FILASTROCCHE POPOLARI ROVIGNESI
libera traduzione di Gianclaudio de Angelini



 
mmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm

I

La satamana de la duona peîgra

La mieîa duona uò pierso la ruca!
Doûto el loûndi la và sarcando;
Al mardi la la truva doûta ruta,
Al miercure la la và guvarnando,
Al zuobia la ga pietana la stupa,
Al venare la la và ruculando,
Al sabo la sa consa la su' tiesta,
Dumenaga nu sa feîla, ca zì fiesta.

II

La filastruoca de l'omo picineîn

El zì tanto picineîn 
Ch'el salteîna e 'l zbuleîna, 
Su li ale del musculeîn. 
Rapitoûn-tun-tiela, 
Rapitoûn-tun-tà.
Cun oûna scuorsa da nuziela, 

El s'uò fato oûna capiela 
E cun quil ca uò vansà, 
El s'uò fato oûna scudiela. 
Rapitoûn-tun-tiela, 
Rapitoûn-tun-tà. 
Cun dù suoldi da calseîna, 

L'uò piturà canbara e cuzeîna, 
E cun quil ca gh'uò vansà 
Piturà el uò el sufà. 
Rapitoûn-tun-tiela, 
Rapitoûn-tun-tà. 
Cun oûn garniel da furmanton, 
El fa el pan par doûto el tenpo, 
E cun quil ca gh'uò vansà, 
El s'uò fato oûn busulà. 
Rapitoûn-tun-tiela, 
Rapitoûn-tun-tà. 
Cun oûn pan da sento grami, 
El zì bon par sento ani, 
E cun quil ca gh'uò rastà 
El uò fato carità. 
Rapitoûn-tun-tiela, 
Rapitoûn-tun-tà. 
El zì tanto picineîn 
Ch'el salteîna e 'l zbuleîna, 
Su li ale del musculeîn, 
Rapitoûn-tun-tiela, 
Rapitoûn-tun-tà.

III

E oûn e dui e tri!

E oûn e dui e tri! 
El papa nu zì ri, 
El ri nu zì papa, 
El pan nu zì fugasa, 
E fugasa nu zì pan. 
E ancui nu zì duman, 
E duman nu zì ancui. 
E pisi nu zì capui, 
E capui nu zì pisi. 
Suoculo nu zì scarpa, 
Scarpa nu zì suoculo. 
Suoculo nu zì barca, 
Barca nu zì travo, 
Travo nu zì navo. 
Oûn buocolo saruò oûna ruza, 
Ma oûna ruza nu saruò mai oûn buocolo.

IV

Nuona, balona

Nuona, balona 
I anzuli ta sona, 
I prieti ta canta, 
El Signur cu l'Aqua Santa. 
Oûna man de uoro, 
Oûna man de arzento; 
Duman saruò biel tenpo. 
Biel tenpo pasaruò, 
La Maduona vignaruò. 
La vignaruò del canpo, 
La purtaruò oûn biel santo. 
La purtaruò oûna biela candalìta, 
Veîva, veîva la maduona banadìta.

V

Banaditi sti pineîni

Banaditi sti pineîni,
Ch'i ven zù dai zgalideîni.
I puorta pumi, i puorta castagne,
Dìndali a nui ch'i vemo fan.
Nu stìgali dà a sta broûta duona
Ca la zì oûna buzarona.
La uò magnà i pumi coti
E la 'nda uò salvà i ruzaguoti.
La li uò misi zuta el tabaro.
Deîo na daleîboro da nosamalo

VI

Piova, piovazeîna

Piova, piovazeîna
La gata và in cuzeîna,
La curo cume mata,
La salta su la napa,
La ronpo li scudiele,
Ca par li canpaniele,
La và sul balcon, 
La truva oûn macaron,
La và zuta el lieto,
La truva oûn cunfieto,
El cunfieto gira doûro,
La lu ronpo sul moûro,
La bato su la puorta
E la caio partiera muorta.

