proprio aiutarmi prepara la panna montata; Etim.: da pàno, ricoperto di un velo, di un panno;
pàna s.f. - guasto, panne;
panà v.tr. (i pàno) - impanare; ma mare la pana la carno ca zì oûn piazir magnàla: mia madre fà la carne impanata, che è un vero piacere mangiarla;
panà v.intr. (i pàno) - appannare; el fià pana i viri: il respiro appanna i vetri; vierzi el balcon ca sa nuò sa pana i viri: apri la finestra che altrimenti i vetri si appannano;
panà v.intr. (i pèno) - penare; el paniva dreîo da quila murieda, ca gnanca sa curziva da loû: penava dietro quella ragazza, che neanche si accorgeva di lui; maridàte par amur, ca panà nu manca mai: sposati per amore, che penare non manca mai, prov.; Etim.: dal lat. Poena da cui Poenare;
panà agg. (f. -ada) 1. appannato; 2. impanato; ti iè magnà doûte e du li fiteîne panade?: hai mangiato tutte e due le fettine di carne impanata?; Etim.: da pàno, nel senso originario di ricoperto con un panno;
panàcio s.m. 1. pennacchio; 2. fiore stamifero del granturco, che per la sua conformazione ricorda per l'appunto un pennacchio;
panàda s.f. - minestra fatta con del pane raffermo bollito in acqua con olio e formaggio grattugiato, data soprattutto ai bambini piccoli ed ai vecchi; mizieria, vostu panada?: Miseria, vuoi la pappetta? frase proverbiale che si diceva ai pigri; ti dievi ancura magnà pariecia panada, preîma da cunpeti cun meî: devi mangiare ancora parecchia pappa prima di poter competere con me. Modi di dire: quila panàda ca nu ta uò sufagà: quella minestrina che non ti ha soffocato da piccolo; quila panàda: abbreviazione della imprecazione precedente;
Panàda - s.n. della famiglia Benussi;
panadièla s.f. - pappa, pappetta per vecchi e bambini. Diminuitivo di panàda;
panàdiga s.f. - panatico;
...........
panareîso s.m. 1. infiammazione purulenta all'apice delle dita della mano; 2. infezione provocata dalla puntura della scarpèna, ovvero
del brutto ma gustoso scorfano; Etim.: dal lat. Panaricium, e questi dal gr. Paronychia (giradito), composto da Parà = presso, ed Onyx =
unghia;
panàro s.m. 1. paniere; puorta in tuola el panaro: porta in tavola il paniere; 2. canestro per trasportare o contenere i pesci; i vemo fato tri panari da piso bon: abbiamo pescato pesce prelibato da riempire tre canestri; 3. (fig.) fondo schiena, sedere, culo; ara cume ca la scasa el panaro: guarda come dondola il fondo schiena; ti siè ca ti iè oûn biel panaro: lo sai che hai veramente un bel mandolino; Etim.: dal lat. Panarium;
panàro pardeîco escl. - esclamazione di meraviglia e stupore, si riallaccia al 3° significato del termine panàro;
panàtica s.f. - è la somma che l'armatore corrisponde all'equipaggio per le spese di vitto;
...............
pàndalo s.m. - gioco simile alla lippa, a Roma chiamato nizza. Tra i ragazzini del Villaggio Giuliano di Roma era conosciuto col nome di pindul-pandul. Il gioco, che vagamente assomiglia al base-ball, consiste nel colpire, con una mazza, detta màmo, lunga più o meno come l'avambraccio, un pezzo di legno con l'estremità appuntite, lungo circa 10 cm, e mandarlo il più lontano possibile. La distanza tra la casa base da cui si lanciava ed il posto in cui si riusciva a spedire il pàndalo veniva misurata pazientemente con la mazza. Tutto questo sempre che il battitore non venga eliminato dal lanciatore che ha il compito di far arrivare dentro la casa base la sagola o da suoi compagni se riuscivano a prendere al volo la sagola una volta colpita dal battitore. Naturalmente vinceva chi otteneva per primo il punteggio stabilito all'inizio. Il gioco però era complicato da altre regole e regolette, tra cui la principale era quella che se alzando da terra la sagola, la si riusciva poi a colpire al volo prima di lanciarla lontano, il punteggio veniva raddoppiato, triplicato ecc. a seconda di quante volte si riusciva a colpire in volo la sagola, prima del lancio definitivo. Mazza e sagola, ovvero màmo e pàndalo, o pìndul e pàndul erano generalmente ottenuti dal manico di una scopa; Etim.: da un dolce di pasta dolce a forma di bastone, detto in venez. Pandolo, ed anche il nostro gioco anche se il Ninni dice: secondo il Boerio è questo il nome di un notissimo gioco puerile: ma io l'intesi nominare sempre "Massapandolo" non "Pandolo", cioè la "massa" che è la mazza, ed il "pandolo' che è un pezzo di legno fusiforme e che entrambi son necessari per giocare;
pandàn (fà) loc. - far riscontro, far pendant, fare il paio; quista fà pandan cun la munada da gieri: questa fa il paio con la stupidata di ieri;
pandàn (in) loc. - abbinato, che lega bene; ti staghi nama ca biel, sulo el capiel nu zì in pandan cul riesto: stai proprio bene, soltanto il capello non si adatta col resto;
pandènsa s.f. - pendenza, situazione ancora in piedi, debito, ecc; - I nu iè pioûn pandense cun loû ura i siemo pari e pata: non ho più pendenze con lui, ora siamo pari;
pàndolo s.m. 1. vedi pàndalo; 2. vedi panduòlo; 3. lanciasagole, usato in marineria;
Pànduli - s.n. della famiglia Vidotto;
pàndulo s.m. - vedi pàndalo;
panduòlo agg. - scimunito, persona che si fa comandare come un burattino, rimbambito; ara ca mi i nu son oûn pandalo: guarda che io non mi lascio comandare a bacchetta; Etim.: vedi pàndalo;
pangratà s.m. - pane grattuggiato, pan grattato, usato in cucina soprattutto per impanare; nu butà veîa el pan viecio, i iè da fà el pangratà: non gettar via il pane raffermo, voglio fare un pò di pane grattugiato; beîzi, reîzi, fragule, pulenta e pangratà: risi, piselli, fragole, polenta e pane grattugiato, tipica risposta a chi chiedeva con petulanza cosa ci fosse da mangiare; ga vol preîma onzi cul zalo de l'oûvo e puoi tucià intul pangratà: bisogna prima ungere col giallo d'uovo e poi ficcarlo nel pan grattato;
.............
panìti s.m.pl.inv. - complesso gioco infantile rovignese che prevede una fila di giocatori accucciati che si tengono stretti uno all'altro come in un trenino, alla cui testa vi è un capofila che stando in piedi apre un dialogo con altri due giocatori che, stando in piedi e tenendo le mani a formare un arco, impersonano S. Pietro e S. Paolo a guardia delle porte del paradiso.  Il Dialogo è il seguente: 
 
Capofila: 
Santi     :
Capofila:
Santi     : 
 "Vierzi li puorte" 
 "Li puorte zì rute" 
 "File cunsà" 
 "Tanti anzuli puosa pasà"
 "Apri le porte" 
 "Le porte sono rotte" 
 "Fatele riparare" 
 "Tanti angeli possano passare"

La fila incomincia accucciata a passare tra i due che, battendo loro sulla schiena gridano: "Paniti, paniti, paniti". L'ultimo della fila verrà però inevitabilmente catturato dai santi che presolo gli chiederanno: "O da san Piro o da san Puolo?", per cui a secondo della scelta lo faranno schierare a fianco del giocatore che impersona uno dei due santi. Alla fine del gioco si saranno formate così due schiere di giocatori contrapposti che, una volta catturato anche l'ultimo dei supplicanti che è sempre il loro capofila, insceneranno tra loro un tafferuglio con cui il gioco stesso si conclude. Vi è da dire che quelli che scelgono san Pietro sono quelli del lato del paradiso, mentre quelli di san Paolo formano la schiera dell'inferno.
panìto s.m. 1. piccola forma di pane; nu ma curo mondo par iesi falìz: oûn panìto e oûn fiasco da veîn: non mi serve molto per essere felice: un pezzo di pane ed un fiasco di vino; 2. pezzo di pasta lievitata, in attesa di essere lavorata; ara ca i paniti biegna chi stago oûn par da ure a rapuzà preîma da pudili lavurà: fai attenzione che la pasta lievitata deve riposare almeno un paio d'ore a riposare prima di poterla lavorare; 3. chicco di mais, granello di granturco della qualita usata per preparare i gustosi pop-corn; cu la farsura zì scutenta i paniti zbara sui: quando la padella è bollente, i chicchi di mais scoppiano da soli, prov.; 4. (fig) affare, incombenza, impiego, lavoro; tendi el panìto, e nu staghe dà bado a quila figoûra scruva: pensa ai tuoi affare e non curarti di quella poco di buono;
panizièl s.m. (pl. -ai) - torello, parte dello scafo in legno d'una imbarcacazione, ed esattamente il fasciame contiguo alla chiglia;
panizièl s.m. (pl. -ai) - pannolino dei neonati, che una volta, in mancanza dei nuovi ritrovati era di panno;
pàno s.m. - panno, stoffa genericamente di feltro; Etim.: dal lat. Pannus, gr. Panos, tessuto, tela;
pàno lènci loc. - panno Lenci, delle omonime bambole; oûn banbuluoto da pano lenci: un bambolotto di panno Lenci, di pezza;
panòn s.m. - pennone; la bangièra la zventulìa soû 'l panon pioûn alto: la bandiera sventola sul pennone più alto;
panoûso s.m. - pannolino per neonati; quanti panoûsi t'iè lavà!: quanti pannolino ti ho lavato;
panpaloûgo s.m. 1. omo nero nell'omonimo gioco di carte, che poi sarebbe il fante di spade. il gioco consiste, dopo aver tolto dal mazzo gli altri tre fanti, nell'eliminare tutte le coppie uguali, pescando dalle carte del vicino, sino a che non rimane in mano il fante di spade ad un giocatore, che verrà motteggiato dagli altri giocatori al grido di: panpaloûgo, panpaloûgo. Il perdente inoltre deve pagar pegno. E' uno dei tipici giochi dei ragazzi; 2. stupidone, persona senza verve, insipida; i nu iè dascurso cun quil panpaloûgo: non ho argomenti di conversazione con quel tipo insulso; Etim.: dal gr. Pompholyx, bolla d'acqua, in senso figurato, da cui l'it. fanfaluca;
.........
pànsa s.f. - pancia; Giuvana, Giuvaneîna, da la pansa mulizeîna: Giovanna, Giovannina, dalla pancia mollicina; el zì "Sasia uoci e cripa pansa": è un tipo "sazia gli occhi e crepi la pancia", cioè uno che guarda più alle apparenze, alle belle cose, che alla sostanza; ara ca pansa ca ti iè! guarda che pancia che hai!; a nu zì pansa a zì stumago: non è pancia è stomaco. Modo di dire: salvàse la pànsa par i feîghi: salvarsi la pancia per i fichi, cioè riservarsi l'appetito per le cose più buone, come i dolci, che arrivano a fine pasto; mèti soûn, fà pànsa: ingrassare, metter sù qualche chilo di troppo; pànsa coûn pànsa: è un tipico modo per definire l'atto sessuale; pànsa da vièrmi:   pancia verminosa, epiteto offensivo. Dalla conformazione della pancia delle donne incinte, la saggezza popolare era in grado, o è meglio dire, riteneva di essere in grado di prevedere il sesso del nascituro: pànsa inpontìa, nàso oûna bièla feîa: pancia a punta nasce una bella bambina; pànsa tunduleîna nàso oûn biel banbeîn: pancia tonda, nasce un bel bimbo, è interessante notare che a Carpi vi era la stessa identica credenza. Parlando delle partorienti, vi era anche il seguente detto: l'uò la pànsa feînta i uòci: ha la pancia sino a gli occhi, cioè la pancia è al colmo, e quindi è prossima al parto; Etim.: dal lat. Pantex;
pànsa da cameîn s.f. - muro del camino;
pansà v.tr. (i pènso) 1. pensare; a ga vol pansà du vuolte preîma da favalà: bisogna pensarci due volte prima di parlare; a pansà a la muorto, nu sa piriravo mai: a pensare alla morte, non si morirebbe mai, prov.; preîma da deî, e da fà pensa ben a quil ca pol vigneî: prima di dire, o di fare (qualsiasi cosa) pensa bene alle conseguenze, prov.; cheî nu pensa preîma, in oûltamo pateîso: chi non pensa prima, all'ultimo soffre, prov.; biegna pansà preîma par nu inpinteîse puoi: bisogna pensarci prima per non doversi pentire dopo, prov.; chi ti pensi?, cheî vinsaruò li elisioni?: che pensi?, chi vincerà le elezioni?; 2. inventare, architettare, immaginare; ara oûna la na pensa, sento la na fà: beh, una se ne inventa, cento ne fa, prov.;  cheî li fa, li pensa: chi le fa, le immagina, prov.; Etim.: dal lat. Pensare = pesare con cura, esaminare;
...........
pansèr s.m. 1. pensiero, opinione, parere; doût'oûn panser: di un uguale pensiero, dello stesso pensiero, della stessa opinione; la zì zuta panser: è preoccupata, pensierosa;. 2. idea, idea regalo; ca biel panser ch'el uò boû: che bella idea che ha avuto; 3. preoccupazione, ansia, rovello; ma racumando cu i signide rivadi, finde oûn culpo da taliefano, nu fì stà in panser quila puovara fimana da vustra mare: mi raccomando quando siete arrivati, fateci una telefonata, non fate star in pensiero quella povera donna di vostra madre; sento panseri nu paga oûn diebito: cento preoccupazioni non risarciscono un debito, prov.; cheî uò buori, uò panseri: chi ha soldi, ha preoccupazioni, prov.;
............
pansuleîn s.m. e agg. - panciottino, grassottello, tendente alla pinguedine, ad avere un pò di pancia; cuseî basa e pansuleîna chi ti vol ca sa la ciugo?: così bassa e grassottella chi vuoi che se la prenda?;
pantagàna s.f. 1. ratto, topo di fogna; a gira sierte pantagane ca anco i gati viva pagoûra nama vidale: vi erano certi topi di fogna che anche i gatti s'impaurivano soltanto nel vederle; 2. il gonfiore dei muscoli tesi dallo sforzo o per esibizione; ara, tuoca fiero, stà vidi ca pantagane! toh, tocca ferro, guarda che muscoli!; 3. (fig) bruttona, megera, rospo; i nu vuoi balà cun quila pantagana: non voglio ballare con quel rospo, con quella bruttona; Etim.: dal lat. (Mus) Ponticus o (Mus) Ponticano, cioè topo del Ponto, che per i romani era però più propriamente l'ermellino. Oppure dal greco Pontikos, di mare, dato che i primi topi di fogna furono importati con le navi. E' inoltre interessante notare che con la seconda eccezione si torna al significato originario della parola muscolo, costruita sul lat. Mus, topo, perchè sono guizzanti come tale animale;
pantagàna s.f. - oliatore a becco lungo;
pantalèna s.f. - patella. Tipico mollusco ad una unica valva, che si attacca saldamente alle rocce, non però da evitare che con il coltellino ne venga sradicato per poi essere mangiato. Con tale nom si intende soprattutto la Patella vulgata, ma anche consimili molluschi (Chiton ruber, Chiton asellus, Chiton marginatus, Acmaea virginea, Acmaea testudinalis, Ermaginula fissura, Helciun pellucidum);
Pantalòn n.pr.m. - il sior Pantalone dei Bisognosi, tipico personaggio della commedia dell'arte italiana, che identificava il buon borghese veneziano, burbero e bonario. In seguito passò ad identificare una persona goffa, facile ad essere raggirata, vecchio sciocco; tanto paga pantalon: tanto paga il più sciocco, o quello che non può farne a meno, come i lavoratori diretti quando vengono tassati dallo stato;
pantanièl s.m. - barrotto, parte dello scafo;
.........
pànula s.f. - traina, tipo di lenza per la pesca a traino;
panulà v.intr. (i panulìo) - pescare con la pànula;
panuleîn s.m. 1. pannolino, assorbente igenico usato dalle donne durante le mestruazioni; 2. assorbente igenico, pannolino per i neonati; oûna vuolta a nu gira i panuleîni d'ancui, li mare nu fiva altro ca lavà i sureîzi da leîn: una volta non c'erano i pannolini che ci sono al giorno d'oggi, le mamme dovevano lavare quelli di lino, chiamati sorrisi;
panuòcia s.f. - pannocchia, anche se pana è più usuale;
panuòcia s.f. - fenomeno astronomico causato dalla rifrazione della luce su minuscole particelle d'acqua che genera dei piccoli arcobaleni;
panuràma s.f. 1. panorama, belvedere; da Monto a sa guodo oûn biel panurama: dall'alto della città vecchia di Rovigno si gode un magnifico panorama; 2. (fig) così viene detta la vista delle parti femminili, altrimenti ben celate dalle gonne, per un colpo di vento o per altro accidente; la zì caiuda e ga sa uò veîsto doûto el panurama: è caduta e la gonna si è alzata tanto da fare vedere ogni cosa;
panuramìco agg. - panoramico;
panùso s.m. - pannolino dei neonati, vedi panoûso; i lu cugnuso da cu el viva i panusi: lo conosco da quando era in fasce;
.........
pàpa s.m. - il Papa, vescovo di Roma, e capo della Santa Romana Chiesa; muorto oûn papa, sa na fà oûn'altro: morto un papa se fà un'altro, prov.; la vuliva zeî a Ruma par vidi el papa: voleva andare per vedere il papa;
pàpa s.f. - pappa, cibo ridotto in pappa, per chi non ha denti... e cioè per vecchi e neonati; el peîcio uò fan daghe la papa, cuseî el staruò bon: il bambino ha fame dagli la pappa, che così starà un pò buono. Modi di dire: dà la pàpa in bùca: dar l'imbeccata, oppure aiutare, qualcuno in tutto per tutto, senza bisogno che questi si sforzi di fare alcunchè; vì la pàpa fàta: avere tutto già fatto; fà li pàpe: il magiare dei neonati;  soûn fà li pape ca ti davantariè grande e gruoso cume papaci: sù mangia che diventerai grande e grosso come tuo paparino. Riporto qui una piccola filastrocca per indurre il bambino a mangiare la pappa: 
 

Alta, burata, 
i speîni par la gata, 
i uosi par i cani, 
la pulenta par i furlani, 
el mìo par i uzei 
e la papa par i putei.

Alta, buratta, 
gli spini per la gatta, 
gli ossi per i cani, 
la polenta per i friulani, 
il miglio per gli uccellini 
e la pappa per i bambini.

Etim.: voce infantile, usata già dai romani;
Pàpa - s.n. della famiglia Ferrara;
papà s.m. - papà, termine familiare per padre. Anche se poco usato dai rovignesi, che gli preferiscono pàre o la sua abbreviazione oppure il vezzeggiativo papàci;
papà v.tr. (i pàpo) - pappare; a ga vol papà e tazi: bisogna pappare e star zitti, cioè bisogna prenderla come viene e non lamentarsi, prov.; - in du e duquatro i sa uò papà doûta la ridità e dieso i zì pioûn puovari da preîma: in poco tempo hanno sperperato tutta l'eredità e adesso sono più poveri di prima;
papàci s.m. - voce affettuosa usata nel linguaggio per i bambini e fa il paio con mamàci; soûn stà bon, ca rivaruò papaci e 'l ta purtaruò i bonboni: sù stai buono che arriverà papino e ti porterà le caramelle;
papàda s.f. - pappata, mangiata; ca papada ch'iè dà!: che mangiata che ho fatto!;
papafeîgo s.m. 1. pappafico, vela dell'albero di gabbia; 2. rigogolo, o beccafico, Oriolus gabula; Etim.: a fronte dell'italiano beccare il rovignese ha papà = pappare + fico = feîgo;
papagàl s.m. - pappagallo, calco dall'italiano o meglio dal triestino, il rovignese ha parpagà; nu stà raspondi ripitir cumo el papagal: non rispondere le stesse cose come un pappagallo;
papagàl (a) locuz. - imparare a memoria, ripetere esattamente parola per parola, ciò che si è appreso, il più delle volte senza neanche capirne il senso; la uò inparà doûta la papardiela a papagal, ma la maiestra s'uò inacuorta ca nu la capiva gneînte da quil ca la diziva: ha imparato tutta la pappardella a memoria, ma la maestra si è accorta che non capiva nulla di quel che stava dicendo;
papàgna s.f. - schiaffone; sa nun ti s'inpari a parlà biel i ta dariè oûna papagna ca nu ti la scurdariè par oûn biel può: se non imparerai a parlare bene, ti mollerò uno schiaffone che te lo ricorderai per un bel pò;
...............
papamòsche epit.off. - letteralmente mangiamosche;
Papamòsche - s.n. delle famiglie Cattonar e Jelusic;
papamuòli s.m. - vaso di terra cotta munito due manici e dal collo lungo e stretto;
papardièla s.f. 1. pappardella, tipo di pasta, famose quelle di lepre; 2. pappardella, sfilza, elenco lungo di cose; fà doûto oûna papardiela: fare un miscuglio; 3. elenco di nozioni imparate meccanicamente;
paparièla s.f. - papparella; ti siè ca nu ma piaz la pasta papariela, pioûn ca ta inpridago e pioûn tinara ti la fà: lo sai che non mi piace la pasta papparella, più te lo dico e più la fai tenera;
papatàzi s.m. 1. pappatacio, Phlebotumus papatasi, insetto somigliante ad una piccola zanzara, piccolo dittero assai fastidioso per il fatto che si nutre del sangue umano, provocando delle grosse bolle gonfie e dolorose; 2. (fig) persona fastidiosa, scocciatore; nu ma và da vidi quil papatazi, dighe ca nu son in caza: non mi va di vedere quel rompiscatole, digli che non sono in casa; 3. (fig) persona che fa le cose di nascosto, ipocrita. Dato che il volo di questo insetto, così come dice il nome, è assai silenzioso; Etim.: da papà e tazi, ovvero mangia e tace, per il suo volo assai silenzioso, senza il tipico ronzio prodotto dalla zanzara;
Papatàzi - s.n. della famiglia Percovich;
pàpavero s.m. - papavero;
pàpe s.f.pl. - pappe, pappine; a zì ura da fà li pape e puoi da cursa a lieto: è ora di dar le pappe e poi subito a nanna;
pàpe (am) loc. 1. vc. di incitamento ad aprire la bocca e mangiare la pappa usato con i bambini piccoli; am pape! ancura oûn e puoi t'iè fineî el piato!: mangia dai, ancora un (cucchiaino) e poi hai finito il piatto!; 2. l'atto dell'inghiottire, di ingoiare in un sol boccone; el burateîn gira in miezo al mar, zì rivà la balena e la uò fato am pape: il burattino si trovava in mezzo al mare, è arrivata la balena che ne ha fatto un sol boccone;
papeîn s.m. - schiaffo, ceffone, sberla;
papeîna s.f. - schiaffo, ceffone, sberla;
papìsa  s.f. - papessa, immaginario contraltare femminile alla figura del papa e quindi donna che si gode la vita tra gli agi o che si da arie da gran dama; arila là, la papisà cume la loûsa: guardala là, la gran dama come sfoggia;
pàpo s.m. 1. pappo o gheriglio, la parte commestibile di noci, nocciole e mandorle; i nu vago spacà la nuziela s'el papo uò el viermo: non mi metto a spaccare la noce se il pappo ha il verme; ara, teî ti spachi li mandule magnando li scuorse e butando veîa i papi: tu sei il tipo che rompe le mandorle mangiando le scorze e gettando via il più buono; 2. la parte carnosa dei semi legnosi (susina, pesca, ecc.); Etim.: evidente la derivazione da papà = pappare, cioè la parte mangiabile;
Pàpo - s.n. della famiglia Galante;
papòn - pappone, mangione;
papoûsa - babbuccia, pantofola, ciabatta; par ma nuona ca la uò 100 ani, ma mare g'uò fato oûn pier da papoûse da lana, cu la siola da pano: per mia nonna che ha 100 anni, mia madre ha fatto un paio di babbucce di lana con la suola di feltro; Etim.: dal pers. Papus, da Pa = piede e Pus = tema verbale di Pusidan, coprire;
Papoûsa lizèra - s.n. della famiglia Vidotto;
papoûsula s.f. - babbuccia, pantofola bassa di stoffa;
Papoûsula - s.n. della famiglia Vidotto;
pàprica s.f. - paprica, il piccante condimento fatto con peperone polverizzato, Capsicum frutescens, tipico della cucina magiara. A Rovigno assai in voga dopo la 1° Guerra Mondiale. Visto che quasi tutta la popolazione era stata deportata durante la guerra in Boemia, Moravia ecc. terre in cui era un condimento pressochè universale; cu i gira pruofughi in Ungaria, i sa uò bituà a meti la paprica dapardoûto: quando erano profughi in Ungheria, si sono abituati a mettere la paprica in ogni cibo; Etim.: dall'ung. Paprika, a sua volta dal lat. Piper, pepe;
papricòn s.m. - peperone, Caspicum annuum. Pianta perenne delle solonacee ramificata con foglie ovali e lucide. Ha dei piccolo fiori bianchi con sfumature verdastre. Il frutto ha forme svariate e diversi colori, gialli, verdi o rossi. E' ricco di vitamina C e P, e la varietà rossa anche di vitamina A. Impiegati in cucina si possono mangiare crudi in insalta, in padella od arrostiti, oppure ripieni di carne. Dal prodotto secco e polverizzato si ricava la pàprica;
papulà v.tr. (i papulìo) 1. mangiare continuamente e con metodica lentezza; ara el viecio, anca sensa denti sa uò papulà doûto: toh, il vecchietto, anche senza denti, pian pianino ha mangiato tutto; ara meî i papulìo la ridità ma ti ta la davuri: beh, io un pò alla volta mi mangio l'eredità ma tu te la divori; 2. sbafare; i sa uò papulà doûti i crafe: si sono sbafati tutti i krapfen;
pàpule s.f.pl. - dicesi di riso, pasta o legumi che per l'eccessiva cottura sono ridotti ad una massa informe, cioè a formare una papparella, una pappa; si ciulemo el bucon da carno biegna fala cruculà feîn ca la và in papule, parchide nui puovari vieci nu i vemo denti par mursagà: se prendiamo un pezzo di carne occorre farla cuocere a lungo finchè non diventa papparella, perchè noi, poveri vecchietti, non abbiamo denti per mordere;
par prep. 1. per; par gila sa pudaravo canpà nama magnando pìsa: per lei si potrebbe campare soltanto mangiando la pizza; t'iè fato furnimento par doûto l'invierno: hai fatto rifornimento per tutto l'inverno; par meî la zì cuseî cume ca ta conto: per me, secondo me, è così come ti dico; 2. per, operando algebrico; du par du fà quatro, tri par tri fà sie...: due per due fa quattro, tre per tre fa sei...; Etim.: dal lat Per;
par intìz loc. - per sentito dire, per voce popolare; par intiz la sa na dà cun parun Zanìto: si dice che habbia una tresca con il capitano Giovanni;
Par oûna vuolta la uò pierso l'unur - letteralmente: per una volta ha perso l'onore, e s.n. della famiglia Zdrinovivc;
par zonta loc. - pergiunta, in sovrappiù; ti siè ca i vemo quil tanto ca na basta par veîvi, e teî par zonta ti spriechi quii puochi suoldi ca ti ciapi par zeî a beîvi in ustareîa e par i spagnuliti: lo sai che abbiamo quel tanto che ci basta per vivere, e tu pergiunta sprechi i pochi soldi che prendi per andare a bere in osteria e per le sigarette
pàra s.f. - para; ara ca piovo zì meo meti li scarpe cu la siola da para: guarda che sta piovendo, è meglio calzare le scarpe con la suola di para;
parà v.tr. (i pàro) 1. parare, bloccare, fermare; el purtier ga uò parà el rigur: il portiere gli ha parato il calcio di rigore; a ga vol parà li suove tacade: bisogna bloccare le sue maldicenze; 2. scacciare, spingere; la s'uò fato parà veîa: si è fatta scacciare; 3. braccare, cacciare; i gati para i sorzi ma nuò li pantagane: i gatti cacciano i topi ma non quelli grossi di fogna;
parà v.tr. (i pàro) - apparare, allestire, addobbare, ornare; i pàro i banchi cui fiuri par el matrimuonio: orno i banchi con i fiori per il matrimonio; i para la barca par la prusision: addobbano la barca per la processione;
parà s.m. - parà, paracadutista dell'esercito;
parabièla s.f. - mitraglietta, parabellum. Voce usata da Ligio Zanini nella poesia Pupulìto; i sa masa cun parabiele e curtalasi: s'uccidano con mitragliette e coltellacci, cioè sia con le armi moderne che con quelle bianche, basta ammazzarsi;
paràbula s.f. 1. parabola, breve insegnamento morale tratto per lo più dai vangeli; 2. parabola, in geometria sezione di un cono circolare; 3. parabola, linea formante un semicerchio;
..........
paramàr s.m. - battimare, ripare esterno posto davanti agli occhi delle cubie, per evitare l'ingresso dell'acqua;
paramazàl s.m. (pl. -ai) - paramezzale, traversa posta parallela alla chiglia di una imbarcazione, serve per irobustire la struttura del natante. Su di esso s'innalzano gli alberi della nave. Dim.: paramazalìto;
paramuòrta s.f. - opera morta, parte della chiglia;
paramùsche s.m. - paramosche, zanzariera;
parànco s.m. - paranco, macchina composta da due o più bozzelli o carrucole ed una o più pulegge, usata nei moli o nei cantieri per sollevare grossi carichi; par livàla ga vularavo el paranco: per alzarla ci vorrebbe il paranco; Etim.: dal gr. Phalanx, rullo, cilindro attraverso il lat. Palanca con mutazione della 'l' in 'r';
parangàl s.m. (pl. -ai) - palamite, funicella munita di molti ami per la pesca. Le sue varie parti sono: maeîstra, la trave; bràgula, il bracciolo con gli ami; ancurìta, zavorra; signalìto, segnali e i ami, gli ami; cheî uò intrigà el parangal? El moûto: chi ha ingarbugliato il palamite? Il muto, modo di dire prov.; Etim.: stessa etimologia di parànco, oppure dal gr. Panagron, arnese che prende tutto, o secondo il Cortelazzo dal neogr. Polyaggadi;
parangalà v.intr. (i parangalìo) - pescare, lavorare utilizzando il palamite, ovvero il parangàl;
parangòn s.m. - vedi paragòn;
Paransàna - s.n. della famiglia Chiurco;
parantièla s.f. - parentela; ti siè chi parantiela i uò tra luri? - I duvaravo iesi zarmani da sagondo grado: lo sai che parentela c'è tra loro? dovrebbero essere cugini di 2° grado; cheî in parantièla nu foûriga, in paradeîz nu navaga: chi non si dà da fare utilizzando la propria parentela, neanche in paradiso andrà bene, prov.;
paraoûrti s.m. 1. paraurti; 2. (fig) seno prosperoso;
parapànto s.m. - grosso cuneo di legno duro che serve a correggere il movimento direzionale della slitta sullo scalo;
parapapàn s.m. - nome di erba non meglio identificata;
parapièto s.m. - parapetto;
parascheînchi s.m.pl. - parastinchi;
parasàrce s.m. - para sartie;
parascùzule s.f.pl. - fascie di rinforzo, o madiere. Del fasciame interno dello scafo di una imbarcazione;
paràse v.intr.pr. (i ma pàro) 1. appararsi, pararsi; i ma paro a festa: mi paro a festa; 2. pararsi, salvaguardarsi; el sa uò parà el coûl: si è premunito;
paraseîta s.m. 1. parassita, animale che vive sfruttando come suo habitat naturale un altro animale, l'uomo, o piante; stu anamal el zì carago da paraseîti: questo animale è infestato dai parassiti; 2. (fig) persona che vive alle spalle di un altro; quil paraseîta nu uò mai lavurà in veîta suova: quel parassita non ha mai lavorato in vita sua;
...........
parbàco escl. - perbacco;
parbeîso escl. - va in malora, all'inferno, va allo sprofondo, ecc.ecc.; Etim.: vc. composta da par = per + beîso = abisso;
parbèn agg.inv. - perbene, dabbene, ammodo, onesto, serie, educato; oûn omo parben nu 'l sa misia cu sierta zento: un uomo dabbene non
si mescola con gerta gente;
parbòn loc.av. - per davvero, sul serio; ti dighi parbon?: lo dici sul serio? non scherzi?;
parbuò escl. - esclamazione di stupore, meraviglia. Molto spesso si raddoppia: parbuò, parbuò ara ca ruobe ca tuoca vidi!: acciderbolina, guarda un pò cosa tocca vedere!;
parbuòsi escl. - vedi parbuò;
parcatuòrio s.m. - purgatorio; altro ca paradeîz! gnanca in parcatuorio ti zariè... ma da rato in ninfierno: altro che paradiso! e neanco in purgatorio... andrai dritto dritto in inferno;
parcheînto s.m. e agg. - parente prossimo, consanguineo, comgiunto;
parchì cong. - perchè, affinchè, poichè; i nu siè nà el parchì nà el par cume: non so nè come nè perchè; i vago a duormi parchì duman i iè da livàme bunura: vado a dormire poichè domani devo alzarmi presto. Modo di dire: "Parchì t'iè fato cuseî? parchì du nu fà tri, oppure parchì furmaio salà fà sì: perchè hai fatto così? perchè due non fa tre, oppure perche il formaggio salato fa sete. Erano le tipiche risposte... per non rispondere alle domande o per motteggiare;
parchìde cong. - perchè; i nu siè parchide el sa cunpuorta cuseî: non so perchè si comporta così;
................
parcueînto s.m. e agg. - vedi parqueînto, di cui è una variante;
parcùrso s.m. - percorso, itinerario, tragitto; i uò zbalgià parcurso e inveîse da zeî vierso Tristi, i zeva par Puola: hanno sbagliato percorso ed invece d'andare verso Triesto, andavano verso Pola; quisto zì el parcurso pioûn biel, nama oûn fià pioûn longo: questo è il tragitto più bello, soltanto un pò più lungo;
pardabòn loc.av. - perdavvero, sul serio; pardabon... i nu l'iè fato apuosta: dico sul serio... non l'ho fatto con intenzione; nu ti fasi pardabon: non fai sul serio;
pardeîco escl. - accidenti, perdinci, perdiana. Si tratta di una bestemmia mimetica; ah da bon! pardico viro! T'iè el curaio da lagàme, e fàme mòri da cripacor: Ah veramente, perdiana, hai il coraggio di abbandonarmi e farmi morire di crepacuore;
pardeîco panàro escl. - esclamazione di stupore, meraviglia;
pardeînci escl. - perdinci;
pardeînci bàco escl. - perdincibacco;
pardeîo escl. - perdio;
Pardeîo baco - s.n. delle famiglie Baxa e Sciolis;
pardiàna escl. - perdiana;
Pardiàna - s.n. della famiglia Cherin, ed esattamente del nònsolo de la chiesetta della Maduòna da li Gràsie;
pardindirindeîna escl. - perdinci;
pardòn s.m. - perdono; dumanda pardon al Signur dei tuovi pacadi: domanda perdono al Signore dei tuoi peccati;
pardòn escl. - scusi, pardon;
pardoûto avv. - dappertutto, ovunque; ula ti vaghi vaghi, pardoûto ti truvi oûn fraco da taliani: dove vai vai, dappertutto trovi un mucchio di italiani; i iè sarcà pardoûto: ho cercato dappertutto, ovunque;
pardunà v.tr. (i pardòno - i pardunìo) - perdonare, scusare; a li biele fimane ga sa pardona da doûto: alle belle donne tutto si perdona; pardunà zì da omi, dazmantagà zì da bies'ce: perdonare è da uomini, dimenticare è da bestie, prov.;
pardunànsa s.f. - perdono, scusa; i va dumando pardunansa s'i viegno a sta ura: vi domando scusa se vengo a quest'ora;
pardurà v.intr. (i pardoûro - i pardurìo) - perdurare, permanere, insistere; sa pardoûra sta situasion a zì tuduora par i sapaduri: se permane questa situazione, per i contadini sono affari seri;
pàre s.m. - padre, papà, babbo; tale pare, tale feîo: tale padre, tale figlio, prov.; el pare magna li suzeîne, i fioi li ga leîga i denti: il padre mangia le susina, ai figli legano i denti, cioè allappano, prov.; i pare fà i pacà e i fioi puorta la pena: i padri fanno i peccati ed i figli ne portano le conseguenze, prov.; mare muorta, pare uorbo: madre morta, padre orbo, prov.; ara a vidi tu feîo, ma par da vidi su pare spudà: a vedere tuo figlio, mi sembra di vedere suo padre in persona, cioè è identico in tutto e pertutto. Modi di dire: pàre da bièco: padre snaturato o troppo poco severo; pàre da fameîa: padre esemplare; Etim.: dal lat. Pater-patris;
Pàre dei malàdi - s.n. della famiglia Benussi;
parè s.m. - parere, opinione;
Pareîgi top. - Parigi;
pareîz s.m. - percorso che copre il vento partendo dalla costa ed andando verso il largo, termine tecnico di pescatore e marinai;
Pareîz - s.n. della famiglia Malusà;
pareîz (a) loc.avv. - nel mezzo, a mezzo; stando al sul, a pareîz da oûn carmon, el sarchiva da intavideîse preîma ca ga ciapo qualco granfo: stando al sole, nel mezzo di un crepaccio, cercava di scaldarsi prima che gli prendesse qualche grampo;
pareîz (a mièzo) loc.avv. - a metà, a mezza via, a mezza altezza;
pareîz (da) loc.avv. - del tutto, completamente; và pian, ch'i ta vuolto da pareîz la madaia... feînt'a puochi ani indreîo, cun quila ustareîa, i va vì fato i cuioni da uoro sensa pagà oûn suoldo da cuntriboûti e sensa cuntà el riesto: va piano, che ti rigiro completamente la medaglia, fino a pochi anni fà, con quella osteria, vi sieti arricchiti senza pagare una lira di contributi e senza tener conto del resto;
............
parènto s.m. - parente, congiunto; i giariendi parenti a la luntana: eravamo parenti alla lontana; parenti... mal da denti: parenti... mal di denti, cioè non tutti i parenti sono buoni, anzi... prov.; priesto i denti, priesto i parenti: presto i denti, presto i parenti, cioè il bambino che mette presto i denti, si sposerà anche presto, prov.; cu zì el tenpo de i feîghi, nu sa cugnuso nà parenti nà ameîghi: quando è il tempo dei fichi, non si conoscono nè parenti nè amici, prov.; a val pioûn oûn ameîgo ca sento parenti: vale di più un amico che cento parenti, prov.; i iè ancura qualco parento a Ruveîgno da parte de mare: ho ancora qualche parente a Rovigno dal lato materno; Etim.: dal lat. Parens-parentis, da Parere, generare;
Parfaneîa s.f. - Epifania, vedi Pifaneîa; la Parfaneîa, doûte li feste la puorta veîa: l'Epifania, tutte le feste porta via, prov.;
................
Pàrico - s.n. della famiglia Rocco;
parièr s.m. - pero, albero delle rosacee;
parigeîn s.m. e agg. 1. parigino, abitante di Parigi o cosa proveniente da tale città; 2. figurino, gagà, elegantone; 3. damerino, bellimbusto;
Parigeîn - s.n. delle famiglie Sbisà e Rocco;
parigeîni s.m.pl. - garofani a mazzetti, Dianthus barbatus;
parìgno s.m. - patrigno; par luri pioûn ca oûn parigno el zì stà oûn pare: per loro più che un patrigno è stato un padre;
parimènti avv. - parimenti, altresì, altrettanto;
parìr s.m. - parere, opinione; scultì el mieîo parir ca nu zbalgiarìde: ascoltate il mio parere che non sbaglierete;
Paris - Matteo da Pisino, 1818;
Paris - Orlando, deportato dai titini;
parizeîn s.m. e agg. - vedi parigeîn;
parlà v.tr. (i pàrlo) - parlare, assai meno usato di favalà, e come tutte le parole "in lingua" ha un significato un pò ironico; no parlasti, no sentisti: non parlasti e non sentisti, prov.; cheî uò parlà, uò falà: chi ha parlato, ha sbagliato, prov.; Etim.: dal lat. eccl. Parabolare da Parabula;
Parlabièl - s.n. della famiglia Massarotto;
parladùr s.m. - parlatore, parolaio;
parlamentàr agg. e s.m. - parlamentare;
parlamènto s.m. - parlamento;
parlanceîn s.m. - parolaio, persona con una notevole parlantina;
parlanceîna s.f. - parlantina; cu la suova parlanceîna la uò ingaiada: l'ha incastrata con la sua parlantina;:
parlanteîna s.f. - parlantina;
parlànto agg. - parlante;
parlatuòio s.m. - parlatoio;
parleîn s.m. - perborato in palline blù, che si metteva nel bucato per renderlo più bianco; Etim.: dal nome commerciale del prodotto, Berlinerblau, detto anche "blù di Berlino", da cui viene appunto per corruzione il termine parleîn, con una probabile intromissione del termine pièrla, perla, per la forma sferica a palline;
Parleîo - s.n. della famiglia Dapas;
parlèso s.m. - cicaleccio, chiacchiericcio in punta di forchetta, ovvero in veneziano o in italiano. In genere dai "siuri al cafiè";
parlumièno avv. - per lo meno; - Parlumieno meî i nu ma son fato zavaià: per lo meno io non mi sono  fatto imbrogliare;
parlupioûn avv. - per lo più; parlopioûn ti lu pol truvà ch'el bato carto in ustareîa: per lo più lo puoi trovare che gioca a carte in osteria;
parmalùz agg. - permaloso; el zì masa parlmaluz, par oûna munada el sa meto a radagà: è troppo permaloso per un nonnulla si mette a litigare;
parmèti v.tr. (i parmèto) - permettere, consentire; biegna parmieti ai fioi da zbalgià: bisogna consentire ai figli di sbagliare; el ga parmietomasa zbanpalo: gli consente troppa libertà;
parmetàse v.rifl. (i ma parmèto) - permettersi; el sa parmeto masa libartà: si permette troppe libertà; i ma son parmìso da fave oûn ragalìto: mi sono permesso di farvi un regalino;
parmigiàn s.m. - parmigiano, in noto formaggio da grattugiare;
parmìso s.m. - permesso; cun parmìso, sa nu dastoûrbo i va duvaravo deî dù paruole: con permesso, se non disturbo vi dovrei dire due parole;
parmoûra s.f. - premura, fretta; nu vì parmoûra, ca manca ancura mondo: non abbiate fretta, che manca ancora parecchio (tempo); nu stà fà li ruobe in parmoûra: non fare le cose di fretta, affrettatamente;
parneîza s.f. - pernice; Etim.: dal lat. Perdix;
paròn pr.ind. - ciascuno, ognuno; a na tuoca miezo paron: ce ne spetta ognuno metà; nu stì a fà quistioni tra fardai ca na zì almieno oûn pier paron: su non state a litigare tra fratelli che ve ne sono almeno un paio ciascuno; Etim.: da par, per + omo = uomo:
paròn s.m. - padrone, proprietario; da paron, gnanca garzon: da padrone neanche garzone, prov.; cheî uò cunpagno, uò paron: chi ha un amico ha un padrone, prov.; ugnidoûn zì paron in caza suova: ognuno è padrone in casa propria; raspieta el can pel paron: rispetta il cane per (riguardo) al padrone, prov.; i paroni magna la pulpa, i cani i uosi: i padroni mangiano la carne, i cane gli ossi, prov.; l'uocio del paron ingrasa l'anamal: l'occhio del padrone, ingrassa l'animale, prov.; ara, i nu sariè paron da fà de la mieîa pasta gnuochi: non sarei neanche il padrone di fare della mia pasta gnocchi, cioè delle mie cose quello che mi pare. Modo di dire: zùta paròn: alle dipendenze, sotto un padrone; Etim.: dal lat. Patronus, protettore, da Pater;
Paròn del mòndo - s.n. della famiglia Tromba;
paroneîsimo s.m. - padronissimo; paroneîsimo da fà cume ca vulì, ma meî i va iè varteî: padronissimo fi far come volete, però io vi ho avvertito;
paroûbio s.m. - tuffo effettuato di piede, più usualmente detto in padàl;
paroûca s.f. - parrucca; la zì nama rideîcula cun quila paroûca spalada: è veramente ridicola con quella parrucca spelacchiata;
paroûsula s.f. 1. cinciallegra; 2. uno dei nomignoli dati all'organo genitale femminile, che ricorda l'it. passera, passerina; Etim.: dal lat. Parra, fringuello;
parpagà s.m. - pappagallo; el s'uò vasteî da doûti i culuri e s'ciavunà cume oûn parpagà: si è vestito di tutti i colori più sgargianti come un pappagallo. Etim.: dall'ar. Babagà;
.................
parsanìvolo s.m. - padrone o compropretario di una barca da pesca, di una nave; stà scultà quil ca ta deîz el parsanivalo ca nu ti ta zbalgiariè: presta attenzione a quello che ti dice il padrone della barca che non sbaglierai;
parsèmolo s.m. - prezzemolo, Petroselinum sativum. Pianta biennale a fusto eretto cilindrico, ramoso fin dalla base. Le foglie sono verdi, glabre come la pianta. I fiori sono di color giallo verdognolo disposti in ombrelle. Fiorisce in giugno e luglio. Erba aromatica che trova vasto impiego in cucina presenta un forte concentrato di vitamine A e C oltre che di zolfo, potassio, solfato. Nella medicina popolare è usata per curare gli ascessi, le contusioni, l'ipertensione, le mestruazioni dolorose, il bruciore agli occhi e i disturbi di fegato; Etim.: dal gr. petros, pietra + Sulinon, sedano;
...................
parsiguità v.tr. (i parsièguito - i parsiguitìo) - perseguitare; i son parsiguità da la pegula: sono perseguitato dalla sfortuna; i pasiguitìa nun sulo i faseîsti ma doûti quii ch'i vuliva rastà taliani: perseguitavano non solo i fascosti, ma tutti quelli che volevano restare italiani;
parsìmulo s.m. - prezzemolo, Petroselinim Sativum;
parsiù cong. - perciò, affinchè; ara ch'i t'iè dà i suoldi parsiù ca ti ta conpri i leîbri e nu par zeî a davartite: guarda che i soldi te li ho dati affinche ti compri i libri di scuola e non per andare a divertirti;
parsiuchì cong. - affinchè, perciòcche;
parsiuchìde cong. - affinchè, perciò che;
parsòna s.f. - persona; in ugnidoûn zì tri parsone: quila ca ta par da iesi, quila ca ta veîdo i altri, e quila ca ta son da bon: in ognuno ci sono tre persone: quella che ti sembra di essere, quella che vedono gli altri, e quella che sei per davvero, detto prov.; el zì oûna parsona da siesto: è una persona ammodo; a vidi el talavizur el pararavo oûn foûsto, da parsona el zì oûn miezo picion: a veder la TV sembrerebbe un fusto, di persona è un tipo insignificante. Modo di dire: parsòna a pàsi: persona ridotta male, cioè ridotti agli ultimi passi di vita; Etim.: dal lat. Persona = maschera che ricopriva il volto degli attori e che ne potenziava la voce;
parsoûto s.m. - prosciutto; el parsoûto m'uò fato vigneî la piveîda: il prosciutto mi ha messo una grande sete; el parsoûto zì bon taià oûn può gruoso e che la fìta la stago in peîe... dieso i ta dà li fìte feîne e mulizeîne: il prosciutto è buono tagliato un pò grosso e che la fetta stia in piedi... adesso ti danno delle fette sottili e tutte molli; oûna vuolta ti magnivi quii parsoûti ch'i gira oûna vira bontà: una volta mangiavi certi prosciutti che erano una vera bontà; la uò i uoci fudradi da parsoûto, la nu sa uò inacuorto ca su mareîn el sa na dà cun quila sfundrada da Bieta: ha gli occhi foderati di prosciutto e non si è accorta che suo marito ha una storia con quella poco di buono di Betta; Etim.: dal lat. pop. Perexuctus = asciuttissimo, per il clas. Prae exuctus, da Exsugere, succhiare, assorbire; dato che con la stagionatura il prosciutto si secca molto, a Rovigno più un prosciutto era stagionato e più era considerato buono;
parsuàdi v.tr. (i parsuàdo) - persuadere, convincere; el nu sa parsuado sai faseîle: non si convince molto facilmente; a zì meo parsuadi ca urdanà: è meglio persuadere che ordinare; Etim.: dal lat. Persuadere;
..................
Parsuteîn - s.n. della famiglia Paliaga;
partagàna s.f. - vedi pantagàna;
Partagàna - s.n. della famiglia Barzelogna;
partànto cong. - pertanto; partanto savì chi ca va deîgo, vui pansì ai fati vuostri ca ai miei ga penso da meî: pertanto sapete cosa vi dico, voi pensate ai fatti vostri che ai miei ci penso io;
parteî v.intr. (i pàrto) - partire, andar via; el zì parteî par la guiera: è partito per la guerra; i parto duman cu la curiera: parto domani con il pulman; i partiendi par l'Italia sensa gnìnte e cu la muorto intel cor: partivamo per l'Italia senza nulla e con la morte nel cuore;
parteîa s.f. - partita; sa reîva a quatro parteîe: si arriva a quattro partite, vince chi fa per primo quattro;
parteîcula s.f. 1. particola, ostia consacrata; 2. (euf) bestemmia; uogni tanto el tiriva qualco parteîcula e fra quii sprupuoziti el diziva: quil gianarà d'oûn can da Sipileîn giarmanico, ca nun uò bunbardà Ruveîgno, quil rigimento da buzgnachi da cane ruse, ch'i nu uò fato stur
batalgion zura sti piloûghi vieci tavaradi da i lais da Wagna: ogni tanto tirava qualche bestemmia, e fra quegli spropositi diceva: quel figlio di un cane di 'Sepelin germanico', che non ha bombardato Rovigno, quel reggimento di bosniaci, che non hanno messo a sacco gli avanzi spelacchiati e pieni di pulci di Wagna; el uò tirà zù doûte li parteîcule del tabarnaculo: ha tirato giù tutte le bestemmie possibili ed immaginabili;
parteîto s.m. 1. partito politico; da nui i vemo el parteîto oûnico, vui i vide pioûn da trinta parteîti: noi abbiamo il partitito unico, voi avete più di trenta partiti. Modo di dire: ièsi del parteîto: una volta voleva dire esser fascista, poi comunista, oggi naturamente il Partito per antonomasia è l'HDV di Tudjman, domani chissà...; 2. decisione, determinazione; anca luri, a la feîn, i uò ciulto el parteîto: anche loro,
alla fine, si sono decisi; 3. partito, uomo papabile... allo sposalizio; a nu ma zì mancà parteîri par spuzame: non mi son mancati partiti per sposarmi; el zì da viro oûn bon parteîto, oûn zuvano da siesto, bon e lavurento: è veramente un buon partito, un giovane giudizioso, buono e lavoratore;
partèndi v.tr. (i partèndo) - pretendere, v. pratèndi;
partènsa s.f. - partenza; i zì da partensa: sono sul piede di partenza;
particèla s.f. 1. particella; i miei barbani uò ciulto la particela nubiliare: i miei antenati hanno assunto la particella nobiliare; 2. lotto di terreno; a ga vol tendi la particela: bisogna curare il campicello;
participà v.intr. (i partiècipo - i participìo) - prendere parte, partecipare; ti partiècipi anca teîo a la festa da duman: partecipi anche tu alla festa di domani;
participasiòn s.f. - partecipazione; li participasioni da nuse: le partecipazione di nozze;
particulàr s.m. - particolare;
particular (in) loc.av. - particolarmente;
particularità s.f. - particolarità;
..............
partigiàn s.m. - partigiano, appartenente alla resistenza; i siè ca i partigiani ruvignìzi uò dà oûn grando cuntriboûto a la luota, ma uò sarveîsto fuorsi a qualcuosa?: lo so che i partigiani rovignesi hanno dato un grande contributo alla lotta, ma è servito forse a qualcosa?; ma pare uò fato el partigian, ma puoi cu zì rivadi i titeîni zì zeî veîa anca loû: mio padre ha fatto il partigiano, ma poi quando sono arrivati i titini è andato via anche lui;
partigneî v.intr. - (i partiègno) - appartenere; sti ruobe nu li ma partiegno: queste cose non mi appartengono, non sono mie;
partinènsia s.f.pl. - appartenenza, al plurale assume il significato di sostanza, bene, averi;
pàrto s.f. 1. parte; sulo in parto ma el uò razon: soltanto in parte, ma ha ragione; la pioûn parto: la maggior parte; coûto vol ca la sa marido, sa la stà senpro da parto: cosa vuoi che si sposi, se sta sempra da parte; inpara l'arto, e metalo da parto: impara l'arte, e mettila da parte, prov; 2. parte, spettanza da una divisione; quil ca sa ciapa da parto, mai nu sa dasparto: quello che si ottiene da una spartizione, non si divide mai, prov.; 3. parte, ruolo; ara el fà la parto! nu s'uò fato gnìnte: non vedi che sta recitando! non si è fatto nulla; la viva oûna biela parto, ma nu la saviva rasità: aveva un bel ruolo, ma non sapeva recitare. Modo di dire: pàrto pasàda: parte passata a memoria, convenuta prima con il compare, col significato quindi di simulare per dare ad intendere; a zì doûto oûna parto pasada: è tutto una cosa finta, cioè una recita fatta apposta per ingannare, per darla ad intendere; Etim.:  dal lat. Pars-partis, dalla stessa radice di Parere = pro-
durre, generare;
pàrto s.f. - parto, l'azione del partorire; la zì in sala parto: è in sala parto; fora oûn parto, drento oûn manzo: fuori un parto, dentro un manzo, prov.: el preîmo parto zì senpro el pioûn dificultuz: il primo parte è sempre quello più difficoltoso. Modo di dire: pàrto drìto: parto facile, senza complicazioni, vedi il seguente scongiuro per propiziare un parto senza complicazioni:
 

Venare coûrto tiermine, 
ch'el parto seîa drìto, 
ch'el fantuleîn viegna s'ceîto; 
oûn bazito soûn el lanbuleîgo, 
e in scarsiela biegna fà el feîgo.

