Primavera
Estate
Autunno
Inverno
Nuove
Risonanze ZEN

 
Estate

 
 

 
 
 
Sul balcone mi
Godo i primi squilli di
Estivi voli.
              

              



S'addensa luce
Accecato barbaglio
Del cuore.






Pioggia estiva
Si rinnova il cuore
Acceso frinìo.





Nella sera va
Il canto acuto e della
Luna il corso.






Echi nella sera
Rincorrono malie
D'un canto ondoso.






Respiro il cielo
A pieni polmoni
Notte d'estate.





Luna bianca
Limìo di cicale
Vagare insonne.






Un melograno
Della terra perduta
Vago richiamo.






Villa Pamphili
Sotto i suoi alti pini
Pigro sostare.





Restiamo al sole
Io ed il verde ramarro
Dopo la pioggia.






Alto nel cielo
Svetta il nuovo palazzo
Vecchie le idee.






Sotto il salice
Dopo tanto cercare
In pace rimango.





Biancheggia luna
Ed il canto dei grilli
Riempie la stanza.






Alla mia età
Padre, eri già morto
Notte di luglio.






Come lontano
E' il tuo ricordo, e
La mia gioventù.





Naufrago, alla
Riva ormai lontana
Getto lo sguardo.






Notte d'estate
Fluiscono i pensieri
All'unisono.






Ostinata la
Bianca primula ancora
Dischiude fiori.





Monotono è
Il canto dell'upupa
E tu mi manchi.






File nere di
Formiche rincorrono
Sogni perduti.






Alto il papiro
Protende le nuove
Foglie, estate.





Dal promontorio
Volteggiano i gabbiani
Lievi pensieri.






Ebbro, aspiro
Questa piena di luce
Barbaglio d'oro.






La sera reca
Come una eco lontana
Il tuo ricordo.





Urlo d'angoscia
In un cielo rabbioso
Gabbiani in volo.






Assorto ascolto
Lo sciabordio del mare
Immutabile.






Risuona ancora
Nelle strette stradine
Qualche antica eco.





Solo percorro
Calli notturne, con me
Voci perdute.






Notte profonda
Pensieri rincorrono
Eco lontane.






Dilata il sole
Lo straziato rubino
Tutto smemora.





Il sole filtra
Liquido nella stanza
Dolce risveglio.






Tesse leggero
Ragnetto instancabile
Fili argentini.






Giocano insieme
Il micio e la farfalla
Sogni estivi.





Nella fonda ala
Dei tuoi occhi neri
Chiuso baratro.






Eco lontane
Riporta la musica
Sogni perduti.






In vana attesa
Noia domenicale
Lenta trascorre.





Cullano le onde
I sogni del passato
Liquido azzurro.






Non c'è nessuno
Delle cicale il canto
Chiuso frinìo.






Nero granchietto
Invano fuggi l'onda
Che ti ricopre.





Amor di giustizia
Ambedue, e sincero
Perchè litigare.






Al Cineporto
Le luci sui pini
Psichedeliche.












 
This page and all contents are Copyright © 

 
Menu Poesie

 
 
Primavera
Estate
Autunno
Inverno
Nuove
Risonanze ZEN