VII

Diavolo, diavuleîn

Diavolo, diavuleîn e diavuleîna. 
Diavulo puorta veîa Sa Pauleîna; 
Parchì Sa Pauleîna zì oûna rizeîa 
Diavulo, diavuleîn, puortala veîa.

VIII

El garniel da fava

Ma mare m'uò dà in duota oûn garniel da fava; 
d'oûn garniel da fava i iè boû oûn deîndio; 
d'oûn deîndio oûn pursiel; 
d'oûn pursièl oûn caval; 
d'oûn caval oûna fimena muorta; 
d'oûna fimena muorta oûna biela zuvana 
                         che ma porta.

IX

Don, dadalon de Vale

Don, dadalon de Vale 
a vignaruò su pare,
el purtaruò oûna feîa; 
la sa ciamaruò Mareîa,
Mareîa zaruò a scola
cun la traviersa nuva;

la vignaruò a caza

cun la traviersa zbragada;

su pare cul baston,

su mare cun la ruca,

tichiti, tachiti su la suca.

X

Siure mare granda

Siure mare granda cunprime oûn s'ciupiteîn
ch'i volgio andare in Fransa
a masà quil uzileîn.
Doûta la nuoto el canta,
nun puoso pioûn durmeî.
Canta da galo:
raspondo da capon:
salta la viecia
da bara Simon.
Duve zì sta viecia? Zuta la banca.
Duve zì sta banca?
El fogo l'uò bruzada.
Duve zì stu fogo?
L'aqua l'uò dastudà.
Duve zì sta aqua?
I loûvi l'uò bivoûda. (o surbeîda)
Duve zì sti loûvi?
I loûvi uò fato strada.
Duve zì sta strada?
La nìo la uò cuvierta.
Duve zì sta nìo?
El sul l'uò disculada. (o squaiada)
Duve zì stu sul?
In canbara del Signur.

XI

I viegno d'in Livante  

I viegno d'in Livante, i scuontro oûna calada,
bianca rusa e zala
e biriteîna.
I iè veîsto sa Marioûsa
cun su feîa Fiamita,
el diavalo in selita
per tri mizi.
Oûna barca de Maranchizi
che tiriva siruoco
vento de Malamuoco
e Pelistreîna.
I iè veîsto oûna galeîna
che fa salti murtali,
la fa cantar i gali
e le casiole.
I iè veîsto tri savule
inpiantade intù la malta,
i iè veîsto el patriarca
cun tri peîe.
I iè veîto tri biele feîe,
che baliva in ponta d'i calcagni,
I iè veîsto quatro ragni
racamadi.
I iè veîsto la masiera
che scusava lu cameîno,
i iè veîsto el malandreîno
che la maniva.
I iè veîsto el furlan
ch'inpiantava la fava cul deîo,
sigando: - Adeîo, adeîo! -
la zì furneîda.


XII

La fiaba da siur Intento

a.

A zì la stuoria (o la fiaba) da siur Intento,
ca la doûra mondo tenpo, ca mai la sa dastreîga,
ti vol ca ta la deîga?
Fiabula in coûna quista zi oûna,
fiabula in malta, quista zì oûn'altra,
fiabula in bareîl... 
mierda in buca a cheî ca ma l'uò fata deî.
(sagondo Nuona Cat
na Dapiran)

b.

La fiabula da siur Intento, ca la doûra mondo tenpo,
ca mai la sa dastreîga, vulì ch'i va la deîga?
Seî!

Nu sa deî mai da seî! Parchì la fiabula da siur Intento,

la doûra mondo tenpo, ca mai la sa dastreîga, vulì ch'i va la deîga?
No!
Nu sa deî mai da no! Parchì la fiabula da siur Intento,

la doûra mondo tenpo..... (rip.)
(sagodo Pellizer)

XIII

Siura mare cunprime...