Venere corto termine, 
che il parto sia dritto, 
che il bambino venga sano; 
un bacetto sull'ombelico, 
ed in tasca bisogna far gli scongiuri.

Etim.: da Pars-partis, che deriva dalla stessa radice di Parere = produrre, generare;
pàrto (la) s.f. - la spettanza del pescatore sulla base del pescato che veniva suddivisa in quartaròla, il quarto del tutto spettava al mozzo;
partureî v.tr. (i partureîso) - partorire; la ga uò partureî oûn biel masc'ìto cul ciruleîn: gli ha partorito un bel maschietto col pisellino;
parturiente s.f. - partoriente;
parucheîn s.m. - parrucchino; el zì rideîculo cun quil parucheîn in tiesta: è ridicolo con quel parrucchino in testa;
parucòn s.m. - parruccone, persona di vecchio stampo, rimasta ai vecchi tempi, ipocrita;
parudeîa s.f. - parodia; i fioi ga fà la parudeîa: i ragazzi gli fanno la parodia;
parulàsa s.f. - parolaccia, impropero; nu stà deî parulase ca nu stà ben: non dir parolacce che non sta bene; ca parulase in buca a
oûna fimana: che parolacce in bocca ad una donna;
parulìta s.f. - paroletta;
parulìte s.f.pl. - scongiuri, sortilegi fatti con parole rituali.Modo di dire: deî li parulìte: fare con parole dei sortilegi con lo scopo di ottenere qualcosa;
parùn s.m. - titolo di rispetto che si da ad un pescatore anziano ed esperto, un pò come mastro o maestro in italiano; i iè inparà a
pascà zèndo in barca cu parun Tuoni, ma barba: ho imparato a pescare andando in barco con mastro Toni, mio zio;
parunseîn s.m. - padroncino, diminuitivo di paròn;
paruò avv. - però; paruò i ma uò deîto ca i sa uò davarteî: però mi hanno detto che si sono divertiti; i ga inpriedago, paruò el fà
senpro quil ch'el vol: io glielo dico e ridico, però lui fa sempre quello che gli pare;
paruòla s.f. 1. parola; racuordate ca preîma da doûto biegna pansà a quil ca sa deî, ca la paruola oûna vuolta fora da buca nu la tuorna pioûn indreîo: ricordati che innanzi tutto occorre pensare a quel che si dice, che la parola una volta detta non torna puù indietro; oûna paruola da buca, puoco la val, ma mondo la custa: una parola vale poco ma può costare molto, prov.; li paruole nu sa sà là ca li reîva: le parole non si sa dove possono arrivare, prov.; la paruola fò l'omo: la parola fa l'uomo, prov.; nu cada fàse scanpà paruole fora de buca: non succeda di lasciarsi sfuggire parole fuori dalla bocca, prov.: puoche paruole e oûn bon rezimento: poche parole ed un bel modo di comportarsi, prov.; puoche paruole e bon intinditur: a buon intenditor, poche parole, prov.; 2. escl. in fede, in verità, davvero, parola che è così; paruola! i nu siè gninte de sti fati: davvero, non so nulla di questi fatti; 3. giuramento; el uò dà la paruola, ma nu ga crido lu stiso: ha fatto il giuramento, lo ha giurato, ma non gli credo lo stesso; 4. insulto; i sa uò deîto paruole, e dieso nu sa saloûda pioûn: si sono scambiati degli insulti, si sono insultati, ed adesso non si salutano più; Etim.: dal lat. Parabola;
..............
parzbrìo escl. - esclamazione, interiezione, anche con valore assertivo: affè, perdinci, perdiana, perbacco ecc.; ma vara ca tila, parzbrio, puoca ti na filariè cun meîo: ma attenzione che di questa tela, perdinci, ne filerai poca con me!; Etim.: nasce da una forma mimetica dell'espressione 'per Dio', vedi anche il milan. del Porta 'per brio' ed il venez. 'per sbrio'.
parzòn s.m. - prigione; nà par tuorto nà par razon nu fate meti in parzon: nè a torto nè a ragione, non farti mettere in prigione; Etim.: dal tardo lat. Prisio-onis, clas. Prehenso = presa, cattura;
parzònta avv. - pergiunta, persino;
parzunièr s.m. - prigionero; el zì stà tri ani in Afreîca parzunier da guiera de i anglizi: è stato tre anni in Africa prigioniero di guerra degli inglesi;
pàsa avv. - oltre, più; stu ano zì vignoûdi pasa gize meîla tureîsti: quest'anno sono venuti oltre dieci mila turisti; a zì pasa oûn ano ca nu iè nuve da loû: è più di un anno che non ho notizie da lui; el ciapa trisento milioni e pasa da ridità: prende trecento milioni e rotti d'eredità; Etim.: da pasà, passare;
pasà v.intr. (i pàso) - forma aferica di spasà;
pasà v.tr. (i pàso) - passare, trascorrere; doûto ven e doûto pasa: tutto viene e tutto passa; i paso oûn'urìta in ustareîa: trascorro un'oretta in osteria; el ma par ch'el pasa masa spìso zuta i nostri balconi: mi pare che passi troppo spesso sotto le nostre finestre; ti pasi masa tenpo a zugà: passi troppo tempo a giocare; Modi di dire: pasà li cleîse: sopportare, patire patimenti e tribolazioni; pasà li suove: averne avute abbastanza, passare i propri guai; anca loû uò pasà li suove: anche lui ha avuto i suoi guai; pasà ultra: lasciar perdere, tralasciare, passarci sopra; nu ga vol fisàse su 'l stìso masàl, ma pasàghe ultra: non bisogna fissarsi su lo stesso argomento, ma passare oltre, cioè lasciar perdere; Etim.: dal lat. pop. Passare, da Passus = passo. A sua volta da Pandere = aprire;
pasà s.m. - passato; ningoûn cugnuso el suovo pasà: nessuno conosce il suo passato; nu biegna pansa nama al pasà: non bisogna pensare soltanto al passato; laga pierdi el pasà, ga vol pansà a quil ca na pol capità dieso: lascia perdere il passato, bisogna pensare a quello che ci può capitare adesso;
pasabìle agg. - passabile, sopportabile, discreto; nuò ch'el seîo oûn'Adon, ma el zì pasabile: non che sia un Adone, ma è passabile;
pasabrù s.m. - colino, colabrodo;
pasàda s.f. - una lucidata, una lavata, una verniciata ecc.; zì meo daghe oûna pasada, ch'el palmento zì doûto pien da urme da pal-
tan: dai una lavata, che il pavimento e pieno di orme sporche di fango;
..........
Pasalàqua - s.n. della famiglia Dellamotta;
pasamàn s.m. 1. passamano, corrimano; 2. fettuccia, nastrino, e altro che si pone per guarnire un vestito;
pasamàn s.m. - l'atto del passare una cosa di mano in mano, passamano, scambio di cose da una mano all'altra di più persone; chi zì
doûto stu pasaman, ch'i vìde zuta i banchi?: cosè tutto questo passa passa, cosa avete sotto i banchi?;
pasamàn (a) loc.av. - scambiare una cosa da una mano all'altro di più persone che formano quasi una catena umana;
pasamuntàgna s.f. - passamontagna;
pasànte s.m. 1. passante, cavo che passa attraverso dei fori, degli occhielli; 2. passante, in genere dei calzoni, attraverso cui si fa passare la cinta; 3. passante, persona che passa; a nu sa vadiva in geîro squazi pioûn nisoûn nama d'intanto in tanto a gira qualco pasante fretuluz: non si vedeva in giro quasi più nessuno, soltanto di tanto in tanto c'era qualche passante frettoloso;
pasapuòrto s.m. - passaporto;
pasàra s.f. - passera nera, pesce della famiglia dei Pleuronectidi, Platichtthys flesus luscus, conosciuta anche come Pleuronectes platessa. Pesce che si pesca raramente nel mare intorno a Rovigno, causa l'elevata salinità delle acque, ma che ha dato il nome ad un determinato tipo di rete da pesca, quello per le sogliole. Infatti i due pesci sono assai simili e lo vediamo anche nei nostri ristoranti in cui alcune volte dei ristoratori poco seri, tentano di spacciare le platesse o passere per sogliole, comunque le sue carni sono eccellenti;
pàsara s.f. - piccola imbarcazione a carena tonda con specchio di poppa dritto, lunga non oltre 4-5 metri. Differisce dal goûso perchè
quest'ultimo ha l'asta di poppa uguale a quella di prora, e dal caìcio per essere più leggera ed elegante; Etim.: una volta tale piccola
imbarcazione era attaccata a poppa di bragozzi e brazzere e serviva per operare dei trasbordi, quindi per pasà da una parte all'altra;
pasareîn s.m. 1. funicella infilata dentro una guaina; 2. canaletto che gli scalpellini operano sulla pietra; 3. (fig) i segreti più nascosti, i minimi segreti, tutto quel che passa, che succede; quil turso el ga conta doûti i pasareîni: quello sciocco gli va a raccontare ogni minima cosa, anche quello che non dovrebbe;
pasarièla s.f. 1. tipo di rete a tremaglio usata per lo più per la pesca delle sogliole, ma non sempre...: a nuvenbro cu li pasariele oûn pascadur uò ciapà tri ruspi da oûn cheîlo, oûn da pioûn da sie, ma zuradoûto oûn ruspo da pasa quindaze cheîli, ruoba ca gnanca i vieci pascaduri i sa racurdiva pisi cunpagni: a novembre con le reti dette 'pasariele', un pescatore ha preso tre pesci rospo d'un chilo, uno da più di sei, ma soprattutto un pesce rospo di oltre quindici chili, cosa che neanche i vecchi pescatori ricordavano di pesci simili;
pasarièla s.f. - gioco simile a li cucoûciole, al fràto o  la spisiareîa. Anche qui infatti s'impongono dei nomi ai partecipanti che devono prontamente e correttamente rispondere quando sono chiamati in causa se non vogliono pagare pegno. Stabiliti i nomi dei partecipanti, Pasariela - Gardiela - Lupis - Stagnada - Caldera - Pignata, questo è un esempio del dialogo che come al solito è iniziato dal capo gioco:  

Capogioco: Pasariela mia volante dove sei stata? 
Pasariela  : Zuta Pignata. 
Pignata     : Nuò zuta Pignata, zuta Lupis. 
Lupis        : Nuò zuta Lupis, zuta....

e così via sino al primo errore.
pasarièla s.f. 1. passerella, della nave; 2. passerella, sfilata finale nel varietà oppure sfilata di modelle;
pasarìta s.f. - bevanda gassosa, composta d'acqua con l'aggiunta di acido carbonico e sciroppo, generalmente al gusto d'aranciata in uso sino agli anni '40. La bottiglia aveva un tappo di vetro che veniva usato dai ragazzi rovignesi per giocare alle sc'eînche; Etim.: il curioso nome viene dal fatto che una volta stappata la bottiglia, il gas che provoca le bollicine finiva... passava in un attimo;
Pasarìta - s.n. delle famiglie Bicchiacchi, Caenazzo e Petronio;
pasàte s.f.pl. - funzioni religiose in onore dei defunti del 1° o del 2 di agosto;
pasatènpo s.m. - passatempo, svago;
pasatiè s.m. - colino, passino per passare il te ed i vari infusi;
pasaùri s.m.pl. - grandi succhielli usati nella cantieristica navale;
pascà v.tr. e intr. (i pìsco) 1. pescare; cheî ca nu uò furtoûna, ca nu vago a pascà: chi non ha fortuna, (è meglio) che non vada a pescare, prov.; ula ti la iè pascada?: dove l'hai pescata?; el zèva a pascà sul mul cu la tuogna ca ga viva fato bara Tuoni: andava a pescare sul molo con la lenza che gli aveva fatto zio Toni; a gira rivà oûn grando ciapo d'anguzai e gira doûto oûn pisca ca ta pisca: era arrivato un grande branco di aguglie ed era tutto un pesca pesca. Modi di pesca: pascà a fondo: pescare a fondo, cioè calando le reti sino al fondale, provocando una pesca rovinosa per la fauna ittica. L'oculatezza dei pescatori rovignesi nella salvaguardia del patrimonio ittico dei nostri fondali è dimostrata dalla seguente disposizione, che come al solito dobbiamo all'attento cronista di cose rovignesi Antonio Angelini: "La Scuola di S. Pietro, e la Fraglia dei pescatori con l'intervento dei Sindici del popolo, alla presenza del Podestà Giovanni Gottardo Catti, deliberarono il 10 ag.o 1761, che per l'avvenire non si potesse calar nè pescar a fondo sardelle in nessuna maniera, avendo l'esperienza mostrato, che il primario motivo della mancanza del genere derivava appunto dal pescar a fondo, e fuori di stagione; per lo che riuscivano meschine le pescagioni delle sardelle, uno questo dei prodotti più preziosi di Rovigno: ed i poveri pescatori si trovavano angustiati in modo di dover abbandonare l'arte. Tale deliberazione approvata dalla Carica di Capodistria con Terminazione 2 ott.e 1761, fu confermata dal Senato Veneto con Decreto 11 febb.o 1762. Non solamente allora, ma anche in oggi si deplora la scarsezza delle sardelle da un decennio a questa parte: cagione dell'attuale miseria dei pescatori, ed una delle cause del depauperamento del paese". Non vi è quindi da meravigliarsi delle lunghe ed accese controversie che opposero i pescatori rovignesi a quelli di Chioggia, in quanto questi ultimi venivano nei nostri mari con le lore tartane a "pescar a fondo", contribuendo così all'impoverimento del nostro mare e conseguentemente dei nostri pescatori, che per sopravvivere, più volte arrivarono alle mani con i loro colleghi, non aiutati del resto nella loro controversia, dalle delibere del Senato Veneto, che pur se nominalmente impedivono ai chioggiotti di pescare nelle vicinanze della costa istriana, ma non fissando precisi limiti, in pratica concedevano loro libertà assoluta. Solamente intorno al 1840 la controversia venne risolta dal governo austriaco che fissava in un miglio marino dalla costa l'area di stretta competenza dei pescatori istriani, a cui naturalmente i chioggiotti non potevano più accedere. pascà a l'ìsca: particolare tipo di pesca delle sardelle, utilizzata dai pescatori rovignesi sino agli anni '20 (l'ultima volta nel mese di giugno del 1925). Consisteva nello spargere dell'esca, costituita generalmente da gamberetti tritati, nel mare intorno le reti tese in superficie dai galleggianti; 2. pescare, attingere, prendere; el pisca senpro intela mieîa bursìta: attinge sempre nella mia borsetta; a sa pisca anduve ca zì, sa meto anduve ca manca: si prende dove c'è e si mette la dove manca; 3. pescare, prendere una carta, un numero alla tombola ecc.; pisca ca t'iè oûna carta da mieno: pesca che hai una carta di meno (degli altri); piscalo bon, ca ma manca oûn noûmaro par sinqueîna: pescalo buono, cioè estrai un buon numero, che mi manca un solo numero per far cinquina; 4. pescare, trovare, beccare; i lu iè pascà sul fato: l'ho beccato sul fatto; Etim.: dal lat. Piscem;
pascà s.m. - pescato, tutto il pesce che si è preso;
pascàda s.f. - pescata, nei vari significati di pascà; a ga vularavo fà oûna granda pascada: bisognerebbe fare una grande pescata;
pascadùr s.m. - pescatore. Una delle attività principali di Rovigno, insieme con quella del sapadùr. Le due categorie erano divise da un'accesa rivalità, infatti tutte e due volevano avere la preminenza. Rovigno era famosa da sempre per l'abilità dei suoi pescatori, che in antico ebbero varie controversie con quelli della costa opposta, in particolare i famosi chioggiotti, che venivano a pescare a strascico nel mare prospicente le nostre coste. I nostri pescatori usavano vari tipi d'imbarcazioni, dalle piccole batàne ai più grandi braguòsi, tutte comunque rigorosamente dal fondo piatto com'è il tipico uso dei pescatori del mar adriatico, mare poco profondo e non tanto mosso. La pesca si faceva con le nàse, li tràte, li fuseîne ecc. Molti pescatori diventarono famosi ed alcuni di essi divennero delle figure proverbiali assieme alle loro imbarcazioni come Uòni e la sua proverbiale battana, i Scurleîni, la Iàie, ovvero Margherita Benussi, la più famosa tra le donne. par la pesca cul loûdro a ga vuliva doûta zento sai spierta, ca cugnusiso doûti i fundai, cumo Farata el Nonsalo, Zaneîni Ponta d'Amo, Baraio el Tulpo, Tuoni Curbiel e Marca Salata, doûta zento ca purtiva ancura el riceîn su la ricia e la fasa da Vaniesa inturciulada su li braghe, teînbro d'urguolio s'cisà da purpura da quii duogi da oûna vuolta: per la pesca con il 'ludro' ci volevano pescatori assai esperti, che conoscessero tutti i fondali, come 'Farata detto il chierichetto, Zanini detto Punta d'amo, Baraio il 'Tulpo', Antonio Corbiel e Marco Salata, tutta gente che portava ancora l'orecchino e la fascia di Venezia attorcigliata allle brache, timbro d'orgoglio schizzato del rosso porpora dei dogi di un tempo; i pascaduri da ben, peîia sardiele, e quii ca nu 'nda peîa i zì mincioni: i bravi pescatori prendono, pescano le sardelle e quelli che non le pigliano sono degli inetti, prov. Una canzone del maestro Fabretto ne rievoca la figura, in un momento, il 1946 in cui molti pescatori, come molti altri italiani dell'Istria, erano costretti all'esodo:
 
 

El viecio pascadur

1.     Ruveîgno meio, i dievo zì luntan, 
        ma i nu ta pudariè scurdà: 
        la meia cazìta viecia 
        in seîma da la Cal dei Foûlmini 
        La meia batana al mar, 
        li reîve ch'i nu vidariè mai pioûn.. 
        Duman i dievo zì luntan 
        Parchì i vuoi stà talian! 
        Rit. 
        Luntan, luntan, luntan 
        sul mar cu ven la sira 
        zì oûn omo ca suspeîra: 
        oûn viecio pascadur. 
        L'urloio cu 'l lion, 
        oûn bastimento in puorto 
        oûn rimo doûto stuorto... 
         ...ma doûto zì luntan! 
2.      El viecio pascadur el piura 
         el pensa al su paiz luntan, 
         cul vento feîscia tra li caze 
         de la cal dei Foûlmini. 
         Cul mar sa rabia cu li onde de garbin 
         li passa el muol.. 
         Nu zì pioûn ride a Zutamoûr... 
         El piura el viecio pascadur! 
         Rit. 
         Luntan, luntan, luntan 
         sul mar cu zì el tramonto, 
         la caza in seîma al monto 
         la par ciamà i su fiuoi. 
         La meia batana, là 
         i la iè tirada in seîca, 
         la meia batana ameîga 
         ca pioûn i nu vidariè! 
finale: Luntan, luntan, luntan 
          zì doûto quil ca i vemo; 
          Chi sa si turnaremo? 
          Luntan, luntan, luntan...


Il vecchio pescatore

1.      Rovigno mio, devo andare lontano, 
         ma non ti potrò scordare: 
         la mia vecchia casetta 
         in cima della Cal dei Fulmini 
         La mia battana al mare, 
         le rive che non vedrò mai più.. 
         Domani devo andare lontano 
         Perchè voglio restare italiano! 
         Rit. 
         Lontano, lontano, lontano 
         sul mar quando giumge la sera 
         è un uomo che sospira: 
         un vecchio pescatore. 
         L'orologio con il leone, 
         un bastimento in porto 
         un remo tutto storto... 
         ...ma tutto è lontano! 
2.      Il vecchio pescatore piange 
         pensa al suo paese lontano, 
         quando il vento fischia tra le case 
         della cal dei Fulmini. 
         Quando il mar s'infuria con le onde di libeccio 
         che passano il molo.. 
         Non ci sono più reti a Sottomuro... 
         Piange il vecchio pescatore! 
         Rit. 
         Lontano, lontano, lontano 
         sul mar quando è il tramonto, 
         la casa in cima al monte 
         sembra chiamare i suoi figli 
         La mia battana, là 
         l'ho tirata in secca, 
         la mia battana amica 
         che più non vedrò! 
finale: Lontano, lontano, lontano 
          è tutto quel che abbiamo; 
          Chissà se torneremo? 
          Lontano, lontano, lontano...

pascadùr agg. - che pesca bene, atto alla pesca;
Pascadùr - s.n. della famiglia Dazzara;
pascadùra s.f. - generalmente moglie del pescatore, anche se non mancarono donne che si dedicarono a questa difficile professione;
pascadùra (a la) loc.avv. - alla maniera dei pescatori;
pascaduràso s.m. - vecchio pescatore, pescatore incallito, rozzo;
pascàgio s.m. - pescaggio, la parte sommersa dell'imbarcazione;
pascaneîsa s.f. 1. panno di lana greggia una volta usata dalle donne soprattutto per coprirsi piamente il capo in chiesa; 2. fazzoletto da capo di color verde a lunghe e strette pieghe, portato dalle appartenenti al Terz'Ordine di S. Francesco dette Cetine, in rovignese citeîne,
diventate proverbiali per la loro fede sincera ma bigotta; qualcadoûna cu la pascanaîsa vardon parchì la gira citeîna: qualcuna col fazzolettone verde perchè era una terziaria francescana;
pascareîa s.f. - pescheria, rivendita di pesci; a li pascareîe i pìsi nu ga manca, ma ga vol vì oûn mondo da buori in scarsiela: alle
pescherie i pesci non mancano, ma bisogna acere le tasche ben fornite di soldi;
Pascareîa - s.n. delle famiglie Benussi e Bosazzi;
Pascareîa viècia top. - era così chiamato il campiello tra il Comune e l'attuale casa di Cultura. Anticamente era lo spazio adibito alla vendita del pescato. Più tardi si considerò formare un tuttuno con l'adiacente piasa San Damian e perciò prese anch'essa quel nome;
paschièlo s.m. - gioco con le carte;
paschièra s.f. - peschiera, tratto di mare in cui la pesca era riservata ai legittimi proprietari. A Rovigno ve ne erano parecchie, di proprietà privata. el mar da Ruveîgno el zèva da Barbareîga feînt'el Canal da Limo, mieno i maio tuochi da mar ca gira li paschiere: el Coûl da Limo, Saleîne, Maldabora, la Val dei Frati, Coûvi, Pulari, San Puolo e Mareîcio. I paruni da sti paschiere a gira prieti e siuri, e in sti loghi nu sa pudiva pascà. Donca el mar a gira pioûn peîcio da dieso par nualtri puovari pascaduri: il mare di Rovigno andava Barbariga sino al Canal di Leme, meno i tratti di mare migliori che facevano parte delle peschiere private: il Cul di Leme, Saline, Maldabora, la Valle dei Frati, Cuvi, Polari, San Paolo e Maricchio. I padroni di queste pescherie erano preti e ricconi, ed in questi luoghi non si poteva pescare. Dunque il mare era più piccolo di ora per noi poveri pescatori;
Paschiera dei Frati top. - baia dell'isola "Sera", verso ovest. Un tempo di proprietà dei Benedettini e più tardi dei Serviti, che vi avevano un convento;
pàscolo s.m. - pascolo, per estensione luogo in cui ci si foraggia, si attinge; Etim.: dal lat. Pasculum;
pasculà v.tr (i pasculìo) - pascolare; puorta a pasculà li pegure: porta a pascolare le pecore; Etim.: dal lat. Pasculum da Pascere
= pascolare;
pasculàse v.rifl. (i ma pasculìo) - attingere, mangiucchiare, prendersi il necessario dove c'è e metterlo là dove manca. Modo di dire:
pasculàse tùrno: mangiucchiare qua e là;
pàsculo s.m. 1. pascolo. li pegore zì al pasculo: le pecore sono al pascolo; 2. mangime dei pesci; Etim.: dal lat. Pascuum;
pasculànto s.m. 1. pastore, colui che porta le pecore al pascolo; 2. (fig) buono a nulla;
..........
pàsi (a) loc. - in una situazione estrema, incresciosa; uramai i zì a pasi: ormai sono giunti alle strette; el zì riduoto a pasi: è ridotto allo stremo, sta lì lì per tirar le cuoia;
pasiègio s.m. 1. passeggio, passeggiata; 2. girello, passeggino per neonati;
pasiènsa s.f. - pazienza, calma; paia e pasiensa li nispole ven fate: (con) paglia e pazienza vengon fatte, maturano, le nespole; cun la pasiènsa, sa queîsta la siènsa: con la pazienza, si acquista la scienza, prov.; cu la pasiensa i santi aqueîsta el sìil e i guobi và in muntagna: con la pazienza i santi acquistano il cielo e i gobbi vanno in montagna, prov.; la pasiensa la puorta i frati: la pazienza la portano(ce l'hanno) i frati, prov.; tu ma fariè pierdi la pasiensa: mi farai perdere la pazienza; - In doûte li ruobe ga vol vì pasiensa: in tutte le cose bisogna avere pazienza; ca pasiensa ca la uò cun loû!: che pazienza ha con lui!; ugni leîmite uò la suova pasiensa: ogni limite ha la sua pazienza. Modo di dire: pasiènsa, pàdre...: pazienza padre, tipica frase per spegnere i bollori di chi ha troppa fretta di concludere; vì la pasiènsa da Giuòbe: aver la pazienza di Giobbe, ovvero una pazienza illimitata; i nu iè la pasiensa da Giuòbe: non ho la pazienza di Giobbe; Etim.: dal lat. Patientia;
pasiènsa (la) s.f. - scapolare. Istoriato con immagini di santi, veniva indossato sulle spalle come divisa dagli appartenenti delle pie confraternite e per semplice devozione dai fedeli. Con scopi apotropaici, ovvero anti malocchio, veniva fatto indossare ai bambini piccoli
soprattutto se non ancora battezzati. In questo caso la sacra immagine era generalmente quella della Vergine del Carmelo o del Carmine, ritenuta più idonea alla bisogna;
pasiènte agg. - paziente; a ma par ca ti son masa pasiente cun quil trapulièr da tu feîo: mi pare che tu sia troppo paziente con quell'imbroglione di tuo figlio;
pasiènte s.m. - paziente;
pasiènto s.m. e agg. - vedi pasiènte;
Pasiènto - s.n. della famiglia Dapinguente;
.........
pàsio s.m. - pelliccia in cui si avvolgevano i neonati;
pasiòn s.f. 1. passione, entusiasmo; i cantiendi cun pasion: cantevamo con entusiasmo; 2. mania; el uò la pasion da i cavai: ha la
mania dei cavalli; 3. compassione, pena; el ma fà pasion vidàlo cuseî riduoto: mi fa compassione vederlo ridotto in questa maniera;
4. tristezza, dolore; vuolta canton, pasa pasion: girato l'angolo, passato il dolore, prov.; Etim.: dal lat. eccl. Passio-passionis, da
Pati = soffrire;
pasìta s.f. 1. piccola pezza di stoffa, toppa; 2. l'aggiunta verbale ad un discorso altrui di chi vuol avere in un contrasto sempre l'ultima parola. In pratica quasi una toppa verbale, per chiudere la bocca all'avversario; a ta par ca nu ga meti la pasìta: e ti pare che non ci aggiunge la sua, che non abbia da tacere per ultimo;
pasìto s.m. - ballatoio, passetto, pianerottolo; preîma da zeî a lavurà la deî senpro oûna praghiera a la maduona de i pasiti: prima
di andare a lavorare dice sempre una preghiera all madonna posta nel tabernacolo del pianerottolo;
pasìto s.m. - fermaglio, chiusura; ga vol ganbià el pasito ca zì davantà lasco: occorre cambiar il fermaglio che non chiude più bene;
pasìto s.m. - metro del falegname;
pasìto s.m. - passito, vino liquoroso;
pasìto s.m. - diminuitivo di passo, usato generalmente al plurale identifica i primi passi del neonato; a ma par ca zì ura ch'el fago i pasiti: mi sembra che sia ora che faccia i primi passi; oûn pasito a la vuolta e i semo rivà cun la santa fiaca: un passetto alla volta siamo arrivati senza doverci scapicollare;
pasìto tondo s.m. - girello, passeggino dei neonati per fare i primi passi;
................
pàso s.m. 1. passo; nu ga vol fà el paso pioûn longo de la ganba: non bisogna fare il passo più lungo della gamba; cu li ganbe ch'el uò el reîva in du pasi: con le gambe che si ritrova, arriva in due passi; 2. passo, andatura al passo; cu stu paso i rivaremo duman: con questa andatura arriveremo domani; 3. antica unità di misura di lunghezza del periodo veneto, equivalente a 5 piedi veneti, cioè circa un metro e mezzo; 4. passo, il passaggio degli animali migratori o comunque il transito degli animali in un luogo determinato; stu ano el paso dei sfoi zì stà scarso: quest'anno il transito delle sogliole è stato scarso. Modo di dire: anamàl, pìso da pàso: animale pesce di passo, migratorio; 5. passo, valico; Etim.: dal lat. Passus;
pàso (a) loc. avv. - pesca con le reti dei pesci di transito;
Pasqua s.f. - Pasqua; vuoia nu vuoia, Pasqua coûn la foia: voglia non voglia, Pasqua con la foglia, ovvero con le palme benedette, (le
frasche di ulivo) prov.; ula ti vaghi a Pasqua... a Ruveîgno opoûr ti riesti a Ruma?: dove vai a Pasqua... a Rovigno oppure resti a Roma?; par ma mare a Pasqua zì festa dupia veîsto ca la sa ciama cuseî anca sa gila sa fà ciamà Neîna: per mia madre a Pasqua è festa doppia visto che si chiama così anche se lei si fa chiamare Nina. A seconda della domenica in cui cade Pàsqua àlta: verso la fine di aprile; Pàsqua bàsa: tra la fine marzo ed i primi di aprile. Modo di dire: cuntènto cùme oûna Pàsqua: contento come una Pasqua, felicissimo;
Pàsqua n.pr.f. - Pasqua; ma mare, puvarìta, la uò da non Pasqua: mia madre, poverina, si chiama Pasqua;
Pàsqua peîcia s.f. - Pasquetta; a la Pasqua peîcia, a zì stadi batizadi pioûn da sinquanta zuvani: a Pasquetta, sono stati battezzati più di cinquanta giovani;
pasquàl agg. - pasquale, attinente alla Pasqua; - L'agniel pasqual: l'agnello pasquale;
pasqualeîn agg. - pasqualino, relativo alla Pasqua;
Pasqualeîn - s.n. delle famiglie Budicin e Devescovi;
Pasqualigo - Francesco, Podestà nel 1690;
Pasqualigo - Petrus, Podestà nel 1319;
Pasquìta s.f - Pasquetta, l'ottava di Pasqua; da Nadal a Pasquìta el deî criso oûn'urita; da Nadal a Nadalìto veîntisinque satamane el speîgo sico: da natale a pasquetta il giorno, cioè il periodo di luce, cresce di un'oretta. Da Natale alla festa di S. Giovanni, ovvero il 24 giugno, in venticinque settimane le spighe del grano si seccano, prov.; a la Pasquita sa oûza zeî in pineîta: per la Pasquetta si usa andare in pineta;
pàsta s.f. 1. pasta, impasto; pasta da viro: pasta di vetro; el uò li man in pasta: ha le mani in pasta. che ha anche gli stessi significati figurati dell'analoga espressione it.; 2. pasta di grano duro oppure all'uovo che poteva quindi essere distinta in: a l'oûvo - sìca - lònga - cùrta - sfòia - al nìro da sìpa.. e a seconda del condimento: al pumuduòro - cu l'uòio - cul boûro - cui àstizi - màri e mònti - cui fònghi...; chi ti dighi, i femo pasta e patate o patate e pasta?: che dici facciamo pasta e patate o patate e pasta?;  3. pasta, dolce, pasterella; la dumenaga ma pare na ciuliva li paste creme: alla domenica mia padre ci comprava le pastarelle alla crema; Etim.: dal lat. pop. Pasta da Pastus, p.p. di Pascere = alimentare, pascere;
pastà v.tr. (i pìsto) - pestare, battere; cun meî zì doûto inoûtile ca ti pisti i peîe: con me è del tutto inutile che tu pesti i piedi; nu m'uo fato petà uocio, doûta la nuota a pastà sui tasti: non mi ha fatto chiuder occhio, tutta la notte a pestare sui tasti; ara ca ta pisto: guarda che ti meno; el ma uò pastà el didon... m'uò fato vidi li stile: mi ha pestato il pollice... m'ha fatto vedere le stelle; Etim.: dal tardo lat. Pistare;
Pàsta da patacòni - s.n. della famiglia Massarotto;
pastàcio s.m. - pistacchio; chi goûsti ti vuoi? cafiè e pastacio: che gusti vuoi? caffe e pistacchio;
pastàda s.f. - battuta, lezione a suon di botte; duopo quila pastada el uò zbasà li ale: dopo quella lezione a suon di botte ha calato la boria;
pastanàci s.m.pl. - imbrogli, pateracchi. In questa accezione viene sempre impiegata insieme con la vc. pastoûghi; nu stà fà i tuovi
suoliti pastoûghi e pastanaci ca nu ma piaz: non combinare i tuoi soliti impicci ed imbrogli, che non mi piace;
pastanàcia s.f. - pianta ombrellifera con i fiori gialli, simile a la carota, che vive selvatica lungo i fossi ed un genere nei luoghi umidi. Pastinaca sylvestris latifolia - Pastinaca sativa;
Pastanàcia - s.n. della famiglia Ferrara;
pastarièla s.f. - pasterella;
pastàse v.rifl. (i ma pìsto) - pestarsi, menarsi, picchiarsi; i sa pista da santa ragion: si menano di santa ragione;
pastasoûta s.f. - pastasciutta; cume ti la faghi faghi, la pastasoûta zì senpro bona: come la fai fai, la pastasciutta è sempre buona; basta ca ti ga daghi pastasoûta el zì cuntento: basta che gli dai pastasciutta ed è contento;
...................
pastièla s.f. 1. pastella, impiastro, poltiglia; ti lu iè raduoto in pastiela: lo hai ridotto in poltiglia; 2. pastella, preparato con cui ricoprire carne, verdura... prima della cottura in olio bollente. Miscuglio a base di farina, latte e uova; soûn Fiemi, prapara la pastiela par inpanà i antriciochi: Dai Femi, prepara la pastella per impanare i carciofi; 3. impasto usato come esca per i pesci. Gli ingredienti base sono la farina e le acciughe salate, a cui a volte si aggiungere del formaggio;
pastièri s.m.pl. - corna; chi t'iè i pastieri ca ti zbasi la tiesra?: che hai le corna che abbassi la testa?
pastifeîcio s.m. - pastificio. A Rovigno sino alla data del suo incendio, 13 gennaio 1912, operava il pastificio Calò;
pastisàda s.f. - stufato di carne bovina condita con il burro, spezie e cipolla. Tipico piatto veneziano;
pastisereîa s.f. - pasticceria; ma nuono el viva la miùr pastisereîa da doûto Ruveîgno. Nuò cume lucal, ma parchì li paste, i crafe, el mandulato, el gilato, li peînse li gira li pioûn bone: mio nonno aveva la migliore pasticceria di Rovigno. Non come locale, ma perchè
le paste, i krapfen, il torrone, il gelato, le focacce pasquali erano le più più buone;
pastisièr s.m. - pasticcere; o ca biel master fà el pastisier: oh che bel mestiere fare il pasticcere;
.................
pàsto s.m. 1. pasto, cibo, alimento; ara ca el pasto zì pronto: ehi, il pasto è pronto; l'astize zì oûn pasto da rì: l'astice è un cibo da re. Modo di dire: dà in pàsto: dare in pasto, dare o dire una cosa a tutti; da bon pàsto: vino o cibo con cui si pasteggia bene; 2. pastura, grumeggio; Etim.: vedi pàsta;
Pàsto - s.n. della famiglia Sponza;
pastòn s.m. 1. pastone, miscuglio per nutrire gli animali d'allevamento; 2. miscuglio, ammasso, impasto;
pastòn s.m. - pestone, botta; quil turso el bala cume oûn urso, uogni du pasi el ma dìva oûn paston: quel buono a nulla balla come un orso, ogni due passi mi dava un pestone;
pastòn s.m. - così veniva chiamato, il pescatore addetto alla preparazione dell'esca tritata usata nella pesca alle sardelle. Dato che veniva preparata pastàndo li màzine nel mortaio, tipo di pesca ora scomparsa, vedi pascà a l'ìsca;
pastoûgo s.m. 1. pianta selvatica dalle caratteristiche foglie appiccicaticce; 2. (fig) al plurale e generalmente in connessione con pastanàci, ha il significato di pastrocchio, impiccio;
pastoûghi e pastanàci loc. - impicci e imbrogli, impiastri;
Pastràcia - s.n. della famiglia Benussi;
pastranà v.tr. (i pastranìo) - accudire, allevare i bambini piccoli; ca veîta i iè boû, senpro a pastranà fioi: che vita ho fatto, sempre ad accudire bambini; Etim.: dallo slov. del Carso Pestrna, bambinaia, diffuso in Istria per il tramite del triestino Pèsterna (bambinaia) e Pesternar. Dato che balie e bambinaie a Trieste provenivano dal Carso abitato dai contadini sloveni.
Pastrovichio o Pastrovicchio - Mario da Perasto, 1504;
pastrucià v.tr. (i pastruòcio - pastrucìo) - pastrocchiare, imbrattare, impiastrare, far le cose alla bella e meglio; el uò pastrucià du parulìte, el uò fato el signo de la cruz zura e puoi ma zì pasà doûto, loû seî ch'el gira oûn bravo cavalcanto: ha farfugliato delle paroline magiche, ha fatto il segno della croce (sulla parte malata) e poi mi è passato tutto, lui si che era un bravo guaritore, mago; el uò el quadierno senpro pastrucià da ingiostro: ha il quaderno sempre impiastrato, imbrattato d'inchiostro; Etim.: dal lat. pop. Pastuculare, impiastricciare;
pastruciàda s.f. - azione alla rinfusa, cosa fatta come viene viene; i nu siè cume ch'el uò fato, el uò dà oûna pastruciada a li carte e doûto el bon zì capità a luri e i zì zeîdi fora cun l'acuz: non so come abbia fatto... ha dato una smazzata alla belle e meglio alle carte, e tuute le carte migliori sono toccate a loro e così hanno vinto con l'accuso;
pastruciàse v.rifl. (i ma pastruòcio) - impiastricciarsi, impataccarsi, imbrattarsi; i nu siè chi fà cun tu feîo, el sa pastruòcia senpro: non so cosa fare con tuo figlio s'impatacca sempre;
pastruciè agg. - pastrocchiato, alla rinfusa, come viene viene; in du e duquatro la uò fato oûn sughìto pastruciè ch'el gira nama ca bon: in due e due quattro ha fatto un sughetto, così come viene viene, che era proprio buono;
pastruciè s.m. - intruglio, guazzabuglio, pasticcio; a ma par ca ti ti iè cunbinà oûn pastruòcio e gila oûn pastruciè: mi sembra che tu abbia combinato un pastrocchio e lei un guazzabuglio;
pastruciòn s.m. e agg. - pastrocchione, che si inzacchera o si macchia facilmente o che combina soltanto pasticci;
pastùr s.m. 1. pastore; 2. (fig) persona maldestra, incapace. In particolar modo è detto alle persone che non sanno stare in barca, i così detti piedi dolci che combinano solo guai;
Pastùr - s.n. della famiglia Benussi;
pastùra s.f. - pastoia, fune o ritorta che si lega ai piedi delle bestie quando sono al pascolo per farle stare ferme; Etim.. dal lat. pastus = pascolo, perchè si metteva alle zampe delle bestie al pascolo;
pasturàl agg. - pastorale, riferita alle attività del prete, cioè del pastore di anime;
pasturàl s.m. - bastone vescovile;
pasturàl s.m. - la parte inferiore degli arti dei quadrupedi, immediatamente sopra lo zoccolo, a cui si legano le pastoie;
pasturièl s.m. - pastorello;
pasturièla s.f. - pastorella, pastora. Figura resa popolare dalla poesia provenzale e stilnovistica oltre che dai canti popolari:
 

Su la reîva del mare, 
Zì là oûna pasturiela, 
Che pascula l'agnileîn 
Soûn quila gierba biela. 

E salta fora el loûvo dal busco 
E cu la buca a la veîa, 
Ghe ciapa l'agnileîn, 
E ghe lu puorta veîa. 

E salta fora oûn biel cavalir 
Cu l'arma desfrudada; 
Dezmonta de caval, 
Ghe teîra oûna stucada. 

"Prendì, madama, el vostro agnileîn, 
 metivelo apriesso i altri; 
 I v'iè fato oûn piazir d'amur, 
 Vui fimene dei altri." 

"E chi piazir vulivo mai da meî? 
 I son oûna puovara vilana; 
 Cu i tuzariè l'agnileîn, 
 Ve dunariè la lana." 

"Nu son mercante e nun de pani, 
 Namieno de la lana; 
 Sulo oûn bazeîn d'amur, 
 Altro el meîo cor nu brama." 

"Ma che bazeîn vulivo mai da meî? 
 Son duona maridada; 
 L'aniel ch'i puorto in deî, 
 zì quil che m'uò spuzada. 

 Parlate piano, biel cavalir, 
 ch'el meîo mareî nu 'l sento; 
 S'el visso da sinteî, 
 Sierto l'è malcuntento. 

 E s'el loûpo vignerà 
 A rapir qualche agnileîn, 
 Saruò pronta de mureîr, 
 Cu la meîa buze falo fugeîr. 

 E s'el loûpo vignerà, 
 A la canpagna me tuca andà."


Sulla riva del mare, 
C'è una pastorella, 
Che pascola l'agnellino 
Su quell'erba bella. 

E salta fuori il lupo dal bosco 
E con la bocca rapido, 
Le prende l'agnellino, 
E glielo porta via. 

E salta furi un bel cavaliere 
Con l'arma sfoderata; 
Smonta da cavallo, 
Ggli affibbia una stoccata. 

"Prendete, madama, il vostro agnellino, 
 mettevolo con gli altri; 
 Io vi ho fatto un piacere d'amore, 
 Voi fatemene degli altri." 

"E quale piacere volete mai da me? 
 Io sono una povara vlilanella; 
 Qunado toserò l'agnellino, 
 Vi donerò la lana." 

"Non sono mercante e nianche di panni, 
 Nemmeno mercante di lana; 
 Soltanto un bacino d'amore, 
 Altro il mio cuore non brama." 

"Ma che bacino volete mai da me? 
 Son donna maritata; 
 L'anello che porto al dito, 
 è quello che mi ha sposata. 

 Parlate piano, bel cavaliere, 
 che nio marito non senta; 
 Se avesse da sentire, 
 Certo sarebbe malcontento. 

 E se il lupo verrà 
 A rapire qualche agnelino, 
 Sarò pronta a morire, 
 Con la mia voce farlo fuggire. 

 E se il lupo verrà, 
 Alla canpagna mi tocca andare."

