INDOVINELLI POPOLARI ROVIGNESI
libera traduzione di Gianclaudio de Angelini



 
mmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm

I

Induveîna, induviniela, 
Cheî fà l'uvo in la sastiela? 
O el galo o la galeîna? 
Mel in buca a ch'induveîna
Raspuosta: la galeîna

II

Cheî zì mai quilo? 
El uò li scarpe ruse, 
e 'l nu zì gardanal. 
El uò i spironi, 
e 'l nu zì cavaliir. 
El sona miteîn, 
e 'l nu zì sacristan.
R.: el galo.

III

Pinduleîn ca pindulìa 
Mustaceîn ca lu vardiva. 
Sa caiva Pinduleîn, 
Ca ridade Mustaceîn.
R.: el gato.

IV

Pil da fora, e pil da drento;
alsa la ganba e metala drento;
    opp.:
Pil da fora e pil da drento:

I nu son cuntento si nu lu meto drento.
R.: la calsa.

V

Dui omi pol fà.
Oûn omo e oûna fimana pol fà.

Du fimane nu pol fà.

R.: la cunfasion.

VI

Alta duona da palasio
Casco in tiera e nu ma maso.

Biela i son, broûta i ma faso,

Doûti i ragasi sa cava spaso.

R.: la nìo.

VII

Pil da zuta e pil da zura;
el gardileîn in miezo ca lavura.

R.: l'uocio
.

VIII

Tondo e ritondo,
cume oûn uocio de culonbo,

chi zì oûzo nu pol stà,

s'el nu lu meto in boûzo.

R.: el butunseîn dela cameîza.

IX

Zuvane da maridà,
s'i nu lu vì, fivelo dà;

nè cun aghi, nè cun vreîgula,

i varì oûna ruoba ca va peîndula.

R.: el riceîn.

X

Pansa cun pansa,
Tabarnaculo col boûz.
La duona par fà pioûn priesto,

La scasa el coûl.

R.: culà aqua da la zustierna.

XI

Santula, ma santula;
Cumare da ma mare,

(A m'uò mandà ma mare)

Ca si lavì nu ma la dì;

si nu lavì, dìmala.

R.: la tuola da lavà.

XII

Du luzenti, du punzenti,
Quatro mase e oûn scuvuleîn.

R.: el bò.

XIII
 
Chi la fà, la fà par vendi,
Chi la conpra nu la duopara,

Chi la duopara nu la vido.

R.: la casiela.

XIV

A zì quatro surure,

doûte quatro li curo

e mai nu li sa pol ciapà.

R.: li rude del caro.

XV

Zuta el ponto de Cik Ciak
Stà Bergnik Bergnak

Cu la tiesta virduleîna

Cavaliir cheî l'induveîna.

R.: la rana.

XVI

Zbreînduli zbreînduli và in canpagna
Breînduli alsa la buze

Zbreînduli, zbreînduli ghe rispuze.

R.: la pegura.

XVII

Pansa cun pansa,
Manago ca vansa,

Oûn boûz in miezo.

Pioûn ca ti grati,

Pioûn ti grataravi.

R. la ticara
.

XVIII

Ganbe i nu iè, 
Caminà i nu siè. 
Man i nu ga na iè, 
Ma ogni ura 
I bato e i batariè
R. El liruòio.


nnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnn

I

Indovina, indovinello, 
Chi fa l'uovo nel cestello? 
Il gallo o la gallina? 
Miele in bocca a chi lo indovina
Risposta: la gallina

II

Chi è mai quello? 
Ha le scarpe rosse, 
e non è un cardinale. 
Ha gli speroni, 
e non è un cavagliere. 
Suona al mattino, 
e non è un sacrestano.
R.: il gallo.

III

Pendolino che pendolava 
Beffettino che lo guardava. 
Se cadeva Pendolino, 
Che risate Baffettino.
R.: il gatto.

IV

Pelo di fuori, e pelo di dentro;
alza la gamba e mettela dentro;
    opp.:
Pelo di fuori, e pelo di dentro;
Non son contento se non lo metto dentro.

R.: la calza.

V

Due uomini lo possono fare.
Un uomo ed una donna lo possono fare.

Due donne non lo possono fare.

R.: la confessione.

VI

Alta donna di palazzo
Casco in terra e non mi ammazzo.

Bella sono, e brutta mi faccio,
Tutti i ragagazzi se ne spassano.

R.: la neve

VII.

Pel di sotto e pel di sopra;
un cardellino in mezzo che lavora.

R.: l'occhio
.

VIII

Tondo e rotondo,
come un occhio di colombo,

chi vi è aduso non può far a meno,

se non lo mette nel buco.

R.: il bottocino della camicia.

IX

Giovinette da marito,
se non lo avete, fatevelo dare;

nè con aghi, nè con succhiello,

avrete una cosa che vi pende.

R.: l'orecchino

X.

Pancia con pancia,
Un tabernacolo col buco.

La donna per far prima,

Dimena il sedere.

R.: prender acqua dalla cisterna.

XI

Madrina, mia madrina;
Commare di mia madre,

(Mi ha mandato mia madre)
Che se lavate, non me la date;
se non lavate, datemela.

R.: la tavola per lavare.
(*)

XII

Due lucenti, due pungenti,
Quattro mazze ed uno scovolino.

R.: il bue.

XIII

Chi la fà, la fà per vendere,
Chi la compra non l'adopera,

Chi l'adopera non la vedo.

R.: la cassa da morto.

XIV

Son quattro sorelle,
tutte e quattro corrono

e mai arrivano a prendersi.

R.: le ruote del carro.

XV

Sotto il ponte di Cik Ciak
Sta Bergnik Bergnak

Con la testa verdolina

Cavagliere chi lo indovina.

R.: la rana.

XVI

Sbrindoli brindoli va in campagna
Brindoli alza la voce

Sbrindoli brindoli gli rispose.
R.: la pecora.

XVII

Pancia con pancia,
Un manico che avanza,

Un buco in mezzo.

Più ti gratti,

E più ti gratteresti.

R. la chitarra
.

XVIII

Gambe non ho, 
Camminare non so. 

Mani non ne ho, 

Ma ogni ora 

Batto e batterò

R. L'orologio.


(*) Indovinello intraducibile che gioca sulla quasi omofonia di lavì = participio passato di lavare e la vì = la avete. Per cui il proverbio viene detto come se tutti e due i termini omofoni significhino
      la vì, da qui il suo tranello


This page and all contents are Copyright ©

 
 
Ninne Nanne
Santi
Superstizioni
Proverbi
Stornelli
Il Ciclo dei 12 Mesi dell'Anno
Filastrocche
Indovinelli
Conte, giochi e..