Siura mare l'è un biel marcà, cunprimane oûno.
Cunprime oûn biel galito, la mieîa sparansa.
El galito "Chichirichì",
Livate biela ca priesto fa deî.
Siura mare l'è un biel marcà, cunprimane oûno.
Cunprime oûna galinita, la mieîa sparansa.

La galinita "Cucudiè",

El galito "Chichirichì",

Livate biela ca priesto fa deî.

Siura mare l'è un biel marcà, cunprimane oûno.

Cunprime oûn biel dindiuoto, la mieîa sparansa.

El dindiuoto fà "Glù glù",

La galinita "Cucudiè",

El galito "Chichirichì",

Livate biela ca priesto fa deî.

XIV

Mienago dal manago
Fame oûn pier da managhe,
Par ma sor Menaga,
Ca la li mataruò dumenaga.

XV

Basta ca basta,
Ca ingramiando la pasta,
El pan sa rafeîna,
A razonzi la fareîna,
Lu pan crise.
A freîzare lu pise,
L'uoio sa cunsoûma.
A cunà la coûna,
El poûto nana.
A zeî zù da la scala,
Sa turna a baso.
A zlungando el balego,
Sa và vanti.
A metase i guanti
Sa cuvierzo li man.

XVI

Boûsalo, boûsalo canareîn
Daghe da bivi a stu fantuleîn.
Dagane puoco, dagane sai,
Par l'amur de i s'ciupatai.
I s'ciupatai zì andai a la guiera,
Doûti quanti cul coûl par tiera.

XVII

I paso par oûna caliziela strita,
Incontro ma cumare Bunita,
E la ma puorta veîa la barita.
La nu vol damala s'i nu ga dago pan.
I vago dal furnier ch'el ma dago pan.
El furnier nu ma dà pan s'i nu ga dago lardo.
I vago dal puorco ch'el ma dago lardo,
El puorco nu ma dà lardo s'i nu ga dago giande.
I vago dal giandier ch'el ma dago giande,
El giandier nu ma dà giande s'i nu ga dago vento.
I vago dal prà ch'el ma dago vento,
El prà ma dà vento.
El vento i ga lu puorto al giandier,
El giandier ma dà giande.
Li giande i ga li puorto al puorco.
El puorco ma dà lardo.
El lardo i ga lu puorto al furnier,
El furnier ma dà pan.
El pan i ga lu puorto a ma cumare Bunita.
Ca la ma dà la barita piena da mierda sica
E oûn tuoco da savon par famala vigneî nita.

XVIII

Din don canpanon
tri putiele sul balcon,
oûna feîla, oûna naspa
oûna fà cavì da pasta.



I

La settimana della donna pigra

La mia donna ha perso la conocchia!
Tutto il lunedì la va cercando;
Il martedì la trova tutta rotta,
Il mercoledì la va riparando,
Il giovedì pettina la stoppa,
Il venerdì la fila con l'arcolaio,
Il sabato si acconcia la testa,
Domenica non si fila, che è festa.

II

La filastrocca dell'uomo piccolino

E' tanto piccolino 
Che saltella e svolazza, 
Sulle ali del moscerino. 
Rapitun-tun-tella, 
Rapitun-tun-tà.
Con una scorza di nocella, 

Si è fatto un cappello
E con quel che gli è avanzato, 
Si è fatto una scodella. 
Rapitun-tun-tella, 
Rapitun-tun-tà.
Con due soldi di calcina, 

Ha pitturato la camera e la cucina, 
E con quel che gli è avanzato
Pitturato ha anche il sofà. 
Rapitun-tun-tella, 
Rapitun-tun-tà.
Con un granello di formenton, 
Fa il pane per tutto il tempo, 
E con quel che gli è avanzato, 
Si è fatto una ciambella. 
Rapitun-tun-tella, 
Rapitun-tun-tà.
Con un pane di cento grammi, 
Sta a posto per cento anni, 
E con quel che gli è avanzato 
Ha fatto la carità. 
Rapitun-tun-tella, 
Rapitun-tun-tà.
E' tanto piccolino 
Che saltella e svolazza, 
Sulle ali del moscerino. 
Rapitun-tun-tella, 
Rapitun-tun-tà.