...............
pàta s.f. - patta, il pareggiare, l'impattare; ura i signemo pari e pata: ora siamo pari e pata; la breîscula zì nostra, la scuva la vì fata vui, na tuoca fà la biela a trisiete parchide nu sa pol fà pata: la briscola è nostra, la scopa l'avete vinta voi, ci tocca fare lo spareggio a tressette perchè non si può far patta; Etim.: dal lat. Pacta, pl. di Pactum = patto, accordo e questi da Pacisci = accordarsi, a sua volta da Pax-pacis;
pàta s.f. - il numero dei giorni che si devono aggiungere all'anno lunare per pareggiarlo con quello solare;
patà v.tr. (i pièto) 1. appiccicare, attaccare, unire, incollare; i pieto li figureîne: appiccico, incollo le figurine; el stà masa patà a su mare: sta troppo appiccicato a sua madre; quista ti ta la pol patà sul coûl: questa te la puoi prendere nel secchio. Modo di dire: patà uòcio: chiudere occhio, dormire; sta nuoto fiva masa caldo nu iè pudisto gnanca patà uocio: questa notte faceva troppo caldo non ho potuto dormire neanche un pò; patà patàfi: a. affiggere manifesti anche in senso figurato; b. affibbiare etichette, affibbiare maldicenze; quile pietabrane li stà doûto el giuorno a patà patafi: quelle pettegole passano tutto il giorno ad affibbiare maldicenze; 2. affibbiare, ammollare; ara ca sa nun ti la faghi fineîda i ta pieto oûn scapason: guarda se non la fai finita ti ammollo uno scapaccione; 3. incominciare, iniziare, attaccare; patemo oûn canto: incominciamo un canto; Etim.: da llat. Peditare = puntellare, attaccare;
patà p.p. e agg. (f. -ada) - appiccicato, incollato, unito;
patàca s.f. 1. patacca, medaglia di poco valore; 2. (fig) patacca, macchia di unto; t'iè el traliz pien da patache: hai la tuta piena
di macchie d'unto; 3. per estensione buggeratura, fregatura; 4. un altro modo per indicare l'organo sessuale femminile;
pataceîna s.f. - zolla di terra che rimane appiccicate alle radici di una pianta;
Pataceîna - s.n. della famiglia Cattonar;
patacòn s.m. - antica e vistosa moneta di rame dal valore di 10 centesimi al tempo dell'Austria;
patacòn agg. e s.m. 1. pataccone, persona che si macchia spesso e volentieri, e quindi trasandata, buono a nulla, pecione; 2. chi rifila... patacche, ovvero fregature; 3. medaglione o cosa vistosa ma di scarso o nessun valore;
patacoûl s.m. - sciocchezza, inezia, quisquilia; i nu dago bado a uogni patacoûl: non do peso ad ogni inezia;
patadìso agg. e s.m. 1. appiccicaticcio, untuoso; 2. per estensione rompiscatole, scocciatore, persona appiccicosa; la ma piaz ma la
zì masa patadeîsa: mi piace ma è un tipo troppo appiccicoso;
patàfio s.m. 1. epitaffio, annuncio funebre; i vuoi ca sul mieîo patafio i screîvo: "El uò senpro pansà cun la suova cibuora": voglio che sul mio epitaffio scrivano: "Ha sempre pensato con la propria testa"; 2. manifesto; ara meti el patafio!: beh, metti il manifesto!;
pataflàna s.f. 1. burlesca medaglia al valore; bravo! i ta daruò oûna pataflàna: bravo! ti daranno la medaglia... bravo l'hai combinata bella; 2. errore grossolano, gaffe; ti faghi nama ca pataflane: combine soltanto gaffe; 3. una grossa scarica di... merda;
patanà v.tr (i patanìo) - pettinare; su mare lu patanià cun la banana e i cunpagni lu ciuliva par coûl: sua madre lo pettinava facendogli un grosso boccolo sulla fronte ed i compagni lo prendevano in giro;
patanà agg. (f. -ada) 1. pettinato, con i capelli in ordine; nu ti faghi fora sa nu ti son in oûrdano, puleîto e patanà: non esci se sei in ordine, pulito e pettinato; 2. pettinato, detto di tessuto di lana; oûn capuoto da lana patanada: un cappotto di lana pettinata;
patanàda s.f. 1. pettinata, pettinatura; la patanada a la mascagna e li braghe longhe gira oûn signo ca sa gira davantadi grandi: la pettinatura con i capelli all'indietro ed i calzoni lunghi erano un segnale che indicava che si era diventati grandi; 2. (fig) strigliata,
viene usato soprattutto per indicare le liti tra donne, che il più delle volte finivano col tirarsi per i capelli, da qui il senso ironico di liscio e busso; la ga uò dà oûna biela patanada, ti vadariè ca nu la sa daruò pioûn tante arie: ha rimediato una bella strigliata, vedrai che non si darà più tante arie;
patanadoûra s.f. - pettinatura; chi t'uò fato sta patanadoûra?: chi ti ha fatto questa pettinatura?;
patanièi s.m.pl. - mezzi bagli;
...........
patàta s.f. 1. patata, Solanum tuberosum. Il popolare tubero mangereccio, produce anche dei bei fiori che fioriscono da maggio ad agosto. E' uno degli alimenti base della cucina rovignese dove viene preparato nei modi più svariati oltre che per curare le scottature, gli occhi arrossati e la tosse convulsa. A Rovigno se ne coltivano varie qualità: li sinquanteîne, li patàte da S. Zuvàne o bunureîve, li patàte rùse, li patàte gnuòche, li patàte ida. a dizeîva el sapadur: sa la patata zì uorba, sunaghe la gluoria, sa la patata zì vana, nu la magna gnanca la pantagana, sa li broûza el brazinier, ti li puorti zura el samier, sa la patata zì curada, su la sicoûra zì mieza intrada: diceva il contadino: se la patata è orba, cioè senza occhi o gemme, suonagli la gloria, se la patata è vuota, non la mangia neanche il topo, se la brucia la gelata, la porti sopra il somaro, se la patata è curata, certamente è mezza entrata, mezzo guadagno, prov.; ma piaz li patate seîa freîte, ca ruoste o leîse cu uoio sal e pilvare o anca sulo cu oûn fià da sal: mi piacciono sia le patate fritte, che arrostite o lessate condite con olio, sale e pepe o anche soltanto con un pò di sale; el uò lu speîrito da patata: ha lo spirito di patata, cioè è una persona insulsa. Modi di dire: moûz da patàta: faccia da patata, faccia scialba; nàz da patàta: naso con la punta tondeggiante come una patata; 2. buco, smagliatura; quila zbrudagona la uò li calse doûte piene da patate: quella trasandata ha le calze piene di buchi; Etim.: vc. di origine americana, passata tramite lo pagnolo Batata;
Patàta - s.n. della famiglia Zaccai;
patàta bunureîva s.f. - patata primaticcia;
patàta vàna s.f. - patata marcia:
patàte miricàne s.f.pl. - patate dolci;
patateîna s.f. 1. patatina; 2. patata novella 3. (scherz) piccolina, passerina;
patatièr s.m. e agg. - mangiatore, goloso di patate;
patatòn s.m. e agg. - patatone, gnoccolone;
patàzi s.m.pl. - pasta incrostata sul fondo della madia;
pateî v.intr. (i pateîso) - patire, soffrire un tormento, subire; cheî fraia in zuvantoû, pateîso in viciaia: chi sperpera in gioventù, patisce in vecchiaia, prov.; loû uò fineî da pateî, puovari chi riesta!: lui ha finito di soffrire, poveri quelli che restano. Modo di dire: pateî par i veîvi e par i muòrti: soffrire dei dolori atroci, anche in senso morale; Etim.: dal lat. pop. Patire che è dal clas. Pati, soffrire;
pateî agg. (f. -da) 1. sofferto, patito, dall'aspetto sofferente; t'iè la fasa pateîda, chi ta zì nato?: hai la faccia sofferente, cosa ti è successo?; 2. patito, con la mania del; el zì pateî par sti diavulareîe mudierne: va matto per queste diavolerie moderne;
pateîbolo s.m. - patibolo; ara ca nu ti và sù 'l pateîbolo, boûta el moûz in reîdi: guarda che non vai sul patibolo, fai un bel sorriso;
pateîre s.m. - il patire, il patimento, la sofferenza; lu savì seî el mieîo pateîre, par sti fioi ca nu vol stoûgià: lo conoscete bene il mio patimento per questi ragazzi che non vogliono studiare;
pàten s.m. - tipo di vernice antivegetativa usata per dipingere e proteggere la carena delle barche ed evitare così che vi si formino le alghe; Etim.: vedi: pàtina;
patènta s.f. - patente, documento che rende idonei a svolgere una specificata attività: guidare una automobile, una nave ecc;  ara ca tu feîo sa vol ciù la patenta: guarda che tuo figlio si vuole prendere la patente (di guida);
patènto s.f. - vedi patènta; i ma son dazmantagà la patento intu li braghe da lavur: mi sono dimenticato la patente nei pantaloni da lavoro;
Pàter ave e Spìrto Sànto loc. - nel farsi il segno della croce, come segno di stupore, di indignazione o per enfatizzare il discorso;
patiècia s.f. - petecchia, macchietta della pelle, irritazione cutanea; chi ti iè magnà ca ti uè el moûz pien da patiecie: cosa hai mangiato che hai la faccia ricoperta di macchie; Etim.: dal lat. Impetix-icis;
patièla s.f. 1. il risvolto della giacca; la zì ancura bona, ma li patiele cuseî grandi nu li và pioûn da muoda: è ancora buona, ma i risvolti così grandi non vanno più di moda; 2. risvolto esterno delle tasche, sopratasca; ara ca ti iè oûna patiela da fora e oûna drento: guarda che hai un risvolto fuori ed uno dentro la tasca;
patigulìso s.m. - pettegolezzo, chiacchiera, duceria; ti siè ca  nu ma piaz fà patigulisi: lo sai che non mi piace mettere in giro chiacchiere;
patimènto s.m. - patimento, sofferenza; ca patimento duvìse livà la miteîna bunura: che sofferenza doversi alzare di buon mattino;
Patièchi - s.n. della famiglia Paliaga;
patiègula s.f. - pettegola; Etim.: secondo Turato-Durante da Peto, flatulenza, cosa da nulla, inezia. Io dire che ci può essere anche un nesso col verbo patà = attaccare, affibbiare, in quanto le pettegole affibbiano le maldicenze al prossimo;
pàtina s.f. 1. lucido da scarpe; 2. cera; Etim.: dal lat. Patina = vernice, attraverso l'originario significato di padella, in cui si è passati dal contenitore al contenuto;
..................
patrizà v.intr. (i patreîzo - i patrizìo) - asssomigliare o tendere a comportarsi come il proprio padre; li feîe patreîza, i fiuoi matreîza: le figlie tendono ad assomigliare al padre, i figli alla madre, prov.;
patròna s.f. - cartuccia per il fucile da caccia; i vì ancura patrone su patruntas da zbarà?: avete ancora cartucce su cartucce da sparare?; Etim.: dal ted. Patron, riduzione di Patruntasche;
patroûl s.m. - pattuglia, ronda militare; ara ca pol pasà el patroûl: guarda che può passare la ronda; Etim.: dal fr. Patrouille;
patrùna s.f. - cartuccia;
patrunàto s.m. - patronato, ora si direbbe con un brutto neologismo sponsorizzazione;
patrunìsa s.f. - patronessa, protettrice; a nu ga curo patrunise, el sa sà dafendi da sul: non gli occorrono patronesse, si sa difendere da solo;
patruntàs s.f. - cartuccia per fucile da caccia; Etim.: dal ted. patruntasche;
patruòma s.f. - pesantezza di stomaco, il sentirsi pesante per il cibo non ben digerito che rimane come un unico ammasso sullo stomaco; i iè oûna patruomà ca ma par da vì magna oûn manzo intrego: ho una pesantezza di stomaco che mi sembra di aver mangiato un manzo intiero; Etim.: varie le proposte dal Pattona (polenta di farine di castagne) ad un accostamento alla vc. Paturnia.
patucà v.tr e intr. (i patuchìo) - pitoccare, elemosinare;
patueî v.tr. (i patueîso) - pattuire, concordare; el prieso zì patueî in trinta miliunu da leîre: il prezzo è pattuito, è stato concordato, in venti milioni di lire; Etim.: dal lat. Pactum;
patufàda s.f. - litigio, diverbio, baruffa; coûto vol ca ga cuntradeîso? Ti siè ch'el vol vì senpro razon, e sa nuò fineîso cu oûna patufada: cosa vuoi che lo contraddica? lo sai che vuol sempre aver ragione, ed altrimenti si finisce col litigare;
patufàse v.rifl. (i ma patufìo) - litigarsi, fare a botte, accapigliarsi, azzuffarsi; i nu fà nama ca patufàse doûto el giuorno: non fanno altro che accapigliarsi tutto il giorno; Etim.: dall'incrocio di patà = attaccare, affibbiare + il ted. Betupfen = toccare leggermente;
patuòco s.m. e agg. - pitocco, mendicante;
patuòco s.m. - tratto di mare, sito conosciuto da tutti, e  quindi assai frequentato da bagnanti, turisti ecc. ma proprio per questo generalmente evitato dai più esperti pescatori che hanno i loro posti idonei per la pesca.... ma:  sièrte vuòlte ti ciapi maio oûn piso par i patuochi ca par i sichi: certe volte si prendono più pesci nei tratti di mare più conosciuti che nelle secche;
patuòco agg. - schietto, evidente, autentico, genuino, verace; el faviela in patuoco ruvigniz anche s'el zì nato a Ruma: parla lo stretto dialetto di Rovigno anche se è nato a Roma; el zì oûn Tristin patuoco: è un triestino da più generazioni, autentico. Così i triestini dicevano di sè stessi:

Son triestin patoco 
E chi me toca, guai! 
El vin me piazi un poco 
E le putele assai.

Son triestino verace 
E chi mi tocca, guai! 
Il vino mi piace un poco 
E le ragazze assai.

Da "A le feste rovignesi", poesia di Giovanni Santin, riporto la seguente quartina:
 

A sa faviela in ceîcara 
Ma anche intul dialito 
Da deîto o poûr da screîto 
Patuoco ruvigniz.

Si parla in perfetto italiano 
Ma anche nel dialetto 
Sia scritto che parlato 
Autentico rovignese.
           .
Etim.: dal lat. Pateo, essere aperto, accessibile da cui Patens, patente, evidente;
patùrnie s.f.pl - malinconia, depressione, arrabbiatura; Etim.: dall'incrocio di pateî = patire, con Saturno, dagli influssi negativi che il popolino gli attribuiva;
patuveî v.tr. (i patuveîso) - pattuire, concordare, stabilire; i uò patuveî el prieso e s'uò dà la man: hanno stabilito il prezzo e si sono stretti la mano (in segno di raccordo raggiunto);
Pàula n.p.f - Paola;
Pauleîna - s.n. della famiglia Paliaga;
Pauletich - Antonio (Nino), direttore del Museo di Rovigno, autore di vari saggi di argomento istriano, pubblicati negli Atti del Centro di Ricerche Storiche di Rovigno. Con Radossi ha curato la pubblicazione di vari manoscritti di carattere storico-cronachistico opera di vari esponenti della famiglia Angelini, i cui originali si trovano presso il Museo. Collabora inoltre con la Voce della Famia Ruvignisa, oltre ad essere buon poeta in rovignese, qui una sua struggente poesia che è una dolorosa parafrasi del popolo rovignese:
 
El mar quito 

El mar quito leîca li gruote 
e i coûguli del piaio, 
da pioûn o da mieno a sagonda 
de li culme e de li siche. 
Cul ganbio da li loûne 
e de li stagione el sa stramania 
giuorno par giuorno, ura par ura, 
minoûto par minoûto. 
Gruote grande ca daventa sabion. 
Quante vuolte a sagonda del vento 
la fuorsa de li onde 
uò butà pisi in tiera 
e barche in fondo? 
El mar da punente spaca, 
ronpo e zbriga quil 
ca zì pioûn dibolo fato de l'omo? 
Albari e cameîni rabaltadi da la 
siuniera. 
Reîve zgurgade cu li marizade 
da punente a garbinaso. 
Buschi bruzadi col fogo 
in tenpo da sicoûra. 
Quanti uzai uò scanpà veîa? 
E quii puochi neii rastadi, 
pioûn da oûn uò 
cuvà l'ovo del coûco!


Il mare quieto 

Il mar quieto lambisce le grotte 
ed i ciottoli sulle rive degradanti, 
di più o di meno a seconda 
delle alte e delle basse maree. 
Col cambio delle lune 
e delle stagioni continuamente si agita 
giorno per giorno, ora per ora, 
minuto per minuto. 
Grotte grandi che diventano arenili. 
Quante volte a seconda del vento 
la forza delle onde 
hanno gettato pesci in terra 
e barche a fondo ? 
Il mare di ponente spacca, 
rompe e spezza quello 
che è più debole (perchè) fatto da mano umana ? 
Alberi e camini ribaltati dalle 
trombe marine. 
Rive devastate dalle mareggiate 
da ponente e da libeccio. 
Boschi bruciati col fuoco 
in tempo di bonaccia. 
Quanti uccelli son fuggiti via ? 
E quei pochi nidi rimasti, 
più di uno hanno 
covato l'uovo del cuculo!

.............
pavìr s.m. - stoppino dei lumi ad olio, lucignolo; Etim.: dal lat. pop. Papyreus = fatto di papiro;
pavìr s.m. - lunga listarella che veniva posta tra una doga e l'altra della botte, per favorirne la tenuta stagna;
Pavìr - s.n. della famiglia Bosazzi;
pavìz s.m. - pavese, l'impavesata di bandiere appese tra gli alberi della nave, generalmente in segno di festa;
pavizà v.tr. (i pavizìo) - pavesare, ornare con bandierine l'alberatura di una nave in segno di giubilo;
pavòn s.m. - pavone; Etim.: dal lat. Pavo-pavonis;
pavòr s.m. - papavero, vedi pavuòr;
pavoûr s.m. - papavero, vedi pavuòr;
pavunàso agg. - paonazzo, color rosso ciclamino;
pavunìsa s.f. - pavonessa, ed in senso figurato donna che si pavoneggia, fatua;
pavuòr s.m. 1. papavero, Papaver somniferum; 2. sonnifero a base di papavero, che si usava dare ai bambini per farli dormire; Etim.: dal lat. Papaver;
pavùr s.m. - papavero, vedi pavuòr;
paz s.f. - pace, tranquillità, rassegnazione; paz a l'anama suova, a zì uramai gize ani ch'el zì da Giuvacheîn: pace all'anima sua, sono ormai 10 anni, che riposa al cimitero; frà, zì meo metase l'anama in paz, i bai tenpi da oûna vuolta nu raturnaruò pioûn: caro mio è meglio mettersi l'animo in pace, i bei tempi di una volta non ritorneranno più; Guiera e paz zì oûn biel leîbro ma sai pazanto: Guerra e pace è un bel libro ma assai pesante; i vuoi stà in paz cun doûti: voglio stare in pace con tutti; cu la paz da Prezburgo del meîle uotosento seînque gira rivadi i francizi da Napulion, soûbato i uò scuminsià a fà siernide, abulendo li scole e incanbarando abeînsie e partininsie, matendo senpro nuve steure, e fendo parfeîn i galiti cu li fimane... tanto ca cu i zì rivadi i austriaci a sa gira squazi cuntenti!: colla pace di Presburgo del 1805 son arrivati i francesi di Napoleone, subito hanno iniziato a fare leve militari, abolendo le confraternie ed incamerandone i beni, mettendo sempre nuove tasse, facendo perfino i galletti con le donne... tanto che quando sono arrivati gli austriaci si era quasi contenti!; Etim.: dal lat. Pax-pacis;
pazà v.tr. (i pìzo) 1. pesare, stabilire il peso; el pìza pioûn da nuvantatri cheîli: pesa più di 93 chili; i lu iè pazà giri... el uò seîrca seîe cheîli: l'ho pesato ieri... ha circa sei chili; 2.  (fig) soppesare, ponderare, valutare; cun gila ga vol pazà quil ca  sa deîz: con lei occorre ponderare quello che si dice; 3. gravare, fare una cosa pesante, penosa; ga pìza mondo zeî a lavurà: gli pesa molto andar a lavorare, cioè per lui è una cosa gravosa; Etim.: dal lat. Pensare, frequentativo di Pendere = esser pesante;
pazàda s.f. - pesata, l'azione del pesare;
pazadoûra s.f. - pesatura;
pazànte agg. - pesante, anche in senso figurato;
pazantìsa s.f. - pesantezza; i iè oûn può da pazantisa da stumago: ho un pò di pesantezza di stomaco;
pazànto agg. - pesante; pazanto ch'el zì a ga zì pareîgulo ch'el scavaso la carega: pesante com'è, vi è il pericolo che spacchi la sedia;
pazaròla s.f. 1. strega malefica che di notte grava sui dormienti, provocando incubi e sonni agitati; 2. incubo notturno; el peîcio s'uò dazmisià da buoto pien da pagoûra, el varuò boû la pazarola: il bambino si è svegliato di colpo pieno di paura, avrà fatto un incubo; 3. il senso di oppressione che prende il dormiente quando ha la sensazione di non potersi muovere, di non poter emettere un qualsiasi suono; Etim.: chiaramente da pìz - pazà: per il senso di oppressione che attanaglia il dormiente in preda agli incubi, soprattutto in quelli in cui si ha la sensazione di non potersi muovere. Sia l'incubo che tale fastidiosa sensazione si credeva fossero provocati da uno spiritello malvagio, una stega o diavolo-incubo, che gravava sul petto del dormiente. Tale folletto maligno ha vari nomi, i quali però tutti ricordano il senso di peso, vedi Fracariòl e Calcaròt dell'aria veneta, il triestino Cinciùt o le istriane Pesantole, folletti maligni e dispettosi che si divertono a danneggiare le coltivazioni oltre che a disturbare i sonni dei poveri mortali. A questo proposito il Ninni a Fracariòla ha la seguente definizione: "Specie di strega che di notte si diletta di comprimere il petto ai dormienti. E' questa una superstizione assai radicata ne' contadini";
Pazaròla - s.n. della famiglia Budicin, vedi l'omonimo curto;
pàze s.f. - pace, vedi paz; duopo la paze, zì sta pezo ca la guiera: dopo la pace, è stato peggio che al tempo della guerra;
pazuòca s.f. - cosa molto pesante, anche metaforicamente;
pazuòco agg. - pesante oltre l'aspettativa;
pec s.m. - panettiere, fornaio; l'amur cul pec: l'amore con il panettiere, tipica frase idiomatica di incerta origine: Etim.: dal bav. Peck;
 .............
pègura s.f. - pecora; doûte li pegure da nuoto li zì nigare: tutte le pecore, di notte son nere, prov.; ca vago la lana, basta ca riesto la pegura: che vada (in malora) la lana, basta che resti la pecora, prov.; la dazgrasia del loûvo zì la furtoûna de la pegura: la disgrazia del lupo è la fortuna della pecora, prov.; biè fà la pegura e 'l loûvo sa la magna: beeh fà la pecora ed il lupo se la mangia, prov.; puovaro quil che và catà li pegure fora del su tagur: poveretto quello che va a cercare le pecore fuori dal suo ovile, vale il mogli e buoi... prov.; cheî sa fà pegura el loûvo sa lu magna: chi si fa pecora il lupo se lo mangia, prov.; a zì lana da pegura: è lana di pecora; Etim.: dal lat. pop. Pecura, clas. Pecus, che indicava il bestiame di piccola taglia;
peîca s.f. - tipico gioco infantile praticato in particolare delle bambine, fatto con cinque sassetti. Il gioco consiste nel lanciare un sassolino, raccogliendolo al volo e prendendo contemporaneamente una alla volta gli altri sassetti. Una volta presi tutti e quattro i sassolini si grida: a caval e oûn. Il gioco prosegue lanciando il sassolino prendendone questa volta due insieme, finita anche questa serie si grida a caval e du, e così via lanciando il sassolino e raccogliendone tre, e poi quattro. Naturalmente chi sbaglia passa la mano;
peîca s.f. - ramoscello, rametto; Etim.: da picca, punta, quindi cosa piccola, puntina, da una radice onomatopeica Pik;
Peîca samieri - s.n. delle famiglie Ferrara e Pedicchio;
peîca-tabàri s.m. - appendiabito, attaccapanni; Etim.: da picà, appendere, impiccare + tabàro = tabarro, soprabito pesante;
peîche s.f.pl. 1. picche, seme delle caete francesi; 2. (fig) negazione, rifiuto, diniego; ga uò raspuosto peîche: gli ha risposto no. Modo di dire: ciapà peîche: subire un rifiuto;
peîcio s.m. e agg. 1. piccolo; tanti peîci fà oûn grando: tanti soldini (soldi piccoli), ne fanno uno grande, frase prov. tipica dei rovignesi noti per la loro parsimonia; da peîci qualcudoûn, e da grandi gnanca oûn: di piccoli qualcuno, di grandi neanche uno; i pìsi peîci zì pioûn boni: i pesci piccoli sono più buoni; peîci fioi, peîci travai... grandi fioi, grandi travai: bambini piccoli, piccoli pensieri... bambini grandi, grandi preoccupazioni, prov.; 2. bambino, piccolino, ma per le mamme i propri figli anche oltre i quarantanni rimangono sempre i loro peîci; cu i grandi faviela, i peîci biegna ch'i tazo: quando parlano i grandi, i bambini devono tacere, prov.; la peîcia sa uò fato sai biela: la bambina è diventata molto bellina; Etim.: derivato da Picca = punta, quindi cosa piccola, puntina, da una radice Pik onomatopeica;
................
peîe s.m.inv. - piede; i iè i peîe ca ma dol par el tanto caminà ca iè fato ancui: ho i piedi che mi fanno male per il tanto camminare di oggi; dui peîe nu stà ben intoûna scarpa, e gnanca du maziere intoûna cuzeîna opoûr dui parsanivuli intoûna barca, o dui capitagni int'oûna barca o dui paroni int'oûna barca: due piedi non stanno bene in una scarpa e neanche due massaie in una cucina oppure due capi equipaggio in una barca o due capitani in una barca o due padroni in una barca, prov.; peîe caldi e tiesta frida: piedi caldi e testa fredda, prov.; cheî boûta veîa cu li man, colzo cui peîe: chi getta via con le mani, raccoglie con i piedi, prov.; uogni peîe int'ul coûl spenzo vanti: ogni piede nel sedere, spinge avanti, prov.; ca peîe grandi ch'el uò!: che piedi grandi che ha! Modo di dire: zeî cu i peîe da piònbo: andare coi piedi di piombo, andarci cauti; peîe da bugànse: piedi soggetti a  geloni; Etim.: dal lat. Pes-pedis;
peîe (da) loc.av. - all'inizio, ai piedi, dalla parte dei piedi; da peîe de li scale ga zì oûn scalideîn ca scanteîna: all'inizio delle scale vi è uno scalino che traballa; da peîe de la cal: all'inizio della via;
peîe da puòlo s.m. - tipo di nodo detto piede di pollo;
peîe da puòrco s.m. - piede di porco, attrezzo che consente di limare a 45°;
peîe da uòca s.m. 1. alga con tronco a radice, Posidonia oceanica; 2. tipo di erba;
peîglia vc.verb. - piglia, prende. Unica forma nell'uso corrente rovignese del verbo pigliare, obbero la 3° persona singolare dell'indicativo presente; a gira chi peîglia peîglia: era tutto un prendi prendi; cheî naso gato, surzi peîglia: chi nasce gatto, cattura prende i topi, prov.;
peîgna s.f. - pigna, il frutto del pino marittimo contenente i pinoli; chi t'iè li peîgne int'el sarviel?: cosa hai nel cervello, pigne?; Etim.: dal lat. Pinea;
peîgnula s.f. - tipico dolce pasquale, come la peînsa, fatto a forma di treccia in cui viene racchiuso uno o più uova sode vivacemente colorate;
peîgro agg. e s.m. - pigro; gila cuseî zgaia e loû cuseî peîgro, i nu siè cume i và dacuordo: lei così vivace, e lui così pigro, non so come vanno daccordo; Etim.: dal lat. Piger = pigro, collegato con Piget = fare controvoglia;
peîla s.f. 1. truogolo; teî ma pari oûn puorco in peîla... magna biel nu stà surbulà e nu zbrudulate cumo al suolìto, ca tanto lava mama: mi sembri un maiale che grufula nel truogolo... mangia composto, non far rumori con la bocca e non macchiarti come al solito che tanto poi lava mamma; el sa dà da fà cumo el puorco in peîla: si dà da fare come il maiale nel truogolo, prov.; 2. grosso vaso in pietra in cui un tempo si conservava l'olio; Etim.: dal lat. Pila, vedi la Pila fullonica di Catone;
peîla s.f. 1. pila, batteria; nu sa sento biel par veîa ca li peîle de l'aradio li zì scarighe: non si sente bene perchè le batterie della radio sono scariche; 2. pila, lampadina tascabile; a ga vularavo oûna peîla ca nun sa vido oûn caizer: ci vorrebe una pila, che non si vede... un tubo;
peîla s.f. - strumento musicale usato dai morlacchi di Villa di Rovigno, vedi questa strofetta canzonatoria:
 

Piureta de la Veîla 
soname la peîla, 
soname el pilon, 
boûtate zu dal barcon.

Peîla (la) top. - quadrato di due metri per lato, opera costruita dall'uomo sulla viva roccia, sulla Pònta de la Moûcia;
Peîlo (el) top. - di fronte alla Torre dell'orologio, per commemorare la vittoria della 1° Guerra Mondiale era stato posto il Pilo della vittoria, un'artistica opera bronzea istoriata con lo scudo sabaudo con una statua personificante la vittoria. Il pilo poggiava su un basemento marmoreo quadrato su cui erano incise le parile: "ITALIA! ITALIA! ITALIA! Maestra di civiltà alle genti!". Inutile dire che i titini provvidero subito a farlo saltare per aria.
 

Il Pilo della Vittoria nella P.za Vittorio Emanuele III

peîn s.m. 1. pino marittimo, Pinus marittima. Albero comune nel paesaggio rovignese, soprattutto dopo le meritorie azione di rimboschimento dei baroni Hutterot, e del conte Milewsky, giunge a proiettare la sua ombra anche sul mare; sul scuio zì rastadi nama oûn pier da peîni doûti inturciuladi: sullo scoglio sono rimasti soltanto un paio di pini contorti; 2. corteccia di pino che tritata serviva una volta per tingere le reti da pesca; Etim.: dal lat. Pinus;
peîn da pignuòi s.m. - pino domestico, Pinus pinea. Si riconosce per la chioma appiattita a forma d'ombrello e naturalmente per le pigno che producono i ben noti pinoli;
Peîn (el) top. - tra Pònta Binoûsi e Pònta del Gàlo, sulla sommità dello scosceso versante sud del Canal di Leme, si erge un superbo e maestoso pino, da cui il nome del sito;
peîncia s.f. - unita di misura per liquidi, probabile corruzione di pinta, (Canti Popolari dell'Ive);
peînco s.m. - grosso martello munito di un lungo manico, con una estremità piana e l'altra a punta. Usato dagli scalpellini per spaccare le pietre;
Peînco - s.n. della famiglia Segalla e di Mario de Angelini, detto per l'appunto Mario Peînco;
peînsa s.f. - pinza, tipica focaccia pasquale non tanto alta, più o meno come i panettoni artigianali, a cui sulla sommità vengono praticati tre tagli che, con la cottura prendono una caratteristica forma che ricorda un bocciolo semiaperto. Simile per l'impasto al panettone, ma senza l'aggiunta di cedri, uva passa o canditi. Era uso che le donne per Pasqua preparassero in casa tali dolci, che venivano poi portati generalmente al forno. Vi era una vera e propria gara tra le brave massaie a chi le faceva più belle e naturalmente più buone, però era difficile superare quelle della pasticceria Angelini già Buranello; a nu sa suona Gluorie sensa peînse: non viene suonato il Gloria, senza che ci siano le focaccie pasquali, prov.; Etim.: dal lat. Pinsare, schiacciare, per l'azione dell'impasto e non certo per la forma, che per le più riuscite doveva risultare panciuta ed a forma di cupula;
peînse s.f.pl. - pinze, tenaglie; a quil caga minoû nu ti ga cavi gnanca cu li peînse: a quel tirchio non ottieni nulla neanche con le pinze; anduve t'iè inbuzà li peînse da litriceîsta?: dove hai imbucato le pinze da elettricista?
peînso s.m. 1. cocca, ciuffolo; a nu ma piazo doûti sti peînsi ca uò la cuotula: non mi piacciono tutte queste cocche che ha la gonna; 2. pizzetto, barbetta a forma di pizzo; 3. lobo; ara ca sa ti ta vol meti i riceîni da uoro da tu nuona, a ga vol ca ti ta faghi zbuzà i peînsi de la ricia: guarda che se vuoi metterti gli orecchini d'oro di tua nonna devi farti bucare i lobi dell'orecchia;
peîo s.m. - piglio, modo do fare; ma stà vidi cu oûn peîo ca nu ma piaz: mi sta a guardare con un piglio che non mi piace;
peîo agg. - pio, devoto, misericordioso, religioso; quila peîa duona la zeva senpro in ceza e la giudava i bazugnuzi: quella pia donna andava sempre in chiesa ed aiutava i bisognosi;
Peîo n.pr.m. - Pio;
peîpa s.f. - pipa; sa ti ga ragali oûna peîpa nu ti zbalgi mai: se gli regali una pipa non sbagli mai; oûna vuolta i marineri i fumiva la peîpa da gieso o da peracota: una volta i marinai fumavano la pipa di gesso o di terracotta. Modo di dire: ciapà peîpe: prendere dei brutti voti, delle insufficienze; òrca (uòrca) peîpa: accidenti, accipicchia, perdinci; Etim.: dal fr. Pipe, e questi dal lat. Pipa = tubicino, cannuccia;
peîpa s.f. - pentola di terracotta, però viene usata solamente per indicare un particolare modo di preparare i pesci, o meglio le sardelle: Pìso (sardièle) in peîpa: tipica specialità culinaria istriana, detta più usualmente sardièle in savùr;
Peîpa - s.n. delle famiglie Petronio e Turcinovich;
Peîpa ciuzuòta - s.n. della famiglia Sponza;
peîpa (in) loc.avv. - pesci in bianco: sa stiva in ticia, a feîle, papaleîne, sardiele e sardoni cun uoio, sal, pilvare e parsemolo, sa cuvierzo d'aqua cun drento du fuoie da lavarno, sa fa cruculà biel biel e duopo ca uò buì gize o quindaze minoûti, sa cava e sa magna el piso e sa fà el ciupeîn cul sughito: si stivano in una teglia, a file, papaline, saerdine e sardoni con olio, sale, pepe e prezzemolo, si ricopre il tutto d'acqua con dentro due foglie di lauro, si fa sobbollire ben bene e dopo che ha bollito per dieci-quindici minuti, si toglie il tutto dal fuoco e si mangia il pesce intingendo il pane nel sughetto;
peîpe s.f.pl. - parte del carro, non meglio identificata, vc. rilevata dal Segariol;
..............
peîruli s.m.pl. - pendenti, orecchini a goccia, tipici del costume tradizionale delle donne di Dignani;
peîsa s.f. - pizza; oûna ruoba a ma manchiva a Ruveîgno, la peîsa e adieso ga zì anca quila: una cosa mi mancava a Rovigno, la pizza. Ora c'è anche quella; a ma piaz ca la peîsa seîo suteîl e grustuluza: mi piace che la pizza sia sottile e croccante; Etim.: dall'it. Pizza;
Peîsa in cèza - s.n. della famiglia Malusà. Pare che tale curioso soprannome, che letteralmente vuol dire 'piscia in chiesa', nasca dal fatto che una donna Malusà che si trovava in chiesa, richiesta da una comare su cosa tenesse nella borsa, rispondesse che aveva dei pesci, il che provocò il suo stupore: Ara, pìsi in cèza. La voce sentita dalle vicine passò di bocca in bocca diventando ilben  più prosaico peîsa in cèza che passò implacabilmente a identificare l'incolpevole signora Malusà;
Peîsa par stuòrto - letteralmente piscia per storto e s.n. della famiglia Malusà;
peîsiga-coûl s.m. 1. rosa di macchia, rosa canina; 2. arbusto dalle piccole bacche bislunghe di un brillante color rosso chiaro, e dalle foglie appuntite, Berberis vulgaris; Etim.: etimo evidente;
Peîsiga-coûl - s.n. della famiglia Benussi;
peîsiga-magneîfica (a) loc.avv. 1. un pò alla volta, a poco a poco; a peîsiga-magneîfica, a sa và in malura: un pò alla volta si va in malora; 2. con comodo, prendendosela comoda; 3. il Segariol da una accezione ancora più specifica: "Dicesi di lavoro fatto a poco a poco e a malincuore"; Etim.: la locuzione dovrebbe far riferimento alla magneîfica, ovvero a tutto quello che attiene al mangiare, al vitto. Così l'espressione dovrebbe avere il significato originario di spilluzzicando, consumando a poco a poco le cibarie, le sostanze, e per estensione intaccando gradatamente le proprie sostanze. Analoghi modi di dire si riscontrano in altri dialetti dell'area veneta, come nel chioggiotto e nel dialetto del contado di Treviso, in cui come dice il Ninni ha il significato di a poco a poco;
peîsiga-muòrti s.m.inv. - becchino, beccamorto; i nu faravi el peîsiga-muorti gnanca par doûto l'uoro da stu mondo: non farei il becchino neanche per tutto l'oro di questo mondo;
Peîsiga-muòrti - s.n. della famiglia Malusà;
peîsiga-muòrto s.m. - grillotalpa;
peîsigo s.m. 1. pizzico; mama, mama! Tuoni ma dà peîsighi: mamma, Tonino mi da i pizzichi; 2. piccola quantità, cioè quella contenuta in un pizzico; ga vol nama oûn peîsico da pilvare e puoi zì bon: occorre soltanto un pizzico, un pò di pepe e poi va bene;
peîso s.m. - pizzo; la uò el peîso doûto spisà: ha il pizzo tutto liso;
peîso s.m. - piscio, urina, sia dell'uomo che degli animali; ca spoûsa da peîso ca inpesta: che puzza di urina tremenda, nauseante;
.............
pèra s.f. 1. pietra; ti son doûro cume la pera: sei duro come la pietra; cheî zì sensa pacà, ca teîro la preîma pera: chi è senza peccato, tiri la prima pietra; la giùsa zboûza la pera: la goccia buca la pietra. Modi di dire: pèra del tùco: tribunale, per l'uso risalente al tempo del dominio di Venezia, di amministrare la giustizia davanti ad una balaustra di marmo su cui si batteva il martelletto. Così l'espressione idiomatica: zeî soûn la pèra del tùco: ha il significato di verificare con la prova dei fatti, accertarsi de visu, andare ad un confronto; mal da (la) pèra: calcolosi, calcoli renali; pèra da guà: cote usata dall'arrotino per affilare le lame; 2. allume di rocca; Etim.: dal lat. Petra;
pèra còta s.f. - terracotta; oûna vuolta sa zugava cu li s'cinche da pera cota: una volta si giocava con le palline di terracotta;
pèra cùguma s.f. - pietra pomice;
pèra da bàti s.f. - treppiede su cui lavora il ciabattino e che una volta era in pietra;
pèra da fògo s.f. - pietra focaia;
pèra filuozufàle s.f. - pietra filosofale;
pèra sànta s.f. - marmo ortoclasio, pietra decorativa di color rossastro o giallognolo impiegata per lo più nella edificazione delle chiese, da cui il nome;
peracòta s.f. - terracotta;
perapumèga s.f. - pietra pomice;
perasànta s.f. - marmo ortoclasio;
...............
petàcio (de) loc.avv. - felicemente, a fagiolo;
petacùl s.m. - sciocchezza, cosa insignificante, inezia, nonnulla; preîma doûto biel, adieso zì padise e radaghi par ugni petacul: prima tutto bello ed ora son calci e liti per ogni minima cosa, per un nonnulla;
petadìso agg. - vedi patadìso;
..............
Petronio - Paolo di Piero da Pirano, 1799. Nel censimento del 1° ottobre '45 erano presenti 3 famiglie;
Petronio - Domenico fu Bortolo (Peîpa) e fu Eufemia Caenazzo, nato a Rovigno il 13 marzo 1854, morto il 24 febbraio 1924 a 70 anni nella Casa di Ricovero di Rovigno. Seguitò l'attività di barbiere nella bottega di famiglia in Piazza Matteotti, coltivando nel contempo il suo amore per la storia della città. La sua bottega era frequentata dallo storico Bernardo Benussi e dall'autore dei Lementi, Pietro Angelini, oltre da vari cultori di cose patrie, dalla cui frequentazione fu certamente stimolato a dar vita alla sua opera per noi utilissima condensata nel: "Repertorio di alcuni stemmi di famiglie rovignesi", nei "65 stemmi di alcuni podestà veneti e di famiglie nobili di Rovigno" e di vari fogli ritrovati sparsi nella Biblioteca Civica e che sono serviti ai curatori Pauletich e Radossi per il loro saggio: "Stemmi dei podestà e di famiglie notabili di Rovigno", che assieme all'analoga raccolta del Natorre, di cui ci è rimasto un solo libro, restano fondamentale per l'araldica rovignese. Oltre ai disegni degli stemmi, il Petronio, ci ha lasciato un prospetto del palazzo pretorio dopo le modifiche del 1822, un disegno dell'arco di Balbi (Porton de la Pescheria Vecchia), il disegno avanti-retro del Porton del Ponte (non più esistente) con la famosa scritta LO REPOSSO DEI DESERTI posta al di sotto di un leone veneto, della Porta di Valdibora ecc.
pià s.m.f.inv. - formula di cortesia, usata per lo più verso le persone anziane o di riguardo; chi femo pià?: che facciamo signore? Modi di dire: bon pià: interiezione nel discorso, più o meno come l'italiano sissignore, va bene (signore), ecc.; bon pià, i femo cume ca dizì vui: va
bene, facciamo come dite voi; Etim.: forse dal lat. Pius, buono, amorevole;
piàdana s.f. - terrina, insalatiera, zuppiera; la viva miso in tuola oûna piadana cariga da freîtule, e quii muorti da fan, sa la uò papulada doûta in oûn fià: aveva messo una terrina piena zeppa di frittelle in tavola, e quei morti di fame, se le sono sbafate tutte in un attimo; Etim.: dal lat. med. Pladena, gr. Plathanon, scodella;
piàga s.f. 1. piaga, ferita aperta; el midago piaruz fà la piaga virminuza: il medico pietosa fa andare la piaga in suppurazione; 2. (fig) piaga, disastro, afflizione; la dizucupasion zì la piaga del sieculo: la disoccupazione è la piaga del secolo; 3. (fig) persona noiosa, fastidiosa, che annoia o scoccia in continuazione; ca piaga ca ti son, senpro soûn el stiso masal: che scocciatore sei... sempre a battere sul medesimo argomento; Etim.: dal lat. Plaga, ferita, colpo;
piagà agg. (f. -ada) - piagato, ricoperto di ferite; soûn da caminà iè i peîe piagadi: a furia di camminare ho i piedi piagati;
piagà v.tr. (i pìgo) - piegare, ripiegare; el nu piga i zanuci gnanca in ceza: non piega le ginocchia neanche in chiesa; giùdime a piagà i ninsioi: aiutami a ripiegare le lenzuola; Etim.: dal lat. Plicare;
piaghìta s.f. - persona che si lamenta spesso, persona noiosa e fastidiosa;
piaghìvulo agg. - pieghevole; ga vularavo oûn lieto piaghivulo: ci vorrebbe un letto pieghevole;
piagnistieî s.m.pl. - piagnistei, continui lamenti;
piàio s.f. - costa marina scoscesa, terreno in pendio. Modi di dire: piàio veîa: andare costeggiando, bordeggiare; i lu iè incuntrà ch'el zeva piaio veîa cun la suova batanola: l'ho incontrato mentre bordeggiava con la sua barchetta; Etim.: dal lat. Plagius;
Piàio top. - località nel Canal di Leme, coperta da folti boschi;
Piàio da Val da Pabuòre top. - tratto della costa sud, poco prima del Canal di Leme;
Piàio de la Val da Lìso top. - tratto di costa in pendio posta tra la valle omonima ed il Valistreîn da Barbareîga;
Piàio de li Mucièle top. - fondale sabbioso che corre lungo la costa davanti alla Val da Gusteîgna;
piamòn s.m. - polmone; i nu son el gato ca ga piazo el piamon, a meî dame i pisi ruosti: non sono il gatto che gli piace il polmone, a me dammi i pesci arrosti; Etim.: da il lat. Pulmonem;
piamuntìz agg. e s.m. - piemontese;
piàn agg. e avv. 1. piano, adagio, lento, con cautela; cheî ca và pian, và san e và luntan: chi va piano, va sano e va lontano, prov.; cheî và pian và san, cheî và fuorto và a la muorto: chi va piano va sano, chi va forte va alla morte, prov.; pian pianeîn i rivariè anca meî: piano piano arriverò anch'io; 2. piano, delicatamente, con attenzione, con cautela; pian fardai, ca la s'ciupa: calma ragazzi, che è la partita decisiva; pian cun quii fieri: attenzione con quei ferri; fì pian ca zì ruoba dalicata: fate piano che è roba delicata, fragile; 3. piano, liscio, uniforme; ga vularavo truvà oûn taren pian: bisognerebbe trovare un terreno liscio, senza dislivelli; 4. con voce bassa, sommessamente; favalì pian ca vostro pare duormo: parte a bassa voce che vostro padre sta dormendo; el ga favaliva a pian, feîto feîto, i uoci int'ui uoci: gli parlava piano, a bassa voce, fitto fitto, occhi negli occhi; a ga vol cantà pian, cu oûn feîl da boûz: bisogna cantar piano, con un filo di voce; Etim.: dal lat. Planus;
piàn s.m. 1. piano, strategia; biegna inpansase oûn pian par pudì zavaià quila puiana da sa Bieta: bisogna studiare un piano per poter imbrogliare quella furbona della commare Elisabetta; 2. pianoforte, piano; ma sor la uò stugià el pian da peîcia: mia sorella da piccola ha studiato il pianoforte; 3. piano delle scale di un palazzo; el stiva al quarto pian: abitava al quarto piano; 4. pianura, piano, distesa, superfice piana; luoda el monto e tente al pian: loda la montagna ma rimani in pianura, prov.; 5. slargo, piazzetta; in pian da Miluosa ga zì el circulo da i taliani: nella piazzetta di Milossa c'è il circolo degli italiani; Etim.: dal lat. Planum;
Piàn da Cavasòla top. - località nei pressi di Paloû;
Piàn da Miluòsa top. - piazzetta all'inizio di Pian dei Fràvi, deve il nome alla famiglia Milossa;
Piàn da Pùso top. - piazzetta sita nella contrada omonima, ove una volta vi era per l'appunto il pozzo dell'acqua mista;
Piàn da Veîa top. - nei pressi della località Calchièra, alla fine di una salita, dal cui piazzale si dipartono tre vie;
Piàn dei Fiùri top. - località nei pressi di San Tumàz, sito assai riparato, adatto alla fioritura prematura;
Piàn dei Fràvi top. - in realtà trattasi di una via e non di un piazzale, il suo nome lo deve probabilmente al fatto che vi erano delle botteghe di fabbri;
Piàn dei Spònza top. - piazzetta che deve il nome dal cognome della omonima famiglia;
Piàn del Foûrno top. - piazzetta presso la Piaseîta del Teîbio, vi era uno dei forni comunali;
Piàn del Làco top. - piazzale difronte alla Manifattura Tabacchi, vicino all'antica chiesetta della SS. Trinità, ove una volta vi era un laghetto, che venne però interraro nel 1862 a seguito di un'opera di bonifica;
piàn (a) piàn loc.avv. - piano piano, lentamente, con calma, un pò alla volta;
piàn pianeîn loc.avv. - pian pianino, lentamente, lemme lemme;
piàna s.f. 1. pietra squadrata larga e lunga; 2. piana; Etim.: dal lat. Plana;
piandeldiàvo s.m. - piccolo granchietto;
Piàne Leîse top. - sito tra i Bàgni Nùvi e la Val di Lòne, ove vi era un tratto della costa che aveva in bassissima acqua delle grandi lastre naturali di pietra perfettamente levigata, su cui la muradòla ruvignìza si divertiva a far capitomboli. Purtroppo l'amministrazione slava continuando nella sua opera di distruzione delle bellezze naturali di Rovigno, con un malriposto senso turistico, ha provveduto a spianarle del tutto con colate di cemento, così come del resto ha fatto per altri tratti di costa rocciosa, così da renderle adatte affinchè i maturi bagnanti, in particolare tedeschi, possano facilmente prendere il sole o entrare in acqua senza farsi male ai piedi. E' inutile dire con che esito paesaggistico;
...........
piantà v.tr. (i piànto) 1. piantare. 2. lasciare, abbandonare; ti la pianti o nò!: la fai finita o no!; Etim.: da il lat. Plantare, da Planta, che in origine aveva il significato di pianta del piede, ed in seguito quello di virgulto, perchè calcando con la pianta del piede venivano piantati gli ortaggi;
piantàda s.f. - vigneto assai esteso, grande piantagione di viti;
piantagràsa s.f. - pianta grassa in generela e cactus in particolare; li piantegrase ciù puoca aqua: le piante grassa prendono poca
acqua;
........
piànto s.m. - pianto; ti siè cumo ca sa deîz... el pianto rendo, e gila stu pruvierbo la lu sà mondo ben parchide la zì maiestra da
piurà el muorto par ciavà el veîvo: lo sai come si dice... il pianto rende, e lei questo proverbio lo conosce molto bene, perchè è una
maetra nel piangere il morto per fregare il vivo; el pianto froûta: il pianto frutta, prov.; nu fà el pianto: non fare il pianto, non lamentarti contnuamente; duopo el pianto ven el reîdi, duopo el reîdi ven el pianto: dopo il pianto viene il ridere e dopo il ridere viene il pianto, prov.; Etim.: dal lat. Planctus;
piantòn s.m. - piantone;
piantoûso s.m. - piantino, pianterello, piagnucolamente; la uò fato oûn piantoûso ma ga uò pasà priesto: ha fatto un pianterello, ma le è passato presto;
pianufuòrte s.m. - pianoforte; quila grandasona sa uò cunprà oûn pianufuorte cun la cuda ca gnanca la sà sunalo: quella lì pur di apparire s'è comprata un pianoforte con la coda che neanche sa suonare;
............
pianzuòto s.m. - piagnucolone;
piaròn s.m. - grosso mattone; Etim.: da pèra;
piàsa s.f. - piazza; la piasa gira ful cariga da zento ca nu sa pudiva gnanca movi: la piazza era piena zeppa di gente tanto che non ci si poteva neanche muovere; nu ga vol meti doûto in piasa: non bisogna mettere tutto in piazza; doûto in piasa e gninte a caza: tutto in piazza e niente a casa, proverbio che stigmatizza chi per l'apparenza trascura il necessario;
piasà v.tr. (i piàso) 1. piazzare; 2. rifilare;
Piàsa de li gèrbe top. - si estende sul luogo ove una volta vi era il fosso che separava la parte vecchia di Rovigno, dalla parte nuova. Per questo era chiamato Fuoso, od anche, erroneamente, Ponto;
Piàsa de li lìgne top. - formata anch'essa dall'interramento del fosso che separava il porto di S. Caterina a quello di Val di Bora. Venne adibita ad area di mercato, sopra tutto per il legname, da qui il nome;
Piàsa del Puòrto top. - la piazza antistante il porto principale di Rovigno detta anche Reîva, ambedue le denominazioni sono antiche;
Piàsa del Taiàtro top. - chiaramente è la piazza del teatro di Rovigno, un tempo chiamato "Rubineo" o "Arupineo" ed adibito a centro polifunzionale, in seguito adibito a teatro che venne intitolato in onore del nostro concittadino e famoso attore di teatro e di cinema, "Teatro Gandusio";
Piàsa Grànda top. - era la piazza maggiore del Castello, da qui si dipartivano le vie un tempo considerate principali e che quindi costituivono il 'quartiere di lusso'. Nella Piazza si faceva un tempo mercato di tutte le merci, escluso il pesce. Anche se era chiamata grande in pratica era una piccola piazzetta, che però tra le stretti calli di Monto era... grànda. Durante il periodo del Regno d'Italia la sua denominazione ufficiale era stata modificata però in Piazza Venezia, anche se per i rovignesi rimaneva sempre in vigore l'antica denominazione. Da essa si dipartono calle Garzuòto e calle Cruzèra, ed il primo tratto della Greîzia. Nella piazzetta si trovava l'antica farmacia "Sant'Eufemia", e vi si affacciano delle tipiche case di stampo veneto con finestre contornate da eleganti bifore e l'albergo "Porta Antica", ed il vecchio arsenale del periodo veneto, oltre alla stretta andona che conduceva all'osteria Tri Puòrte;
Piàsa Sant'Antuògno da Padùa top. - ora considerata via, dacchè la chiesetta costruita nel 1654, come ex-voto in onore al Santo, ed una volta ubicata in mezzo alla piazza, fu abbattutta nei primi anni del '900.
piasàda s.f. - piazzata, chiassata, scenata; el uò fato oûna piasada ca ma uò fato vargugnà par loû: ha fatto una piazzaata che mi ha fatto vergognare per lui;
piasàl s.f. - piazzale, piazza; sierti sà veîvi soûn oûna ponta d'ago, e sierti nu sà veîvi manco s'oûn piasal: alcuni sanno vivere su di una punta d'ago, ed altri neanche su in una piazzale, prov.;
Piasàl de la SS. Tarnità top. - piazza che deve il nome alla omonima chiesetta di pianta eptagonale;
Piasàl dei Custanteîni top. - piazzetta che deve il nome all'importante famiglia Costantini poi de Costantini;
Piasàl del Gièto top. - piazzetta esistente attualmente solo in parte sita in Cal da Parènso, ove un tempo risiedevano delle famiglie ebree, quindi l'etimologia proviene chiaramente dalla voce veneziana Ghetto, che in tutto il mondo è stata usata per identificare la sede riservata agli ebrei. Però dall'Angelini abbiamo anche una diversa etimologia, che fa risalire il termine rovignese Gìto, cioè Egitto, dato che ci dice che tale famiglie ebree provenivano da tale paese;
Piasal San Ninculuò top. - presso il mare, nelle vicinanze dell'ex Cine Roma, poi Kine Beograd, ivi si trova la chiesetta dedicata allo omonimo santo edificata nel 1364, ed in seguito ricostruita nel 1860 a spese dei marinai rovignesi, di cui è il patrono;
piasalìto s.m. - piazzetta, piccola piazza; a vidi la la Piasa Vaniesa da Ruma, la nostra anche sa la sa ciama cunpagna, e nui in pioûn i la ciamiendi Piasa Granda, la zì nama oûn piasalito: a veder la Piazza Venezia di Roma, la nostra anche se si chiama nello stesso modo, e noi in più la chiamiamo Piazza Grande, è soltanto una piazzetta;
piasaròl s.m. (pl. -òi) - chi sta sempre in piazza;
............
piasìta s.f. - piazzetta;
Piasìta del Pònto top. - tratto di strada che congiunge la Piasìta da li ligne a quella de li gerbe, la via corre su quello che un tempo era il canale che separava, l'isola dalla terraferma, detto anche Fuoso. Sopra il fossato c'era il ponte levatoio, sostituito poi da uno in pietra, detto il Porton del Ponto, 1650. L'interramento del canale avvenne, nel 1763, in tempi relativamente più tranquilli;
Piasìta del Teîbio top. - un tempo piazza principale, fu il primo luogo di pubblica adunanza del popolo rovignese. In seguito venne detta anche Pian del Foûrno; Etim.: dal lat. Trivium = trivio, infatti alla piazzetta omonima fanno capo tre vie: Cruziera, Muntalban e Trevizol;
Piasìta da Sant'Antuogno Abato top. - dalla piazzetta si dipartono le vie San Zuàne e San Franseîsco. Ivi naturalmente sorgeva l'omonima chiesa, detta detta anche di Sant'Antuogno dei Sapadoûri, dato che era sede dell'omonima confraternita. Venne demolita nel 1951, perchè oramai fatiscente;
............
piateîna s.f. 1. fettuccia, piattina; 2. ripiegatura, orlo della veste, in particolare orlo delle gonne;
piàto s.m. 1. piatto; in quil piato ca ti spoûdi, ti iè grasia da magnà: in quel piatto in cui sputi, hai la grazia di mangiare, proverbio simile all'altro: a nun sa dievo spudà intul piato ca sa magna: non si deve sputare nel piatto in cui si mangia; a zì el sagondo piato ca la ronpo: è il secondo piatto che rompe; chi ti favieli cume i s'ciavoni ca ti deîzi 'pien piato' inveîso ca piato pien: che parli come i contadini slavi dell'interno che dicono 'pien piatto' invece di piatto pieno. Fondamentalmente si distinguono due tipi di piatto: piàto leîso: piatto liscio; piàto fòndo: piatto fondo; 2. oggetto piatto e circolare; el piato del gramuòfano: il piatto del grammofano; 3. piatto, uno dei due elementi
che compongo lo strumento musicale dei piatti e quindi per lo più usato al plurale; el sona i piati dai saliziani: suona i piatti dai salesiani;  nama ca i piati el pol sunà!: può suonare solamente i piatti! 4. bacino su cui girano le ruote del torchio; Etim.: dal lat. Plattus, gr. Platys;
piàto agg. - piatto; la uò li neîne piate, la zì ancura masa murieda: ha il seno piatto, è ancora troppo giovane; da sti bande li barche li uò el fondo piato: da queste parti le barche hanno il fondo piatto; Etim.: dal lat. pop. Plattus, gr. Platys = largo, piano;
Piàtola - s.n. della famiglia Veggian;
piatòn s.m. - accr. di piàto ed indica una grossa quantità di cibo; el uò sbafà oûn piaton da moûsuli: si è pappato un piattone, una
enorme quantità, di molluschi di mare;
piàtula s.f. 1. piattola, pidocchio che alligna tra i peli pubici; 2. (fig) rompiscatole, scocciatore, persona noiosa ed insistente; Etim.: da Blatta, forse incrociato con piàto;
Piàtulo - s.n. della famiglia Sponza e Veggian;
piatulùz agg. - pieno di piattole, infestato da piattole; usato anche come epiteto offensivo;
piavulareîa s.f. - stupidaggine, sciocchezza, starmberia; ara sa ti ga daghi bado a li suove piavulareîe!: beh, se dai retta alle sue sciocchezze!; Etim.: dal venez. Piavola, il manichino che si esponeva nelle vetrine per illustrare gli ultimi gridi della moda;
piàzi v.intr. (i piàzo; p.p. piàso-piazìsto) - piacere; a ma piazaravo iesi oun siur par pudì fà la veîta da Michelaso: mi piacerebbe essere ricco per poter fare la vita del perdigiorno; la ma uò soûbato piazisto: mi è subito piaciuta; t'uò piaso? dieso paga el conto: t'è piaciuto? ora paga il conto; a ga piaz masa lusà: gli piace troppo ostentare la ricchezza; Etim.: dal lat. Placere = star bene;
...........
pichièlo s.m. - forca, patibolo su cui venivano impiccati i condannati a morte;
pichineîn agg. - piccolino, minuto, gracile; doûte li cuoze pichineîne son biele: tutte le cose piccoline son belle, prov. vedi anche la seguente strofa di un canto popolare:
 

I canto, i canto e i nu son cantareîna, 
L'amur zì grando e meî son pichineîna; 
E s'i son pichineîna, i crissarò
S'i nu siè fà l'amur, l'inpararò.

Io canto, canto e non sono canterina, 
L'amore è grande ed io son piccolina; 
E se son piccolina, crescerò, 
Se non so far l'amore, l'imparerò.

pichìto s.m. 1. piolo, picchetto; 2. gioco d'azzardo fatto con le carte;
pichìto s.m. - picchetto, piccolo reparto militare; a gira oûn pichìto da vardia: vi era un picchetto di guardia; Etim.: dal fr. Piquet;
Piciàri - s.n. della famiglia Benussi;
Piciarièlo - s.n. della famiglia Persich;
picinareîa s.f. - piccineria, meschineria, sciocchezza, quisquilia, cosa da nulla;
picineîn agg. e agg.sost. 1. piccolino, minuto, gracile; la viva li man picineîne: aveva le mani piccoline, minute; 2. bambino, piccino; stu picineîn uò pioûn giudeîsio da quil tatuoso: questo bambino ha più giudizio di quello lì grande e frescone. Riporto qui la filastrocca dell'uomo piccolino:  

              El zì tanto picineîn 
              Ch'el salteîna e 'l zbuleîna, 
              Su li ale del musculeîn. 
              Rapitoûn-tun-tiela, 
              Rapitoûn-tun-tà. 
                Cun oûna scuorsa da nuziela, 
                El s'uò fato oûna capiela 
                E cun quil ca uò vansà, 
                El s'uò fato oûna scudiela. 
                Rapitoûn-tun-tiela, 
                Rapitoûn-tun-tà. 
              Cun dù suoldi da calseîna, 
              L'uò piturà canbara e cuzeîna, 
              E cun quil ca gh'uò vansà 
              Piturà el uò el sufà. 
              Rapitoûn-tun-tiela, 
              Rapitoûn-tun-tà. 
                Cun oûn garniel da furmanton, 
                El fa el pan par doûto el tenpo, 
                E cun quil ca gh'uò vansà, 
                El s'uò fato oûn busulà. 
                Rapitoûn-tun-tiela, 
                Rapitoûn-tun-tà. 
              Cun oûn pan da sento grami, 
              El zì bon par sento ani, 
              E cun quil ca gh'uò rastà 
              El uò fato carità. 
              Rapitoûn-tun-tiela, 
              Rapitoûn-tun-tà. 
                El zì tanto picineîn 
                Ch'el salteîna e 'l zbuleîna, 
                Su li ale del musculeîn, 
                Rapitoûn-tun-tiela, 
                Rapitoûn-tun-tà.

               E' tanto piccolino 
              Che saltella e svolazza, 
              Sulle ali del moscerino. 
              Rapitun-tun-tella, 
              Rapitun-tun-tà. 
                Con una scorza di nocella, 
                Si è costruito una cappella 
                E con quello che gli è avanzato, 
                Si è costruito una scodella. 
                Rapitun-tun-tella, 
                Rapitun-tun-tà. 
              Con due soldi di calcina, 
              Ha pitturato camera e cucina, 
              E con quello che gli è avanzato 
              Pitturato ha il sofà. 
              Rapitun-tun-tella, 
              Rapitun-tun-tà. 
                Con un chicco di granturco, 
                Fa il pane per tutto il tempo, 
                E con quello che gli è avanzato, 
                Si è fatto una ciambellina. 
                Rapitun-tun-tella, 
                Rapitun-tun-tà. 
              Con un pane di cento grammi, 
              Sta a posto per cento anni, 
              E con quello che gli è rimane, 
              Fa anche la carità. 
              Rapitun-tun-tella, 
              Rapitun-tun-tà. 
                E' tanto piccolino 
                Che saltella e svolazza, 
                Sulle ali del moscerino. 
                Rapitun-tun-tella, 
                Rapitun-tun-tà.

Picineîna - s.n. della famiglia Rocco;
piciòn s.m. 1. piccione. Modo di dire: mièzo piciòn: mezza tacca, persona minghirlina, dal fisico insignificante; 2. genericamente si chiamano così tutti gli uccelli che sono nel nido;
Piciòn - s.n. della famiglia Budicin;
Piciòna - s.n. della famiglia Budicin;
Piciuòda - s.n. delle famiglie Benussi e Diamadi;
Pìcolo (el) s.m. - "Il Piccolo", il quotidiano di Trieste; vinde senpro oûna cume el Picolo: averne sempre una nuova come "Il Piccolo", frase proverbiale;
picòn s.m. - piccone;
piculà v.tr. (i piculìo) - pendere, penzolare, calar giù; ca narvuz ca ma fà li calse ca piculìa: che nervoso che mi fanno le calze che calano, che non stanno sù;
piculàse v.rifl. (i ma piculìo) - calarsi, lasciarsi penzolare; i sa piculìa dal barcon sensa fàse vidi: si calano dalla finestra senza farsi vedere;
piculìsa s.f. - piccolezza, inezia, nonnulla; quante stuorie par oûna piculisa: quante storia per un nonnulla;
piculòn (a) loc.avv. - a pendolone, a penzoloni, ciondoloni;
piculoûme s.m. - piccolezze, quisquiglie; ma oûrta sti piculoûmi: tali piccolezze mi danno fastidio;
picunà v.tr. e intr. (i picunìo) - picconare, lavorare col piccone, prendere qualcuno a picconate;
picunàda s.f. - picconata;
pideîn s.m. 1. seme di carrubo, il dolce baccello che si mangia secco; 2. baiocco, soldino di poco valore;
pideîn s.m. - pustoletta della pella; Etim.: dal lat. Impediginem;
pideîna s.f. 1. pedina del gioco della dama; 2. (fig) persona che non conta nulla, che è manovrata da altri; Etim.: dall'it.;
pidimeîa s.f. - epidemia; Etim.: dal gr. Epidemia;
pidinà v.tr. (i pidinìo) - pedinare;
pidinàso s.m. - eruzione cutanea del viso; Etim.: da pideîn;
pidiseîn s.m. - pedatina, calcetto; e meî ch'i giro là, cun oûn pidiseîn i m'uò butà qua: ed io che ero là con una pedatina mi hanno
buttato qua. (tipica chiusura delle fiaba);
pidistàl s.m. (pl. -ai) - piedistallo;
pièca s.f. - pecca, difetto; ugnidoûn uò li suove pièche: ognuno ha i suoi difetti;
piècia s.f. 1. straccio, indumento vecchio; 2. rete sbrindellata, mal ridotta; a na zì rastà quatro piece in mar: ci sono restate quattro reti sbrindellate in mare; Etim.: dal lat. med. Petia;
piedeîn s.m. - piedino; sensa movi oûn piedeîn: senza alcuno sforzo;
Piedìcio - s.n. della famiglia Pedicchio;
piègura s.f. - vedi pègura;
pièl s.f. (pl. pièle) 1. pelle; mal da piele, saloûte da budiele: o anche mal da piele salva li budièle: mal di pelle, salute delle budelle o salva le budelle, prov.; i iè la piel doûta ruvinada: ho la pelle tutta rovinata. A seconda del tipo le principali pelli in uso sono quelle di: caprìto, vadièl, camuòsio, cucudreîlo, lizièrta, vachìta, sarpento. 2. (fig) persona scaltra, furbacchione; el zì oûna piel: è un furbacchione; Etim.: dal lat. Pellis;
pièl da gàta s.f. 1. pelle di gattuccio, impiegata una volta per levigare il legno, ora sostituita con la più moderna carta vetrata; 2. (fig) persona poco affidabile;
pièl da puorco s.f. - cotenna;
pièl da uòca s.f. - pelle d'oca; a ma ven la piel da uoca nama a sinteî sierte ruobe: mi viene la pelle d'oca soltanto a sentire certe cose;
............
pièr s.m. - paio; el viva oûn pier da guanti bianchi: aveva un paio di guanti bianchi; t'iè da inprastame oûn pier da ciuodi?: hai da prestarmi un paio di chiodi; Etim.: dal lat. Paria = paia, pl. di Par-Paris = pari, uguale. Quindi col significato di due cose uguali;
pièr (a la) loc.av. - alla pari;
..........
pièrdi v.tr. (i pierdo) - perdere, smarrire; cheî uò tenpo, nu pierdo tenpo: chi ha tempo non perda tempo, prov.; pierdi la fareîna e rastà cu la simula: perdere la farina e rimanere con la semola, cioè perdere il meglio e restare con gli scarti, prov.; el ben nu sa cugnuso sa no quando ch'el sa pierdo: il bene lo si conosce, lo si apprezza, solamente quando si perde, prov.; nu i vi pagoûra, nu la sa pierdo: non aver paura, non si perde, sa come arrangiarsi; a zì meo pierdalo ca truvàlo: è meglio perderlo, che trovarlo; in stu mondo a zì cheî ca veînso e cheî ca pierdo: in questo mondo c'è chi vince e chi perde. Modi di dire: pièrdi el cànto cume el coûco: scoraggiarsi, azzittirsi, avvilirsi; pièrdi el cùlpo: perdere l'occasione buona; pièrdi la cocoûcia: perdere la vita, morire banalmente, così come pièrdi el capoûso; pièrdi la rìcia: perder la memoria, essere sconvolto; pièrdi la vuòlta: perdere il turno; Etim.: dal lat. Perdere = mandare in rovina, consumare;
pierdisiòn s.f. - perdizione; fà, fà poûr cuseîo ca ti zariè in pierdision: fai, fau pur così che fonirai nella perdizione (eterna);
pièrdita s.f. - perdita; ca pierdita ca zì stà par nui doûti: che perdita è stata per tutti noi; i nu son nà in veînsita nà in pierdita: non sono nè in vincita, nè in perdita; li pierdite uò suparà el vadagno: le perdite hanno superato il guadagno; la buto uò oûna pierdita: la botte ha una perdita;
pièrfido agg. - perfido; quil malagnazo da viecio zì pierfido cume el giavo: quel vecchiaccio maledetto è perfido come il demonio:
pièrga s.f. - sciarrano, pesce appartenente all'ordine dei Perciformi, Serranus scriba. Ha il corpo ovale col dorso più arcuato del ventre. La bocca è grande con la mandibola più pronunciata della mascella. Il colore del dorso è azzurro-giallastro o roso mattone, sui fianchi
è grigio biancastro mentre il ventre è violaceo. Inoltre sui fianchi presenta 5-7 fasce verticali di color brunonerastro con sfumature ciclamine. La testa presenta una intensa coloratura che su un fondo giallo-rossiccio intersecata di linee azzurre, violacee egiallo-arancio.
oltre a punteggiature rossastre. Raggiunge i 25 cm. di lunghezza. Le sue carni sono ottime soprattutto per la preparazione del brudìto; Etim.: dal lat. Perca;
pièrgolo s.m. - balcone, pergolo, poggiolo, terrazzino; prapara la tuola soûn el piergolo ca ancui zì biel: prepara la tavola sul terrazzino che oggi è bel tempo; Etim.: dal lat. Pergamum = pulpito, dal gr. Pergamon = rocca, altura;
piergùla s.f. 1. pergola; zuta la piergula sa stà biel al frisco: sotto la pergola si sta belli al fresco; 2. graticciata di pali a foggia di volta sopra la quale si mondano le viti;
piergulàto s.m. - pergolato; zuta el piergulato sa ciapa oûn può da frisco e sa fà du ciacule: sotto il pergolato si prende un pò di fresco e si fanno due chiacchiere;
Piergulìta top. - denominazione del faro al largo di Punta Promontore, situato sull'isola Porer;
pièrla s.f. 1. perla; ma nuona la veîva oûn biel feîl da pierle: mia nonna aveva un bel filo di perle; 2. (fig) errore clamoroso, caso per antonomasia; stà scultà staltra pierla da li suove: stai ad ascoltare un'altra delle sue, un'altro dei suoi tipici guai, errori; 3. persona da prendere d'esempio; el zì oûna pierla da zuvano: è un bravo ragazzo; 4. per antifrastica, tipaccio, poco di buono, furbone; anca loû zì oûna biela pierla: anche lui è un bel tipaccio; Etim.: dal lat. Pernula, dim. di Perna;
pierleîna s.f. - perlina;
pièrno s.m. 1. perno, fulcro; 2. (fig.) caporione, il capo gruppo di una combriccola di amici o di una banda, cioè che ne è il fulcro; Etim.: da Pernus, a sua volta da Perna, gamba;
Piero c'è - s.n. della famiglia Ghira. Il soprannome fu affibbiato ad un personaggio della famiglia Ghira di nome Pietro, proprietario
di un negozio di stoffe, dato che alle domande dei clienti che chiedevano se avesse quella determinata tipo di stoffa rispondeva invariabilmente: "C'è";
pièrsaga s.f. - pesca, persica, il gustoso frutto del pesco; a ma nuono ga piaziva mondo li piersaghe intul veîn: a mio nonno piacevono molto le pesche nel vino; ca piersaga suguza!: che pesca succosa!;  Etim.: dal lat. Persica malus, mela della Persia;
pièrsago s.m. - pesco, Prunus persica. Albero da frutto delle rosacee dai fiori rosa che compaiono prima delle foglie. Fiorisce dopo il mandorlo; Etim.: dal lat. Persicus, relativo alla Persia;
pièrsago agg. - persico, golfo o mar persico; nel Guolfo piersago nu manca patruolgio: nel Golfo Persico il petrolio non manca; Etim.:dal lat. Persicus, relativo alla Persia;
..........
piestàrna s.f. - bambinaia; Etim.: attraverso il triestino, dallo sloveno Pèsterna, stesso significato;
pièste s.f. 1. peste, la tremenda malattia epidemica che tanti lutti portò in Istria e a Rovigno spopolandone gli originari abitanti. A Rovigno vi furono varie epidemie a partire da quella del 1343, seguita da quella ancora più funesta del 1384. Dal XIV al XVI secolo si ebbero ben ventisei ondate epidemiche. Un'ulteriore recrudescenza della terribile malattia si ebbe nel 1468, Rovigno scampò miracolosamente la terribile peste che imperversò in Istria nel 1630, spopolandola, per cui fu una delle poche città istriane che in quel periodo ebbe un incremento di popolazione; 2. (fig) peperino, persona tremenda, dal carattere difficile, pestifera; la zì oûna vira pieste, ningoûn uò vì da fà coûn gila: è veramente una persona pestifera, nessuno vuol aver a che fare con lei;
Pièste - s.n. della famiglia Benussi;
piestilènsa s.f. 1. pestilenza; 2. odore pestifero; ca piestilensa, chi l'uò mulada?: che tanfo, chi l'ha fatta?;
piestràna s.f. - vedi piestàrna;
pièta s.f. - orlo, piega, rimboccatura; ara ca t'iè la pieta dascuzida: guarda che l'orlo scucito; Etim.: dal lat. Plicta dal verbo Plicare = piegare;
Pièta bàve - s.n. della famiglia Malusà;
Pièta da beîo - s.n. delle famiglie Venier e Rocco;
Pièta l'uocio - s.n. della famiglia Grabelli;
pietabràna s.f. - impicciona, pettegola, attaccabrighe. A questa tipica figura del panorama femminile rovignese, Francesco Tromba ha
dedicata questa gustosa poesia:
 

Li pietabrane

               Santade, da fora del purton 
            li cunsumiva li banchiele, 
            e feîn ca lu parmativa la stagion 
            li missiva el dulso c'oûn el "fiele". 
               A gira oûn peîcio parlamento 
            par tirazù de la cuntrada; 
            e, sa nun piuviva o fiva vento 
            li stiva a ciaculà par strada. 
               Cheî rapassiva dui ruobe 
            o a fieri sa fiva li calse, 
            cheî scamiva li buobe 
            e ai gati ga diva li panse. 
               Da doûti li saviva doûto: 
            ste viecie pietabrane, 
            da Piassagranda a Monto 
            dal Pian da Miluossa a Sanzuvane. 
               Gninte, passiva par la cal 
            ca quii uoci nun vadisso, 
            li cuntruliva uogni viecio bucal 
            par deîla c'oûn stupideîsso. 
               Da ste custumanse pioûn nun rigna 
            ca l'afieto del ricuordo, 
            ca qualchedoûn da nui sa signa 
            par fà ca i fioi nun scuordo.


Le pettegole

               Sedute, fuori dal portone 
            consumavano le panche, 
            e sino che lo consentiva la stagione 
            mescolavano il dolce con il "fiele". 
               Era un piccolo parlamento 
            che coinvolgeva tutta la contrada; 
            e, se non pioveva o tirava vento 
            stavano a chiacchierare per strada. 
               Chi rappezzava gli abiti 
            o con i ferri faceva la calza, 
            chi squamava le boghe 
            ed ai gatti gettava le pance. 
               Di tutti sapevano tutto: 
            queste vecchie pettegole, 
            da Piazza Grande a Monte 
            dal Pian di Milossa a San Giovanni. 
               Nulla, succedeva per la calle 
            che quegli occhi non vedessero, 
            controllavano ogni vecchio pitale 
            per dirla con una sciocchezza. 
               Di questi usi più non rimane 
            che un ricordo affettuoso, 
            che qualcuno di noi si segna 
            per far sì che i figli non dimentichino.

Pietagàla - s.n. della famiglia Massarotto;
pietamalebòne s.f.pl. - letteralmente dagliele buone, dagliele per bene. Immaginaria medicina che si mandava a chiedere in farmacia, per burla, agli sciocchi: i l'uò mandà in spisiareîa a ciù du suoldi da pietamalebone: lo hanno mandato in farmacia a prendere due soldi di "Dammele-per-bene";
Piètana puòrchi - s.n. della famiglia Grabelli;
piètano s.m. 1. pettine; el pietano nu s'inpriesta mai: il pettine non si presta mai. Modo di dire: fà piètano: nel gioco delle carte, vincere lasciando gli avversari a zero punti. 2. favo delle api; 3. (mar) incrostazioni che si formano sull'ancora od altri oggetti sottoposti per lungo tempo all'immersione in mare; Etim.: dal lat.Pecten-pectinis, da Pectere = pettinare;
pièzo avv. - peggio; piezo el tacon ch'el boûz: è peggio il rammendo che il buco, prov.; cumo ti vol ca la vago... la và senpro piezo!: e
come vuoi che vada... va sempre peggio!; soûn scuminsiemo a magnà, e tanto piezo par chi reîva tardi: su, iniziamo a mangiare, e tanto peggio per chi arriva tardi;
pièzo agg. comp. - peggio, peggiore; ti son piezo de i fioi peîci: sei peggio dei bambini piccoli; par meî zì la piezo ruoba: per me è la cosa peggiore; ti deîghi mal da loû, ma ti ti son piezo da doûti: parli male di lui, ma tu sei il peggiore di tutti; Etim.: dal lat. Peius, da Peior-peioris = peggiore;
piezo (el) agg.sost. - il peggio, la cosa peggiore, il peggiore; el piezo nu zì mai muorto: il peggio non è mai morto, prov.; el piezo manca vigneî: ed il peggio, le cose peggiori, devono ancora venire;
Pifaneîa s.f. - Epifania; Pifaneîa, doûte li feste la puorta veîa, opoûr la Pifaneîa, doûte li feste la scova veîa: Epifania tutte le feste porta via oppure tutte le feste spazza via; Etim.: dal greco latinizzato Epiphania;
..........
pignàta s.f. - pentola, pignatta generalmente con due manici; a ma piazaravo savì quil ca buio in pignata: mi piacerebbe sapere quel che
bolle in pentola; ara ca sul fogo zì oûna pignata da manastron: guarda che sul fuoco c'è una pentola di minestrone; la sa dà da fà cume i
fazuoi in pignata: si da da fare come i fagioli in pentola, cioè senza un attimo di tregua, prov.; Etim.: dal lat. (Olla) Pineata = pentola
con il coperchio avente la presa a forma di pigna;
Pignàta - s.n. della famiglia Sbisà;
pignatièl s.m. (pl. -ai) - pentolino;
pignatièla s.g. - pentolina;
Pignatièla - s.n. della famiglia Sponza;
pignàto s.m. - pentola, pignatta generalmente ad un manico fisso posto lateralmente;
pignatòn s.m. - pentolone, accrescitivo sia di pignàta che di pignàto; i vieci cuntiva ca a la feîn de l'arcunbiè sa pudiva truvà oûn pignaton carago da uoro e d'uogni ben da Deîo, e meî muriè ch'i giro i ga cradiendi: i vecchi raccontavano che alla fine dell'arcobaleno si poteva trovare un pentolone carico d'oro e d'ogni ben di Dio, ed io dato che ero un ragazzini ci credevo;
Pignaton - nel censimento del 1° ottobre '45 erano presenti 4 famiglie;
pignatoûso s.m. - pentolino;
Pignàz - s.n. della famiglia Pedicchio;
pìgno s.m. 1. pegno; a ma uò tucà dà la vira in pigno: mi è toccato dare la fede in pegno; 2. pegno, pagamento di una scommessa; cheî ca pierdo paga pigno: chi perde paga pegno. Modo di dire: zògo de i pìgni: sarebbe il gioco del perchè, in cui a delle domande che iniziano con il perchè, il rispondente deve accuratamente evitarlo, pena il dover pagare pegno; Etim.: dal lat. Pignus-pignoris;
pignòl s.m. (pl. -òi) 1. pinolo; a ga vol zonzi pignoi e zibeîbo: occorre aggiungere pinoli ed uva passa; 2. (fig) pignolo; Etim.: dal lat. Pineolus, pinolo;
pignòn s.m. - opinione, parere; tente a la suova pignon: attienti al suo parere; tante tieste, tante pignoni: tante tante, tante opinioni; el nu zganbia tanto faseîle pignon: non cambia tanto facilmente parere; Etim.: dal lat. Opinio-opinionis;
pignòn s.m. - ruota dentata che ingrana su di una maggiore; Etim.: dal fr. Roue à pignon;
 ..................
pigreîsia s.f. - pigrizia; la pigreîsia zì ruoba par i siuri: la pigrizia è una cosa da ricchi; sa la pigreîsia và pian, la mizieria la ciapa: se la pigrizia va piano, la miseria la raggiunge, prov.; Etim.: dal lat. Pigritia;
pìgula s.f. 1. pece; mai meti pigula in barca da altri: mai mettere la pece alla barca d'altri, cioè traducendo dal linguaggio dei pescatori, mai buttare soldi in imprese altrui, prov.; 2. (fig) iella, sfortuna; i iè boû pigula, nu iè ciapà ca qualco peîcio piso, almasa stasira sa pudaruò fande oûna frizada: ho avuta sfortuna, non ho preso che qualche pesciolino, al più questa sera se ne potrà fare una frittura; 3. (fig) sifilide; ara da nu fà el muona, ca a zeî cu li sfundrade a sa pol ciapà pigula: guarda di non fare stupidaggini, che ad andare con le donnacce si può rimediare la sifilide; Etim.: dal lat. Picula, dim. di Pix-picis = pece. Con una probabile commistione col ted. Pech, che vuol dire sia pece che sfortuna;
Pìgula - s.n. fam. Privileggio;
pigulà agg. (f. -ada) 1. impegolato; 2. iellato, sfortunato;
 ...............
pil s.m. (pl. pìi) 1. pelo; la uò oûn pil pioûn longo da i altri e doûto inturciulà: ha un pelo più lungo degli altri e tutto attorcigliato; ruso da pil, sento diavi par cavil: rosso di pelo, cento diavoli per capello, prov.; ara ca ti ma ciapi i pìi: attento che mi tiri i peli. Modi di dire: vì el pil intul cor: aver il pelo sul cuore, essere senza cuore; vì el pil sul stumàgo: aver il pelo sullo stomaco, essere insensibile; vì el pil da uòca: avere la pelle d'oca; 2. (fig) pelo, inezia, piccola quantità; par oûn pil nu l'uò ciapà i tudischi: per un pelo, per una inezia, i tedeschi non l'hanno catturato; Etim.: dal lat. Pilus;
pil (sul) loc.avv. - a pelo, sul pelo; preîma sul pil de l'aqua ti vadivi ciapi da pisi... dieso zì pioûn faseîle veîdi a gala i spurchisi de li barche de i siuri: prima a pelo d'acqua potevi vedere branchi di pesci... ora è più facile vedere a galla  le porcherie gettate in mare dalle barche dei ricchi;
pil da moûma s.m. - erba selvatica, usata anche come foraggio;
Pil intùl cul - s.n. della famiglia Climich;
Pil Pilàto - s.n. della famiglia Quarantotto;
pil vintreîn s.m. - lanugine, peluria;
pilà v.tr. (i pìlo) 1. pelare, spellare; a ga vol pilà doûto quil monto da patate: bisogna pelare tutta quella montagna di patate; nu teî
magni oûrzo ca meî loû pilo: non mangi orzo che sia pelato da me, cioè stai fresco se aspetti che sia a farlo, prov.; nu basta ciapà el laevaro, ga vol anca pilàlo: non basta prendere la lepre, occorre anche spellarla; 2. (fig) spellare, ridurre senza niente; i lu uò pilà ben
bene: lo hanno ripulito per bene; - Etim.: dal lat. Pelare da Pilus = pelo;
piladoûra s.f. - pelatura;
pìlago s.m. - pelago, alto mare. Vedi la breve poesia di Ligio Zanini
 

Intul pìlago

Se ti son oûn bon mareîtimo,
ti ciapi da sigoûro 'l pìlago,
al largo da li foûciche
e dai runpenti da tiera e scui.

Intul pìlago, puoi
ti iè la grassia
da doûte li ruote.

Doûte li pol iessi intivàde,
fora da quila, ca pratendo
da iessi l'oûnica.


In alto mare

Se sei un buon marinaio,
prendi di sicuro il mare,
al largo dei marosi
e delle onde frante sugli scogli.

In alto mare poi
hai la possibilità di poter prendere
tutte le rotte.

Tutte possono essere imbroccate,
al di fuori di quella, che pretende
di essere l'unica.

Etim.: dal lat. Pelagus o direttamente dal gr. Pelagos;
pilagra s.f. - pellagra, malattia che colpiva una volta chi mangiava troppa polenta, cibo che sazia ma che ha scarsità di vitamine;
.........
Pilàto n.pr.m. - Pilato, il pocuratore romano della Giudea ai tempi di Gesù Cristo, diventato proverbiale per la sua abilità a non prendere
direttamente una decisione, lasciando che siano altri ad assumersene la responsabilità. Modo di dire: zeî (o iesi mandà) da Ponsio a Pilato: andare od essere spedito inultilmente da una persona all'altra, senza che nessuno prenda una decisione;
Pilàto - s.n. della famiglia Salata;
pileîn s.m. 1. pelino, dim. di pil; par oûn pileîn el sa uò granpà al balcon, sa nuò el zeîva da zuta a tiestà in zò: per un pelino si è afferrato alla finestra, altrimenti finiva da basso a testa ingiù; 2.peluria, pelo giovane, lanugine; cheî ca naso cul pileîn o birbanto o stupideîn: chi nasce con la peluria o birbante o stupidino, prov.;
pileîsa s.f. - pelliccia; ara dieso la và in pileîsa e capileîn e la fà la gran siura: beh adesso va in giro con la pelliccia ed il cappellino atteggiandosi da gran signora;
pilià v.tr. (i peîlio) - pigliare, raro rispetto al più comune ciapà; ciapa, peîlia e puorta a caza: prendi, acchiappa e porta a casa;
piligreîn s.m. 1. pellegrino; a ga vol vì l'anamo del piligreîn cu a sa và veîdi l'arca de la nostra santa: bisogna avere l'animo del pellegrino quando si va a visitare l'arca della nostra santa; 2. persona dall'aspetto miserando, vestito in malo modo; el ma par oûn puovaro piligreîn: mi sembra un poveraccio; 3. persona timida, remissiva; Etim.: da il lat. Peregrinus = straniero, dall'avverbio Peregre = fuori della città, composto di Per = al di là + Ager = campo;
Piligreîn - s.n. delle famiglie Devescovi, Rocco e Zocchil;
piligrinàgio s.m. - pellegrinaggio;
pilisareîa s.f. - pellicceria; ara ca li bulpo li fineîso in pilisareîa: guarda che le volpi finiscono in pellicceria;
pilisièr s.m. - pellicciaio, termine che ha dato origine al cognome rovignese Pellizer;
pilizeîna s.f. - pellicina, tipica quella che alle volte si forma intorno alle unghie;
pìlo s.m. - pilo, a Rovigno sotto l'Italia era stato innalzato nella piazza principale, tra due lampioni, su di un basamento in pietra bianca, un alto pilo in bronzo che culminava in un'aquila romana, in ricordo della vittoriosa 1° Guerra Mondiale, che aveva consentito la redenzione delle terre istriane. Il bel monumento non sfuggì alla furia iconoclasta slava che lo fece saltare in aria dopo il secondo dopoguerra; Etim.: dal lat. Pilus;
 

Pilòngo - s.n. della famiglia Paliaga;
piloûgo s.m. - peluzzo, pilucco; ti ma iè inpatà doûta la giachita da piloûghi: mi hai riempito tutta la giacca di peluzzi;
piltreîn s.m. - coperchietto, dim. di pìltro; nu truvo pioûn el piltreîn del pignatiel del lato: non trovo più il coperchietto del pentolino del latte;
pìltri s.m.pl. - piccoli piatti metallici usati dalle bande musicali;
piltrièr s.m. - bandaio, lattoniere, aggiusta pentole;
pìltro s.m. 1. peltro; 2. coperchio metallico; 3. piatto, vassoio in metallo; Etim.: dal lat. Peltrum, lega di stagno con mercurio;
Pìltro - s.n. della famiglia Ive;
piluòta s.f. - pilota (di autovetture da corsa, da competizione, di un aereoplano); el sa cradiva da iesi oûn bravo piluota, e curiva a pioûn
da sento a l'ura par quile caliziele piene da boûzi: si credeva d'essere un bravo pilota e correva a più di cento all'ora per quelle stradine
piene di buche;
piluòto s.m. - piloto. Al tempo della repubblica di Venezia, a Rovigno nei mesi estivi stanziavano regolarmente dei piloti, che venivano fatti imbarcare sulle navi che risalivano per Venezia, affinchè le pilotassero con perizia in quei bassi fondali. Avevano la loro sede in un edificio nella Piazza della Riva. La loro presenza era segnalata da un lungo palo che veniva infisso nell'isolotto di Bagnole, allora privo di pini, nei mesi di aprile sino a tutto settembre. Con il progresso delle carti nautiche, che segnalavano meglio le secche ed i dettagli della costa, e con l'introduzione dei nuovi fari marittimi, intorno a metà ottocento, il Corpo dei Piloti, che nella nostra città arrivò a contare oltre 40 persone, fu sciolto. Ma ormai il tempo della navigazione a vela aveva le ore contate, i nuovi re dei mari erano i piroscafi a vapore, prima a pale, e poi con propulsione ad elica;
Piluòto - s.n. delle famiglie Fiorin e Moschetti;
pilutà v.tr. (i pilutìo) 1. pilotare, guidare, condurre una nave in porto; 2. per analogia all'italiano ha il anche il più esteso significato di guidare, condurre un qualsiasia automezzo (aereo, auto, trattore ecc.); 3. (fig) pilotare, manovrare in modo che le cose vadano in un
certo modo; i uò pilutà el surtiegio: hanno pilotato il sorteggio;
pilutàgio s.m. - pilotaggio, contratto di;
piluteîna s.f. - pilotina, piccola imbarcazione addetta a pilotare le grosse navi in porto;
pìlvare s.f.pl. - pepe; ara, cu cuzeîna tu pare nu sa pol magnà da tanta pilvare ch'el meto: beh, quando cucina tuo padre non si può mangiare per la quantità smodata di pepe che mette (nelle pietanze); sal, pilvare e oûn fià da uoio: sale pepe ed un goccio d'olio; cume zì zeî la man? tanto ch'i vemo ciapà li pilvare: come è andata la retata? male, tanto da poterci comprare (con la vendita del pesce pescato) il pepe. Modi di dire: vì li pìlvare intùl coûl: avere il pepe al sedere, cioè avere una fretta pazzesca; cavì o bàrba sal e pìlvare: capelli o barba sale e pepe, cioè nera con spruzzate di bianco;
pilvareîn s.m. - peperino, persona, ragazzo vivace;
pilvintreîn s.m. - lanugine, peluria che spunta ai giovincelli, prima della barba vera e propria; Etim.: composto da pil + vintreîn, relativo
al ventre, pancia;
Pimpinella - nel censimento del 1° ottobre '45 era presente una famiglia con questo originiale cognome che probabilmente viene da Pinpinièla soprannome della famiglia Dinelli;
pìna s.f. 1. pinna; dreîo la pina duvaravo iesi oûn dolfeîn: a giudicare dalla pinna dovrebbe essere un delfino; 2. pinna da sub; doûti zì boni a nudà cu li pine: tutti sono capaci a nuotare con le pinne; 3. penna degli uccelli; da peîcio ma fivo el capiel cu li pine par zugà a indiani e cuboi: da bambino mi facevo il cappello con le penne per giocare ad indiani e cowboy; 4. penna stilografica, penna in generale; nu sà gnanca tigneî in man la pina, e ti vuoi ca seîo stà loû a scrivi quil puopuò da litara...: non sa neanche tenere in mano una penna e vuoi che sia stato lui a scrivere quella lunga lettera...; Etim.: dal lat. Pinna = penna d'uccello;
pìna biro s.f. penna biro;
pìna stilugrafica s.f. - penna stilografica;
pinaceîn s.m. - l'angolo più alto della vela;
pinacièra s.f. 1. pennacchio; i cavai nigari cu li pinaciere tirava la casiela: i cavalli neri con il pennacchio tiravano la bara; 2. cappello ornato di piume;
pinàcio s.m. 1. pennacchio; cu el zì in muntura cul capiel cu 'l pinacio el par anca pioûn grando: quando è in divisa con il cappello con il pennacchio sembra anche più grande; 2. lo stagliarsi sul mare di pinne dorsali di cetacei, in particolare dei delfini; ara ca pinaci ca ven
ga vol da rato tira soûn li ride: guarda che schiera di pinne di delfino che sta arrivando, occorre tirar sù subito le reti (i delfini sono notoriamente invisi dai pescatori per la loro abilità di rompere le reti per farvi man bassa di pesce);
pinàculo s.m. pinnacolo, gioco di carte, simile al remino o a scalaquaranta, ma assai più complicato; Etim.: dall'it.;
pinàl s.m. (pl. -ai) - pennale, portapenne, l'astuccio in legno ora tornato di moda; chi daravi par vì ancura el viecio pinal da ligno ch'i vivo da muriè: cosa darei per aver ancora il vecchio astuccio di legno che avevo da ragazzo;
pinanìra s.f. - alpino, penna nera;
Pìnco - s.n. delle famiglie Segalla e Zaccai e di Mario de Angelini, Màrio Pìnco;
.........
pinduleîn s.m. - pendolino; la sarcava da veîdi cul pinduleîn sa ga veîso fato qualco strigareîa: cercava di stabilire col pendolino se le avvesero fatto qualche fattura;
pindulòn s.m. - giogaia, pelle che pende sotto il collo dei buoi;
pindulon (a) loc.avv - a pendoloni;
pineîcula s.f. 1. pellicola; 2. film;
pineîn s.m. - pennino; sta pina la uò el pineîn da uoro: questa penna ha il pennino d'oro; Etim.: da pìna, penna.
pineîn s.m. - piedino, zampina; ti ma duvaravi dà la risita par fà tiesta e pineîni: mi dovresti dare la ricetta per preparare "testa e piedini", tipico piatto della cucina rovignese; ca bai pineîni insastuzi: che bei piedini graziosi. Riporto una piccola filastrocca sui pineîni: 
 

Banaditi sti pineîni,
Ch'i ven zù dai zgalideîni.
I puorta pumi, i puorta castagne,
Dìndali a nui ch'i vemo fan.
Nu stìgali dà a sta broûta duona
Ca la zì oûna buzarona.
La uò magnà i pumi coti
E la 'nda uò salvà i ruzaguoti.
La li uò misi zuta el tabaro.
Deîo na daleîboro da nosamalo.

Benedetti questi piedini,
Che vengono giù dagli scalini.
Portano mele, portano castagne,
Dateceli a noi che abbiamo fame.
Non dateli a questa brutta donna
Che è una poco di buono.
Ha mangiato le mele cotte
A noi a riservato i torzoli.
Li ha messi sotto il mantello.
Dio ci liberi "nos a malos".
GdeA
Modo di dire: dàghe i pineîni: lasciare il neonato libero di sgambettare. Stava ad indicare il passaggio del bimbo dalla prima fase, in cui veniva strettamente fasciato (secondo le vecchie usanze), a quella successiva in cui aveva modo di iniziare a camminare, almeno carponi;
pineîn (a) loc.av. - il procedere saltellando su di una sola gamba; dacuordo, paruò ch'el sa la muco a Ruveîgno a pineîni, ca s'el meto peîe in barca a scupia oûn navareîn... ch'el puorta masa pigula: daccordo, però che se ne vada zitto zitto a Rovigno saltellando su di una gamba, che se mette piede in barca scoppia una tempesta dato che... porta troppo jella;
pineîzula s.f. - penisola; Ruveîgno ca oûn tenpo gira oûn'eîzula, dal sietesento zì davantà oûna pineîzula: Rovigno che un tempo era
un'isola, dal settecento è diventato una penisola;
pingoûn s.m. - densità, vischiosità di un liquido, generalmente riferito all'olio; Etim.: vedi pèngo;
................
pinìz s.m. - marinaio addetto alla custodia ed alla manutenzione dei materiali di consumo di una imbarcazione: cordami, pitture ecc.;
Pino murante - s.n. della famiglia Sponza;
pinoûltàmo agg. - penultimo;
pinoûltìmo agg. - penultimo;
pinoûra s.f. - forfora:
pinpinàcio s.m. - fronzolo pendente, pom-pom;
pinpinièla s.f. 1. detto dell'acqua semplice; 2. vino molto annacquato, leggerissimo; 3. cinquefoglio, Poterium sanguisorba; 4. farfalla; Etim.: dal celtico Pempedula, da Pempe = cinque + Dula = foglia;
Pinpinièla - s.n. della famiglia Dinelli;
........................
piondeldiàvo s.m. - granchietto similie al Hyas araneus; Etim.: da piòn = granchio + del diàvo = del diavolo. L'origine di questa fantasiosa denominazione è sconosciuta;
pioûma s.f. 1. piuma; el vuliva sconfondi, ma par tiera a gira pien sa pioûme da quil puovaro pulastriel: voleva negare, ma per terra c'erano ancora le piume di quel povero pollastrello: 2. per estensione, cosa leggera; ara ca ti ma pezi, nu ti son oûna pioûma cume cu ti giri peîcio: guarda che mi pesi, non sei una piuma come quando era un bambino; Etim.: dal lat. Pluma;
pioû avv. - vedi pioûn;
pioûn avv. - più; pioûn ti ga inpridaghi, e pioûn el fà cumo el vol: più gli raccomandi, più insisti e più lui insiste a voler fare come gli pare; cheî pol pioûn, manco su dano: chi può di più, (ha) minor danno, prov.; el zì pioûn da quà ca da là: è più di qua che di là, cioè è più morto che vivo. Modi di dire: pioûn ca doûto: più di tutto; pioûn ca tanto: non molto; pioûn ca da rato: in tutta fretta, immantinente; pioûn foûga: più presto, velocemente; pioûn maio: meglio, migliore; pioûn meo: meglio, migliore; pioûn piezo: peggio, peggiore; Etim.: dal lat. Plus;
pioûn (el) s.m. - il più, la maggior parte; el pioûn zì fato: il grosso (del lavoro) è fatto opp. la parte più difficile, più complessa è fatta;
pioûn grando (el) s.m. - è detto così nel gioco della tombola il numero 90;
pioûn peîcio (el) s.m. - è detto così il numero uno nel gioco della tombola;
pioûn viecio (el) s.m. - è detto così il numero 90 nel gioco della tombola;
pioûntuòsto avv. - piuttosto;
piòva s.f. - pioggia; tanto vento, tanta piova: tanto vento, tanta pioggia, prov.; la piova e la muorto nu manca mai: la pioggia e la morte non mancano mai, prov.; loûz, piova a refoûz: col sole, pioggia a secchie, prov; sul e piova li strighe fà l'amur a Lamanova: detto proverbiale e sta ad indicare quando piove e contemporaneamente c'è il sole. Una leggenda rovignese vuole che in tali circostanza le streghe facciano all'amore nei pressi del piccolo laghetto di Lamanòva, nei dintorni di Rovigno. Alle volte il detto viene accorciato omettendo di precisare dove... facciano all'amore le streghe; sa la piova ven da san Lurenso, i signemo ancura in tenpo; sa la ven da la Maduona, ancura la zì bona; sa la ven da san Bartulumieîo, pietatala intu 'l da dreîo: se la pioggia viene per san Lorenzo, siamo ancora in tempo; se viene par la Madonna, va ancora bene; se viene per san Bartolomeo te la prendi in quel posto, prov.; piova de mar, enpio el bucal. Piova de tiera enpio la scudiela: la pioggia portata dal vento che soffia dal mare riempe il boccale, quella dall'entroterra riempe la scodella, prov.; piova de bureîn, piova sensa feîn: pioggia portata dalla bora, pioggia sensa fine, prov. Modo di dire: piòva a zdrène: scrosci di pioggia, pioggia a catinelle, rovesci di pioggia; piòva a sìcie ruvièrse: pioggia a catinelle; Etim.: vedi piòvi;
piovadoûra s.f. - piovasco, acquazzane;
piovàsa s.f. - forte pioggia, accr. di piòva;
piovazeîna s.f. - pioggerellina. Riporto qui una nota filastrocca rovignese: 
 
Piova, piovazeîna
La gata và in cuzeîna,
La curo cume mata,
La salta su la napa,
La ronpo li scudiele,
Ca par li canpaniele,
La và sul balcon, 
La truva oûn macaron,
La và zuta el lieto,
La truva oûn cunfieto,
El cunfieto gira doûro,
La lu ronpo sul moûro,
La bato su la puorta
E la caio partiera muorta.