III

Ed un e due e tre!

Ed un e due e tre!
Il papa non è re, 
Il re non è papa, 
Il pane non è una focaccia, 
E la focaccia non è pane. 
Ed oggi non è domani, 
E domani non è oggi. 
I pesci non sono alghe, 
E le alghe non sono pesci. 
Lo zoccolo non è una scarpa, 
La scarpa non è uno zoccolo. 
Lo zoccolo non è una barca, 
La barca non è una trave, 
La trave non è una nave. 
Un bocciolo sarà una rosa, 
Ma una rosa non sarà mai un bocciolo.

IV

Nonna, balona

Nonna, balona 
Gli angeli ti suonano, 
I preti ti cantano, 
Il Signor con l'Acqua Santa. 
Una mano di oro, 
Una mano d'argento; 
Domani sarà bel tempo. 
Bel tempo passerà, 
La Madonna arriverà. 
Verrà dal campo, 
Porterà un bel santo. 
Porterà una bella candela, 
Viva, viva la madonna benedetta.

V

Benedetti questi piedini

Benedetti questi piedini,
Che vengono giù dagli scalini.
Portano mele, portano castagne,
Dateli a noi che abbiamo fame.
Non dateli a questa brutta donna
Che è una ingannatrice.
Ha mangiato le mele cotte
E ci ha lasciato i torsi.
Li ha messi sotto il cappotto.
Dio liberi "nos a malo".

VI

Piova, piovvigina

Piova, piovvigina
La gatta va in cucina,
Corre come una matta,
Salta sulla cappa (del camino),
Rompe le scodelle,
Che sembrano campanelle,
Va alla finestra, 
Trova un "macarone",
Va sotto il letto,
Trova un confetto,
Il confetto era duro,
Lo rompe sul muro,
Batte sulla porta
E cade per terra morta.

VII

Diavolo, diavolino

Diavolo, diavolino e diavolina. 
Diavolo porta via la Signora Paolina; 
Perchè la Signora Paolina è un'eresia 
Diavolo, diavolin, portala via.

VIII

Il granello di fava

Mia madre mi ha dato in dote un granello di fava; 
da un granello di fava ho avuto un tacchino; 
da un tacchino un porcellino; 
da un porcellino un cavallo; 
da un cavallo una donna morta; 
da una donna morta una bella giovine 
                         che mi porta (via).

IX

Don, dadalon di Valle

Don, dadalon di Valle 
verrà suo padre,
porterà una figlia; 
si chiamerà Maria,
Maria andrà a scuola
con il grembiulino nuovo;

verrà a casa

con il grembiule rotto;

suo padre col bastone,

sua madre con la conocchia,

ticchite, tacchete sulla zucca.

X

Signora madre grande

Signora madre grande compratemi un fucilino
che voglio andare in Francia
ad uccidere quell'uccellino.
Tutta la notte canta,
non posso più dormire.
Canta da gallo:
risponde da cappone:
salta la vecchia
del signor Simone.
Dov'è questa vecchia? Sotto la panca.
Dov'è questa panca? Il fuoco l'ha bruciata
.
Dov'è questo fuoco?
L'acqua l'ha spento.
Dov'è quest'acqua?
I lupi l'hanno bevuta.
Dove sono questi lupi?
I lupi hanno fatto strada.
Dov'e questa strada?
La neve l'ha ricoperta.
Dov'e questa neve? I
l sole l'ha disciolta.
Dov'e questo sole?
In camera del Signor.