Pioggia, pioggiarellina
La gatta va in cucina,
corre come una matta,
Salta sulla cappa (del camino),
Rompe le scodelle,
Che sembrano campanelle,
Va alla finestra, 
Tova un maccherone,
Va sotto il letto,
Trova un confetto,
Il confetto era duro,
Lo rompe sul muro,
Batte sulla porta
E casca per terra morta.

piòvi v.imp. (a piòvo) - piovere; cu piovo a l'alba, piovo doûto el deî: quando piove all'alba, piove poi per tutto il giorno, prov.; cu i santi sa movo, da sigoûro (opoûr priesto) a piovo: per la festa di Tutti i santi, sicuramente (oppure presto) piove, prov.; sa piovo el deî de la Sensa, par quaranta deî i siemo sensa: se piove per il giorno dell'Ascensione, per quaranta giorni ne faremo a meno, prov.; cheî zì soûto quando piovo, zì oûn mincion s'el sa movo...: chi sta all'asciutto quando piove, è un cretino se esce fuori... inizio prov.; sta nuoto uò piuvisto in continuasion: questa notte è piovuto in continuazione; a piovo, ciù l'unbriela: piove, prendi l'ombrello; ara cumo ca piovo!: guarda come piove!;  Modo di dire: naz in piòvi: naso che pende all'ingiù, cascante, che finisce in bocca; Etim.: dal lat. pop. Plovere, dal clas. Pluere;
piovizeîna s.f. - pioggerellina;
pipà v.intr. (i peîpo) - fumare la pipa; el peîpa senpro quila viecia peîpa da peracota: fuma sempre quella vecchia pipa di terracotta; Etim.: dal lat. pop. Pippare, clas. Pipare = pigolare, voce onomatopeica;
pipàda s.f. - pipata, spipacchiata, fumata di pipa, tirata di pipa; oûna biela pipada rente al fuguler, cu oûn biciareîn da trapa e oûn biel leîbro da lezi: una bella fumatina di pipa davanti al caminetto, con un bicchierino di grappa ed un bel libro da leggere;
pipadeîna s.f. - pipatina, fumatina di pipa;
pipeîn s.f. - bocciolo;
pipeîn s.m. - capezzolo;
pipì s.m. - pipì, piscio;
pipì s.m. - pisellino, ene dei bambini piccoli;
Pipi - s.n. della famiglia Massarotto;
pipiòl s.m. (pl. -oi) 1. capezzolo artificiale. Modo di dire: moûz da pipiol: letteralmente faccia da capezzolo, ma ha il valore di tipo buffo, faccia da scemo; 2. per estensione succhiotto, tettarella, ciuccio; 3. beccuccio di tazza ecc.: Etim.: dall'antico ital. pippio
= beccuccio;
Pipiòl - s.n. della famiglia Trani;
pipìta s.f. 1. pepita; 2. tipo di tessuto col disegno a quadretti bianchi e neri, dalla trama piccola;
Pipìta - s.n. della famiglia Lamparetti;
pipòna s.f. - qualità di uva;
 .........;
Pireîna n.pr.f. - Pierina. Vedi per il nome Pierina, questa graziosa strofetta popolare:

GdeA
Sta nuoto i so' insunià cun Pireîna
Ca par amur la m'à dunà un subiuoto.
I ma livo dal lieto a la miteîna,
Nun truvo nà 'l subiuoto nà Pireîna.

Questa notte ho sognato di Pierina
Che per amore mi donava un fischietto.
Mi alzo dal letto alla mattina,
Non trovo nè il fischietto nè Pierina.

...................
Pìri - s.n. delle famiglie Dalino e Sbisà, vedi anche la proverbiale figura della Mata Pìri;
pìria s.f. 1. imbuto; ciume la piria ch'iè da dazbudà el veîn nuvo: prendimi l'imbuto che devo versare il vino nuovo; 2. (fig) beone, ubriacone; Etim.: dal lat. volg. Pletria, grosso imbuto. Affine al clas. Plenus, pieno ed al verbo Plere, empire;
 ................
pìro s.m. 1. pero, Pirus communis. Piccolo albero con foglie seghettate, glabre, lungamente ovali, acute e picciolate. Ha dei grandi fiori bianchi disposti in corimbi e compaiono insieme alle foglie in aprile e maggio, prima del melo e dopo il ciliegio; 2. pera, il frutto del pero; el piro nu caio mai (mondo) largo de l'albaro: la pera non cade mai lontano dall'albero, detto proverbiale che vale tale padre tale figlio, dato che i frutti sono simili alla qualità dell'albero che li genera. Le pere più note sono: pìro da san Zuàne, pìro buteîro ecc. Modo di dire: pìro gnuòco: bietolone, persona che non sa come comportarsi, corpo morto; cài cùme oûn pìro gnuòco: cadere come un corpo morto, pesantemente od anche in maniera sciocca; Etim.: dal lat. Pirus, pero;
Pìro peîcio - s.n. della famiglia Longo;
Pìro pièrso - s.n. della famiglia Dapiran;
pìrolo s.m. 1. pirolo; 2. pendente, orecchino pendente; ma nuona ma uò rigalà dui piroli da uoro: mia suocera mi ha regalato due pendenti d'oro; Etim.: dal lat. Pirula = piccola pera;
piròn s.m. - forchetta; nu ti veîdi ca ma manca el piron?: non vedi che non ho la forchetta?; ciù el piron, ca ningoûn ta uò insignà a magnà cu li man: prendi la forchetta, che nessuno ti ha insegnato a mangiare con le mani. Modo di dire: manièstra da piròn: minestra da mangiare con la forchetta, per distinguerla dalle altre minestre che solitamente sono brodose e pertanto si mangiano con il cucchiaio; Etim.: dal gr. Peiro = io attraverso, da Peiren = infilzare, vedi il gr. mod. Piruni che però a sua volta è una derivazione del veneziano Pirone = perno, che dal 1339, con l'inizio dell'entrata in uso di tale utile strumento ha assunto il significato di forchetta;
piroûca s.f. - parrucca; Etim.: dallo sp. Peluca, capigliatura di capelli finti, dal lat. Pilus = pelo;
Piroûca - s.n. delle famiglie Bosazzi e Sponza;
pirsiàn agg. e s.m. - persiano;
pirsigheîn s.m. - piccola pesca, vezzeggiativo dato alle ragazze dalla pelle fresca e rosata come una pesca, appunto come in questa graziosa canzoncina popolare rovignese:

GdeA
Boûtete fora, pirsigheîn d'amure,
Ti son la manduleîna insucherada.
Ti son la manduleîna del mio core;
Boûtate fora, pirsigheîn d'amure.

Affacciati, fanciulla amorosa
Sei la mandorla inzuccherata
Sei la mandorla del mio cuore;
Affacciati, fanciulla amorosa. 
GdeA
pirucheîn a.m. - pappagallino;
pirucheîn s.m. 1. parrucchino; 2. (fig) il cucuzzolo, la punta più alta di un monte; 3. nobile, aristocratico, riccone in generale. Il termine veniva usato in contrasto con i popolani, dall'uso settecentesco della parrucca da parte dei nobili.
Pirùz Gràndo top. - scoglio poco distante da quello piccolo, caratterizzato da avere, contrariamente al confratello più piccolo, qualche rado pino rinsecchito, ambedue gli scogli sono posti di fronte a Ponta Scaraba;
Pirùz Peîcio top. - scoglio senza vegetazione con nel mezzo una piramide che fungeva da punto di rilevazione trigonometrico per la Marina Austriaca;
Piruzeîna - s.n. della famiglia Gardillo;
Pirùzi top. - serie di scogli nei pressi di Val di Scaraba, il nome viene dalla corruzione di (scogli) petrosi;
.............
pìsca s.f. - pesca; - La pisca stu ano la zì zeîda nama ca ben: la pesca quest'anno è andata proprio bene. Modi di dire: ièsi in pìsca: tentare la sorte, rischiare, correre il rischio: zeî in pìsca: andare in cerca, cercare qualcuno, tentare la fortuna;
Pìsca - s.n. della famiglia Dessanti;
piscadùr s.m. - pescatore, più comune pascadùr; i piscaduri la sira sa truviva doûti insenbre a ciaculà e bivi a l'ustareia: i pescatori si trovavano tutti insieme all'osteria;
pischièlo s.m. - vedi paschièlo;
pisculà v.tr. (i pìsculo - i pasculìo) - vedi pasculà;
pisculoûn s.m. - odore o sapore forte di pesce. Cioè il caratteristico odore delle pescherie; lavite li man ca li sà da piscolùn: lavati le mani che hanno un forte odore di pesce; stu piso nu zì frisco el sà da piscoloûn: questo pesce non è fresco ma un gusto forte
Piscoloûn - s.n. della famiglia Sponza;
piseîn s.m. - pipì, usato per lo più nel linguaggio verso i bambini piccoli; soûn và fà piseîn e puoi a duormi: sù vai a far pipì e poi a dormire; el sà de piseîn: sa di piscio, ha odore di urina;
piseîna s.f. 1. piscina, vasca per i pesci; 2. piscina, vasca per nuotare; cu doûto el mar da Ruveîgno, i vuliva zeî in piseîna: con tutto il mare che c'è a Rovigno, volevano andare in piscina;
pisigà v.tr. (i pisighìo) - pizzizare; ara! ca ga piaz pisigà el coûl: guarda che gli piace pizzicare il sedere; soûn da favalà da ghedari ma pisighiva doûta la tiesta: a furia di parlare di pidocchi, mi pizzicava tutta la testa; Etim.: da pizzo = punta;
............
pisigànte agg. - pizzicante; tu mare la cuzeîna masa pisigante: tia madre cucina troppo pizzicante;
pisigàso s.m. - pizzicore alla gola, raucedine, mal di gola. Tipico quello dei fumatori incalliti; i dievo zmeti da fumà, i iè masa pisigaso: devo smettere di fumare, ho un  forte mal di gola; ti ma faghi li silliele ca iè oûn può da pisigaso: mi fai le caramelle al miele che ho un pò di pizzicore in gola, ho un pò di raucedine;
pisigheîn s.m. 1. leggero pizzicotto; quante stuorie par oûn pisigheîn: quante storie per un leggero pizzicotto; 2. pizzico, una piccola quantità, un pochino; oûn pisigheîn da sal nu stà mai mal: un pizzico di sale non guasta mai;
pisigheîn agg. - frizzantino, effervescente; stu veîn zì oûn può pisigheîn: questo vino è leggermente frizzantino;  meti li poûlvare ca ma piaz l'aqua cul pisigheîn: metti le polverine, quelle che si usavano una volta, che mi piace l'acqua effervescente;
pisighìto s.m. 1. leggero pizzicotto; ara ca niro m'uò fato el tuovo "pisighìto"!: guarda che segno bluastro mi ha lasciato il tuo "pizzichino"!; 2. pizzico, una piccola quantità, un pochino; la nu uò gnanca oûn pisighìto da sal in soûca: non ha neanchè un pò di sale in zucca;
Pisigòl - s.n. della famiglia Benussi e Rocco;
pisigòn s.m. 1. pizzicone, pizzicotto, pizzico; 2. puntura d'insetto;
pisigòni da muòrto s.m.pl. - lividi bluastri che ci si ritrova sul corpo senza sapere in che maniera si sono verificati. La superstizione popolare li vuole provocati da defunti... un pò dispettosi;
pisigòr s.m. - pizzicore, calco dall'italiano; l'amur zì oûn pisigor...: l'amore è un pizzicore;
pisiguòto s.m. - pizzicotto; la curiera la gira caraga ful ch'i giariendi stricadi cume sardiele e qualco spurcason m'uò da oûn pisiguoto sul coûl: il pulman era strapieno di gente tanto che stavamo pigiati come sardine e qualche sporcaccione mi ha dato un pizzicotto sul sedere;
pìsi s.m.pl. - segno zodiacale dei pesci; el zì de i pìsi: è dei pesci, e del segno zodiacali dei pesci;
pisisensanòn s.m.pl. - rossetto, pesciolino appartenente all'ordine dei Perciformi ed alla famiglia delle Gobiidae, Aphya minuta. Minuto pesciolino che al massimo raggiunge i 45 mm, i maschi, e 60 mm, le femmine. Particolarmente ricercato per le sue ottime carni bianche che, vista la ridotta massa, vengono fritte in pallottoline e che costituiscono col radìcio una nutriente pietanza, ottima come antipasto. Alle volte vengono fritti anche singolarmente, gettati per un attimo nell'olio bollente e subito ritirati, comunque preparati costituiscono sempre una stuzzicante leccornia. Si pescano con opportune reti a strascicio o di circuizione dalle maglie fittissime. La sua pesca è sempre stata intensa, se sin dal 1697 il cardinale preposto al governo della Romagna, Fulvio Astalli, emanò un editto per limitarne lo sfruttamento; Etim.: data la sua esiguità, non è stato ritenuto il caso di dargli un nome, e vengono pertanto considerati quasi una informe massa di pesciolini.
pisìto s.m. - pezzetto;
pisìto s.m. - pesciolino. Ai pesciolini, qui simbolo di tutti i rovignesi, Ligio Zanini ha dedicato questa stupenda e lacerante poesia:
 
 
            ..Int'el pilago
              i na sufaghì a ciapi
              neli nuote scoûre
              duopo vinde inganà
              cul biel ciaro deli lanpare.

              Rente tiera
              i na massacrì int'el suno,
              i meo sichi intuiadi da ride,
              parfeîn dai scagni
              i vignì a tirande fora;
              pagoûra i na fì vì
              che in ogni bucon nu seo
              l'inbruoio del'amo.

              Cul vostro spurco invalinì
              li aque alanbastre,
              li ue na moro
              apena ingianarade...
              e nui muremo seîti,
              cumo quando oûn pisso
              pioûn grando na divuora.


              Nel mare
              ci soffocate a branchi
              nelle notti scure
              dopo averci ingannato
              col bel chiaro delle lampare.

              Vicino alla riva
              ci massacrate nel sonno,
              i migliori fondali zeppi di reti,
              perfino dalle grotte
              venite a tiraci fuori;
              ci fate aver timore
              che in ogni boccone ci sia 
              l'inganno dell'amo.

              Con il vostro sporco avvelenate
             le acque limpide,
              lei uova ci muoiono
              appena generate...
              e noi morremo zitti,
              come quando un pesce
              più grande ci divora..

pìso s.m. - pesce; foûrbo el piso, foûrbo el pascadur: furbo il pesce, furbo il pescatore, cioè per prendere un pesce furbo occorre che lo sia almeno altrettanto il pescatore, prov.; la macia ciapa el piso: è la rete che prende il pesce, macia è un particolare tipo di rete da pesca, prov.; piso coto, carno croûda: pesce cotto e carne cruda. Per i rovignesi il pesce va mangiato ben cotto e la carne invece al sangue, prov.; el piso spoûsa senpro da la tiesta: il pesce puzza sempre a partire dalla testa, cioè molto spesso chi comanda, ad esempio il governo, è il primo a dare il cattivo esempio, prov.; da la tiesta spoûsa el piso: stesso significato del precedente prov.; el piso grando magna el peîcio o pichineînio: il pesce più grande mangia quello piccolo, prov.; ti ma li rustariè su la pansa: detto proverbiale riferito ai pesci e tipica risposta a chi fa delle domande sciocche, inutili. Per esenpio: anduve li mieto? Ara, ti ma li rustariè su la pansa i sa teîra soûn bas'ciamando, e i sa consa cantando: anche questo è un proverbio riferito ai pesci che si tirano sù con grandi difficoltà e si puliscono canticchiando... pensando ai soldi che si ricaveranno dalla loro vendita, prov.; gnanche lugiai par lugiai: neanche posto per alloggiarli, detto dei pesci quando se ne pescano talmente tanti da riempire tutta la barca, ma come gli altri è un proverbio che si può estendere a altro, prov.; ti pol magnande sensa prubliemi a zì doûto piso frisco: puoi mangiarne senza problemi, è tutto pesce fresco. Modi di dire: pìso bianco: pesce prelibato dalle carni bianche: orata, branzino ecc. ecc.; pìso sìco: pesce essiccato, secco, conservato; pìsi a vìlo: pesci a fior d'acqua; pìsi da pàso: pesci di passaggio, di transito; i pìsi và in ònda: tipico movimento dei pesci che muovendosi sul pelo del'acqua, provocano delle increspature sulla superfice de mare; pìso nagà: con questa definizione si indica un pesce rimasto impigliato in una rete per un giorno due prima di esser tirato sù; rastà cumo oûn piso da meîna: restare esterrefatto come un pesce quando scoppia una mina. A seconda del tipo di preparazione; pìso in peîpa: lessato in una terrina di terracotta (peîpa) dopo essere stato lasciato ad insaporirsi tra gli odori; pìso ruòsto: arrosto; pìso freîto: fritto; pìso lìso: lesso; Etim.: da
il lat. Piscis;
Pìso - s.n. della famiglia Benussi;
pìso argenteîn s.m. - pesce sciabola, Lepidopus caudatus, vedi arginteîn;
pìso loûna s.m. - pesce luna, appartenente all'ordine dei Tetraodontiformi, Mola mola. Ha il caratteristico corpo a forma i disco, la bocca è piccola con i denti saldati tra loro così da formare una sorta di becco osseo assai poderoso e tagliente. Le due pinne, la dorsale e l'anale hanno la caratteristica forma a triangolo e sono poste tra loro in opposizione. La pelle è ruvida e priva di squame, il colore è bruno olivastro sul dorso e più chiaro sui fianchi, ma può avere anche una livrea di color plumbeo con riflessi bluastri. Puo superare i tre metri di lunghezza per un peso di due tonnellate. Le sue carni sono apprezzate soprattutto a Messina, da noi non lo sono altrettanto, anche perchè nelle nostre acque è più raro che in quelle dello Stretto dove viene spietatamente cacciato. Una sua curiosa caratteristica è quella di addormentarsi in superficie facilitando così la cattura a chi lo sorprende in tale stato. Il suo aspetto varia notevolment con l'età ed il sesso, mediamente il suo peso oscilla tra i 5-10 kg;
Pìso loûna - s.n. della famiglia Sferco;
pìso martièl s.m. - pesce martello, specie dell'ordine degli Squaliformi, Sphyrna zyganea. Ha il caratteristico corpo di tutti gli squaliformi, distinguendosi notevolmente per il capo appiattito, con due espansioni laterali alle cui estremità sono posti gli occhi. La bocca, inserita in posizione ventrale, è munita di appuntiti denti triangolari che nella specie adulta risultano lievemente seghettati. Il colore varia dal grigio-ardesia, al grigio scuro fino al bruno-nerastro. Il ventre e di color bianco sporco. Può raggiungere i quattro metri di lunghezza. La sua pelle, il zigrino, è impiegata in ebanisteria e, opportunamente conciata, fornisce una sorta di cuoio. Le sue carni, pur commestibili, non sono particolarmente apprezzate. Vista la mole ed i terribili denti è considerato pericoloso per l'uomo.
pìso puòrco s.m. - pesce porco, appartiene anch'esso agli Squaliformi, Oxynotus cemtrina. Ha un inconfondibile corpo, tozzo ed alto, a sezione sub-triangolare. Rispetto alla mole, la testa è assai piccola, le 2 pinne dorsali sono munite di un grosso aculeo. La pelle è ruvidae presenta un color bruno-rossastro o grigio-ardesia. Misura mediamente 40-50 cm. ma può raggiungere quasi il metro di lunghezza. Le carni non sono commestibili.
pìso ròndula s.m. - in questo nome confluiscono tutti i pesci dei Beloniformi appartenenti alla famiglia degli Exocoetidae, caratterizzata dalle pinne pettorali assai sviluppate, che consentono di spiccare dei voli sul pelo del mare: 1. rondinella di mare, Danichthy rondeleti, è la specie per antonomasia, essendo la più diffusa nei nostri mari. Ha il corpo slanciato e fusiforme, gli occhi assai grandi, la testa larga e corta e la bocca è assai piccola. Il colore del dorso varia dall'azzurro metallico al blu oltremare. I fianchi ed il ventre sono argenteo-biancastri, raggiunge una lunghezza di 25 cm circa. 2. rondone di mare, Cypselurus heterurus. Ha il corpo fusiforme quasi circolare. Raggiunge una lunghezza massima di 40 centimetri circa; 3. pesce rondine, Exocoetus obtusirostris. Ha il corpo tozzo e robusto, la testa è grossa e gli occhi grandi e circolari. E' una specie assai rara nei nostri mari.
pìso scarpèna s.m. - scorfano, vedi scarpèna;
Pìso sìco - s.n. delle famiglie Cherin e Rocco;
pìso spàda s.m. - pesce spada, appartenente all'ordine dei Perciformi, Xiphias gladius. La sua caratteristica base è l'enorme sviluppo della mascella superiore che si prolunga sì da formare un micidiale rostro appuntito a sezione ellittica coi bordi taglienti. Ha la coda biforcuta a formare una mezzaluna, può raggiungere e superare la ragguardevole lunghezza di quattro metri, arrivando a pesare anche mezza tonnellata. E' uno dei pesci più veloci e grossi del mediterraneo e sin dall'antichità ha suscitato miti e leggende, ma i racconti di attacchi alle barche da parte di esemplari di tale specie non sono leggendari, infatti nel 1967 un esemplare non particolarmente grande, 2,45 metri per 89 kg, attaccò il sommergibile oceonagrafico Alvin rimanendo incastrato per la spada. Nei nostri mari non è una specie molto presente, come loè invece nelle acque dello Stretto di Messina, ove viene pescato con una tipica imbarcazione che ha al centro un lungo traliccio munito di gabbia per ospitare le vedette che devono scrutare il mare in cerca della sua caratteristica pinna, per poi colpirlo con la fiocina. Una descrizione della caccia al pesce spada, con la leggenda dell'estrema fedeltà del maschio della specie, è stupendamente cantata nell'omonica canzone in siciliano di Domenico Modugno.
Pìso trèmolo - s.n. della famiglia Vidotto;
pisocàn s.m. - pescecane, l'esemplare più noto dell'ordine degli Squaliformi, Carcharodon carcharias. Ha la tipica conformazione della specie, corpo massiccio e fusiforme, la bocca dai formidabili denti triangolari posta inferiormente. E il più grosso ed anche il più pericoloso squalo presente nei nostri mari. Anche se alle volte viene detto Squalo bianco, il dorso è grigiastro,mentre soltamto il ventre è biancastro. Può toccare anche i 12 metri e superare le tre tonnellate di peso. Anche se i suoi avvistamenti non mancano, non è molto frequente in Adriatico.
pisòl (pl. -oi) - cece, Cicer arietinum, sia il frutto che la pianta. Ortaggio coltivato fin dall'antichità, dal fusto alto e dai fiori di color bianchi e rossastri che fioriscono tra giugno e luglio. Il frutto è peloso e rigonfio con due semi. Generalmente vengono consumati essiccati o ridotti un farina. La pianta viene usata anche come foraggio; ma piazo doûte li maniestre... pasta e fazuoi, reîzi e beîzi, pasta e patate, manastron da vardoûra, ma zuradoûto pisoi e reîzi: mi piacciono tutte le minestre... pasta e fagioli, minestra di risi e piselli, pasta e patate, minestrone di verdura, ma soprattutto quella di ceci e risi; el gira grando cume oûn pisol: era grande come un cece; Etim.: dal lat. Pisum + Ciceolo, diminuitivo di Cicer;
Pisonìgro - s.n. della famiglia Benussi;
pisoû s.m. (pl. -di) - sarago pizzuto, pesce appartenente all'ordine dei Perciformi ed alla famiglis degli Sparidi, Puntazzo puntazzo. Ha il corpo ovale ed il muso appuntito. Il manto è grigio-argenteo intersecato da 7-10 fasce nere verticali. Può misurare sino a 40 centimetri di lunghezza e pesare intorno ai 2 Kg. Contrariamente agli altri saraghi vive isolato, si pesca con tramagli o sciabiche oltre che con la lenza anche se per la sua natura sospettosa è una preda difficile. Le carni sono ottime;
Pisoû - s.n. della famiglia Longo;
pisoûco s.m. - tipico gioco infantile, tipo la campana in cui si lancia un gessetto nelle vare case e si raccoglie saltellando compiendo un determinato percorso;
pistà v.tr. (i pìsto) - vedi pastà; Etim.: dal tardo lat. Pistare = battere, colpire insistentemente, da Pinsere;
Pìsta fuleîn - letteralmente pesta fuliggine e s.n. della famiglia Malusà;
pistàcio s.m. - pistacchio; ma piaz i pistaci saladi: mi piacciono i pistacchi salati; Etim.: dal lat. Pistacium;
pistàda s.f. - battuta, pestata, calpestata;
pistapìvere s.m. 1. l'addetto che un tempo polverizzava il pepe nel mortaio con il pestello; 2. pestello; 3. (fig) membro virile;
Pistapoûmo - s.n. della famiglia Benussi;
pistifariùz agg. - pestifero, pieno di cattiveri;
pistifàro agg. - pestifero;
pistileînsia s.f. - variante desueta di pistilènsa;
pistilènsa s.f. 1. pestilenza, morbo contagioso; 2. (fig) puzza ammorbante;
pìsto agg. - pesto; a gira nigaro pisto ca nu sa vadiva oûn caspe: era buio pesto che non si vedeva nulla;
pìsto s.m. 1. battuto con lardo prezzemolo aglio usato soprattutto per insaporire le minestre; oûna vuolta a sa fiva el pisto, dieso par nu ingrasà sa fà da mieno, ma li maniestre nu li uò pioûn quii goûsti da preîma: una volta si faceva il pesto, ora, per non ingrassare, se ne fà a meno, ma le minestre non hanno più il gusto di prima; 2. (fig) battuta, bastonatura; el uò ciapà oûn biel pisto: ha preso una bella bastonatura; Etim.: dal tardo lat. Pistare, battere, colpire insistentemente, da Pinsere = battere;
pistòn s.m. - botta, pestone;
pistòn s.m. - pistone, elemento del motore a scoppio;
pistoûr s.m. - panettiere, fornaio; Etim.: dal lat. Pistor,  panettiere;
pistòra s.f. - panettiera, arc.; el pan de li pistore zì pichineîno, e quil de li masiere zì oûn può pioûn grando: il pane delle panettiere è piccolino, e quello delle massaie un pò più grande, prov.;
pistreîn s.m. - antica macina, un vero e proprio mulino a mano, in possesso una volta di molte famiglie rovignesi. Consisteva in due ruote in pietra dura, in genere di granito, del diametro di circa 34-40 centimetri. La ruota inferiore veniva fissata su di un pianale, per lo più sopra un robusto telaio ligneo, mentre quella sovrapposta era munita di un manico per far girara la macina, come un grosso macinino da caffè. La ruota superiore veniva tenuta in guida da una lama di ferro a croce con al centro una boccola e quella inferiore era munita di un perno a vite passante sotto il tavolo che serviva per regolare lo spessore tra le due ruote e quindi del macinato.gdea

gdea
Solitamente tali strumenti venivano impiegati per macinare il grano per il pane ed il mais per la polenta, due dei principali elementi della dieta rovignese. In tempi di carestia vi si macinava anche l'orzo, le fave ed altro ancora.... Tale gravosa incombenza era solitamente affidata alle donne, che vi si dedicavano di buon mattino, per preparare il pane per i pasti del giorno. Naturalmente era un bene prezioso che non tutte le famiglie avevano e si tramandava per generazioni, come si può vedere da questo testamento di "ser Nicolò del fu Crist. di Orcevano, cittadino ed abitante di Pola", redatto il 25 dicembre 1457: "Item reliquit Christoforo et Dominico filiis suis... et etiam pestrinum, quod est in domo ante patem". La voce inoltre è attesta nel Chartularium piranese del 1291. L'era dei pistreîni cominciò a declinare nel 1710, data a cui risale l'installazione a Rovigno del primo vero e proprio mulino ad opera dei fratelli Veneri di Venezia, nel luogo che prese poi il nome di Monte Mulini, ma ancora nel 1780 ve ne erano ben 360; Etim.: dal lat. Pistrinum: macina, luogo ove si macina il grano, da Pinsere, pestare;
..............
pistùr s.m. - panettiere; Etim.: dal lat. Pistor, stesso significato;
pìsu s.m. - pesce, vedi pìso;
pisù s.m. (pl. -di) - sarago pizzuto, Puntazzo puntazzo;
pisucàn s.m. - pescecane, squalo;
pisùco s.m. - gioco della campana; li peîce li sa zughiva a pisuco e nui altri cun li s'ceînche: le bambine giocavano a campana men-
tre noi bambini giocavamo con le palline di vetro;
pisulì s.m.inv. 1. terra vergine; 2. strato di terra dura che si trova al di sotto di quella coltivata; 3. terreno di scarto; 4. crosta di terreno formatasi dopo un forte acquazzone una volta asciugato il terreno;
pìta s.f. - piega, risvolto; - Sta cutula la zi masa longa ti duvaravi fagghe oûna pita: questa gonna è troppo lunga ci dovresti fare una piega;
Pitacco - nel censimento del 1° ottobre '45 erano presenti 2 famiglie;
pìte bièle s.f. - erba selvatica somigliante alla bonasèna;
piteîma s.f. - persona noiosa, impiastro, scocciatore; Etim.: dal greco Epithema = cataplasma;
piteîsa s.f. 1. scureggia, peto; 2. cosa di infimo valore, inezia, quisquilia; nu val oûna piteîsa: non vale niente; Etim.: da peto = scureggia;
piteîsa s.f. - moneta divisionale austriaca da 5 carantani in argento; Etim.: secondo il Samani dal cr. Pet, cinque. Infatti nel fiumano la vc. Petìza, vale voto insufficiente;
Piteîsi - s.n. della famiglia Benussi;
piteîto s.m. - appetito; da oûn pier da giuorni nu iè pioûn el suolito piteîto: da un paio di giorni non ho il solito appetito; doûto zì bon cu s'uò piteîto: tutto è buono quando si ha appetito, prov.;
pitièr s.m. - in origine orcio di terracotta per tenervi l'acqua potabile ed ora quasi esclusivamente vaso da fiori. la viva el balcon pien da pitieri da fiuri, ca fiva biel da vidi: aveva la finestra piena di vasi di fiori che facevano un bel vedere; Etim.: dal gr. Pitharion = vaso, piccola giara per il vino, dim. di Pithos = orcio;
pitièr s.m. - pettirosso;
Pitièr - s.n. della famiglia Quarantotto;
pitièz s.m. - mistura di grappa ed acqua calda, una volta classico rimedio popolare per molti acciacchi; Etim.: vedi le voci pitisà e pitisòn;
pitigulìso s.m. - vedi patigulìso; i nu dago bado a sti pitigulisi: non do retta e questi pettegolezzi;
pitisà v.intr. (i pitisìo) - sbevazzare, bere smoderatamente, bere in continuazione; Etim.: il Pellizer lo dice dallo sl. Piti = bere, ma come per la vc. pitisòn, potrebbe ince derivare dal lat. Potor, o comunque vi potrebbe essere una commistione dei due termini;
pitisiòn s.f. - petizione;
pitisòn s.m. - uomo a cui piace il bere, beone dedito in particolare ai superalcolici (grappa, cognac ecc.); quila la zì oûna viecia
pitisona: quella è una vecchia ubriacona; Etim.: il triestino ha la voce Petisseria, per rivendita di liquori, probabilmente dal lat.
Poto, anzichè dal cr. Piti come suppone il Pellizer;
pititùz agg. - appetitoso; par meî zì pioûn pitituz oûn biel piato da iota ca doûte sti diavulareîe francizi caraghe da inpiastri: per me è più appetitoso un bel piatto di jota che tutti questi complicati manicheretti francesi pieni di salse e salsine;
pìto s.m. - peto, scureggia. Anche se non comune questo termine fa parte del bagaglio dei vocaboli rovignesi, vedi il seguente detto
proverbiale: pìti, pìti nu fà càca: peti, peti non fanno cacca; che il Pellizer ricollegandosi al cr. Piti = bere, secondo me in maniera
errata, interpreta invece come: il bere non produce feci... anche se è possibile una commistiuone dei due significati.
pìto s.m. 1. petto, torace; - La uò el mal da pito: ha la tisi; a ma diol el pito, iè ciapà aria: mi fa male il petto, ho preso aria; 2. seno, mammella; la uò oûn biel pito: ha un bel seno; Etim.: dal lat. Pectus = petto;
Pìto da beîo - s.n. della famiglia Rocco;
Pìto da brònzo - s.n. della famiglia Budicin;
Pìto da galeîna - s.n. della famiglia Budicin;
pitòn s.m. - calcestruzzo, miscela di cemento, sabbia e ghiaia; Etim.: dal lat. Bitumen, attraverso il fr. Béton;
pitòn s.m. - pitone; la zì znunbulada cume oûn piton: è dinoccolata, si contorce, come un pitone;
pitorùso s.m. - pettirosso; Etim.: dal lat. Pectus russus;
pitoûra s.f. 1. pittura, vernice; 2. quadro, effige pitturata; ara ca biela pitoûra da Ruveîgno: guarda che bel quadro che raffigura Rovigno; 3. (fig.) gli artifici che usano le donne per darsi coloro, ravvivare e valorizzare il volto: belletto, rossetto ecc.; stoûco e pitoûra fà biela figoûra: cipria e belletto fanno bella figura, prov.;
pitrulièra s.f. - petroliare, grossa nave cisterna adibita per il trasporto del prezioso liquido; t'iè veîsto ca dazìo c'uò fato quila pitruliera in atlantico?: hai visto che disatro ha provocato quella petroliera nell'oceano Atlantico?;
pitrùlgio s.m. - petrolio; Etim.: dal lat. Petroleum, composto da Petrae + Oleum;
pitruòlgio s.m. - petrolio;
pitruòlio s.m. - petrolio;
pitucà v.tr. (i pituchìo) - mendicare, chiedere l'elemosina, pitoccare, comportarsi come un pitocco, un postulante; a nu curo pitucà cu zì oûna ruoba duvoûda: non occorre pitoccare, elemosinare un beneficio, quando è una cosa dovuta;
pìtula s.f. - pasticcio, guaio, peste; li muriede li sa uò doûte e dù spuzade cun dù bravi zuvani, insuoma li zì fora da li pitule: le fanciulle si sono tutte e due sposate, con due bravi ragazzi, insomma sono ormai emancipate, lontano dai guai; sor mea, i vemo mareîdi e fioi, e in quile cundisioni ca la zì nu la pudimo guantala su li pitule: cara mia, abbiamo da pensare a figli e mariti e nelle sue condizioni non la possiamo tenere tra i piedi; cheî ca zì su li pitule, ca sa dastreîgo: chi è nei guai, che se li sbrogli, che se la veda da solo, prov. Modi di dire: lagà su li pìtule: lasciare in difficultà, lasciare nei guai; lasà sul pan de li pìtule: lasciare in un mare di guai; Etim.: dal venez. Petole = caccole;
pitulièr s.m. 1. pasticcio, peste; 2. ambiente sporco e bagnato; 3.fango, guazza, broda;
pitunà v.tr. (i pitunìo) - cospargere, ricoprire una superficie con il calcestruzzo;
pitunìsa s.f. - pitonessa, virago, ma anche maliarda;
pituòco s.f. - pitocco, mendico, persona meschina;
pitùr s.m. 1. pittore; 2. imbianchino, decoratore; Etim.: dal lat.Pictor-ris da Pingere = dipingere;
Pitùr - s.n. della famiglia Benussi;
piturà v.tr. (i pitoûro) 1. pitturare, tingere, affrescare, decorare; 2. dare il rossetto, imbellettare;
pituràl s.m. - pettorale; i ma uò dà da el pitural el noûmaro oûn: mi hanno assegnato il pettorale numero uno;
pituràse v.rifl. (i ma pitoûro) - truccarsi, imbellettarsi;
pitureîna s.f. 1. pettorina, il drappo triangolare che una volta si usava porre al di sotto del busto o corpetto con la punta rivolta all'ingiù in modo che, una volta stretto in vita, sporgesse uno sbuffo sul petto, più per ornamento che per pudicizia, e coprisse inoltre lo spazio lasciato vuoto dall'allacciatura del corpetto. 2. in generale, la parte di un indumento femminile che ricopre il petto; 3. (euf) per estensione l'organo sessuale femminile; ma mare ma diziva senpro: "Maide, maide nu biegna cuntrastaghe, muoleghe oûn ponto s'el s'incapunia, ma uocio a la pitureîna ca nu viegno el patatrac": mia mamma mi diceva sempre: "Mai, mai contraddirlo, concedigli pur qualcosa se s'impunta, ma occhio... che non succeda il guaio". Modo di dire: tantà la pitureîna: attentare alla virtù femminea, cercare d'avere rapporti sessuali con una donna; 3. una dozzina d'uova, cioè la capienza ottenuta alzando l'orlo della pitureîna; 4. la parte ventrale, la coda dei crostacei; Etim.: da pìto;
................
piunbeîn s.m. 1. piombino, usato per lo più per non far galleggiare la lenza; 2. filo a piombo; 3. pallino di piombo, usato per i fucili
tipo flobert;
piuntuòsto avv. - piuttosto; piuntuosto da ingubiame cu quila i ma nigo: piuttosto di mettermi con quella la, mi annego;
piurà v.tr. e intr. (i piùro) - piangere; nu ga vol cridi a l'omo ca bas'cema, a la fimana ca piura, a caval ca soûda: non bisogna credere all'uomo che bestemmia, a la donna che piange e al cavallo che suda, prov.; cheî ta vol ben ta lasa piurando, cheî ta vol mal ta lasa ri-
dando: chi ti vuol bene ti lascia piangendo, chi ti vuol male ti lascia ridendo, prov.; piurà el muorto par ciavà el veîvo: piangere il morto per fregare il vivo, prov.; cheî pioûn piura, pioûn s'inamura: chi più piange, più s'innamora, prov.; nu biegna piurà sul lato varsà: non bisogna piangere sul latte versato; cheî ti piuri par gninte, tu pare ta lu cunsaruò: cosa piangi per nulla, tuo padre te lo riparerà; cheî piura spiso uò bai uoci: chi piange spesso ha dei begli occhi, dalla credenza popolare che il piangere facesse diventare belli gli occhi; Etim.: dal lat. Plangere;
piuràda s.f. - pianto, piantino; oûna biela piurada, e duopo ti vadariè ca ti stariè meo: fatti un bel piantino, e dopo vedrai che starai meglio;
piurèta s.f. 1. prefica, donna pagata per piangere durante le veglie o le cerimonie funebri; 2. piagnone, piagnucolone, persona facile al pianto e al lamento; nu fà el piureta, uramai nu ti son pioûn oûn tatuoso: non fare il piagnucolone, ormai non sei più un bamboccio. Vedi anche questa gustosa strofetta popolare, che è una presa in giro degli abitanti di Villa di Rovigno:
 
 
Piureta de la Veîla
Soname la peîla
Soname el pilon
Butate zù del balcon.

Piurèta - s.n. della famiglia Rocco;
piùri s.m.pl. - pianti, lamenti; cu gila a gira piuri in cuntinuasion: con lei erano pianti, lamenti continuati;
piutuòsto avv. - piuttosto; piùtuosto da dagala veînta i boûto doûto in scuvason: pittotosto di dargliela vinta, butto tutto nella pattumiera;
piuvàda s.f. - piovasco, sdrenna, scroscio violento di pioggia;
piuveîna s.f. - antiquato aratro non più in uso, così come il termine stesso che è ormai desueto;
piuvizeîna s.f. - pioggerellina, pioggia che cade in goccioline minute, molto volte accompagnata dai raggi del sole; sta piuvizeîna nu par ma la ta bagna: questa pioggerellina, anche se non sembra, ti bagna, ti fracica.
pìvare s.f.pl. - pepe; ancui el uò li pivare intul coûl: oggi ha una fretta del diavolo; a ga vol uoio, sal e pivare: ci vuole olio, sale e pepe; Etim.: dal lat. Piper, gr. Peperi, termine originario dell'India;
pivareîn s.m. - peperino, tipo tutto pepe;
piveîda s.m. 1. malattia delle galline e del pollame in generale che provoca l'ingrossamento della lingua, ad un punto tale che non può più mangiare; 2. per estensione sete intensa; saruò stà el parsuto, ma ancui i iè la piveîda!: sarà stato il prosciutto, ma ho una sete intensa, oggi non faccio che bere!; 3. (fig) accidente, un guaio, una malattia; ca ta viegno la piveîda!: che ti venga un'accidente!; Etim.: dal lat. Pituita, muco, catarro con una probabile intrusione del verbo Pipare, pigolare;
piuveîna s.f. - grande arato tutto in ferro, in uso soprattutto a Dignano;
pivièlo s.m. e agg. - pivello;
piz s.m. - peso, nelle varie accezioni dell'it.; doûto el piz da la butiga gira soûn li spale da quil puovaro zuvano, su pare gira pioûn tenpo a l'ustareîa o dreîo li cuotule da li fimane ca dreîo el bancon: il peso del negozio, stava tutto sulle spalle di quel povero ragazzo, suo padre era più il tempo che passava all'osteria o a correre dietro alle donne, che quello che passava al bancone; in tri giuorni i iè calà tanto da piz, ca dieso li braghe ma bala: in tre giorni ho calato tamente di peso che ora i pantaloni mi ballano, ovvero ci ballo dentro; nu stà fà du pizi e du minzoûre: non far due pesi e due misure; el piz de la culpa nu ga dava paz: il peso della colpa non gli dava pace; i pizi de la balansa i gira da uton: i pesi della bilancia erano di ottone; nu stà vì raguardo ca nu ti ma son da piz: non avere riguardo che non mi sei di peso. Modi di dire: a piz da uòro: a peso d'oro, a caro prezzo, cioè come pagando in oro il peso della merce comprata; piz da uòro: peso esatto; da piz: di peso, sollevare una persona od una cosa di slancio; nu dàghe piz: non badarci, non darci molto peso, non attribuire soverchia importanza; Etim.: dal lat. Pensum, quantità di lana da filare assegnata alle schiave, da Pendere, pesare;
pizadoûra s.f. 1. pesatura; 2. peso;
pizànte agg. - pesante;
pizanteîse v.intr.pr. (i ma pizanteîso) 1. appesantirsi, assumere dei chili in più, ingrossare; duopo spuzà el s'uò mondo pizanteî: dopo sposato si è assai appesantito; 2. provare un senso di peso, di gravezza soprattutto allo stomaco; ma piaz la pasta al furno ma la ma pizanteîso soûbato: la pasta al forno mi piace ma mi da subito un senso di gravezza, mi appesantisce;
pizantìsa s.f. - pesantezza;
pìzda s.f. - letteralmente è la vagina, fica, ma è usato prevalentemente in senso figurato col significato di sciocco, stupido come il termine muòna, di cui alle volte funge da rafforzativo all'equivalente termine rovignese, uso questo non infrequente, vedi: càrago ful: strapieno; viècio stàro: vegliardo, decrepito, stravecchio, vecchissimo: muòna de pìzda o pìzda de muòna: stupidone, grosso cretino, pezzo di scemo, coglione, cazzaro ecc.; Etim.: dallo slov. Pizda;
pizdrùl agg. e s.m. 1. pisellino, cazzettino; 2. scherzoso per indicare un ragazzino, un piccolino; 3. sciocchino, scemetto, ecc.; Etim.: diminuitivo di pìzda, col cambio semantico del termine dall'organo femminile a quello maschile, anche se qui prevale il significato traslato. In origine il termine significava lattante, bambino appena uscito dalla "pizda", da qui poi pisellino;
pizdruleîn s.m. - dim. di pizdrùl;
Pizeîn top. - Pisino, città dell'Istria, con 5.125 abitanti, 19.186 con il circondario negli anni '30. L'antico Catrum Pisini, fu donato dal re Ugo di Provenza ai vescovi di Parenzo, che lo concessero in investitura ai conti di Gorizia, 1175, che costituirono la Contea di Pisino. Nel 1374, con la ben nota politica austriaca di alleanze matrimoniali, per via ereditaria, passò alla Casa d'Austria che l'impegnò, l'affittò, la vendette, la riscattò più volte finchè nel 1766 l'acquistò Antonio Laderchi marchese di Montecuccoli di Modena ed alla cui famiglia appartenevano ancora nel 1930 il castello ed alcuni beni allodiali. I veneziani lo tennero per breve tempo nel 1344 e nel 1508. L'unica cittadina di un certo rilievo in cui l'elemente slavo era quasi prevalente, anche se tutti gli atti del comune di Pisino, anche se sotto l'Austria, sono sempre stati redatti in italiano. Durante i tristi avvenimenti del dopoguerra la sua spaventosa foiba ha acquistato, almeno per noi istriani, il valore di enorme tomba a cielo aperto nelle cui voragini giacciono a migliaia le ossa di molti "epurati".
pizièlo s.m. - pisello, usato soltanto nella seguente conta, che colme altre conte e filastrocche è piena di non-sense.
 

Pizo, pizielo
Da buca d'anielo
Pioûn granda da doûti.
Frigulì i uoci,
Masa paduoci,
Scana babai,
Masa suldai.

pìzo s.m. - pisello, usato però nell'inizio di una conta dei ragazzi rovignesi: pizo, pizielo...;
pìzula s.f. - bigoncia, brenta non completamente riempita, dal contenuto poco pressato, ovvero con un peso leggero;
pizulà v.intr. (i pizulìo) - dormicchiare, schiacciare un pisolino, sonnecchiare; el pizulìa doûto el santo giuorno: sonnecchia tutto il santo giorno;
pizulàse v.rifl. (i ma pizulìo) - appisolarsi, mettersi a fare un riposino; duopo vì bivoû el suovo suolito sa uò pizulà in oûn canton: dopo essersi fatto solito goccetto si è appisolato in un angolino;
pizuleîn s.m. - pisolino, dormitina, però è assai più usata la forma pizuluòto; duopo diznà el và a fase oûn pizuleîn: dopo mangiato va a farsi un pisolino;
pizùlo agg. - leggero, poco pesante;
pizuluòto s.m. - dormitina, sonnellino per lo più pomeridiano; el zì zeî a fà oûn pizuluoto, ca stanuoto nu uò insarà uocio par fineî el lavur: è andato a farsi una dormitina che questa notte non ha chiuso occhio per finire il lavoro;
pizuòdio s.m. - episodio; i iè pierso oûn pizuòdio de la telenuviela: ho perso un'episodio della telenovelas;
Pizzamano - Domenico qm. Alessandro, Podestà dal 1758 a il 1760;
Pizzamano - Nicolò qm. Giov. Battista, Podestà nel 1737 1738;
plàca s.f. - placca, piastra, lastra; la cal la gira oûna placa da giaso, sa zbrisiva cumo gninte: la strada era una placca di ghiaccio, si scivolava con una estrema facilità; Etim.: dal gr. biz. He plaka, cosa piatta;
placà v.tr. (i plàco) - calmare, placare;
placà agg. (f. -ada) - placcato, ricoperto con un leggero strato metallico; el viva oûn uroio placà da uoro ca pariva pruopio da quii boni: aveva un orologio placcato d'oro che sembrava proprio di quelli veri;
plàcido agg. - placido, calmo, pacifico, mansueto, persona che se la prende comoda; ti siè ch'el zì placido: lo sai che è un tipo che se la prende comoda; Etim.: dal lat. Placidus;
plàcito s.m. - placito, beneplacito, benestare; cu el placito de li cunpatenti auturità: con il benestare dell'autorità competenti;
plafòn s.m. - soffitto; biegna dà oûna man da biaca al plafon da la cuzeîna ca zì doûto zalo da untulun: occorre dare una verniciata di bianco al soffitto della cucina che è tutto ingiallito dall'unto; ara ca viermo sul plafon!: guarda che verme sul soffitto!; Etim.: dal fr. Platfond, composto di Plat + Fond, forse tramite l'analogo termine tedesco;
plafunièra s.f. - plafoniera, lampada da soffitto o da parete; dieso nu sa oûza pioûn meti i lanpadari ma li plafuniere, i deî ca zì pioûn mudierno: ora non si usa più mettere i lampadari ma le plafoniere, dicono che è più moderno; Etim.: da plafòn;
.........
plìtis.m. - il bere. Usato soltanto nel seguente detto proverbiale: dùlso el plìti, màro el plàti, letteralmente dolce il bere, amaro il pagare. Dalla storpiatura di due verbi croati, Piti e Platiti, che rispettivamente vogliono dire bere e pagare. Viene impiegato solamente in senso metaforico, riferito alle partorienti, a significare che se è stato dolce il momento del concepimento, non lo è altrettanto il parto...
plòcia s.f. 1. piastra che copre il camino; 2. piastra o gettata uniforme in genere;
plònzo s.m. 1. tuffo; ca plonzi ch'i fiendi da la Baluòta: che tuffi facevamo dalla Ballotta (scoglio di Rovigno) 2. (fig) caduta; Etim.: vc. onomatopeica, affine al fr. Plonger e Plongeon;
ploûbico agg. e s.m. - pubblico;
...........
pluòcia s.f. - vedi plòcia;
pluscà v.tr. (i ploûsco) - affibbiare; i ga uò pluscà oûna biela moûlta, parchide el paschiva cu li meîne: gli hanno affibbiato una multa salata, perchè andava a pescare con le mine;
Pluto - s.n. delle famiglie Benussi e Fiorin;
plutuòcrate s.m. - plutocrate, riccone, capitalista. Calco sulla vc dotta it.;
Pocapresa - s.n. della famiglia Sponza;
............
Podelmengo - nel censisemto del 1° ottobre '45 erano presenti 2 famiglie. E' rimasta figura proverbiale, la guardia Podelmengo. Molte volte le varie comari, quando i ragazzini giocando facevano troppo chiasso li azzittivano con la frase: ara ch'i ciàmo Podelmèngo...;
Pòla - s.n. delle famiglie Ive, Malusà e Radossi;
Polani - Bertucio, Podestà nel 1322;
poldrùgo s.m. - epiteto scherzoso, scanzafatiche. quil poldrugo el zì doûto el giuorno a turzolon, mai ch'el giudaravo su pare: quel bel tomo, quello scanzafatiche, sta tutto il giorno in giro a non far niente, mai che aiuterebbe suo padre; Etim.: probabilmente dal cognome croato-dalmato Polidrugo, da Drug = compagno;
Polli - nel censimento del 1° ottobre '45 erano presenti 5 famiglie;
Polo - s.n. della famiglia Rocco;
pòlso s.m. - polso; furmaio, pan scoûro e veîn poûro, fà el polso doûro: formaggio, pane scuro e vino puro, rendono saldo il polso,
prov.; el zì oûn omo da polso: è un uomo di polso. Modi di dire: tucà el pòlso: tastare il polso per contare i battiti cardiaci; sintìghe (o tastà) el pòlso: in senso figurato tastare il polso ad una persona, cercare di saggiarne il carattere, di capirne i pensieri, le intenzioni; Etim.: dal lat. Pulsus-us;
pomiduòro s.m. - vedi pumiduòro;
pòmo - s.n. della famiglia Giuricin;
pònga s.f. 1. voracità, fame insaziabile; ca ponga, da quanto nu ti veîvi magnà?: che voracità, da quanto non mangiavi?; 2. persona  insaziabile; ca pònga ca ti son! ara ca i tuovi fardai nu i uò ancura magnà: che tipo insaziabile che sei! guarda che i tuoi fratelli non
hanno ancora mangiato; Etim.: dal basso lat. Punga, bisaccia, da cui anche il triestino Ponga = gozzo degli uccelli e il detto venez. Farse la ponga = arricchirsi illecitamente;
pònpa s.f. - pompa, sfarzo;  doûti in ponpa i spativa la farata ca duviva rivà El Nostro: tutti in pompa attendevano il treno che doveva portare Francesco Giuseppe; ningoûna lu vol parchì lavura a li ponpe fonabre: nessuno lo vuole perchè lavora alle pompe funebri;
Etim.: dal lat. Pompa, gr. Pompè = corteo, processione;
pònpa s.f. - pompa, attrezzo per pompare; el lavura a la pònpa de binzeîna: lavora alla pompa di benzina, al distributore; ciùme la ponpa ch'iè la ruda a tierà: prendimi la pompa che ho la ruota sgonfia; Etim.: dal fr. Pompe;
pònso s.m. - polso; el nu uò ponso, quii beîlfi i fà cume ch'i vol: non ha polso, quei birboni fanno quello che gli pare; Etim.: dal lat. Pulsis-us;
pònta s.m. - molletta; dàme oûn ponta: dammi una molletta; Etim.: dal tardo lat. Puncta;
pònta s.f. 1. punta, cima, parte terminale acuminata; a nu ma ven inamento... i lu iè soûn la ponta del naz: non mi viene in mente... ce l'ho sulla punta del naso ... della lingua; nu ti iè oûna ponta pioûn gruosa, ca quista la ma par masa lizièra par zbuzà el moûr: non hai una punta più grossa, che questa mi sembra troppo leggera per forare il muro. Modo di dire: pònta cun pònta: punta con punta, mettere uno difronte all'altro i due organi genitali; in pònta in pònta: essere lì lì; i iè oûna pisada in ponta in ponta: mi scappa di fare una pisciata, ho l'impellente bisogno di pisciare; 2. tipo di succhiello; 3. nella toponomastica rovignese, il termine sta ad indicare delle sporgenze strette ed allungate della costa, alle quali i pescatori danno minuziosamente un nome, anche a quelle più piccole, in modo da riconoscere esattamente il luogo, più adatto alla pesca; Etim.: dal lat. Puncta = colpo inferto di punta, oppure con la punta, da Pungere;
Pònta - s.n. della famiglia Sponza;
pònta-àghi s.m. - appunta aghi;
Pònta Barabeîga top. - è la parte estrema della costa meridionale di Rovigno, detta anche Punta Cissana, Punta Barberiga o Barbariga;
Pònta Binoûsi top. - sulla costa sud del Canal di Leme, chiaramente il nome si riferisce alla famiglia Benussi. Conosciuta anche come Pònta del Gàlo, da un soprannome della suddetta famiglia;
Pònta coûn pònta - s.n. della famiglia Dapas;
Pònta Coûvi top. - sporgenza meridionale della valle omonima;
Pònta Cruz top. - presso Val Saleîne, ivi sorgeva una croce, a ricordare i morti relativi ad un naufragio avvenuto nei pressi. Segna il limite sud dell'imboccatura del Canal di Leme, quella a nord invece vi è la Pònta de li Siole; zaniestra in fiur, spari a Ponta Cruz: quando la ginestra è fiorita, vi sono gli asparagi a Punta Croce, prov.;
Pònta Curènto top. - punta situata sulla costa di fronte allo Scùio di Sant'Andreîa, deve il nome alla corrente submarina che coinvolge il mare circostantante, si trova frequentemente anche nella forma: Pònta Curènte, attualmente vi è la sede del bellissimo parco nazionale
omonimo;
Pònta d'àmo - s.n. della famiglia Zanini;
Pònta d'Uòstro top. - detta anche Pònta Lavatuòio, per la larga gradinata che si trova in fondo alla riva e che delimita, con il molo piccolo, l'andana;
Pònta da Barabeîga top. - nota anche col nome di Pònta Figaròla o Pònta de la Càva, visto che si trova sulla costa prospicente l'isola di Figarola, ove vi era una cava di pietra;
Pònta da Gusteîgna top. - tozza sporgenza che delimita a nord una ampia insenatura da Paloû a Pisùio;
Pònta da li Càrme top. - sulla costa sita tra la Pònta Barabeîga e Rovigno, è una sporgenza formata da grossi massi di pietra che formano dei profondi anfratti, detti carme;
Pònta da Maeîstro top. - parte estrema di Nord-West de l'isola di Santa Caterina;
Pònta da Lòne top. - sporgenza che chiude sul versante nord la valle omonima;
Pònta da Pìro Muòro top. - detta anche più semplicemente Pònta dei Muòro, perchè era di proprietà della famiglia Benussi Moro, posta difronte la Triesa da Pulari;
Pònta da Pulàri top. - sporgenza nei pressi di Polari, tra la Pònta Tunbaroûcio e Val da Pulàri;
Pònta da Rùco Biànco top. - punta prima di Vìstro. Il termine rùco dovrebbe derivare da ronco, e sta a significare terreno in pendio a ripiani;
Pònta da Ruvarìto top. - detta anche Punta delle Due Strade. Il nome non ha nulla a che fare con la città di Rovereto, ma bensì con il diminuitivo di ruvàro, pianta del rovero. Punta situata nel Canal di Leme;
Pònta da S. Ufièmia top. - punta situata all'inizio del Canal di Leme, sul versante sud, il nome è dovuto ad una chiesetta dedicata alla santa costruita nel 1410;
Pònta (da) Tumaroûcio top. - nei pressi di Polari, una volta detta anche Pònta Custanteîni, dalla famiglia rovignese Costantini;
Pònta da Val Fuiàga top. - punta sita nella parte nord del Canal di Leme, verso il mare, quando il canale incomincia ad aprirsi come una foce;
Pònta de l'Agunièr top. - sulla costa nord, del Canal di Leme;
Pònta de la Càva top. - sulla terraferma di fronte a Figaròla;
Pònta de la Moûcia top. - penisoletta ricoperta di pini che sorge presso l'Ospedale;
Pònta de la Seîmia top. - sporgenza dalla quale si può osservare sia la parte iniziale che terminale del Canal di Leme;
Pònta dei Fràti top. - sita nella parte più interna del Canal di Leme, detta anche Pònta Perùso;
Pònta del Bàbo top. - in località Vìstro, il nome viene dal soprannome bàbo che vuol dire sdentato, attribuito alle famiglie Brunetti e Vidotto;
Pònta del Caragadoûr top. - punta prominente sul mare sita nel Canal di Leme, deve il nome al fatto che una volta vi era un imbarcadero per caricare le merci, conosciuta anche come Ponta del Vescovo;
Pònta del Pin top. - sulla costa meridionle del Canal di Leme;
Pònta del Prà da Scanabichi top. - letteralmente vuol dire Punta del prato di scannacavallette, trattasi di una sporgenza che si protende sul mare, partendo dal prato di proprietà della famiglia Budicin, soprannominata per l'appunto Scàna Bìchi. Il sito si trova tra Val da S. Puòlo e Val d'Antula;
Pònta del Saniciareîn top. - breve sporgenza che delimita a sud la Val da Catalàn, il nome in rovignese vuol dire Punta del Passero;
Pònta Lònga top. - sul lato sud del Canal di Leme;
Pònta Mas'ceîn da fòra top. - è la punta occidentale della piccola isola omonima, che una volta veniva unita con quella più grande di Sant'Andreîa, solamente nel periodo di bassa marea da una striscia di battigia. Attualmente è stata unità definitivamente con una brutta colata di cemento, per consentire ai turisti il passaggio a piedi tra le due isole;
Pònta Pinerùs top. - vedi Pònta del Pin;
Pònta Puntuleîna top. - punta che si spinge sul mare tra la Cuguliera e la Baluòta, alla sua base vi è la Boûz da Badeîna;
Pònta S. Fìli top. - sporgenza che contrassegna l'imboccatura meridionale del Canal di Leme, deve il nome alla chiesetta che vi sorgeva dedicata a S. Felice;
Pònta S. Zuvàne top. - P.ta S. Giovanni nella cartografia italiana, sul lato sud della 'foce' del Canal di Leme, deve il nome alla Chiesa di S. Giovanni di Valalta;
Pònta Scaràba top. - sporgenza che divide le due valli omonime, peîcia e grànda, di fronte vi sono i scogli di Pirùz, anch'essi suddivisi in grande e piccolo;
Pònta Zèro top. - è la sporgenza sul Canal di Leme, nella parte più interna, che segna il confine tra Villa di Rovigno e Sossi;
Pònta Zutacastièl top. - sporgenza posta probabilmente sotto un antico castelliere, si trova sul lato nord del Canal di Leme, nella parte più stretta, e non ha nulla a che vedere con l'omonima località posta sempre nel canale, ma che si trova sul versante sud, molto più verso
il mare;
Ponterico - nel censimento del 1° ottobre '45 era presente una famiglia;
Pontevivo - Angelo da Burano, 1830. Nel censimento del  1° ottobre '45 erano presenti 4 famiglie;
Pontevivo - prof. Giacomo, 16.9.1892 - Venezia (Lido) 29.11.1985. Compì gli studi liceali nell'i.r. ginnasio superiore di Capodistria e si laureò all'Università di Vienna. Iniziò la sua carriera nel Civico ginnasio reale di Rovigno insegnando latino, italiano e tedesco. In seguito insegnò italiano e geografia nella Civica scuola reale di Trieste. Quindi al liceo-ginnasio di Pola, e agli I.T.C. di Fiume, Rovigno, Salerno e Livorno ed infine insegnò anche all'Accademia Navale di Livorno. A Fiume fu l'ultimo segretario del Partito Repubblicano prima del fascismo e membro del governo dello Stato Libero di Fiume. A Rovigno si occupò al riordino della biblioteca comunale intitolata allo Stancovich. Sempre a Livorno, dopo l'esilio, costituì il Comitato Giuliano e contribuì a ricostruire quello della "Dante Alighieri", presiedendoli entrambi per più di un decennio. Fece inoltre parte del primo Consiglio Nazionale dell'Associazione per la Venezia Giulia e la Dalmazia. Dotto linguista, si dedicò alla revisione ed all'aggiornamento del vocabolario italiano-tedesco del Lysle, pubblicandone successivamente un nuovo vocabolario, che ebbe grande diffusione, sia in Italia che in Germania. Fu inoltre cultore di storia patria istriana e del dialetto rovignese, di cui era profondo conoscitore, lasciandone traccia in svariate pubblicazioni e in diverse opere manoscritte;
pònto s.m. 1. punto di cucito, di maglia; ara ca boûz, daghe oûn ponto: guarda un pò che buco, dagli un punto, fagli un rammendo; ponto longo e strento ven maladito s'el nu ten: punto stretto e lungo viene maledetto se non tiene, prov. I punti più usuali sono: pònto giuòrno: punto giorno; pònto margareîta: punto margherita; pònto gièrba: punto erba; pònto indreîo: punto indietro ed i classici ponto drìto e ponto ruvierso: punto dritto e punto rovescio; 2. punto, segno grafico di interpunzione; ponto e veîrgula: punto e virgola; 3. punto, unità di conto; i l'iè ciulto cui ponti miralansa: l'ho preso con i punti Mira lanza; par oûn ponto Marteîn uò pierso la capa: per un sol punto san Martino ha perso il mantello; 4. punto, un determinato spazio di superficie od un determinato lasso di tempo; dame oûn lapis ch'i vuoi uneî i ponti par veîdi cheî ca ven fora: dammi una matita che voglio unire i punti per veder cosa vien fuori; a zì li gize in ponto: sono le dieci in punto, le dieci esatte; Etim.: dal lat. Punctum;
pònto s.m. 1. pancone, asse assai robusta e di grosso spessore; 2. ponte; i viva fato oûn ponto da barche: avevano fatto un ponte di barche; Etim.: dal lat. Pons pontis;
Pònto top. - piazza ove una volta vi era il ponte, che venne in seguito interrato e che collegava Rovigno alla terraferma;
pònto da Gioûda (el) s.m. - è detto così il numero 13 nel gioco della tombola, chiaro il riferimento all'Ultima Cena con i suoi tredici convitati;
pònto da Suspeîri s.m. - Ponte dei Sospiri, naturalmente è quello famoso di Venezia e sta ad indicare una situazione tribolata, dei patimenti; arì ch'i vì da fà cun oûn puovaro omo ch'el uò pasà parici Ponti da Suspeîri: guardate che avete a che fare con un uomo che ha sofferto molte tribolazioni;
pontoindreîo s.m. - punto addietro;
pònzi v.tr. (i pònzo) - pungere; ti ma iè ponto: mi hai punto; la ponzi pioûn ch'i galuopi: punge di più di un roveto di spini, cioè è una tipa da prendere con le molle. Modo di dire: ònzi e pònzi: letteralmente ungere e pungere, ma ha il significato di lodare per poi prendere
in giro; Etim.: dal lat. Pungere, stesso significato;
Pònzi noûvuli - s.n. delle famiglie Curto e Mattessich;
........
pòsta s.f. 1. rete da posta, rete fissa per la cattura del pesce di transito, da passo: pòsta da ribòni, uciàde, uràde, mignuluòti ecc.; 2. posta, tira; Modo di dire: fà la pòsta: far la posta, attendere al varco; anca meî i ga fago la posta: anche io gli faccio la posta, anch'io lo
aspetto al varco;
pòsta (a) loc.av. - apposta, per far dispetto, per far arrabbiare, deliberatamente; alura ti ma lu fà a posta: allora me lo fai apposta, mi vuoi far arrabbiare;
pòsta (da) loc. av. - per scherzo, per burla, per celia, per finta, non seriamente; ti dizi da posta o par da bon: lo dici per scherzo o perdavvero; i lu fiva da posta: lo facevano per scherzo, per celia, per farlo arrabbiare;
pòsta ca loc. - visto che, dato che; posta ca ti và a Tristi ciume oûn pier da cheîli da cafiè da quil bon: visto che vai a Trieste, prendimi un paio di chili di caffè di quello buono;
postièr s.m. - postino; i uò masà el pustier ca nu viva ningoûna culpa: hanno ucciso il che non aveva alcuna colpa;
pòsto s.m. 1. posto, luogo; soûn a posto ca scumeînsia la lision: sù a posto che inizia la lezione; cheî và in uorto pierdo el posto cheî và in giardeîn pierdo el fiureîn: chi va in orto perde il posto, chi va in giardino perde il fiorino, e cioè chi coltiva per diletto, non solo perde il posto ma anche i soldi, prov.; 2. posto di lavoro, ufficio, impiego; el uò truvà oûn bon posto: ha trovato un buon impiego; 3. (fig) sedere, fondo schiena. ti ta la pol zeî a ciù in quil posto: te la puoi andar a prendere in quel posto; 4. (fig) cesso, gabinetto; ula ti vaghi? in quil posto anduve ningoûn pol zeî par meî: dove vai? nel posto dove nessuno può andare per me (ovvero in gabinetto); Etim.: dal lat.Positus, dal p.p. di Ponere;
pòsto (a) loc.avv. - in ordine, messo bene, sistemato; meî i son a posto cun la mieîa cusiensa: io son tranquillo con la mia coscienza; metate a posto el culieto: sistemati, mettiti bene il colletto;
poûblico s.m. - pubblico; ancui zì puoco poûblico: oggi c'è poco pubblico, ci sono pochi spettatori; oûna vuolta li fimane par ben
nu li fumiva in poûblico: una volta le donne per bene non fumavano in pubblico; Etim.: dal lat. Publicus;
poûf s.m. - debito/credito, vc. affine al romanesco puffo o buffo; ara ti siè... i preîmi giuorni a zì spendi e spandi e puoi el và a
ciù li ruobe in poûf: beh, lo sai... i primo giorni è tutto un continuo spendere e spandere e poi va a comprare le cose a debito. Modo
di dire: feîo in poûf o nasi in poûf: vale figlio illegittimo e nascere al di fuori del santo vincolo del matrimonio... cosa che una
volta succedeva spesso!; ti son dazmantagada da quila puovara murieda, ca par dazgrasia la uò fato oûn feîo in poûf ca par intiza sa
diziva ch'el zìlo incalmà da Tuoni el barizan: ti sei dimenticata di quella povera fanciulla, che ha avuto la sventura di fare un figlio
senza esser sposata, e che tutti dicevano fosse di Antonio quello di Bari; Etim.: vc. di origine onomatopeica;
poûglia s.f. 1. puglia, posta, pot; 2. fiche, gettone dal valore su indicato o precedentemente convenuto, usato nei giochi d'azzardo:
poker, rulette ecc.; Etim.: dal fr. Jeu de la poule, letteralmente gioco della gallina;
poûgno s.m. 1. pugno, cazzotto, colpo unferto con la mano chiusa; el g'uò dà oûn poûgno sul naz: gli ha dato un pugno, un cazzotto,
sul naso; 2. il contenuto di una mano racchiusa; oûn poûgno da fareîna, pilvare, musche ecc.: un pugno di farina, pepe, mosche;
come nell'italiano. Modo di dire: fà man da poûgni: fare a pugni, fare a cazzotti; Etim.: dal lat. Pugnus;
Poûia n.geog.f. 1. Puglia, o Puglie, una delle regioni dell'Italia del Sud; stu ano li uve li zì puovare da soûcaro e ga vol taiàle
cun  quile pioûn fuorte de la Poûia: quest'anno le uve sono assai povere di zucchero, occorre tagliarle con quelle più robuste della
Puglia; 2. per estensione paese fertile. Per le sue uve ricche di zucchero usate per il taglio;
Poûia - s.n. della famiglia Rocco;
poûlcra s.f. - giacinto, Hyacinthus orientalis; Etim.: evidente la derivazione dal lat. Pulcher, tramite Pulchra, per la bellezza di tale fiore;
poûlizo s.m. 1. pulce; nu fà da oûn poûlizo oûn caval: non fare di una pulce, un cavallo, prov.; nu stà saltà cumo oûn poûlizo:
non saltellare come una pulce; chi t'iè in quila soûca... poulizi o mazanitè?!: cosa hai in quella zucca pulci o segatura?!; 2. (fig)
dubbio, rovello; quila fimana la ma uò miso oûn poûlizo intela ricia, dieso nu son pioûn sigoûra da gnìnte: quella donna mi ha messo
un dubbio nella testa ed adesso non sono più certa di nulla; Etim.: dal lat. Pulex-icis;
poûlizo da mar s.m. - pulce della sabbia, pulce di mare;
poûlpito s.m. - pulpito, anche in senso figurato; ara ti, da chi poûlpito ven la pridaga: guarda un pò da che pulpito arriva la predica;
poûnch s.m. - ponce, punch;
Poûncicio - s.n. della famiglia Mauro;
poûnto s.m. - meno usato rispetto a pònto. Vedi la seguente filastrocca dei bambini rovignesi usata come conta:
 

Poûnto
Poûnto queîndaze.
Sa nu saruò queîndaze
Na mataremo tri.
Oûn, dui trì.

Punto
Punto quindici.
Se non sarà quindici
Ne metteremo tre.
Uno, due e tre

poûpa s.f. - poppa della nave; vento da poûpa: vento di poppa; da poûpa a prua: da poppa a prua; Etim.: dal lat. Puppim;
poûpa s.f. 1. pupa, bambola; li peîcie li sa zuga cun li poûpe: le bimbe si giocano con le bambole; la ma par oûna poûpa da bieco: mi sembra una bambola di pezza; 2. (neol) pupa, la donna del capo. 3. ragazza appariscente; ara ca biela poûpa: guarda che bella ragazza; Etim.: dal lat. Pupa, bambola, bambina;
Poûpa da cicolàta - s.n. della famiglia Barcaricchio;
Poûpa de la Nàvo (la) top. - roccia posta difronte la parte meridionale dell'isola di S. Giovanni, e che ha una conformazione tale da ricordare la poppa di una nave;
poûpalenci s.f. - bambola Lenci;
poûpaveîa (a) loc.avv. - a poppa via, procedere dal lato di poppa; poûpaveîa i sa uò miso a cantà: verso poppa si sono messi a cantare;
poûpo s.m. 1. pupo, bambolotto; la ma trata cume oûn poûpo da bieco: mi tratta come un bambolotto di pezza; 2. bambino paffutello, quasi da ricordare i bambolotti; ca poûpo, ta ven vuoia da magnàlo: che bimbo paffutello, ti fa venie voglia di mangiarlo; 3. figura, figurina, disegno; sa nu ti siè lezi almieno stà vidi i poûpi: se non sai leggere, almeno guarda le figure; 4. bambino piccolo, bambino che si atteggia a bambino piccolo, che fa il lezioso o che fa i capricci; nu fà el poûpo, ca uramai ti son grando e gruoso: non fare il bambino piccolo, che ormai sei grande e grosso. Modo di dire: a ma fà poûpi: aver confusione, veder una cosa per l'altra; doûta sta zento a ma fà poûpi in tiesta: tutta questa gente mi fa confusione in testa; ca poûpi: quante storie, quante scene; poûpo da rièsta: epiteto offensivo; poûpo da tuòla: letteralmente bambolotto di legno, persona senza verve, senza spirito; poûpo (de li ganàse): zigomo, pomello delle guance; poûpo par la veîta: tatuaggio dato che generalmente era la figura di una donna o di una sirena e naturalmente era indelebile; poûpo nàne: persona che si fa comandare, sempliciotto; Etim.: dal lat. Pupus, fanciullo;
Poûpo (el) top. - con questo nome si indicano due località dove è posto un segnale trigonometrico fatto a forma di piramide e quindi anche il segnale stesso. Uno è collocato sullo scoglio di Pirùzi e l'altro in quello piccolo delle Du Surièle. Detto così per la sua forma simile a un bambolotto;
Poûpo - s.n. della famiglia Venier;
poûpo da pisòl s.m. 1. spaventapasseri; 2. epiteto offensivo; Etim. naturalmente da poûpo, fantoccio e pisòl, cece. Ovvero fantoccio messo per spaventare gli uccelli in un campo di ceci, in seguito ha assunto il più generico significato di spaventapasseri;
Poûpo pàrico - s.n. della famiglia Garbin;
poûr avv. - pure, eppure, anche; i ta iè poûr varteî!!: ti avevo pur avvertito!!; e poûr i nu son cunveînto: eppure non sono convinto;
poûrga s.f. 1. purga, lassativo; 2. (fig) epurazione, eliminazione dei nemici politici; duopo la risulusion del cominform i uò fato
oûna biela poûrga da doûti quii ca nu la pansava cume Teîto: dopo la risoluzione del Cominform hanno fatto una bella epurazione di tutti
i dissensienti dalla linea di tito;
poûro agg. 1. puro, semplice; a zì la poûra virità, nu dì bado a li ciacule: è la pura verità, non date ascolto alle chiacchiere; 2. puro, verginale, senza macchie; 3. genuino, non adulterato; a zì veîn poûro ti pol bivane quanto ca ti vol: è vino genuino ne puoi bere quanto te ne pare;
poûro s.m. - porro;
poûrosàngo agg. e s.m. - purosangue, cavallo da corsa;
poûrtropo avv. - purtroppo;
poûs s..m. - pus, materia purolenta;
poûs'cia s.f. - arnese per la pesca, consistente in un pezzo di piombo affusolato, munito di un filo di nylon, a cui vengono inseriti una rosa di ami; Dal lat. Opuscula, insieme di arnesi. Le altre etimologia che vogliono far derivare il termine da voci slave, ad esempio il Deanovic propone la derivazione dallo sl. Puscati lasciar cadare, mi sembrano prive di fondamento, essendo la terminologia marina dello stesso serbo-croato, ed in particolare dei dialetti slavi istriani e dalmati strettamente derivata dai linguaggi romanzi e non viceversa;
poûs'cio s.m. - scolo; nu stà scarsà cun poûs'cio malo, ca ta faruò vigneî la cagariela: non trascorare i primi sintomi di scolo altrimenti ti verrà la cagarella; Etim.: da vc. croata, che nel su indicato proverbio è accompagnata dall'agg. malo = piccolo;
Poûs'cio - s.n. della famiglia Benussi;
poûstula s.f. - pustola; el sa uò rienpeî da poûstule: si è riempito di pustole;
poûta s.f. - ragazza, fanciulla; cheî ca uò poûte in coûna, ca nu stago favalà da ningoûna: chi ha fanciulle nella culla, che non parli male, non sparli di nessuna, prov.; la zì oûna poûta da siesto: è una brava ragazza, una ragazza ammodo; ara ca biela poûta ca la s'uò fato:
guarda che bella ragazza è diventata. Vedi anche questa strofa di un canto popolare: 
 

Se ti savissi cuossa fà li poûte,
Quando li se scumensia a inamurare?
Li bionde drisse li se teîra soûzo;
El fassulito li se stà a vardare.
Li se fa fà li scarpe cu i tachiti,
Per daghe majo goûsto in nel balare.
Li se fa fà i busteîni a la spagnola,
Ciù che qualche ragasso s'inamura.

Se tu sapessi cosa fanno le ragazze,
Quando incominciano a far all'amore?
Le bionde trecce tirano sù;
Il fazzoletto si stanno a rimirare.
Si fanno fare le scarpette con i tacchi,
Per dar maggior gusto nel ballare.
Si fanno fare i corsetti alla spagnola,
Affinchè qualche ragazzo di loro s'innamori.