XI

Vengo dal Levante  

Vengo dal Levante, incontro una linea di nubi,
bianca rossa, gialla e
cenerina.
Ho visto comare Mariuccia
con sua figlia Fiammetta,
il diavalo in selletta
per tre mesi.
Una barca de Maranchesi
che tirava scirocco
vento di Malamocco
e Pellestrina.
Ho visto una gallina far
salti mortali,
far cantare i galli
ed i mestoli.
Ho visto tre cipolle piantate nella
malta,
ho visto il patriarca
con tre piedi.
Ho visto tre belle figlie,
che ballavano in punta dei calcagni,
Ho visto quattro ragni
ricamati.
Ho visto la massaia che scozzonava il
camino,
ho visto il malandrino
che la picchiava.
Ho visto il friulano che piantava la fava col dito
,
strillando: - Addio, addio! - è finita
.


XII

La favola del signor Intento

a.

E' la storia (o la favola) del signor Intento,
che dura tanto tempo, che non finisce mai,
vuoi che te la dica?
Favola in culla questa è una,
favola in malta, questa è un'altra,
favola in barile... 
merda in bocca a chi me l'ha fatta dire.
(versione Nonna Caterina Dapiran)

b.

La favola del signor Intento, che dura tanto tempo,
che non finisce mai, volete che ve la dica?
Si!

Non si dice mai di si! Perchè la favola di sognor Intento,

dura tanto tempo, che non finisce mai, volete che ve la dica?
No!
Non si dice mai di no! Perchè la favola di sognor Intento,

dura tanto tempo..... (rip.)
(versione Pellizer)

XIII

Signora madre compratemi...

Signora madre è un bel mercato, conpratemene uno.
Compratemi un bel galletto, la mia speranza.
Il galletto "Chicchirichì",
Alzati bella che presto fa giorno.
Signora madre è un bel mercato, conpratemene uno.
Conpratemi una gallinella, la mia speranza.

La gallinella "Coccodè",

Il galletto "Chicchirichì",

Alzati bella che presto fa giorno.
Signora madre è un bel mercato, conpratemene uno.
Conpratemi un bel tacchino, la mia speranza.

Il tacchino fà "Glù glù",

La gallinella "Coccodè",
Il galletto "Chicchirichì",

Alzati bella che presto fa giorno.

XIV

Domenico dal manico
Fatemi un paio di maniche,
Per mia sorella Domenica,
Che le metterò domenica.

XV

Basta che basta,
Che impastando la pasta,
Il pane si raffina,
Ad aggiungere la farina,
Il pane cresce.
A friggere il pesce,
L'olio si consuma.
A cullare la culla,
Il bimbo fa la nanna.
Ad andare giù dalle scale,
Si torna da basso.
Allungando il passo,
Si va avanti.
A mettersi i guanti
Si coprono le mani.

XVI

Boccetta, boccetta canarina
Dai da bere a questo bambino.
Dagliene poco, dagliene assai,
Par l'amure dei fucilieri.
I fucilieri son andati alla guerra,
Tutti quanti col cul per terra.

XVII

Passo per una stradina stretta,
Incontro commare Bonetta,
Che mi porta via la berretta.
Non vuole ridarmela se non le do del pane.
Vado dal fornaio che mi dia del pane.
Il fornaio non mi dà il pane se non gli do del lardo.
Vado dal porco che mi dia il lardo,
Il porco non mi dà il lardo se non gli do ghiande.
Vado dal ghiandaio che mi dia le ghiande,
Il ghiandaio non mi dà le ghiande se non gli do vento.
Vado dal prato che mi dia vento,
Il prato mi dà vento.
Il vento lo porto al ghiandaio,
Il ghiandaio mi dà ghiande.
Le ghiande le porto al porco.
Il porco mi dà lardo.
Il lardo lo porto al fornaio,
Il fornaio mi dà il pane.
Il pane lo porto alla commare Bonetta.
Che mi dà la berretta piena di merda secca
Ed un pezzo di sapone per farmela tornare netta.

XVIII

Din don canpanon
tre ragazze alla finestra,
ona fila, una tesse
una fà capelli di pasta.



 
This page and all contents are Copyright ©

 
 
Ninne Nanne
Santi
Superstizioni
Proverbi
Stornelli
Il Ciclo dei 12 Mesi dell'Anno
Filastrocche
Indovinelli
Conte, giochi e..