Etim.: vedi poûto;
poûtrido agg. - putrido;
poûza-càvi s.m. - nave posacavi, posacavi;
poûza-meîne s.m. - nave posamine, posamine;
poûza-piàn s.m.f.inv. - poggiapiano;
poûza-siènare s.m. - posacenere;
prà s.m. (pl. -àdi) - prato. i iè pierso el nanièl in miezo al prà e cu la gierba alta zì mondo dafeîsile pudìlo ratruvà: ho perso l'anello in mezzo al prato e con l'erba alta è assai difficile poterlo ritrovare; Etim. dal lat. Pratum, forse da Paratum = apparecchiato;
Prà Majur top. - è il prato più vasto di Rovigno;
Prà da Pulizuòi top. - nei pressi di Prà Majur;
pracasà v.tr. (i pracasìo) - (des) procacciare e stando al Segaiol ha anche il significato di frammischiarsi, infilarsi in un gruppo senza farsi riconoscere o scoprire;
pracausiòn s.f. - precauzione; t'iè ciulto doûte li pracausioni?: hai preso tutte le precauzioni?;
pracheînto agg. e s.m. - parente prossimo;
pracìz(o) agg. 1. preciso; stì poûr  sigoûri ca i conti a zì pracizi, el nu sa zbalgia mai a fà li suome: state pur sicuri che i calcoli sono precisi, non si sbaglia mai a far le somme; 2. simile, uguale; el zì in doûto e pardoûto praciz a su pare: è in tutto e pertutto uguale a suo padre;
........................
pracueînto agg. e s.m. 1. prossimo, propinquo; 2. parente prossimo;
pracugnùsi v.tr. (i pracugnùso) - conoscere in anticipo, ma anche riconoscere, osservare (le feste); el bravo cristian paracugnùso li feste: il bravo cristiano osserva le feste, gli adempimenti religiosi in esse previsti;
Prafaneîa s.f. - Epifania, vedi le varianti Prifaneîa e Pifaneîa;
prafarènsa s.f. 1. preferenza, scelta privilegiata; 2. preferenza, predilezione spiccata; el uò boû senpro oûna prafaransa par ma frà e meî par loû i son stà el feîo de la sierva: ha avuto sempre una predilezione spiccata per mio fratello, io per lui sono stato il figlio della serva;
....................
pragà v.tr. (i prìgo) 1. pregare, rivolgersi a Dio o ai santi, per devozione, richiedere una grazia, per ringraziare, ecc. la priga Deîo doûti i santi giuorni ca lu fago turnà san e salvo: prega Dio tutti i santi giorni che lo faccia tornare sano e salvo; loû praghiva a la ruvigniza barbutando: "Riequie natierna, zmachìli in zustierna, amen!!": lui pregava alla rovignese bofonchiando: "Requem in aeternam, ficcateli in cisterna, amen!!"; 2. pregare, augurare; cume i pragaravi sa ga fùso oûn deîo viveînto! Davantaravi pagan, budeîsta, abrieîo...: come pregherei se ci fosse un dio vivente!! diventerei pagano, buddista, ebreo.; ara, priga el tu Deîo ca vago cuseî: beh, prega il tuo Dio, augurati, che vada così; 3. pregare, intercedere, scongiurare; i lu iè pragà da cunpurtase ben... ma ti siè cume el zì!: l'ho pregato di
comportarsi bene... ma lo sai com'e; Etim.: dal lat. Precari;
praghièra s.f. - preghiera, prece. Le preghiere più usuali sono: avemareîa: avemmaria; patarnuòstro o padranuòstro: il padrenostro;
daprufoûndi: de profundis; riequienatièrne: il requiescant o prece per i defunti; mizarièri: miserere ecc. ecc;
praghiereîna s.f. - preghierina, la preghiera che i bravi bambini dicevano prima di andare a dormire; deî li praghiereîni e fà li neìne da bravo banbeîn: dì le preghierine e dormi da bravo bambino;
....................
prana s.f. - scureggia, peto;
Prana - s.n. della famiglia Malusà;
pransà v.intr. (i prànso) - pranzare, calco it.;
pransìto s.m. - pranzetto; ca bai pransiti ch'i fiendi d'istà al frisco in piergula: che bei pranzetti che ci facevamo d'estate al fresco sotto la pergola;
prànso s.m. - pranzo;
praparà v.tr. (i prapàro - i praparìo) - preparare; l'ucurento zì praparà, basta ca t'inpeîsi el fogo: l'occorrente è preparato, basta
che accendi il fuoco; i praparo la ruoba par duman: preparo le cose per domani;
praparàse v.rifl. (i ma prapàro - i ma praparìo) - prepararsi; i ma praparo senpro par tenpo: mi preparo sempre per tenpo; ti ta iè
prapara la lision?: ti sei preparata la lezione?;
....................
pratandènto s.m. - pretendente, spasimante; a nu ma zì mancà pratandenti, nama ch'i nu iè vusioû ingubiàme: non mi sono mancati gli
spasimanti, soltanto che non ho voluto sposarmi;
pratèndi v.tr. (i pratèndo) - pretendere, esigere; chi ti vuoi pratendi da loû?: cosa vuoi pretendere da lui?; pratendo oûn può da raspieto par tu mare: esigo un pò di rispetto verso tua madre;
pràtica s.f. 1. pratica, il contrario della teoria, cioè l'abilità manuale del fare, la dimestichezza, la conoscenza fattiva; a val pioûn la pratica ca la gramatica: vale più la pratica che la grammatica (la teoria), prov.; 2. pratica, apprendistato; anduve ti iè fato pratica?: dove hai fatto l'apprendistato?; el uò fato sai pratica, ma ancura nu 'l zì cume el maièstro: ha fatto parecchia pratica, si è impratichito a lungo, ma non è ancora come il maestro; 3. procedimento burocratico; la pratica par la pinsion la zì ancura in alto mar: la pratica, l'iter burocratico, per ottenere la pensione è ancora in alto mare; 4. (mar) l'autorizzazione a sbarcare rilasciata dall'ufficiale sanitario; Etim.: dal gr. Praktike;
praticà v.intr. (i pràtico - i pratichìo) 1. praticare, frequentare, aver consuetudine, dimestichezza; el pratica senpro cun quile diavulareîe, oûn giuorno a l'altro na faruò saltà par aria: traffica continuamente con i suoi marchingegni, un giorno o l'altro ci farà zompare per aria; 2. praticare, frequentare; a sagondo da chi ca la pratica a sa cugnuso la zento: da chi frequenta si riconosce la gente; deîme cheî ca ti pratichi, i ta diriè cheî ca ti son: dimmi chi frequenti e ti dirò chi sei, prov.;
Pràtica - s.n. delle famiglie Abbà e Dapas;
pràtica (in) loc.avv. - praticamente;
praticabìle agg. e s.m. - praticabile;
pràtico agg. - pratico, esperto, abile, fattivo; lagà stà, ca nu ti son pratico e ti ta pol fà mal: lascia stare che non sei pratico e ti puoi far male; la zì oûna fimana sai pratica: è una donna assai pratica, che guarda al sodo; anduve ti lu truvi oûn omo pratico da sti ruobe, a zì oûn master ca urmai el zì muorto cun l'oûltamo meîstro: dove lo trovi uno che sia pratico di queste cose, è un mestiere oramai scomparso con l'ultimo maestro artigiano; Etim.: da Praticus, a sua volta dal gr. Praktikos, agg di Praxis;
praticòn s.m. - praticone, persona che si arrangia, che sa fare un pò di tutto;
pratièsto s.m. - pretesto, scusa inventata; la sirca doûti i pratiesti par vigneî in caza a curiuzà: cerca tutti i pretesti per venire in casa a curiosare; quisto zì oûn pratiesto biel e bon: questo è un pretesto bello e buono; Etim.: dal lat. Praetextum, ornamento, fregio;
pratìza s.f. - pretesa; el zì oûn omo da puoche pratize: è un uomo di poche pretese; la vularavo vì la pratiza da vigneî a cumandà
in caza da i altri: vorrebbe avere la pretesa di venir a comandare in casa degli altri; Etim.: deverbale di Praetendere;
....................
pravuòsto s.m. - prevosto, parroco; Etim.: dal lat. Praepositus, tramite il fr. Prevôt;
pravièrso s.m. - accidente, inconveniente, complicazione; ca vago largo i praviersi, doûto zì stà fato cun giudeîsio, la zì sisteîda da su mare e la livatreîse la zì stada ciamada, e puoi quisto saruò el tierso ca la scudalaruò: che vadano lontano le complicazioni, tutto è stato fatto con giudizio, è assistita dalla madre e la levatrice è stata chiamata, e poi questo sarà il terzo (figlio) che scodellerà;
prazantà v.tr. (i prazènto - i prazantìo) 1. presentare, far conoscere; i viva prazantà el nostro cuòro cume oûn grùpo pupulare cruato, ti ga pol cridi ca na uò fato cicà: hanno presentato il nostro coro come un gruppo popolare croate, ci puoi credere che c'hanno fatto
arrabbiare; i ta prazento ma sor Ita: ti presento mia sorella Elisabetta; 2. presentare, mostrare, far vedere; ara cu el g'uò prazantà el conto ga uò ciapà mal: beh, quando gli hanno presentato il colpo gli è preso male; 3. avvicinare un oggetto al posto in cui verrà definitivamente collocato per verificarne l'esatta corrispondenza;
prazantabìle agg. - presentabile, idoneo ad essere presentato, ovvero ben messo, ben vestito; oûn atamo, ch'i nu son prazantabile:
un attimo, che non sono presentabile;
................
prazòn s.m. - prigione; cun loû ga bazugnaravo metalo in prazon e butà li ciave in aqua: con lui bisognerebbe metterlo in prigione e buttare le chiavi in acqua, prov.; meî in prazon e teî in turita: io in prigione e tu pure, dato che la turìta, era una piccola torre che fungeva da prigione, situata dietro la Torre dell'Orologio; Etim.: dal lat. Prehensio = presa, cattura, attraverso il tardo lat. Prisio-prisionis;
prazuneîa s.f. - prigionia;
prazunèr s.m. - prigioniero;
......................
prè s.m. - prete. Era proverbiale la figura di un certo prè Zuòrzi, noto per i suoi... straordinari miracoli: san prè Zuorzi, ca duopo
muorto el scuraziva: san prete Giorgio, che dopo morto scureggiava, prov.; el miraculo da prè Zuòrzi, ca duopo muorto el pisiva aqua
santa: il miracolo di prete Giorgio, che dopo morto pisciava acqua santa, prov.;
Preden - nel censimento del 1° ottobre '45 erano presenti 12 famiglie;
Preden - Stefano, militare di leva fu prelevato dai titini l'8 maggio '45 con la sola accusa di esser stato bersagliere sul fronte russo e balcanico e gettato in carcere. Il 21 maggio del '46 assieme con altri 161 infelici, tra uomini e donne, venne caricato con le mani legate col fil di ferro sulla motonave Lina Campanella che affondò saltando in aria su di una mina nel canale dell'Arsa. I pochi superstiti vennero mitragliati.
Prefanè s.f. - (des) Epifania;
preîma avv. - prima;  preîma o puoi a vignaruò el mumento ca ti ma zariè zuta li man: prima o poi capiterà l'occasione che mi capiterai sotto le mano; ti pudivi favalà preîma: potevi parlare prima; cheî preîma cheî duopo, la tuoca a doûti: chi prima chi dopo tocca a tutti;
preîmarola s.f. - donna al primo parto;
preîmavira s.f. - primavera;
preîmo agg. e agg.sost. 1. primo; la preîma vuolta paso, la sagonda zì caine pardon: la prima volta passi, la seconda è senza alcuna possibità di perdono; quista zì la mieîa preîma: questa è una cosa nuova, una novità; senpro li suolite ciacule ugni preîmo de l'ano: sempre le solite discossioni ogni primo dell'anno; i fioi pioûn alti vierso el fondo, e quii pioûn peîci in preîma feîla: i bambini più alti verso il fondo, e quelli più piccoli in prima fila; soûn li preîme: all'inizio; quista zì la preîma e l'oûltama vuolta ch'i ta puorto al cine: questa è la prima e l'ultima volta che ti porto al cinema; sulo in paradeîz i oûltami saruò i preîmi: solamente in paradisi gli ultimi saranno i primi; el preîmo ano sa baza e sabrasa, l'ano duopo panizai e fase: il primo anno son baci ed abbracci, l'anno dopo son pannolini e fasce, prov.; preîmo da magnà, preîmo a lavurà: primo a mangiare e primo a lavorare, prov.; 2. primo, primo piatto, cioè il piatto principale; i nu iè magnà mondo.. nama du preîmi e tri sagondi: non ho mangiato molto... soltanto due primi e tre secondi; Etim.: dal lat. Primus;
preîmo giuòrno da primaveîra (el) - il numero 21 nella tombola;
Preîmo taren top. - attualmento è lo spazio dove si trova il pubblico macello e lo squero;
preîncipal agg. - principale, più importante; la piasa preîncipal la gira cariga da zento: la piazza principale era piena di gente;
preîncipal s.m. 1. principale, proprietario, capo; el preîncipal na uò dà oûn giuorno da parmiso: il principale ci ha accordato un
giorno di permesso; 2. ironico, l'uomo di casa, quello che vuol sempre comandare; a ga vol vìdi quil ca deîz el preîncipal: bisogna
vedere quel che decide il "signor marito";
preîncipe s.m. - principe; ara ca ti faghi i capui sa ti spieti el preîncipe azuro: guarda che fai la muffa se aspetti il principe azzurro;
Preîta n.pr.f. - Brigida, vedi il Prà da S. Preîta;
preîvo agg. - privo, mancante, esente; el zì oûn omo preîvo da tato: è un uomo privo di tatto; cun luri i son preîvo anca da favalà: con loro sono privo anche di parlare, cioè non mi mi fanno neanche parlare; oûna fimana preîva da dafieti i la dievo ancura truvà: una donna senza difetti la devo ancora trovare;
Premarin - Giovanni qm. Bernardin, Podestà nel 1706 e nel 1719-21;
Premarin - Renier o Bernardin, Podestà nel 1681;
Premarin - Renier, Podestà nel 1687;
Prencis - Francesco qm. Santo da Valle, 1826;
Prenz - nel censimento del 1° ottobre '45 era presente una famiglia;
prèsa s.f. - fretta, prescia, premura; cheî uò presa, ca curo: chi ha fretta, che corra, prov.; Etim.: dal lat. Pressare = premere, incalzare; imitativo di Premere;
Presta - nel censimento del 1° ottobre '45 era presente una famiglia;
prèstio s.m. - prestito; Etim.: dal lat. Praestitus, da Praestare, comp. da Prae = davanti e Stare, stare innanzi a qualcuno, garantire;
prèsto (in) loc.avv. - a prestito, in prestito; a nu ga vol ciù li ruobe da i altri in presto: non bisogna prendere le cose degli altri in prestito; Etim.: vedi prèstio;
pretèndi v.tr. (i pretendo) - vedi pratèndi;
prèzni s.m. - tipico dolce istriano di origine austriaca tipo lo strudel, fatto con un ripieno di noci, mandorle, uva passa, cedrini, vaniglia, pinoli e biscotti tritati avvolto a spirale, buono ma dato i suoi ingredienti, assai pesante; Etim.: dall'austriaco Preznitz;
priaveîzo s.m. - preavviso; i sa uò prazantà sensa priaveîzo par ciapàlu sul fato: si sono presentati senza preavviso per coglierli sul fatto;
pricausiòn s.f. - precauzione; anca meî iè ciulto li mieîe pricausioni: anch'io ho preso le mie precauzioni;
...................
pridicatùr s.m. - predicatore. Un tempo figura assai importante, i più rinomati erano contesi dalle varie chiese e richiamavano un vasto ed attento uditorio. I predicatori più famosi erano i frati Minori Osservanti, tra cui si distinse nel '600 un tale padre Paolo Pellizer nato a Rovigno;
pridicheîn s.m. - predica, predicozzo; in cieza granda i fà tante biele funsioni... el bespro par i dafoûnti, la cumunion, el pridicheîn e a la feîn el Tadieo: in chiesa grande, nel duomo, fanno tante belle funzioni... il vespro per i defunti, la comunione, la predica, e alla fine il "Te deum" (Rism.);
pridiguòto s.m. - predicotto, predicozzo;
...............
prièsto avv. - presto; fà priesto ca nu iè tenpo da pierdi: fai presto, che non ho tempo da perdere; cheî priesto s'aricheîso, priesto s'inpuvareîso: chi presto si arricchisce, presto s'impoverisce; priesto e ben da raro ven: presto e bene raramente vengono (insieme), prov.; Etim.: dal lat. Praesto;
prièto s.m. - prete, sacerdote; el prieto procoûra senpro par el zago: il prete si da da fare sempre per il chierichetto, prov.; a zbalgia anco el prieto cu el deî misa: sbaglia anche il prete quando dice messa, prov.; inveîse da davantà prieto, el daventa zago: invece di essere ordinato prete, diventa chierichetto, cioè invece di andare avanti torna indietro, prov.; da prieti, frati e muonaghe, liberànus Duomine!: da preti, frati e monache, liberaco o Signore! prov.; el uò stugià da prièto: ha studiato da sacerdote. Modo di dire: el bucòn del prièto: il boccone più buono, in genere il culetto della gallina, quello che si riservava al prete quando faceva l'onore di essere tra i commensali;
..................
prigà v.tr. (i prìgo) - pregare; i va prigo da favalà pian, ca ma mareî lavura la nuoto e dieso el duormi: vi prego di parlare piano, che mio marito lavora alla notte, ed adesso dorme; priga el tuovo Deîo da nu raturnàme par li man: prega il tuo Dio di non ricapitarmi tra le mani; Etim.: dal lat. Precari;
prigiuneîa s.f. - prigionia; el uò fato tri ani da prigiuneîa in Afreîca: ha passato tre anni di prigionia in Africa;
prigiunièr s.m. - prigioniero;
prìgo s.m. - prego; Etim.: dal lat Precor;
primadoûro agg. - prematuro; i froûti primatoûri nu zì mai boni: i frutti prematuri non sono mai buoni; a ga vol spatà ancura oûn può ca la situasion zì primadûra: occorre attendere ancora un pò, poichè la situazione è ancora prematura;
primàrio agg. e agg.sost. 1. primario, principale, tra le maggiori; la Stoc la zì oûna dìta primaria: la Stock è una ditta primaria; 2. primario, il dottore a capo di un reparto ospedaliero; ma uò uparà pruopio el primario: mi ha operato proprio il primario; Etim.: dal lat. Primarius;
....................
primoûra s.f. 1. premura, fretta; nu faghe primoûra, ch'el sa pol zbalgià: non fargli fretta, che si può sbagliare; 2. attenzione, cura, riguardo; el uo bù la primoûra da sarvì preîma li fimane: ha avuto il riguardo di servire prima le donne;
primuneîse v.rifl. (i ma prumuneîso) - premunirsi, cautelarsi; i ma son primuneî da doûto quil ca pol curi: mi sono premunito portandomi tutto quello che può servire;
primurùz agg. - premuroso, pieno di attenzioni;
principàl agg. e s.m. - vedi prinsipàl;
principamènte avv. - principalmente;
principìsa s.f. - principessa;
prinseîpio s.m. - principio, inizio; bon prinseîpio e bona feîn: buon inizio, e buona fine d'anno; oûn bon prinseîpio a zì mità de l'uopara: un buon inizio è (come aver fatto) la metà dell'opera, del da farsi, prov.;
prinseînpio (da) loc.avv. - dapprima, all'inizio, inizialmente; da prinseîpio el giro sai bon, cul cresi s'uò ruvinà: inizialmente era tanto buono, col crescere si è guastato;
prinsipàl agg. e s.m. 1. (s.m.) principale, capo, il proprietario; el prinsipal zì cuntento da cumo i lavuro: il principale è contento di come lavoro; 2. (s.m.) principale, la cosa prioritaria, o più importante; la saloûde, l'amur el lavur zì el prinsipal, doûto el riesto zì sagondario: la salute, l'amore ed il lavoro sono le cose principali, più importanti, il resto è  secondario; 3. (agg) principale; el puorto prinsipal de l'Austria gira Tristi: il porto principale dell'Austria era Trieste;
prinsipià v.tr. (i prinseîpio) - iniziare, cominciare dagli inizi: el uò prinsipià a cuntà la stuoria de la suova veîta: ha iniziato a raccontare la storia della sua vita; cheî ben prinseîpia, ben fineîso: chi bene inizia, bene finisce, prov.;
prinsipiànto agg. - principiante;
.................
priùr s.m. - priore, il padre superiore degli ordini religiosi;
priùra s.f. - priora, badessa;
Priùra - s.n. della famiglia Malusà;
privà v.tr. (i preîvo) - privare, vietare; el preîva la muier anca da zeî in ceza: vieta alla moglie anche di andare in chiesa; a nu ma sa pol privà anca da fumà...: non mi si può vietare anche di fumare...;
privàse v.rifl. (i ma preîvo) - privarsi: el sa preîva da doûto par i fioi: si priva di tutto per i figli;
privalènsa s.f. - prevalenza; vol vì senpro la privalensa: vuol avere sempre la prevalenza;
privalènsa (in) loc.avv. - prevalentemente;
privasiòn s.f. - privazione;
privateîva s.f. 1. il privilegio di vendere generi di monopolio; 2. l'esclusiva, il diritto escusivo; 3. rivendita di sali e tabacchi; Etim.: dal tardo lat. Privativus, dato che lo stato dava in appalto ai privati tale rivendite;
privàto agg. e s.m. - privato (cittadino);
.................
privigneî v.tr. (i priviègno) - prevenire; a zi maio privigneî, ca curà el mal: è meglio prevenire, che curare il male;
Privilegio o Privileggio - Marco qm. Mattio da Pedena, 1594 (Caen). L'Angelini, non so quanto a ragione, li ritiene greci, basandosi su di un Privilegios ministro in quel regno, dicendoli provenienti: "da Siro 1590 c.a. In Lucia Spongia q. Mattio". Nel censimento del 1-X-45 risultavano 20 famiglie Privileggio;
Privileggio - Giorgio di Antonio detto Pascià, Rovigno 05-02-1841, Ginevra 28 agosto 1916. Nel 1862 otteneva a Venezia il brevetto di capitano di lungo corso. Dal 1863 al 1866 comandò il bark Rovigno di proprietà del signor Giovanni Benussi con cui fece naufragio nel 1866 sulle scogliere davanti il porto di Ancona. Nel 1867 assunse il comando dello yacht imperiale Undine al seguito della spedizione messicana di Massimiliano d'Austria. Nel 1869 assunse il comando del piroscafo Maria Teresa, con il compito di studiare il progetto di una linea di navigazione a vapore. Trovatosi imbarcato sul piroscafo Saturno alla fonda ad Alessandria d'Egitto ebbe la proposta da S.A. il Vice Re Ismail Pascià di entrare al servizio del Khedivè al comando di uno dei suoi piroscafi. Cosa che avvenne il 6 gennaio del 1875 in qualità di Capitano di Corvetta. Prese parte alla guerra turco-russa nel Mar Nero al seguito del principe Hassan Pascià comandante del corpo di spedizione egiziana a Varna, venendo insignito della medaglia al valor militare. Nel corso della ribellione araba il nostro mantenne con fermezza il comando della sua corvetta Dorgola, sedando personalmente un tentativo di ammutinamento. Per questo e per la sua provata fedeltà venne insignito dell'ordine di Meijdie di 3° classe e fu inoltre nominato comandante della fregata Mohamed Aly. Nel 1885 venne per i suoi meriti insignito della Corona d'Itl-ia, col grado di ufficiale e nel 1886 l'imperatore d'Austria gli conferì la Croce di Cavaliere dell'ordine di Francesco Giuseppe. Nel 1887 inoltre il Khedivè lo nominò Contrammiraglio della sua marina da guerra.
Privileggio - Valerio, Tenente della Guardia Nazionale di Rovigno istituita il 22 marzo 1848.
Privilegio - Leonardo, d'anni 24, imbarcato sulla prama Mongibello, allo scoppio dell'insurrezione di Venezia, accorse alla sua difesa combattendo durante l'assedio sulla péniche Rondine, su cui combatteva anche l'altro rovignese, Nicolò Maraspin;
priviliègio s.m. - privilegio;
priviligià v.tr. (i priviliègio - i priviligìo) - previlegiare, preferire;
priviligiàto agg. e s.m. - previlegiato; i suoliti priviligiati i i l'uò scapulada: i soliti previlegiato l'hanno evitata;
privinsiòn s.f. - prevenzione;
privinteîvo s.m. - preventivo;
privintivà v.tr. (i privintìo) - preventivare, mettere in preventivo; a ga vol privintivà el pièzo e sparà in ben: occorre preventivare il peggio e sperar in bene;
priviziòn s.f. - previsione;
prìza s.f. 1. presa, stretta; el sa crido inbatbile sulo parchì el sa uò inparà oûn pier da prize da giudo: si crede imbattibile soltanto ha appreso un paio di mosse di judo; 2. presa, quantità di tabacco, pepe ecc. effettuata generalmente con due o tre dita;
prizinteîn s.m. - daziere, stradiere. L'addetto a riscuotere i dazi nei caselli con stanga mobile posti sulle strade;
prizinteîn s.m. - regalino, regaluccio, piccolo presente;
prizòn s.f. - prigione, anche se le forme prettamente rovignesi sono: parzòn o prazòn;
prizuneîa s.f. - prigionia;
prizunièr s.m. - prigioniero;
Proban - nel censimento del 1° ottobre '45 erano presenti 2 famiglie;
Prodomo - Bortolo qm. Giuseppe da Venezia, 1839;
prònto agg. - pronto, preparato; ti iè senpro la scoûza pronta: hai sempre la scusa pronta; nu ti son mai pronto par tenpo: non sei mai preparato per tempo; i son pronto a doûto: sono pronto a tutto, ad ogni evenienza; Etim.: dal lat. Promptus;
prosiòlto agg. - prosciolto;
proûbico agg. e s.m. - pubblico;
proûtico agg. - putrido;
Provveditor - Bortolo qm. Zorzi da Zara, 1723. Famiglia estinta nel 1801;
prù s.m. 1. prò, giovamento, vantaggio; bon prù ta fasa: buon prò ti faccia; ruoba rubada nu fa bon prù: robba rubata non giova, non fa buon prò; 2. fine, scopo; i nu siè a qual prù fà sti ruobe: non so a quale scopo fa queste cose; 3. tasso d'interesse; dieso i ta dà el prù dal quatro al sie parsento: ora ti danno un tasso d'interesse dal quattro al sei percento; Etim.: dal lat. Pro;
prùa s,f. - prua, prora; ara a ga và doûto cu la prua al vento: gli va tutto con la prua al vento. Modo di dire: zeî da prùa: sopravanzare, superare, sorpassare;
pruaveîa (a) loc.prep. - dalla porte di prora, proravia;
prucatuòrio s.m. - purgatorio; quil beîlfo, nu zaruò quanca in prucatuorio, ma la suova anama indanada la zaruò da rato in ninfierno cui giavi ca sa la magno: quel poco di buono, non andrà neanche in purgatorio, ma la sua anima dannata andrà dritta dritta in inferno con o diavoli che se la mangeranno;
.................
pruduòto s.m. - prodotto;
prudusiòn s.f. - produzione; duranto la guiera la prudusion zì sai calada: durante la guerra la produzione è molto calata;
pruduteîvo agg. - produttivo; ancui i son stà sai pruduteîvo: oggi sono stato molto produttivo;
prudutùr s.m. - produttore; zì faseîla fà el cine a spuzando oûn prudutur: è facile fare dei film, sposando un produttore;
prufanà v.tr. (i prufàno - i prufanìo) - profanare;
prufanasiòn s.f. - profanazione;
prufasà v.tr. (i prufièso - i prufasìo) - professare, dichiarare; el prufiesa la suova inusensa: professa la sua innocenza;
prufasàse v.rifl. (i ma prufièso - i ma prufasìo) - professarsi, dichiararsi; el sa prufasia grigo urtuduòso: si professa greco ortodosso;
prufaseîa s.f. - profezia;
...................
prufeîl(o) s.m. - profilo;
prufeîto s.m. - profitto;
prufièrta s.f. - profferta; nu zì prufierte da fà a oûna duona da siesto: non son profferte da fare ad una donna assennata, per bene;
prufièta s.m. - profeta, indovino; a nu curo iesi prufieta par capeî ca ura ca suna: non occorre esser profeta per capire che aria tira;
Prufièta - s.n. della famiglia Budicin;
prufiètico agg. - profetico; in quisto el zì stà prufietico: in questo è stato profetico;
prufilàse v.rif. (i ma prufeîlo) - profilarsi; a sa prufeîla oûna broûta situasion: si profila una brutta situazione;
prufilàtico s.m. - profilattico, calco it.;
prufireî v.tr. (i prufireîso) - profferire, dire;
prufità v.intr. (i prufeîto - i prufitìo) - profittare, approfittare; stu anu zì stà parieci tureîsti, i uò prufità del canbio favurivulo e ca la guiera nu zì rivada da li nostre bande: quest'anno ci sono stati parecchi turisti, hanno approfittato del cambio favorevole e del fatto che la guerra non è arrivata a toccare la nostra regione;
prufitadùr s.m. - approfittatore;
prufitatùr s.m. - approfittatore;
prufitàse v.intr.pr. (i ma prufeîto - i ma prufitìo) - approfittarsi; ti ta prufeîti ca ti son pioûn grando: ti approfitti che sei più grande;
prufitivòlo agg. - profittevole, favorevole;
prufòndo agg. - profondo; a basta fà oûna boûza puoco prufondà: è sufficiente fare una buca poco profonda;
prufòndo s.m. - abisso, sprofondo; a zì caioû intul prufondo: è caduto nello sprofondo;
Prufoûz - s.n. delle famaglie Chersina e Teani;
prufoûz (a) loc.avv. - a profusione, in grande quantità;
prufoûmo s.m. - profumo;
prufumà v.tr. (i prufoûmo - i prufumìo) - profumare, cospargere di profumo, emettere o emanare profumo;
prufumareîa s.f. - profumeria;
...................
prugràma s.m. 1. programma, cosa stabilita prima, scaletta delle cose o delle idea da fare; a nu gira in prugrama da vignive a truvà, zì stà oûna inpruvizada: non era in programma di venirvi a trovare è stata un'improvvisata; stame a scultà el mieîo prugrama: ascolta un pò quello che ho in mente di fare; 2. programma, spettacolo teatrale, televisivo, ecc.; finalmento in taiatro uò dà oûn biel prugrama: finalmente in teatro hanno dato un bel programma, un bello spettacolo; 3. programma, canovaccio, palinsesto, scaletta; i nu siè chi ca fà i prugrami de la tilivizion, i pion bai film, li dà a li du o li tri da nuoto: io non so chi stabilisca i programmi della tivù, cioè la rogrammazione, i film più belli li trasmettono alle due o alle tre di notte; Etim.: dal gr. Programma-atos, avviso pubblico, tramite il latino;
prugramà v.tr. (i prugràmo - i prugramìo) - programmare, progettare di fare, stabilire in anticipo; chi vìde prugramà par ancuo?: cosa
avete programmato di fare oggi?;
.....................
prugrièso s.m. - progresso; a nu ma par ca seîo oûn prugrieso: non mi pare che sia un progresso; in non dal prugrieso i uò fato oûn
fraco da purcareîe: in nome del progresso hanno fatto un sacco di porcherie; Etim.: dal lat. Progressus;
pruibeî v.tr. (i pruibeîso) - proibire, vietare; doûto quil ca nu zì autorizà zì pruibeî: tutto quello che non è autorizzato è proibito; i pruibeîso ai minuri la pineîcula e puoi par tilivizion ti na vìdi da cuote e da croûde: proibiscono ai minori il film e poi in t.v. ne vedi di cotte e di crude;
pruibisiòn s.f. - proibizione, divieto; sa fà pruibision da magnà piso croûdo, in particular moûsuli, datuli, mas'ceri, capesante: si fa divieto di mangiare pesce crudo, in particolare i frutti di mare;
pruibiteîvo agg. - proibitivo; quisti, par meî zì priesi pruibiteîvi i nu iè la tuova pagasa: questi, per me sono dei prezzi proibitivi, non ho la tua pagona, non prendo il tuo grosso stipendio;
pruiètur s.m. 1. proiettore, lo strumento con cui si proiettano i film; ma racumando cu ti son al pruietur stà tento ca la pineîcula nu ciapo fogo: mi raccomando, quando stai al proiettore, stai attento che la pellicola non prenda fuoco; 2. proiettore, ma anche l'uomo 'addetto al suo funzionamento;
prulitàrio agg. e s.m. - proletario;
prulònga s.f. 1. prolunga, aggiunta di filo elettrico; a curo fà oûna prolonga: occorre fare una prolunga; 2. prolunga, utensile che serve per portare l'elettricità anche dove non vi sono delle prese stabili; ciume la prulonga, ch'i vuoi suprasà vardando la tivì: prendimi la prolungo che voglio stirare guardando la tivù;
prulungà v.tr. (i prulòngo - i prulunghìo) - prolungare, aggiungere o mandare per le lunghe; nu ga vol prulungà masa sti ruobe, ca nu
ma piaz brudi longhi: non bisogna prolungare troppo queste faccende, che non mi piaccione le cose portate alle lunghe;
prumeîso s.m. - permesso, licenza; uogni vuolta ca ga diva oûn bazo a ga dumandìva el prumeîso: ogni volta che gli dava un bacio,
gli domandava il permesso;
prumèti v.tr. (i prumèto) - promettere; ti ma prumeti da nu cuntaghe gnìnte a ningoûn?: mi prometti di non dir nulla a nessuno?;
quisto zì el ragal ca ta iè prumìso: questo è el regalo che ti ho promesso; cu sa prumeto a ga vol mantigneî: quando si promette,
bisogna mantenere;
prumìsa s.f. - promessa; uogni prumisa zì oûn dìbato: ogni promessa è un debito, prov.; mondo da prumise, ligrisa da mati: tante
promesse, allegrezza di matti, prov.; da peîci i sa viendi sganbià la prumisa da iesi ameîci par doûta la veîta: da bambini ci eravamo
scambiati la promessa di essere amici per tutta la vita;
prumìso agg. - promesso, fidanzato; el sa uò prumiso cun Bieta: si è fidanzato con Elisabetta; ula i zì i nostri prumisi?: dove sono i nostri fidanzatini?;
prumìso s.m. - permesso, licenza; anche Francile, ch'el zì mareîtimo, el uò ciulto oûn può da prumiso, par iesi a caza cu la fameîa
par la Vizeîlia da Nadal: anche Francile, che è marittimo, si è preso una piccola licenza per stare a casa per la Vigilia di Natale;
...................
pruntà v.tr. (i prònto) - approntare, preparare; i prònto par sena: preparo per cena. Modo di dire: pruntà la buòba: scherzoso per
preparare da mangiare;
pruntìsa s.f. - prontezza; ca pruntisa cu sa trata da magnà: che prontezza quando si tratta di mangiare;
prununsià v.tr. (i prunoûnsio) - pronunciare, dire chiaramente; nu la pronoûnsia biel la ere: non pronuncia perfettamente la erre; Etim.: dal lat. Pronuntiare, proclamare;
prunuòspara s.f. 1. peronospera, malattia delle viti, plasmopara viticola; 2. febbre, malattia;
prunuòstico s.m. - pronostico; ti siè ch'i nu fago prunuostici ca la bala zì tonda: lo sai che non faccio pronostici visto che la palla è rotonda;
pruòdigo agg. - prodigo, genereso; Etim.: dal lat. Prodigus, dal verbo Prodigere, sperperare;
pruòlaga s.f. - proroga; la banca nu vol fande la pruolaga: la banca non vuole farci una proroga;
pruòlogo s.m. - prologo, l'inizio; ara quisto zì nama ch'el pruologo: vedi un pò, questo è soltanto il prologo;
pruopietà s.f. - proprietà;
pruòpio agg - proprio; doûti i sa uò fato la pruopia caza e meî dieso i son sula: tutti si sono fatti la propria casa ed io adesso sono sola;
pruòpio avv. - proprio, veramente; ti son stà pruopio soûlso: sei stati veramente uno sciocco; a ga vol deî ca zì propio oûn bravo
zuvano: occorre dire che è proprio un bravo ragazzo;
pruòsimo agg. - prossimo, successivo; la pruosima vuolta nu ti ma ciavi pioûn: la prossima volta non mi freghi più; a ga vol zmontà a la pruosima farmada: occorre scendere alla prossima fermata;
pruòsimo s.m. - prossimo, colui che ci stà vicino; ca cuntabeîle da rango ch'i ti son davantada, fate li suome sui tuovi paduci e nuò
buzarà da buzeîe el pruosimo: che contabile di rango sei diventata, fatti le somme sui tuoi guadagni e non rimpinzare di bugie il prossimo;
ti siè quil ca deîz el Vanzeîlgio: ama el tuovo pruosimo: lo sai quello che dice il Vangelo... ama il tuo prossimo;
Pruospàro n.pr.m. - Prospero;
pruòto s.m. - capomastro, capo cantiere, capo dello squero, persona esperta in generale, maestro; fineî la binidision de la navo, el
pruoto sa uò miso a sigà: veîa i tachi, veîa i coûgni... fuorsa cu i manuviele: finita la benedizione della nave, il capo cantiere si è messo ad urlare: via con i tacchi, levate i cunei... forza con le manovelle; par cugnusi oûna frabica, a ga vol oûn bon pruoto: per saper valutare una costruzione, occorre un buon capo cantiere prov.; ugnidoûn uò da iesi el pruoto da si stiso: ciascuno deve essere il maestro di se stesso;
pruòvida s.f. - esisteva nella parte alte di Carrera, uno spaccio o Provvida per il persinale della Manifattura Tabacchi, in un locale che in precedenza dal '32 al '34 aveva ospitato un negozio di biciclette e pezzi di ricambio gerstito da Gianni Curto.
...............
prupàn s.m. - propano;
prupeîsio agg. - propizio, favorevole; quisto zì el mumento prupeîsio ch'el zì in bona: questo è il momento favorevole che è di ottimo umore;
prupènsio agg. - propenso, favorevole, incline; i no son cuntrario, ma gnanca prupensio: non sono contrario ma neanche favorevole;
prupensiòn s.m. - propenzione; ti cugnusi vè la suova prupension par i cunpagni: conosci bene la sua propensione per i comunisti;
prupènso agg. - propenso, favorevole, incline; ara ca tu pare nu zì par gninte prupenso: guarda che tuo madre non è per nulla propenso;
prupiatàrio s.m. - propretario; i puoi stà pachide i iè el parmiso del prupiatario: posso rimanere perchè ho il permesso del propretario;
prupièla s.f. - elica; dieso doûte li navi li và a prupiela, ma oûna vuolta, sa vadiva sulo navo a vila, ca par fale zeî vanti a ga vuliva marineri sai spierti: ora tutte le navi procedono con la propulsione ad elica, ma una volta c'erano solo le navi a vela, che per farle andare avanti occorrevano dei marinai molto esperti; Etim.: dall'ingl. Propeller = propulsione ad elica passato nel rovignese come prestito dal tedesco;
.................
prupuòzito s.m. - proposito, proponimento; la ma fà pierdi doûti i boni prupuoziti ch'i vivo: mi fa perdere tutti i buoni proponimenti che avevo; Etim.: dal lat. Propositum;
prupuòzito (a) loc. 1. a proposito, a pallino; 2. a proposito, in relazione a, visto che siamo in argomento;
prupursiòn s.f. - proporzione; in prupursion ti iè pagà puoco: in proporzione hai pagato poco; dieso el stoûdia li prupursiuni: ora
studia le proporzioni; Etim.: dal lat. Proportio-onis;
prupursiunà agg. (f. -ada) - proporzionato; el zì peîcio cume oûn nano ma prupursiunà: è piccolo come un nano, ma ben proporzionato;
prùsac s.m. - tascapane di tipo militare, di tela grezza, usato anche da contadini e tagliapietra. Etim.: dal ted. Brot-sack;
Pruseîdi - vedi Monto Pruseîdi e Sa Pruseîdi;
Prusia s.f. - Prussia;
prusiàn agg. e s.m. 1. prussiano; 2. persona severa, rigida, militaresca;
prusiàni s.m.pl. - tipo di calzature pesanti, simili agli scarponi militari, usate dai contadini nei lavori dei campi. Venivano impermiabilizzate
cospargengendone lo spesso cuoio con del grasso animale; cui prusiani ai peîe, i ganbai, li braghe da burgo: con indosso le scarpacce da contadino, i gambali e le brache ruvide da lavoro;
...................
pruspiteîva s.f. 1. prospettiva; nu ti vidi ca la prispiteîva zì doûta zbalgiada?: non vedi che la prospettiva è tutta sbagliata?; 2. possibilità che si profila; i nu vido pruspiteîve par ganbià sta situasion: non vedo prospettive per cambiare questa situazione;
prutaguneîsta s.m. e f. - protagonista; la vularavo iesi senpro la preîma, o prutaguneîsta o gnìnte: vorrebbe essere sempre la prima o protagonista o niente;
prutaguneîzmo s.m. - protagonismo; ti siè ca la uò maneîe da prutaguneîzmo: lo sai che ha manie di protagonismo;
prutasiòn s.f. - protezione; cu la prutasion de la Maduona i siemo rivadi in puorto: con la protezione della Madonna, siamo arrivati
in porto; Etim.: dal lat. Protectio-onis;
prutastà v.intr. (i prutièsto - i prutastìo) - protestare; nu stà prutastà ca tanto zì doûto inoûtile: non protestare che tanto è tutto inutile; nu senpro cheî ca prutiesta el uò razon: non sempre chi protesta ha ragione;
prutastànto agg. e s.m. 1. protestante, chi protesta; 2. protestante, appartenente al protestantesimo;
.................
Pruti (san) top. - campi ai sottostanti Montero. Per la chiesetta dedicato a San Proto (XIII sec.);
prutiègi v.tr. (i prutiègio) - proteggere; nu stalo prutiegi, ca cuseî nu davantaruò mai grando: non proteggerlo, che facendo così non crescerà mai;
prutièsta s.f. - protesta; par prutieste cuntra li steure ningoûn fumiva pioûn spagnulìti: per protesta contro le tasse nessuno fumava più le sigarette;
prutièta s.f. - protetta, pupilla; ara i siè ca gila zì la tuova prutieta e ca nu sa pol deîghe gnìnte ca soûbato teî salti cume oûn galo: beh, lo so che lei è la tua protetta e che non gli si può dire niente che subito salti sù come un gallo;
prutièto agg. e s.m. - protetto;
prutucuòlo s.m. e agg. 1. protocollo, insieme di norme codificate; sagondo el prutucuolo, preîma a ven el viscuvo e puoi el pudastà:
secondo il protocollo, prima viene il vescovo e poi il podestà; 2. protocollo, ufficio dove si protocollano i documenti; el lavura al
prutucuolo: lavora all'ufficio protocollo; 3. protocollo, attributo del foglio con cui si fanno le domande agli uffici statali, oppure i compiti in classe; i nu iè el fuoio prutucuolo par fà el cuonpito in claso: non ho il foglio protocollo per fare il compito in classe;
prùva s.f. - prova; i lu vuravi vidi a la pruva dei fati: lo vorrei vedere alla prova dei fatti; i iè fato oûna pruva, ma puoi i son turnà a l'anteîco: ho fatto una prova, ma poi son tornato all'antico, ai vecchi sistemi; biegna iesi sul pan de li pruve: bisogna essere sul pane delle prove, in pratica è un proverbio che invita chi non si è trovato in certe circostanze, a non giudicare il comportamento dagli altri. Modi di dire: ièsi in prùva: essere assunto in prova, non in maniera definitiva; prùva del nùve: prova del 9, il procedimento matematico per verificare l'esattezza di una divisione, espressione passata al significato più esteso di verifica, controprova; i lu vuoi vidi a la pruva del nuve: lo voglio vedere alla controprova;
prùva s.f. - prua, prora;
pruvà v.tr. (i prùvo) 1. provare, sentire; meî i pruvo oûna granda amiceîsia par gila, ma l'amur zì altra ruoba: io provo una grande
amicizia per ler, ma l'amore è in'altra cosa; 2. provare, verificare; a ga vol pruvala, par savila cuntà: bisogna averla provata, per saperla poi raccontare, prov.; cheî nu pruva, nu crido: chi non prova, non crede, prov.; 3. provare, tentare, fare una prova; cume ti vuoi veînsi sa gnanca ti pruvi?: come vuoi vincere se nemmeno ci provi?; preîma da rendase a ga vol pruvale doûte: prima di arrendersi, bisogna provarle tutte; Etim.: dal lat. Probare;
pruvà agg. (f. -ada) - provato, affaticato;
pruvadènsa s.f. - provvidenza; là ca zì fioi zì pruvadensa: la dove ci sono figli piccoli, c'è provvidenza, prov.;
 ................
pruveîz s.m. - cavo di ormeggio sistemato a prua;
Pruvènsa top. - Provenza, regione della Francia meridionale; Etim.: per essere stata Provincia romana;
pruvènsa s.f. - tempo caratterizzato da venti del IV quadrante, ovvero da ponente, da cielo nuvoloso, da un forte tasso di umidità e da una leggera foschia; tri pruvense fa oûna bora tri caleîghi fa oûna piova: tre provenze fanno una bora tre calighi portano la pioggia, prov.; pruvensa scoûra ghietate in mar e nu stà vì pagoûra: provenza scura mettiti in mar e non aver paura,
prov.; Etim.: dal lat. Provenio, nascere, crescere, sorgere con riferimento alla nebbia, forse incrociato con la regione della Francia;
pruvensàl agg. e s.m. - provenzale, relativo alla Provenza;
pruviànda s.f. 1. tovaglia; 2. vettovoglia, vivanda, cibaria; doûti meto man a li bazase, sistiele e burse de li pruviande e sa taca a magnà: tutti mettono mano alle bisacce, cestellini, borse delle vivande e s'incomincia a mangiare; Etim.: forse dall'incrocio del lat. Preabenda,
con il fr. Viande, vedi anche il ted. Proviant, vettovaglie;
....................
pruviditùr s.m. - provveditore, tipica figura di funzionario comunale ai tempi di Venezia. Ve ne erano di vari tipi: 1. Provveditori alle Strade: erano quattro, 2 per la città e 2 per la campagna. Duravano in carica per un anno senza alcun salario. Avevano il compito di curare la manutenzione delle strade; 2. Provveditori alle Fabbriche: erano 2 per un anno e senza salario, avevano il compito di curare la rimozione dei materiali edilizi; 3. Provveditori alla Fossa: erano due, duravono in carica 1 anno, senza salario, curavano la manutenzione della Fossa, ossia del Canale che una volta separava la città dall'entroterra; 4. Provveditori alle Beccarie: cioè ai macelli, erano due e duravano in carica per sei mesi anch'essi senza salario; 5. Provveditori alla Sanità: erano due, e duravano in carica per tre mesi, erano i più... fortunati perchè venivano regolarmente stipendiati dal Comune.
pruvièrbo s.m. - proverbio. La saggezza popolare dei rovignesi si è condensata in più di mille proverbi, alcuni dei quali rispecchiano la rustica essenzialità dei suoi abitanti; el pruvierbo nu fala: il proverbio non sbaglia, prov.; da l'arbo a largo, sa nu caio el piro, caro el mi caro suca e suchitina; e saben ca mai nu scantina, el pruvierbo ca zì sta miso in giro: lontano dall'albero, sennò cade la pera, caro il mio testone, e sebbene non traballa, il proverbio che è stato messo in giro, prov.; i nostri vieci i stiva sento ani par fà oûn pruvierbo e puoi i lu fiva cagando: i nostri vecchi impiegavano cent'anni per fare un proverbio, e poi lo facevano cacando, ovvero ci mettevano molto tempo per fare un proverbio, però dopo lo facevano.... con estrema facilità. Riporto qui di seguito una poesia d'un anonimo rovignese composta da proverbi, anche nel titolo: 
 

Ciacule nu fà freîtule

Datuli fà mandatuli e
fareîna fà fragnuoculi.
Galeîna viecia fà bon brù
da galo ancura nu s'uò sintoû.
Da senpro i fronci
ven là anduve ca dol.
Lidan fà lidan e
suoldi fà suoldi, e
pruoprio par quil
el Diavo la fà senpro
sul moûcio pioûn grando.
A zì meo scunsumà scarpe
ca scunsumà linsioi.
Chi ca ta vol ben
ta lassa piurando.
Spudà contro vento
...............
o fà da girandula
par rastà in peîe.
Chi ca ta vol mal
ta lassa ridendo.
Senpro dumandà - mai deî?
Preîma da favalà o vierzi buca tazi!
Da senpro i fronci
ven là anduve ca dol.


Le chiacchiere non fanno frittelle

Datteri fa mandatoli e
la farina fa grumi.
Gallina vecchia fa buon brodo
del gallo ancora non si è udito.
Da sempre i foruncoli
vengono là dove duole.
Letame fa letame e
soldi fanno soldi, e
proprio per quello
il Diavolo la fa sempre
sul mucchio più grande.
E' meglio consumare scarpe
che consumare le lenzuola.
Chi ti vuole bene
ti lascia piangendo.
Sputare contro vento
.................
o fare da girandola
per restare in piedi.
Chi ti vuole male
ti lascia ridendo.
Sempre domandare - mai dire?
Prima di parlare o aprire bocca taci!
Da sempre i foruncoli
vengono là dove duole.

Etim.: dal lat. Proverbium;
pruvierbiùz agg. - vedi pruvarbiùz;
pruvigiòn s.f. - provvigione, percentuale del compenso che spetta all'intermediario, al venditore;
pruvigiunamènto s.m. - approvvigionamento, rifornimento;
pruvigneî v.intr. (i pruviègno) - provenire, venire da; la suova stripa la pruvigniva da la basa Talia: la sua gente proveniva dalla
bassa Italia, dall'Italia meridionale;
pruvignìnsa s.f. - provenienza, origine;
pruvinà v.tr. (i pruvinìo - i pruveîno) - misurare la temperatura, la gradazione dello zucchero nell'uva utilizzabdo il pruveîn;
pruviziòn s.m. - l'insieme dei provvedimenti; là ca nu zì pruvizion, zì dastrusion: là dove non c'è un insieme organico di provvedimenti, c'è distruzione, prov.;
pruvizuòrio agg. - provvisorio
pruvucà v.tr. (i pruòvuco - i pruvuchìo) - provocare, causare; li finame li pruòvuca zèndo turzolon mieze noûde: le donne provocano
andando in giro mezze nude; el navareîn uò pruvucà sai dagni: la tempesta ha causato parecchi danni;
pruvucadùr s.m. - provocatore; i nu favaliva par pagoûra ch'i fuso dei pruvucaduri: non parlavano per paura che fossero dei provocatori;
pruvucànto agg. - provocante, eccitante; quil vasteî ca sa vido ultra par ultra zì sai pruvucanto: quel vestito trasparente è molto provocante;
..................
pubrateîne s.m. - fratello di adozione, in genere indicava i contadini croati o morlacchi, con cui si aveva un rapporto di reciproco aiuto, come è stupendamente espresso nell'omonima poesia di Ligio Zanini:
 
 

Pubrateîne, sigoûro ti ta racuordi
del lughìto che ti m'arivi
e de li veîde ch'i t'incalmivo...

I tuoi gaiardi bianchi
fiva mulizeîna la miea puoca tiera
e zvielte li miee man ganbiva
el salvadago in ustran.

Cuntento ti ma iè dà tu feîa,
ca favalando cume meî
la fiva la sua schera,
ca cantando e piurendo cun meî
la ma uò dà tanti fioi.

Ma la longa tanpastada
masacrà 'nda uò mieze criatoûre
dastruzendo i nostri loghi:
la tiera zì turnada doûra.


Fratello, sicuramente ti ricordi
del campetto che mi aravi
e delle viti a cui ti faceva l'incalmo...

I tuoi gagliardi buoi bianchi
rendevano soffice la mia poca terra
e le mie mani abili mutavano
il salvatico in nostrano.

Contento mi hai dato tua figlia,
che parlando come me
allevava la sua schiera,
che cantando e piangendo con me
mi ha dato tanti figli.

Ma la lunga tempesta
ci ha massacrato metà delle creature
distruggendo i nostri campi:
la terra è tornata incolta.

Etim.: dal cr. Pobratiti se = affratellare, diventar fratelli, da Brat = fratello;
pucaleîse s.f. - apocalisse;
puchiteîn avv. - pochino, pochettino;
puchìto avv. - pochetto, pochino;
Puchìto - s.n. della famiglia Benussi;
pudà v.tr. (i pùdo) - potare; Etim.: dal lat. Putare;
pudarà v.tr. (i pudarìo) 1. valutare, ponderare, soppesare; a ga vol pudarà doûte li pusibilità: bisogna soppersare tutte le possibilità; 2. vagheggiare, vedi dalla poesia Quila maiestra di Giusto Curto: 
 

Quila maiestra dal vizito tondo
la ma fiva tucà el fondo
i suoi uoci briliva da giamanti
e i suoi piti s'intrinchiva da barbanti.

"Dal banco la pudarivo... quanto sugnivo"


Quella maestra dal visetto tondo
mi faceva toccare il fondo
i suoi occhi brillavano come diamanti
ed i suoi seni si ergevano con fierezza.

"Dal banco la vagheggiavo... quanto sugnavo"

Etim.: questo verbo non compare nel VDRI dei Pellizer in cui è presente soltanto il sostantivo "pudaramento". Nel saggio "Storie di parole rovignesi" vol XCVI AMSIA Maria Rosaria Cerasuoli Pertusi fa notare la mancanza ma fornisce del verbo pudarà il seguente significato: "appoderare, entrare in possesso, possedere", facendolo quindi derivare da podere, termine però non usato dal rovignese che ha fora, canpagna, logo ma mai un derivato di podere. Il tutto è molto strano perchè la Pertusi cita per avvalorare la sua tesi proprio il succitato brano e quest'altro tratto sempre da poesie di Giusto Curto: "Zì mumenti ch'el tenpo sa firma par pudarà i archeîvi da i sugni". Entrambe le poesie, edite nel vol. XIX dell'Antologia Istria Nobilissima, presentano anche la traduzione in italiano probabilmente di mano dello stesso Curto: "son momenti che il tempo si ferma per pensare agli archivi dei sogni" e per quello precedente: "Dal banco la guardavo... quanto sognavo". Da tutto ciò si evince che il termine deriva da "ponderare" e non da "appoderare";
pudaramènto s.m. - possibilità, facoltà;
pudastà s.m. - podestà. Figura esistente anche nelle istituzioni comunali ante Venezia quando, per le esigenze di un'unica direzione aveva soppiantato il precedente reggimento dei Consoli. Sotto la Serenissim naturalmente era un patrizio veneto, dapprima durava in carica 12 mesi, in seguito sedici mesi. Il podestà presiedeva il Consiglio dei Cittadini, le Scuole Laiche o Confraternite, teneva udienza civile unitamente ai 3 giudici del comune amministrando la giustizia criminale. In tutte le manifestazioni pubbliche, sia civili che religiose, aveva il posto d'onore. In origine aveva un salario di 700 piccioli, portato a 1.540 lire venete nel '700, oltre ad avere vari benefici in natura, come il diritto a tutte le lingue degli animali grossi macellati. Era generalmente, dal popolo di Rovigno, accolto al grido di: veîva el pudastà nuvo ch'el viecio gira oûn loûvo: evviva il podestà nuovo che il vecchio era un lupo. All'inizio del mandato i podestà ricevevano dall'oculato governo veneto delle rigide istruzioni a cui dovevano rigidamente attenersi, di una di queste, la Commissio Potestatis Rubini, del Doge Antonio Venier, abbiamo il testo che il Benussi allega alla sua Storia Documentata. Inoltre era prassi che al termine del mandato, una volta a Venezia, i Podestà redigessero una sorta di rendiconto del loro operato, fornendo eventuali suggerimenti per migliorare la condizione della Città. L'ultimo podestà veneto di Rovigno fu Lorenzo Balbi. Alla caduta di Venezia, e sino al 1805 fu sostituito da un Dirigente di nomina imperiale e 3 Sindaci. Sotto i francesi (1806-1813) fu nuovamente reintrodotta la figura del podestà, detto alla francese maire, e furono il Capitano Domenico Facchinetti, il signor Nicolò Bognolo ed il cap. Giovanni Costantini. Con il ritorno degli austriaci fu introdotta una Deputazione Sindacale composta da cinque sindaci e nel 1815 nuovamente ci furono i Podestà, che come sotto i francesi erano cittadini rovignesi non salariati. Sotto gli austriaci i podestà sino al 1860 furono Francesco Piccoli, il Capitano Bernardo Grego, il dottor Angelo Ive, Giuseppe Blessich ed il conte Nicolò de Califfi, sostituito dal cav. Matteo Rismondo, in seguito tale carica venne proficuamente ricoperta dal dottor Matteo Campitelli, a cui Rovigno deve l'insediamento della Fabbrica Tabacchi, dell'Acquario, dell'Ospizio, oltre ad aver legato a Rovigno la maggior parte delle sue sostanze all'istituzione di una scuola pubblica; 2. vc. dotta, potestà, facoltà;
Pudastà - s.n. della famiglia Bartoli;
Pudastà da Viena - s.n. della famiglia Nider;
pudì v.tr. (i puòi) 1. potere, avere la capacità, la possibilità; a sa salvo chi pol: si salvi chi può, chi ne ha la possibilità; el curiva a pioûn nu puoso: correva a tutta forza, a più non posso; i nu ta deîgo ch'i nu vuoi, a zì pruopio ch'i nu puoi: non ti dico che non voglio, è proprio che non lo posso fare; 2. aver motivo, aver ragione; ti ga puoi cridi: puoi crederci; 3. potere, esser consentito, lecito, permesso; a nu sa pol zeî a ciù datuli: non è consentito, non è lecito prendere i datteri di mare; Etim.: dal lat. Potere, clas. Posse;
pudìr s.m. - potere, capacità, possibilità; - A nu zì in mieîo pudìr: non è in mio potere; Etim.: dal lat. Potere;
Pudre - s.n. della famiglia Kosmaz;
pudùr s.m. - pudore; la nu uò pudur: non ha pudore, è una sfacciata; Etim.: dal alt. Pudor-oris;
pueîna s.f. - ricotta; el uò li man da pueîna: ha le mani di ricotta, di pastafrolla; chi daravi par magnà ancura quila pueîna ca fiva bara anzalo, la gira oûna vira puizeîa: cosa darei per mangiare ancora quella ricotta che faceva zio Angelo, era una vera poesia; Etim.: voce incerta, forse dal lat. Pruina = cosa bianca, brina; oppure da Pupina, diminuitivo di Pupa, dato che generalmente si vende nelle caratteristiche forme emisferiche;
pufardeîa s.f. - arroganza, boria, spocchia;
pugià v.intr. (i puògio) 1. poggiare, manovrare il timone per procedere sotto vento; 2. sistemare, collocare; qualoûnque mare varda da pugià la pruopia feîa meo ca la pol, ma la preîma ruoba zì la filisità: qualunque madre cerca di sistemare la propria figlia meglio che può, ma la prima cosa è la felicità; 3. sostenere, appoggiare; sa nu ti son pugià da qualco pieso gruoso nu ti faghi cariera: se non sei appoggiato, sostenuto da qualche pezzo grosso non fai carriera; Etim.: dal lat. med. Podiare;
pugiàda s.f. - l'azione del poggiare, cioè porre l'imbarcazione con la poppa al vento;
pugiadùr s.m. - poggiatoio, poggiaschiena, schienale;
pugiapiàn s.m. - poggia piano, pigro, persona che se la prende comoda;
...............
pugnàva s.f. - coperta ruvida e pesante, v. s'ciaveîna. In una carta dotale del notaio Domenico Moscarda del 6 aprile 1618 si legge: "una coltra niova, una pugnava, doi par de ènteme niove, un paro lavorade et un paro schiette"; cu la pugnava d'invierno a sa stà nama ca ben: con la coperta pesante d'inverno si sta veramente bene; Etim.: dall'ant. Pugnere = pungere, come suppone il Pellizer, oppure come vuole P. Rismondo da vc. slava importata dai morlacchi;
............
puiàna s.f. 1. poiana, specie di falco, Buteo vulgaris; 2. (fig) furbone; quila puiana na sà oûna pioûn del diavo: quel furbone ne sa una più del diavolo; Etim.: dal lat. pop. Pulliana, diminuitivo di Pullus, propriamente animale giovane ed anche pollo, pulcino oppure da un supposto Pluviana, dato che questo uccello si fa sentire soprattutto nelle giornate di pioggia;
puièta s.m. - poeta; a nu 'nda zì mancà bravi puieti a Ruveîgno a scuminsia da Zaneîni: non ci sono mancati bravi poeti a Rovigno a cominciare da Zanini; el gira puieta e rimadur: era poeta e rimatore: Etim.: dal lat. Poeta;
puiètico agg. - poetico; ancui el uò la vena puietica, el faviela in viersi: oggi ha la vena poetica, parla in versi; cu s'uò fan nu sa pol iesi puietici: quando si ha fame non si può esser poetici;
.............
pul s.m. - alga che raggiunge anche un metro di altezza, di color brunastro e dall'aspetto filamentoso con delle caratteristiche infiorescenze a forma di palline vuote della grossezza di un pisello. Sono solite abbarbicarsi alle carene delle imbarcazioni; Etim.: dal lat. Pullare = germogliare;
pul nùvo s.m. - così vengono chiamate le alghe marine che sviluppano la loro crescita in primavera, e che muoiono in estate. Tale tipo di alga viene detta anche brièca;
pùla s.f. 1. pula; li pule virde sa bitua cu la curento, ma guai sa ga vignaruò oûna cascata: le pule verdi si abituano con la corrente, ma guai se verrà una cascata, prov.; 2. rametti, ramoscelli d'olivo che vengono potati dai contadini; cu gira parigulo par el racuolto i sapadoûri i bruziva oûna pula: quando c'era pericolo per il raccolto i contadini (come scongiuro) bruciavano un ramoscello di olivo; in doûte li caze sa ten oûna pula banadìta: in tutte le case si tiene un rametto d'olivo benedetto; li pule banadìte nu li sa pol butà in scuvason, ma cume i santeîni i sa dievo bruzà intel fuguler: i ramoscelli benedetti, quelli della Domenica delle Palme, non si possono gettare nella pattumiera, ma come per le immagini dei santi, vanno bruciati nel focolaio; Etim.: dal lat. Pullare = germogliare;
Pùla - s.n. della famiglia Benussi;
pulàco s.m. e agg. - polacco, relativo alla Polonia;
pulagàna s.f. 1. scaltrezza, furbizia; 2. modo di fare astuto, falso; 3. persona falsa e dissimulatrice, paravento, furbone; Etim.: forse dallo sl. Polagan, uomo flemmatico. Ma è voce presente anche nel Vocabolario del contado di Treviso del Ninni: "Polegana che dicesi anche
camòma, intendesi quel modo mellifluo col quale la gente astuta sa ottenere il suo intento".
pulàme s.m. - pollame;
Pulari top. - località della costa nei pressi di Vìstro, difronte all'isola omonima, facente parte del gruppo delle latine Pullariae;
pulàso - l'alga marina di maggiore dimensione presente nei nostri mari, chiaro accrescitivo della vc. pul;
pulastreîn s.m. - polletto;
Pulastreîn - s.n. delle famiglia Sbisà e Rocco;
pulastrièl s.m. - pollastrello;
pulastrièla s.f. 1. pollastrella; la galeîna minudiela, la par senpro pulastriela: la gallina minutina, magra, sembra sempre una pollastrella, e fuor di metafora la donna magra, sembra sempre una giovincella, vedi anche il 2° significato; 2. (fig) ragazza giovane, giovincella, ragazza avvenente ed appetibile;
pulastrinuòto s.m. - giovinotto, giovincello, ragazzotto;
pulàstro s.m. 1. pollastro; 2. (fig) sciocco; 3. (fig) per antitesi e generalmente associato con biel, ha il significato di furbone, paravento, furbacchione; a ma par ch'el seîo oûn biel pulastro anca loû: mi pare che sia un bel tipo, un furbacchione anche lui; Etim.: dal lat. Pullastra, da Pullus animale giovane;
Pulcinièla n.pr.m. - nome della tipica maschera napoletana, assurta a figura di burattino, di uomo senza carattare, che non dice la verità; nu daghe bado a quil pulciniela: non dar retta a quel tipo poco affidabile;
pulcra s.f. - giacinto, Hyacinthus Orientalis, bot.; Etim.: dal lat. Pulchra, per la sua bellezza;
puldà vc. verb. - forma contratta di pol dà, presente nei Lementi di P. Angelini, ha il valore di può darsi, può essere, forse; ma par da uoldi dei balighi... puldà ca seîo ma mareîn?: mi par di sentire il rumore dei passi... che sia forse mio marito?;
puldàse vc. verb. - vedi puldà; puldase ca seî, e puldase ca nuò: forse che si e forse che no;
Pule - s.n. della famiglia Radossi;
pulegàna s.f. - vedi pulagàna;
puleîe d'uleîo s.m.pl. - erbe mangerecce, non meglio identificate;
puleîtica s.f. 1. politica, attività politica; la puleîtica zì oûna broûta bies'cia: la politica è una brutta cosa; la puleîtica la zì ura da uvi e ura da lato: la politica una volta è da uova ed una volta da latte, cioè è mutevole...: quil ca magari preîma el gira oûn fasiston de la prima ura, puoi el zì davantà oûn cunpagno e ura oûn nasiunaleîsta cruato!!!: quello che magari prima era un fascistone della prima ora, poi è diventato comunista ed ora un nazionalista croato!!!; 2. politica, tattica, astuzia; cun gila a ga vol vì puleîtica: con lei bisogna aver tattica, bisogna prenderla con le dovute maniere; Etim.: dal tardo lat. Politica, dal gr. Politiké;
puleîtico agg. - politico; da bando i dascursi puleîtici, ca cu sa magna nu ga vol fà custioni: lasciate perdere i discorsi politici, che quando si mangia non bisogna far questioni;
puleîtico agg. sost. - politico, chi si occupa di politica, uomo di partito; i puleîtici preîma i ta fà cridi da iesi can e gati e puoi i và magnà insenbre: i politici prima ti fanno credere d'essere come cani e gatti e poi vanno a mangiare insieme;
puleîto agg. 1. pulito, forbito; 2. bene, con facilità, liscio come l'olio; cumo zì zeî l'afar? puleîto!: come è andato l'affare? liscio come l'olio!; 3. ben fatto, ammodo; Etim.: dal lat. Politus, da Polire = levigare, pulire;
pulènta s.f. - polenta; la pulenta ma stenta, el capon ma sà da bon: la polenta mi va giù con difficoltà, il cappone mi piace, proverbio che nasce anche dal fatto che la polenta veniva mangiata quasi tutti i giorni, mentre il cappone era il cibo per le grandi occasioni; ma piaz ca la pulenta nu la seîo masa lenta: mi piace che la polenta non sia troppo molle. A secondo di come si prepara si ha: pulènta cugùie: tipico piatto rovignese con polenta e lumache in sugo; pulènta e uzài: polenta con uccellini; pulènta e vìrze: polenta e verze; pulènta e pìsi freîti: polenta con i pesci fritti; pulènta e frituloûn: polenta condita con l'olio del pesce fritto; pulènta e burdìto: polenta con il brodetto di pesce, una vera delizia; pulènta e làto: latte e polenta, cioè la polenta inzuppata nel latto, tipico dei friulani; pulènta freîta: polenta fritta. Molte volte se ne faceva appositamente un pò di più, in modo che una volta rassodata si potesse friggere a listarelle, ecc. ecc. Modo di dire: pulènta e sìpe: letteralmente polenta e seppie, ma con questo termine si indicavano ironicamente gli austriaci ed i loro simpatizzanti, dai colori, giallo ed il nero, della bandiera austrungarica. Vedi questo indovinello, che è anche un'utile indicazione culinaria: Feîn ca la sa taca, cota nuò. Quando la sa staca cota seî! fin che si attacca, non è cotta. Qando si stacca sì che è cotta; Etim.: dal lat. Polenta, polenta di farina, di orzo, da avvicinare a Pollen, fior di farina e Pulvis, polvere;
Pulenta - s.n. delle famiglie Benussi, Budicin, Malusà e Sponza. Vedi anche il cùrto de i Pulènta, da una famiglia Benussi;
Pulènta pupàcio muòro - s.n. della famiglia Benussi;
Pulenteîn - s.n. delle famiglie Benussi e Sponza;
pulenteîna s.f. - tipico dolce istriano, fatto senza lievito con farina, burro, zucchero, vaniglia, tuorli d'uovo e scorza di limone;
pulentòn s.m. 1. polentone, accr. di pulènta; 2. gran mangiatore di polenta; 3. persona lenta, che prende le cose con la fiacca, scanzafatiche;
pulèro s.m. - puledro; Etim.: dal lat. volg. Pulletrus, puledro, da Pullus, giovane animale;
pulièdro s.m. - puledro; Etim.: vedi pulèro;
................
pulinteîna s.f. 1. empiastro, cataplasma; 2. gonorrea;
puliseîa s.f. - pulizia, nettezza, lindore; la puliseîa zì la meo ruoba: la pulizia è la miglior cosa; a gira oûna puliseîa, oûna niteîsia ca ti ta pudivi spicià par tiera: c'era una pulizia, un lindore che ti potevi specchiare per terra;
puliseîa s.f. - polizia; - Ara ca la puliseîa ta serca: guarda che la polizia ti cerca; Etim.: dal lat. Politica, tramite sia il tedesco Pulizei che l'it. Polizia
pulisièl s.m. (pl. -ài) - poliziotto, guardia di polizia, sbirro; Etim.: dal ted. Pulizei (pr. Politsai). Il Ninni verso la fine dell'ottocento dice: E' vocabolo più recente di "Sbiri"; oggi più comunemente si chiamano "Questurini". E' evidente che i tre termini indicano 3 rispettivi regimi politici: zbeîro, quello della Repubblica di Venezia; pulisièl-pulisiài, quello austrungarico; il Questurino, per Rovigno però a partire soltanto dalla fine della 1^ G.M (quistureîn), del Regno d'Italia. Così, dal 2^ dopoguerra, il termine mileîsia per polizia ha preso piede grazie al serbo-croato Milicija, anche se quest'ultimo ha sua volta è un calco dal lat. Militia;
Pulisièl - s.n. delle famiglie Curto e Dellapietra;
puliteàma s.m. - politeama;
puliticànto agg. e s.m. - politicante;
pulizàn agg. e s.m. - polesano, abitante di Pola;
Pulizàn - s.n. della famiglia Vassili;
pùlizi da mar s.m.pl. - crostacei anfipodi noti per le loro moleste punture;
pùlizo s.m. 1. pulce; 2. (fig) idee bacate, scempiaggine; t'iè i pulizi in'tel sarviel: hai le idee bacate, sei completamente scemo; Etim.: dal lat. Pulex, da Psal, saltare;
Puliziòi top. - prato e località nei pressi della città, vicino al Prà Majur, l'etimo potrebbe venire dal fatto che vi erano dei pozzi;
Pulizuòi top. - vedi Puliziòi;
pulmòn s.m. - polmone; - El pulmon zì par el gato: il polmone è per il gatto; t'iè i pulmoni tavaradi soûn da fumà: hai i polmoni tarlati a furia di fumare;
pulmunìte s.f. - polmonite; oûna vuolta vì la pulmunite a gira oûn afar sierio: una volta aver la polmonite era un'affare serio;
pùlpa s.f. - polpa, carne, ciccia; i paroni magna la pulpa e i cani i uosi: i padroni mangiano la polpa ed i cani gli ossi, prov.; cheî ca uò magnà la pulpa, ca magno anca i uosi: chi ha mangiato la polpa (il meglio), mangi anche gli ossi (gli scarti), prov.; ara ca pulpa tuosta ca la uò sta peîcia: guarda che carne, che ciccia soda ha questa bambina. Modo di dire: doûto pulpa: tutto polpa, cioè carne senza un filo di grasso, di nervi o di ossa; Etim.: dal lat. Pulpa;
Pùlpa - s.n. della famiglia Budicin;
...............
pulseîn s.m. - pulcino; i ma son bagnà cumo oûn pulseîn par nu vuleî purtame prieso l'unbriela: mi sono inzuppato come un pulcino per non aver voluto portarmi con me l'ombrello; ara ca bai pulseîni: guarda che bei pulcini; Etim.: dal tardo latino Pullicinus, da Pullus = animale giovane;
pulseîn s.m. - polsino; ara ca el pulseîn ta peîca intila maniestra: guarda che il polsino ti va nella minestra; oûna vuolta li camize li viva i pulseîni da raganbio: una volta le camice avevano i polsini di ricambio; Etim.: dim. di pòlso;
pulseîni s.m.pl. - gemelli della camicia; el viva i pulseîni cu lu stiema: aveva i gemelli con lo stemma;
Pulseîn - s.n. delle famiglie Bellusich e Rocco;
pulsièla s.f. - (scherz.) - pulzella, fanciulla non sposata;
pulsinièla s.f. - vedi pulciniela;
Pultraia - s.n. della famiglia Cattonar;
pultreî v.intr. (i pultreîso) - poltrire;
...........
Puluò - s.n. della famiglia Rocco;
pùlvare s.f.inv. 1. polvere; pulvare i giariendi e a la pulvare sa raturna: polvere eravamo ed alla polvere si ritorna; nu sufià, ca zì pièn da pulvare: non soffiare, che è pieno di polvere; anduve t'iè miso la strasa da li pulvare: dove hai messo lo straccio per sploverare? 2. detersivo in polvere, per fare il bucato; 3. polvere pirica, polvere da sparo; t'iè li pulvare bagnade: hai le polveri (da sparo) bagnate.. ovvero fai cilecca!; Etim.: dal lat. Pulverem;
...............
pulvireîna s.f. - polverina; oûna vuolta a sa uzivà li pulvireîne par fà l'aqua sfrisante: una volta si usavano le polverine per rendere l'acqua frizzante;
.................
pulzièla s.f. - parola, storiella; i son rivà a capeî sulo dù tri pulziele, par veîa ch'el favaliva miezo par cruato e miezo par talian: sono arrivato a capire soltanto due tre parola, dato che parlava mezzo in croato e mezzo in italiano;
pùma s.f. - peto, scureggia;
pùma s.m. - puma;
pùmaga (pèra) s.f. - pietra pomice; Etim.: dal lat. Pomex-pomicis;
pumiduòro s.m. - pomidoro, Solanum Lycopersicum. Pianta annua con radice fusiformr, fusto rampicante, foglie pennato-sezionate, fiori gialli e grossi frutti vermigli. Fiorisce da giugno ad agosto. I pomodori, ricchi di vitamine  A e C e di acido citrico, si mangiano crudi in insalata. Con   la polpa si ricavano conserva, salse e scatolami di pelati. Vàme ciù oûn pier da pumiduori ca stasira par sena i fariè el scarcaciuò: vai a prendere un paio di pomodori che stasera per cena farò la zuppa di pane raffermo e pomodori; i ma fago oûn pier da biguli cul pumiduòro: mi preparo due spaghetti col pomodoro; la zì davantada rusa cume el pumiduoro: è diventata rossa, e arrossita, come un pomodoro; Etim.: dal lat. Pomum aurum;
Pumiduòro - s.n. della famiglia Massarotto;
Pumiècia - s.n. della famiglia Grabelli;
pumièl s.m. - pomello. la uò lustrà i pumieli d'uton, ca pariva da uoro: ha lucidato i pomelli d'ottone che sembravano d'oro; Etim.: dal lat. Pomum, attraverso il diminuitivo;
pumièla s.f. - pomello, zigomo;
pumièla s.f. - coccola, bacca di vari arbusti ed in particolare la coccola rossa del biancospino;
Pumièla - s.n. della famiglia Soldati;
pumièr s.m. - albero di mele, melo, Pirus Malus; Etim.: da lat. Pomarium;
Pumièr top. - in Cuntrada Muntalbàn, antico spazio di terreno posto vicino le antiche mura che circondavano Rovigno vecchio, in cui era proibito edificare; Etim.: dal lat. Pomoerium da Post Moerium;
pùmiga (pèra) s.f. - pomice, pietra pomice; Etim.: dal lat. clas. Pumicem. Vedi anche il triestino pomigar, lucidare (con la pietra pomice). Durante la I^ G.M. questo verbo per i triestini costretti ad arruolarsi nell'I.R. Esercito austrungarico assunse il particolar significato di perder tempo in cose inutili evitando di combattere per gli austriaci contro i propri connazionali. Vedi l'inno composto da Adolfo Leghissa intitolato emblematicamente a "Piero Pimiga" che si concludeva così: "Qua per poderla capolar/no resta altro che pomigar!"
pumigà v.tr. (i pumighìo) 1. levigare, lisciare con la pietra pomice e quindi stofinare, strusciare; 2. tirarla per le lunghe, battere la fiacca; 3. fregare, strusciarsi, per estensione pomiciare, fottere; Etim.: chiaramente da la pèra pùmiga, per i significati traslati vedi l'it. pomiciare;
pùmo s.m. 1. melo, Pirus malus. Albero di mediocre grandezza con foglie tondeggianti, seghettate con la parte inferiore pelosa. I fiori sono grandi bianchi con l'esterno rossiccio. Fiorisce in aprile e maggio; 2. mela, il frutto del melo; i pumi da muntagna cheî sa li fà, i sa li magna. I pumi culeîni i ga sa dà ai pioûn viseîni: le mele di montagna chi le produce se le mangia, le mele di collina si danno ai più vicini, c'è chi come il Pellizer vuole che il proverbio si riferisca al costo di trasporto delle mele, per me invece il riferimento è alla qualità delle mele, per cui chi produce le mele di montagna che sono più gustose se le mangia lui; oûn pumo marso, imarseîso i altri: una mela guasta, fa marcire le altre, prov.; ca bon strude da pumi: che buon strudel di mele; i omi uò el pumo da Damo, par veîa del pumo ca quila puorca da Ieva la g'uò fato magnà: gli uomini hanno il pomo di Adamo a causa della mela che qella... porca di Eva gli ha fatto mangiare; Etim.: dal lat. Pomum, frutto di ogni specie e da Pomus, albero da frutta;
pùmo s.m. - galletta o formaggetta che si trova che sta all'estremità superiore degli alberi delle navi;
pùmo càco s.m. - kachi o cachi, Diospyros Kaki;
pùmo cuduògno s.m. - mela cotogna;
pùmo granà s.m. - melograno, Punica granatum. Albero di modeste proporzioni dai fiori isolati di color rosso che fioriscono da giugno a luglio. I futti maturano invece in autunno. Ha foglie intere, lucenti e senza peli. vedi anche pumo ingarnà o ingranà; Etim.: rifacimento del latino Malum granatum;
 

pùmo ingarnà s.m. - melograno, sia l'albero che il frutto, vedi pùmo granà. Sino al 1600 un melograno spaccato, in modo cioè da far vedere i chicchi, era il simbolo di Rovigno, chiaro riferimento di fertilità. Riporto qui uno dei tipici stornelli rovignesi, che utilizza l'immagine del melograno, come simbolo di bellezza femminile: 
 

Giuvene biela, de quil uocio muoro,
ti son parente del pumo ingarnà;
e de quil pumo i 'nde vuria 'na fita,
giuvene biela, siestu benedita. 

Giuvane bella, dall'occhio moro,
sei simigliante al melograno;
e di quel pomo ne vorrei uno spicchio,
giuvane bella, tu sia benedetta. 

pùmo ingranà s.m. - melograno;
pùmolo s.m. - pomello, pomolo, impugnatura del bastone a forme di palla; oûn lieto da uton cui pumuli: un letto d'ottone con i pomoli; el viva oûn baston cul pumolo cun dentro l'uruoio: aveva un bastone col pomello al cui interno vi era un orologio;
pumuduòro s.m. - pomodoro;
pùmula s.f. - capocchia, la parte superiore tondeggiante; el viva oûna carta pien da speîli cu li pumule da doûti i culuri: aveva una carta (geografica), piena di spilli con le capocchie di tutti i colori. Modo di dire: pùmula del dì: polpastrello;
...............
punièr s.m. - pollaio; a ga par da iesi el galo del punier: gli sembra d'essere il gallo del pollaio; Etim.: dal lat. Pullus, animale giovane con in più l'influsso di Ponere = porre, mettere, cioè posto dove tali animali vengono posti;
puniòn s.m. - opinione, parere; tante tieste, tante punioni: tante le teste, tanti i pareri, prov.;
...........
punpièr s.m. - pompiere, vigile del fuoco. Nei tempi più antichi lo spegnimento degli incendi era demandato all'iniziativa di privati cittadini organizzati nelle arciconfraternite, che al suono delle campane accorrevano con i pochi mezzi a loro disposizione. Forti incendi erano scoppiati nell'800, come quel del 1802, che aveva quasi completamente distrutto il Convento Francescano, o quello del 1854 in Piasa del Tibio che aveva distrutto il forno di Domenico Sponza detto Micalin con l'intero stabile. Quattro anni dopo scoppiò un incendio doloso che distrusse tre case in via Grizia. In Istria, escludendo Pola, la creazione dei primi Corpi di Vigili del Fuoco o Pompieri Civici risale al 1889 (Pirano), 1893 (Parenzo), 1914 (Montona). A Rovigno esisteva un corpo volontario di Vigili del Fuoco, ma la creazione del vero e proprio corpo municipale risale al 3 marzo 1913 dato che i precedenti incendi del Mulino Istriano nel 1907 e del Pastificio Calò del 1912 avevano dimostrato l'esigenza di creare un corpo più efficente sul modello di quello triestino.


i pompieri di Rovigno nel 1913

A dirigire il corpo fu chiamato Ugo Vigliani, nell'organico vi erano 27 elementi oltre il Comandante: 1 sottocomandante, 2 sergenti, 2 capisquadra, 16 vigili e 6 allievi. Lo stipendio mensile del comandante era di 120 corone. Olttre ai compiti istituzionali spettava ai vigili di fungere da guardia d'onore durante le solennità civili e religiose. Figura popolare era il trombettiere Santo Podelmengo, che aveva il compito di dare l'allarme in città e poi andava a chiamare tutti gli appartenenti il corpo dei vigili. Nel 1934 quando il Corpo dei Vigili del Fuoco da comunale era passato alla Direzione del Ministero degli Interni, l'organico dei pompieri di Rovigno era il seguente: il comandante era sempre Ugo Vigliani, Vice Comandante l'ing. Rino Colpi, Maresciallo Luigi Zaratin, Brigadiere Bruno Caenazzo, vigili Angelo Fagarazzi, Antonio Dori, Marcello Pavan, Giorgio Giuricin, Domenico Barzellatto, Giorgio Cattonar, Uccio Zaratin, Giovanni Dapinguente, Giorgio Damuggia, Battista Slabich, Pietro Sponza a cui si aggiunse poi Mario de Angelini. Mentre la sede venne trasferita dal piccolo locale dell'edificio comunale a quello assai più spazioso, sito in un piano sottostante al tribunale. Il corpo dei vigili del fuoco si distinse nello spegnimento di vari incendi dimostrando sempre gran coraggio e notevole perizia. Etim.: da pònpa;
...........
puntadoûra s.f. 1. imbastitura, insieme di punti provvisori di cucito; 2. puntellatura;
puntàl s.m. (pl. -ài) 1. puntale; 2. altro nome di pònta, usato ne la toponomastica del litorale rovignese per indicare delle piccole sporgenze di roccia sul mare, dei promontori; 3. la cuspide che si mette in cima all'albero di Natale a coronarne l'addobbo;
Puntàl d'Antula top. - sito nei pressi de Li Culuone, sporgenza che delimita la valle omonima;
Puntàl da Coûvi top. - promontorio della costa rovignese;
Puntàl da Mònto top. - sporgenza su cui è stato costruito il faro nella parte vecchia di Rovigno, detta per l'appunto Monto;
Puntàl da Pipuleîn top. - punta sul lato nord del canal di Leme. Il nome pare derivi dal soprannome di un pescatore rovignese, che in quel tratto di costa era uso pescare;
Puntàl da Siruòco del Scùio Gràndo top. - punta meridionale dello scoglio più grande delle Du Surièle;
Puntàl da Val Fuiàga top. - promontorio;
Puntàl de li Siòle top. - è la punta sita sul lato nord, all'imboccatura del Canal di Leme. Il termine siòla indica sia suola delle scarpe, che il beccapesce, sterna sandvicensis. In questo caso quindi il nome dovrebbe far riferimento al beccapesce. Nella carti nautiche viene indicata come Punta Tiolle;
Puntàl lòngo top. - sporgenza piuttosto tondeggiante sul versante nord del Canal di Leme;
puntalà v.tr. (i puntalìo) - puntellare, sostenere;
puntaleîn s.m. 1. piccolo puntale; 2. piccolo puntàl, termine della toponomastica della costa rovignese;
Puntaleîn top. - sito del versante nord di Canal di Leme tra la Gruota de i Francizi ed i Funtanoni;
Puntaleîn da Blièsici top. - detta anche nelle carte nautiche italiane, Punta Cacchera e Punta Peringhet. Piccola punta sul versante sud del Canal di Leme. il nome deriva dalla pronuncia rovignese del cognome del proprietario, Blessich;
Puntaleîn da Valalta top. - piccola sporgenza della costa, della valle omonima;
puntariòl s.m. (pl. -iòi) - punteruolo;
puntariòl s.m. (pl. -iòi) - puntaspilli;
Puntariòl - s.n. della famiglia Segariol;
puntàso s.m. - grosso punto, nella briscola naturalmente l'asso ed il tre, ma anche quando nella stessa mano ci sono più figure; ara meî i iè oûn monto da carte, ma teî t'iè fato i puntasi: beh, io ho un mucchio di carte, ma tu hai fatto i punti che contano, cioè pur avendo preso meno mani, hai realizzato più punti;
punteîlgio s.m. - puntiglio, ripicca; Etim.: dallo sp. Puntillo;
punteîn s.m. - puntino, diminuitivo di pònto; a ma piaz meti i punteîni soûn li i: mi piace mettere i puntini sulle i; el ga uò cuntà la stuoria punteîn par punteîn: gli ha raccontato la storia nei minimi dettagli, punto per punto, dettagliatamente;
punteîn (a) loc.avv. 1. a puntino, al punto giusto, per bene; el piso el gira stà cuoto a punteîn: il pesce era stato cotto al punto giusto; cumo ta zì zeî l'afar? a punteîn: come ti è andato l'affare? bene; 2. a puntino, punto per punto, dettagliatamente, per filo e per segno;
punteîna s.f. - puntina, piccola pònta;
punteîna da daziègno s.f. - puntina da disegno;
punteîna da gramuòfano s.f. - puntina del giradischi;
punticià v.tr. (i punticìo) - rammendare alla meno peggio, con un rammendo affrettato, a punti radi, rammendare un maniera non accurata;
..............
puntòn s.m. - pontone, pontile, sorta di molo galleggiante; traca soûn quil punton: attracca su quel pontile;
puntoûra s.f. 1. puntura, morso doloroso di vari insetti; la puntoûra de i musati zì sai fastidiuza: la puntura delle zanzare è molto fastidiosa; 2. puntura, iniezione; grando e gruoso e t'iè pagoûra da oûna puntoûra: grande e grosso ed hai paura di (farti fare) una iniezione;
puntuàl agg. (-ài) - puntuale, preciso; el zì rivà puntual a li gize spacade: è arrivato puntuale alle dieci spaccate; el zì puntual cume la muorto: è preciso, puntuale come la morte;
puntualizà v.tr. (i puntualìzo) - puntualizzare; par puntualizà, almieno par nui taliani, a sa deîz Ruveîgno e nuò Rovinj: per puntualizzare, almeno per noi italiani, si dice Rovigno e non Rovinj;
puntuleîn s.m. - puntolino, dim. di pònto; el gira cuseî luntan ch'el pariva oûn puntuleîn: era così lontano che sembrava un puntolino;
Puntuleîna (la) top. - delimita ad est la Cuguliera, prima della costruzione della strada che porta al duomo di Santa Eufemia, era questo il punto ove terminava la via di Santa Croce, ed era l'imbarcadero usato dai pescatori rovignesi per caricare i barili di sardelle salate;
punzàda s.f. - puntura;
punzènto s.m. - riccio di mare; el mar dieso zì pien da punzenti: ora il mare è pieno di ricci; varda anduve ti meti i peîe, ca ga zì parieci punzenti: guarda dove metti i piedi che ci sono parecchi ricci di mare;
punzènto biànco da pìlago s.m. - riccio di mare, chiensis, stongilocentrotus droba;
punzènto nìro d'asprì s.m. - riccio di mare, Echinocyamus pusillus. Questo è il tipico riccio che in questi ultimi anni infesta sempre più le coste rovignesi, vorace divoratore d'alghe. Una volta, intorno gli anni '60 era assai meno diffuso, e noi da bambini dovevamo andare in cerca degli esemplari più grossi per farci con i così detti denti delle collane simili a quelle degli indiani. Ora invece non si può fare un passo in acqua senza il costante pericolo di finirci sopra;
punzòn s.m. 1. puntura, trafittura, dolore lancinante; 2. il pungiglione delle api, calabroni, vespe ecc.;
può avv. - poco, pò; ga vol vì oûn può da quil ca sa ciama: bisogna avere un pò di giudizio, frase idiomatica; i iè quil può ca ma basta par tirà vanti: ho quel pò che mi basta per campare;
puoaràso agg. - poveraccio;
Puocaprèsa - s.n. della famiglia Sponza;
Puocaprèsa Stiefaneîn - s.n. della famiglia Sponza;
puocàqua s.f. 1. fondale marino basso; 2. acqua bassa;
puòco avv. - poco; a zì puoco ma sigoûro: è proprio così, idiom.; cheî puoco cheî tanto, ma ugnidoûn uò i suovi panseri: chi poco e chi tanto, ma ognuno ha le sue preoccupazioni; cun puoco sa veîvo, cun gnìnte sa moro: con poco si vive, con niente si muore, prov.; da là a puoco el sa uò prazantà lieme lieme: poco dopo si è presentato lemme lemme; a cheî tanto e a cheî puoco: a chi tanto e a chi poco; oûnpuoco a la vuolta Pìro sa vuolta: un pò alla volta Pietro si volta;
puòco làrgo loc.avv. - non lontano, abbastanza vicino; el froûto caio senpro puoco largo da l'arbro: il frutto cade semmpre abbastanza vicino all'albero;
puòco (da) loc.avv. - recentemente, da poco tempo; da puoco ma anca loû sa uò cunveînto: da poco tempo ma anche lui si è convinto;
puocodabòn s.m.inv. - pocodibuono, persona non dabbene;
puocopreîma avv. - poco prima, un'attimo fa, poc'anzi;
puòdana s.f. 1. mastella ovale in cui si tiene a bagno il baccalà; 2. grossa ciotola, piatto fondo da portata; 3. tipo di vaso basso; 4. grossa quantità; el uò zbafà oûna puodana da crafe: s'è pappato una montagna di Krapfen; Etim.: dal lat. med. Pladana, e questi dal gr. plathanon = scodella;
puòdi (a) locuz. - un pò alla volta, a rate, un pò alla volta; a puodi e buconi i signemo rivadi a meti soûn la butiga: un pò alla volta siamo riusciti ad aprire il negozio;
puòdio s.m. - podio; el puodio zì doûto talian, i vemo fato preîmo, sagondo e tierso puosto: il podio era tutto italiano, abbiamo fatto il primo, secondo e terzo posto;
puodìsto p.p. - potuto, forma desueta per pudìsto, vc. riportata da l'Ive; nu i uò puodisto fà gninte dazarmadi ch'i gira: non hanno potuto far nulla disarmati com'erano;
puogiapiàn s.m.inv. - poggiapiano, tipo che se la prende comoda, che fa le cose lentamente e con fiacca; Etim.: dall'espressione marineresca puògia a piàn, che aveva il significato di volgere lentamente la prua in direzione opposta a quella del vento;
puògio s.m. - poggio: el zì stà sipileî zuta quil puogio: è stato seppellito sotto quel poggio;
puòi avv. - poi, dopo; preîma o puoi doûti i duvì mori, e fuorsi anca meî: prima o poi tutti dovete morire, e forse anch'io; dieso nuò, puoi fuorsi ca seî: ora no, poi forse si;
puoichì avv. - poichè, dato che; puoichì nu vì capeî i va fago ripitir: poichè, dato che non avete capito ve lo rispiego, ve lo spiego nuovamente;
...........
Puòlo n.pr.m. - forma arcaica per Paolo, vedi il toponimo Val da san Puòlo, per la presenza in quella valle di una chiesetta dedicata a San Paolo;
puòlo s.m. 1. pollo; a ma par la stuoria del puolo... ca na duvaravo tucà oûn e miezo paron, ma loû na magna dui e meî gnanca oûn: mi sembra la storia del pollo... che ce ne dovrebbe spettare uno e mezzo a testa, ma lui ne mangia due ed io neanche uno; 2. (fig) pollo, frescone, frescaccione, ingenuo; ti son stà pruopio oûn puolo: sei stato proprio ingenuo; Etim.: dal lat. Pullus;
puòlo s.m. 1. polo i vuliva iesi i preîmi a rivà al puolo nord: volevono essere i primi ad andare al polo nord; quisti zì el puolo puziteîvo: questo è il polo positivo; 2. polo, raggruppamento; el zì del Puolo del bon guvierno: è un simpatizzante del Polo del buon governo;
puòlo (peîe da) s.m.  - particolare tipo di nodo marinaro;
puòpe s.m. - pope, prete ortodosso; i sierbi uò el puope e nui i prieti, ma Deîo zì senpro cunpagno: i serbi hanno il pope e noi i preti ma Dio è sempre lo stesso;
puòpe s.m. - termine intraducibile usato in frasi del tipo: quista ti la vaghi a ciù da puòpe: questa la vai a prendere... in quel posto, in saccoccia; Etim.: pare che questa frase sia la corruzione rovignese di un modo di dire tipicamente triestino, per es.: Mile lire? dovaria andarle cior da Pòpel. Il detto nasce da un certo Giuseppe Pòpel, negoziante di giocattoli di origine tedesca, operante a Trieste nel periodo 1852-1856 e divenuto famoso per per le sue attività filantropiche;
puòpilo s.m. - popolo;
puòpolo s.m. - popolo, gente; boûz da puopulo, boûz da Deîo; sa nu zì ca seîo: voce di popolo, voce di Dio; se non è così che sia, prov.; al puopolo nu ga piaz pansà al duman: alla gente non piace pensare al domani; el puopolo de Ruveîgno gira fato da zento puovara ma unista e lavurenta: il popolo di Rovigno era composta da gente povera ma onesta e laboriosa; Etim.: dal lat. Populus;
...............
puòrco s.m. - porco, maiale; - Cheî uò l'uorto, uò el puorco: non c'e orto senza qualche maiale da allevare, prov.; el puorco zì oûna muzeîna: il maiale è un salvadanaio, non c'è parte che non venga utilizzata, che non dia un utile, prov.; el puorco uò scanpà fora la
stala: oramai la cosa è fatta, è troppo tardi, prov.; nu curo insarà la stala, duopo ch'el puorco zì scanpà: non serve chiudere la stalla dopo che il maiale è fuggito, prov.; del puorco nu sa boûta gnìnte: del maiale non si scarta nulla. Modo dire: (vì) anca par el puòrco: avere moltissimo, in sovrabbondanza; dà ànca par el puòrco: dare a tutti senza distinzione; Etim.: dal lat. Porcus;
puòrco agg. e s.m. 1. uomo disonesto, lascivo, sporcaccione; quil puorco el zì viecio staro e ancura el và dreîo da doûte li cuotule ca zì par caza: quello sporcaccione è ormai un vecchio decrepito, ma corre ancora dietro a tutte le gonnelle che girano per casa; 2. persona sudicia, che si sporca facilmente, che si sbrodola quando mangia; 3. usato come insulto, o come freq. nelle esclamazioni e nelle bestemmie: puòrco can, puòrca mazièria, puòrca l'uòca, puòrca quìla Ièva, puòrco tròn, puòrco deîndio, puòrco da òmo ecc.
puòrco sangiàro s.m. 1. cinghiale, maiale selvatico; 2. escl. del tipo accidenti, perdinci, porco giuda ecc.;
puorcospeîn s.m. 1. riccio, porcospino; 2. istrice; Etim.: dal lat. med. Porcospinus;
puòrta s.f. - porta; Deîo insiera oûna puorta e el vierzo oûn purton: Dio chiude una porta e spalanca unportone, prov.; a cheî puorta, vierzaghe la puorta; a cheî nu puorta, dreîo la puorta: a chi porta aprigli la porta; a chi non porta, dietro la porta, prov.; la puorta deî... puorta! e cheî nu puorta, fora la puorta: la porta dice... porta! e chi non porta, fuori dalla porta, prov.; a ma par ca sa bato a la puorta: mi pare che qualcuno stia bussando alla porta; insiera la puorta ca fà geîro d'aria: chiudi la porta che fa giro d'aria; cun quil ca sa sento i ma son fato meti oûna puorta fudrada da fiero: con quello che si sente mi sono fatto installare una porta blindata. Modi di dire: puòrta cun puòrta: avere le porte di casa una di fronte a l'altra; Etim.: dal lat. Porta;
.................
Puòrte da Sant'Ufièma - sono le tre porte della facciata del Duomo omonimo. Porta maggiore o di S. Giorgio, da l'altare del santo che domina la navata centrale, con 2 colonne laterali rifatte l'anno 1837. Le due porte laterali sono, a nord la Porta del Sacramento ed a ostro la Porta di Sant'Eufemia, dai rispettivi altari delle navate laterali. Furono costruite la prima il 25 luglio 1737, e la seconda il 2 febbraio 1733. Vi è inoltre una porta situata sul fianco a destra, detta Porta Piccola, anche essa edificata intorno al 1733, recante lo stemma comu-
nale sull'architrave;
Puòrte San Banadeîto top. - una delle più suggestive entrate della città a cui si accede mediante una lunga gradinata; a destra della porta vi è la chiesetta omonima, che ha dato il nome alla porta, alla contrada ed alla scaletta;
Puòrte Sànta Cruz top. - è la terza porta del lato meridionale, ed è quella meglio conservata, ha la sua naturale continuazione nella scaleîta Custanteîni. La processione del Corpus Domini, era usa passar di lì. Sull'arco di questa porta vi è lo stemma del Comune con ai lati le iniziali A.S. cioè Antonio Semitecolo, podestà veneto nel 1688;
 

Puòrte Valdabòra top. - oggidì poco evidenti, un tempo costituite dalla viuzza che porta da veîa Garibaldi alla cal dei Muori, era anche questa una delle vecchie porte del Castello di Rovigno che come ci conferma Antonio Angelini: "Anche questa Porta aveva il battente di grossa quercia broccata di ferro, dal cui stipite a sinistra pur doveva in antico partire una muraglia sino alla torretta a tram.a della prima linea di difesa, onde chiudere la Terra da quella parte del mare. La torretta è in oggi la Casa del sig.r Lodovico Bognolo";
Puòrte Zutamoûr top. - la prima delle tre porte sul lato occidentale della città, tuttora ben conservata, sull'architrave vi è ancora visibile la seguente iscrizione:

SUB FAELICIBUS AUSPICIIS GABRIELIS MAURI
PRAETORIS INTEGERRIMI REPARATA ANNO D.NI 1590

ovvero edificata sotto il podestà Gabriele Morosini;
puòrto s.m. - porto. Rovigno ha due porti, quello di S. Caterina, rivolto verso ostro e quello di Valdibora, rivolto verso tramontana. Puòrto Boûz top. - detto così anche se per la sua esposizione ai venti del nord non si presta molto per questa funzione. Sulla costa meridionale del territorio di Rovigno tra Murièl da Culuòne e Munfùrno;
Puòrto San Puòlo top. - al di là di Vìstro, presso li Bravuniere, il medesimo sito è detto dagli abitanti di Valle di San Giacomo;
puòsa s.f. - (let) possa, possanza, forza;
Puòsa - s.n. della famiglia Rocco;
puòstolo s.m. - vedi apuòstolo;
puòto s.m. 1. propriamente il bicchiere di rame con cui si attinge l'acqua dal pitièr; 2. bicchiere in generale; Etim.: dal lat. med. Pottus, da Potare = bere;
puòvaro agg. e agg.sost. - povero, mendicante, misero, meschino; puovari nui ca vignaruò i spagnoi: poveri noi che arriveranno gli spagnoli, tipico modo di dire dei vecchi quando una qualsiasi cosa va storta; puovari cheî ca riesta: poveretti quelli che restano (in vita), dato che sono loro che soffrono per la dipartita di una persona cara, ma anche: puovari a cheî ca ga tuca: poveri quelli a cui tocca di morire; a zì maio deî puovaro meî, ca puovari nui: è meglio dire povero me, che poveri noi, prov.; puovari i puovari: proverbio di lapalissiana semplicità: sono poveri quelli che sono poveri; el zì oûn puovaro cristian: è un poveraccio, un poveruomo, un bravuomo; puovaro diavo... li ga capeîta doûte a loû: poveraccio! capitano tutte a lui; cheî ca zì puovaro, nu dievo iesi riguarduz: chi è povero non deve essere riguardoso, non deve farsi scrupolo, non deve avere riguardi nel ricorrere agli altri; Etim.: dal lat. Pauper-pauperis, composto
da Pau, della stessa radice di Paucus = poco, e Per, dalla radice Par = produrre, quindi aveva il significato di colui che produce poco;
puòza s.f. 1. posa; mative in puoza ca va fago oûna biela futugrafeîa: mettetevi in posa che vi faccio una fotografia; 2. atteggiamento studiato od artificiale; a nu ma piaz li suove puoze da gran dama: non mi piace il suo atteggiarsi da gran dama; 3. posa, deposito, fondo;
.............
Pupàcio - s.n. della famiglia Benussi;
Pupàcio muòro  - s.n. della famiglia Benussi;
pupaleîn s.m. - tessuto leggero di cotone, popeline;
pupànte agg. 1. poppante; 2 principiante, inesperto, persona non indipendente;
.................
pupulasiòn s.f. - popolazione; - Sa rendo nuoto a doûta la pupulasion ca par veîa dei lavuri l'aqua la mancaruò da li tri a li uoto da duman miteîna: si rende noto a tutta la popolazione che a causa dei lavuri l'acqua mancherà dalle tre alle otto di domani mattina;
pupulìto s.m. - popolino, popolo minuto, di bassa condizione;
pupuluòto s.m. 1. bambolotto; 2. bamboccio, persona che non conta nulla, che si fa comandare; 3. fumetto, le figure dei giornali; el fà feînta da stugià, ma el stà veîdi i pupuluoti de i giurnalìti: fa finta di studiare, ma sta guardando un giornalino a fumetti; 4. scarabocchio, disegno; Etim.: dal lat. Pupulus = fanciullo, bambolotto;
Pupuluòto - s.n. della famiglia Santin;
pupulùz agg. - popoloso, densamente popolato;
pupunàne s.m. - vedi puponàne;
pupunàne da paloû - epiteto offensivo;
purasiè avv. - assai, molto, abbastanza; cheî nu varda el puoco, manco el purasiè: chi non guarda il poco, neanche il molto, cioè chi non bada alle piccole spese, non sta attento neanche a quelle più grosse, prov.; là ca zì purasiè burse, la caza và in bizbeîlio: là dove ci sono molte borse, ora più conti correnti, la casa va in subbuglio, prov.; purasiè foûmo e puoco ruosto: tanto fumo e poco arrosto, prov.; nu ti ma iè purasiè cunveînto: non mi hai convinto sufficentemente; Etim.: da poûr + sài che viene da il lat. Ad Satis, rafforzativo di Satis = abbastanza, vedi l'it. Assai;
.............
purgà v.tr. (i poûrgo) 1. purgare, somministrare una purga; 2. pagare il fio, scontare un peccato; da zuvano nu son zeî a scola, e dieso i lu poûrgo: da giovane non sono andato a scuola ed ora io lo sconto. Modo di dire: fà purgà: far scontare, farla pagare; quista i ga la vuoi fà purgà: questa gliela voglio far pagare; 3. purgare, eliminare le impurità, mondare; poûrga li tripe par ben: monda le trippe molto accuartamente. Modo di dire: fà purgà: far spurgare, riferito soprattutto alle lumache, e consiste nel lasciare le lumache in un sacchetto per vari giorni senza mangiare, in modo che non vi sia più cibo nel loro intestino, cioè che elimino tutte le impurità prima d'essere mangiate;
purgàse v.rifl. (i ma poûrgo) 1. purgarsi, prendere una purga, un lassativo; 2. (fig.) purgarsi, eliminare le impurità; a ga vol purgase da doûti i pacadi: occorre purgarsi di tutti i peccati;
purgànte s.m. - purgante;
purgateîvo agg. - lassativo, purgativo;
purgatuòrio s.m. - purgatorio; par uogni freîngula da pan ca caio in tiera a sa fulpia tanti ani in purgatuorio: per ogni briciola di pane che cade in terra si calca, ovvero si deve stare, per tanti anni in purgatorio, prov. Vedi anche questo stornello popolare:  

Fiureîn de reîzo,
tanto ch'i son in Purgatuorio,
adiesso i me ne vago in Paradeîzo.

Fiorin di riso,
dato che sto in Purgatorio,
adesso me ne vado in Paradiso.

Purgatuòrio - s.n. della famiglia Rismondo;
puriè s.m. - purea, purè;
purificà v.tr. (i pureîfico - i purifichìo) - purificare;
purificasiòn s.f. - purificazione;
purìsa s.f. - purezza;
purmìso s.m. 1. permesso, licenza; 2. permesso, autorizzazione;
pùro s.m. - porro, Allium porrum. Pianta delle liliacce, come la cipolla, è biennale con foglie fascicolate, lineari, acuminate ed inguinate alla base. I fiori, in densi ombrelli globosi, sono di color roseo-rossiccio o bianchi. Fiorisce in gliugno e luglio. Viene mangiato cotto in insalata o come contorno alla carne, per lo più insieme alle patate.
pùro s.m. - porro, piccola escrescenza della pella, verruca che generalmente viene sulle mani;
puròsparo agg. - prospero;
purpureîn agg. - porporino;
purpureîna s.f. - porporina;
purpurì s.m. 1. miscuglio, guazzabuglio; 2. midley, pot-pourri;
Purpuriela top. - faro sito al largo della costa di Orsera; Etim.: dal lat. Purpuraria, dal guscio delle conchiglie da cui si estraeva la tintura rossa, detta porpora, così pregiata nell'antichità e che ato l'intenso sfruttamento formavano, con il residuo dei gusci, dei mucchi lungo il mare. Il nome può esser dovuto quindi, al fatto che in quei pressi nell'antichità vi fosse uno stabilimento per l'estrazione della detta tintura. Varianti del termine sono presenti anche in vari dialetti dell'area veneta, istriana e dalmata della costa e tutti più o meno col significato di vecchio molo, mucchio di rifiuti o di resti dirupati lungo il mare;
pursalàna s.f. - porcellana;
Purseîdi s.n. - vedi Pruseîdi;
purseîn agg. 1. porcino; uoci purseîni: occhi porcini; 2. porcino ovvero di maiale; carno purseîna: carne di maiale;
purseîna s.f. - carne di maiale;
pursiàni s.m.pl. - vedi prusiàni;
Pursìdi - s.n. della famiglia Sponza, vedi bavànda sa Pursìdi;
pursièl s.m. - porcello, porcellino. Nei vari significati di puòrco di cui è il diminuitivo-vezzeggiativo; Etim.: dal lat. Porcellus,
pursisiòn s.m. - processione;
purtà v.tr. (i puòrto) 1. portare, recare; chi ti ma iè purta?: cosa mi hai portato?; el diavo ca ta puorto!: il diavolo che ti si porti via!; peîa, ciapa, incarta e puorta a caza: prendi, acchiappa, incarta e porta a casa. Modi di dire: purtà a càza cu li rìce: portare, rimediare di tutto ed in tutti i modi beni per la propria famiglia; purtà in carizàda: mettere in carreggiata, mettere sulla retta via; purtà in pàlmo de man: dicesi di persona rispettata, stimata da tutti; purtà li nuve: portare le novità, far sapere le ultime notizie; ièsi purtà: essere portato, avere il pallino; nu puòrta pèna: non ha nulla a che fare, se ne frega, non se ne cura; nu purtà scarpe da viecio: avere vita breve; purtà ben: portar fortuna; purtà mal: portare iella; Etim.: dal lat. Portare, da Porta, che in origine aveva il significato di passaggio;
.....................
Purteîci - s.n. delle famiglie Brunetti e Sbisà;
Purteîsa top. - con questo nome viene tuttora indicato il sito ovesorgeva la Torre edificata nel 1563 a protezione di una delle prin-
cipali entrate alla città vecchia. Su tale torre era collocato il leone marciano che attualmente si trova sulla Torre dell'Orologio e vi era inoltre scolpita l'iscrizione: LO REPOSSO DEI DESERTI, che voleva dire, Il rifugio degli afflitti, dei poveracci che entro la cerchia difensiva delle mura di Rovigno, trovavano un baluardo alle varie scorrerie di pirati, banditi, uscocchi, soldataglie austriache ecc ecc. La torre venne demolita nel 1843. Era detto anche Purtòn del Pònto;
 


Purteîsa - s.n. della famiglia Devescovi;
purtento s.m. - portento;
purtièl s.m. (pl. -ài) - portello, piccola boccaporta;
purtièla s.f. 1. imposta della finestra, portella, battente, anta della finestra esterna; 2. sportello, spioncino, piccola porta;
purtièr s.m. - l'entrata d'accesso ad un campo, un terreno agricolo, in genere un cancelletto di legno, un fascio di rovi, o con dei pali a formare una staccionata mobile; fora el logo, s'insiera el purtier: fuori dal campo coltivato si chiude la cancellata, proverbio che ha il senso che non bisogna portarsi le preoccupazioni del lavoro a casa;
purtièr s.m. 1. portiere, custode, portinaio; cu quila muntura el purtier ma uò paristo oûn gianaral: con quella divisa il custode mi è sembrato un generale; 2. portiere, il giocatore che nel calcio è posto a salvaguardia della porta e che è il solo ad essere autorizzato a toccare il pallone con le mani, ma solamente all'interno dell'area di porta; a la nasiunal nu ga uò mai mancà boni purtieri: alla nazionale di calcio non sono mai mancati dei bravi portieri;
....................
purtiròl s.m. (pl. -òi) - porticciolo;
Purtìsa top. - vedi Purteîsa;
purtisòl s.m. (pl. -òi) - porticciolo, piccola darsena;
Purtisòl top. - la parte orientale del porto di Valdibora, tra San Gutario e la Mucia, l'etimo è evidente;
purtòn s.m. 1. portone, porta, arco, portale; 2. portone, atrio di entrata di un'abitazione; - I na spativa sconti int'el purton: ci aspettavano nascosti nel portone;
Purtòn de la Bacareîa top. - in origine vi era una loggia, detta delle carceri, in seguito ridotta a macelleria, poi fu il Casino Municipale, ed attualmente vi è l'albergo Jadran del comune;
Purtòn del Pònto top. - un tempo principale entrata all'antica città, allora ancora un'isola. Antonio Angelini c'informa che: "Era un
bell'Arco d'ordine toscano rustico, grande, massiccio, con porta di grossa quercia broccata di ferro, che dava ingresso mediante ponte levatojo, e poi stabilite di pietra all'antico Castello dalla parte di levante, sul di cui architrave era scolpito il 1563, epoca per certo della sua costruzione, e al di sopra un grande e bel Leone di S.n Marco; (Leone che ora si trova collocato sulla Torre dell'Orologio) e si leggeva sulle due basi di questo Arco, da una parte Lo Reposso e dall'altra Dei Deserti, che forma l'elogio il più grande, che possa meritarsi una Terra. Da questo portone lunghesso un sottoportico alto ed arcuato, di pietra, si sboccava, passando pure sotto un'altro Arco più basso e gregio (grezzo), in sito tra le due Piazze della Riva e di Valdibora, dirimpetto al Casamento Califfi. Sì l'Arco, che la sovrapposta torre furono demoliti, e l'Arco in aggiunta, distrutto vandalicamente, sotto il Podestà Giuseppe Blessich l'anno 1843. Fu risparmiato il Leone". Era detto anche Purteîsa o Purtìsa;
purtruòpo avv. - purtroppo;
purtulàta s.f. - motobarca addetta al trasporto del pesce a terra, precedentemente raccolto dalle barche da pesca al largo, portandolo ai mercati od agli stabilimenti di lavorazione;
..............
pusàl s.m. (pl. -ài) 1. pozzanghera; 2. conca sul fondo del pozzo; 3. conca di raccolta dello spurgo di salamoia che fuoresce dai barili in cui vengono messe le sardelle salate;
Pusastareîsa - s.n. della famiglia Giuricin;
pusasùr s.m. - possessore;
Puschio - Bernardin Benussi qm. Zuanne detto Puschio, 1540. (naturalmente la pronuncia alla veneta è pus'cio);
pus'cià v.intr. e tr. (i poûs'cio) - pescare con la poûs'cia, l'attrezzo per la pesca dei calamari e delle seppie munito di molti ami infissi in un nucleo centrale; Etim.: dal lat. Opuscola = nel senso di piccoli arnesi;
pus'ciada s.f. - pesca di posta dei calamari e delle seppie;
pus'cìma s.f. - vedi pustìma;
puseîbalo agg. - possibile; a nu ma par puseîbalo: non mi sembra possibile;
pusibilità s.f. - possibilità:
pusidènsa s.f. - insiemi di beni, patrimonio, proprietà;
pusidènto s.m. - vedi pusadènto;
pusìdi v.tr. (i pusìdo - i pusièdo) - possedere, avere il possesso, la proprieta; a Ruveîgno i pusiediendi caze, tareni e oûna butìga: a Rovigno eravamo proprietari di case, terreni e di un negozio;
pusièso s.m. - possesso, proprietà;
pusisiòn s.f. - postazione, posizione di pesca; par nu dastruzi li pusisioni meî paschivo cu la tuogna: per non compromerttere le postazioni di pesca, io pescavo con la togna;
pusìto s.m. - pozzetto, piccolo pozzo;
pùso s.m. - pozzo; - Ma zì caioû l'aniel intel puso: mi è cascato l'anello nel pozzo;
Pùso Buruz top. - situato nei pressi della città, che attualmento vengono chiamati Stagnèra, vi è un pozzo abbastanza profondo;
Pùso Nùvo top. - pozzo presso il Creîsto e vicino la Stagnèra;
pustàl s.m. (pl. -ài) - nave che faceva il servizio tra Trieste ed il litorale istriano, evidentemente con tale nave, unas volta arrivava anche la posta;
pustàl agg. - postale; - Oûn paco pustal: un pacco postale;
pustasiòn s.f. - (mil) postazione;
pusteîcio agg. - posticcio, artificiale; cu oûn pier da mustaci pusteîci e i uciai niri cu la stanghità el sa uò fato pasà par oûn prufasuron da Tristi: con un paio di baffi posticci e gli occhiali neri con la stanghetta si è fatto passare per un professorone di Trieste; Etim.: dal lat. (Ap)Positicius = aggiunto, da Appositus = apposto;
pusteîso agg. - posticcio, provvisorio; a ma par ca da pusteîsa, sta situasion la stà davantando dafinitiva: mi sembra che da provvisoria questa siruazione stia diventando definitiva; Etim.: vedi pusteîcio;
pusticipà v.tr. (i pusteîcipo - i pusticipìo) - posticipare;
pustiègio s.m. - posteggio, parcheggio, posto dove poter lasciare la propria autovettura, possibilmente senza prendere multe; d'istà nu sa truva oûn pustiègio gnanca a pagalo uoro: d'estate non si trova un posteggio neanche a pagarlo oro;
pustièl s.m. (pl. -èli) - serratura dentata con catenaccio, in gene di legno, usata per le porte campestri; Etim.: dalla suppposta vc. tardo lat. *pestellum;
pustièr s.m. 1. postino, portalettere; 2. vecchio delfino, che quasi come un portalettere, usa visitare con regolarità le zone dove i
pescatori calano le reti per pescare il pesce di transito, per potersi cibare dei pesci che rimangono impigliati alle reti; Etim.: dal lat Posita, cioè luoghi stabiliti, fissi (per stazioni di tappa);
pustìma s.f. - ascesso dentario, granuloma; lagalo pierdi ch'el uò la pustima: lascialo stare che ha mal di denti, un ascesso dentario;
.................
putàna s.f. 1. puttana, meretrice, donna di malaffare; ugni putana uò el suovo cuseîn: ogni puttana ha il suo cuscino, qui col senso che ogni puttana ha il suo protettore, prov.; là ca zì canpane, zì putane: là dove ci sono campane, ci sono puttane. Cioè stanno dappertutto come le chiese. Altri gli danno il significato che la dove ci sono gonne, che ricordano per la lora forma le campane, ci sono puttane, prov.; - Anche li putane li zì stade veîrgine: anche le puttane sono state vergini. Modo di dire: zeî a putàne: andare a puttane, andare a donne; fà la putàna: a. esercitare la prostituzione; b. persona che adula tutti, che si vende in senso metaforico; viècia putàna: persona rotta a tutte le esperienze, maliziosa; veîta putàna: vita miserevole; putàna da coûl: peggiorativo di puttana ed epiteto offensivo; 2. usato come puòrco o uòrco nelle interiezioni e nelle invettive: putàna (quìla) Ièva, putàna màre, putàna mizièria, putàna scròva ecc ecc; Etim.: dal fr. ant. Putaine, da Pute fimminile di Put = puzzolente, sporco a sua volta dal lat. Putidus = putrido, maleodorante;
putàna s.f. - l'estrema corba di poppavia, gamba di poppa;
putanàsa s.f. - peggiorativo di puttana;
Putandor top. - Pottendorf, città in cui durante la prima guerra mondiale furono deportati molti istriani;
putanièr s.m. - puttaniere, donnaiolo;
putateîvo agg. - putativo;
putènsa s.f. - potenza;
putènto agg. e s.m. - potente;
puteîre inf. sost. - potere, capacità; la uò el puteîre da fame rabià cume ca la vierzo buca, ca fimana ingiabanada!: ha il potere di farmi arrabbiare come apre bocca. Che donna indiavolata!
putièca s.f. - ipoteca;
putièl s.m. (pl. -èi) - ragazzo, anche se il termine prettamente rovignese è muriè; Etim.: dal lat. Puttus = ragazzo, collegato con Puer =
putièla s.f. - ragazza;
putifièrio s.m. - putiferio;
putìr s.m. - potere, dote, capacità; Modo di dire: duòna da i putìri: maga;
...................
puvartà s.f. - povertà, l'esser poveri; la puvartà zì oûna broûta biestia: la povertà è una brutta bestia; puvartà nu fà varguogna: la povertà non (deve) far vergogna, prov.; la puvartà la ven da Deîo, ma la maziera ga curo dreîo: la povertà viene da Dio, ma la miserie gli corre dietro; puvartà nu vasta gintilisa: l'esser povero non impedisce la gentilezza d'animo, prov.;
puvaruòmo s.m. - poveruomo, poveraccio;
puzà agg. (f. -da) - posato, serio;
puzàda s.f. - posata, calco it.; Etim.: dall'italiano, tramite lo sp. Posada = astuccio contenente un coltello, una forchetta ed un cucchiaio, usato nei viaggi con la diligenza, nelle poste, detta in spagnolo Posada;
Puzièsa top. - località della campagna di Rovigno, ove vi era una tenuta di monaci, con annessa chiesetta campestre. Il nome deriva
chiaramente dal fatto che tale terreno era in pusieso dei monaci;
puzisiòn s.f. - posizione, neri suoi vari significati dell'italiano; chi ti vuoi ch'el fago... in quila puzision nu pol fà prafarense: cosa vuoi che faccia, in quella posizione non può far preferenze;
puzitamènte avv. - appositamente, apposta, per l'occasione;
puziteîvo agg. - positivo; ga vol ca ga seîo el puolo puziteîvo, ma anca quil nigateîvo: occorre che si sia il polo positivi, ma anche quello negativo;
puzitivamènto avv. - positivamente, in maniera positiva;
Puzvan - s.n. della famiglia Fragiacomo;

GdeA

This page and all contents are Copyright © 

 
indietro

 
A
B
C
D
E
F
G
H
I
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
Z