Zbrèinduli da biechi
(Brandelli di stracci)

 

 
Poesie nell'Istrioto di Rovigno
di
Gianclaudio de Angelini

 
 
§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§








                                                                                     








"Ancura i favalemo a Monto
  par nui rastà scuio;
  parchì piòun in puochi,
  da quando i vemo lassà
                             Cèissa"
                            Ligio Zanini

 
Umberto Boccioni, Quelli che vanno, 1911

 
I Sezione
"Poesie dell'Esodo a due Voci"

 

I

 I zèmo sparendo
 Ne la piòun cunpleta indifarensa 
 E 'l sèigo da dulur
 Piza intù la gula cume òuna pera.

 Andiamo scomparendo 
 Nella più completa indifferenza 
 E l'urlo di dolore 
 Pesa nella gola come una pietra.

II

 Anca el racuordo s'infuoiba
 int'el sango de la tuova tiera rusa.

 Ne l'aria riesta el sèigo da cucal
 de la tuova zento daspiersa

 e la vòuz del mar, senpro cunpagna.


 Anche il ricordo s'infoiba 
 Nel sangue della tua terra rossa. 

 Nell'aria rimane l'urlo di gabbiano 
 Della tua gente dispersa. 

 E la voce del mare, sempre uguale.


III

 Tiera mièia, bandunada
 mai straca da spatà
 Inpusèibili raturni.

 Vanamentro ti ciami i fioi daspiersi
 ca da luntan ta sugna e da rento ta piura.

 Tiera prumisa, no piòun ratruvada.


 Terra mia, abbandonata 
 Mai stanca d'attendere 
 Impossibili ritorni. 

 Vanamente richiami i figli dispersi 
 Che da lontano ti sognano e da vicino ti piangono. 

 Terra promessa, non più ritrovata.


IV

 I son òun viecio tronco malazanbà
 cun puoche fuoie e dòuto tavarà.

 a ma basta paruò òun lanpo d'uoci
 òuna ridulada, òuna buca viludada,

 ch'i son cume el nuvo virdo al prèimo sul.


 Sono un vecchio tronco contorto 
 Con poche foglie e tutto tarlato. 

 E' sufficiente però un lampo d'occhi 
 Una fresca risata, una bocca vellutata, 

 Che divento un nuovo getto al primo sole.


V

 Quista zì la nuoto scòura e mala nuoto
 e vui signì quila ca ma dà turmento.

 Quista zì la nuoto da i panseri,
 la nuoto ch'i nu durmiriè int'el lieto.

 Quista zì la scòura nuoto, anama mièia
 ch'i ma indurminsariè sul tuovo dulso pito.


 Questa è la notte scura e mala notte
 E voi siete quella che mi dà tormento. 

 Questa è la notte dei pensieri 
 La notte che non dormirò nel letto. 

 Questa è la notte, anima mia 
 Che m'addormenterò sul tuo dolce petto.


VI

 I nu iè piòun paruole
 I iè pierso el canto cume el còuco.

 Sul i ma ramanìo intù ganbare
 da culpo masa grandi.

 A riesta nama ch'i racuordi
 còuguli par fà maziere.


 Non ho più parole 
 Ho perso ogni voglia di cantare. 

 Solo mi rigiro in stanze 
 Improvvisamente troppo grandi. 

 Restano soltanto i ricordi 
 Ciottoli per erigere confini.


VII

 Zì zà el tramonto, cala li tienabre
 el vento fèis'cia intù li cale dazierte.

 L'ieco de i miei balighi rabonba lento
 sòun li pere fruade dal tenpo.

 A ma par da scultà int'el silensio
 òun sunsòuro, òuna liema ca ma ciama,
 o ma fà li rice, cun la vòuz raguza dei miei zensi.

 Favalìde, favalìme piòun fòuga ch'i nu va uoldo

 I sento nama òuna cunduolma, 
 òun pianto dasparà ca ma dazmèisia da buoto 
 lagandume sul, incucalì, cui uoci lòustri da sal e 'l cor ingrupà.


 E' già il tramonto, calano le tenebre 
 Il vento fischia tra le stradine deserte. 

 L'eco dei miei passi rimbomba lento
 Sulle pietre consumate dal tempo. 

 Mi sembra di udire nel silenzio un sussurro, 
 Una nenia che mi chiama, forse è un inganno dei sensi, 
 Con la voce rauca del mio popolo. 

 Parlate, parlatemi più forte che non vi sento. 

 Si ode soltanto un lamento indistinto, 
 Un pianto disperato che mi risveglia di colpo 
 Lasciandomi solo, inebetito, con gli occhi lucidi di sale, il cuore pesante


VIII
 Bazilèisco, Daviscuvi, Sigariol
 Binòusi, Barèicio, Maluzà
 Dandulo, Zuòrzi, Venier
 Buorme, Rizmondo, Chirèin
 Fagarasi, Zorzeti, Zbrisai
 Custantèini, Calèifi, Angilèini
 Bòurla, Caenaso, Maraspèin
 Eive, Piergulis, Abà
 e puoi Masaruoto, Calòuci, Dapiran
 Sponza, Bubèicio, Giuricèin...

 Cari cugnumi de la nostra sità
 uora i signì sparnisadi a miera par dòuta la tiera,
 ma int'el cor cantìde cun li nuote s'ciasòuze
 de òuna viecia canson.

 Viecia piòun de la "Viecia Batana"
 viecia cume li pere, viecia cume el mar
 viecia cume tèi, Ruvèigno mièia.


 Basilisco, Devescovi, Segariol 
 Benussi, Baricchio, Malusà 
 Dandolo, Zorzi, Venier 
 Borme, Rismondo, Cherin 
 Fagherazzi, Zorzetti, Sbrizzai 
 Costantini, Califfi, Angelini 
 Burla, Caenazzo, Maraspin 
 Ive, Pergolis, Abbà 
 E poi Massarotto, Calucci, Dapiran 
 Sponza, Bobicchio, Giuricin... 

 Cari cognomi della nostra città 
 Ora siete sparsi a migliaia per tutta la terra, 
 Ma nel cuore cantate con le note squillanti 
 Di una vecchia canzone. 

 Vecchia più della "Vecchia Battana" 
 Vecchia come le pietre, vecchia come il mare 
 Vecchia come te, Rovigno mia.


 
Umberto Boccioni, Quelli che restano, 1911

 
 
II Sezione
"Echi da una terra perduta "

 

I

 I siè a ga vol zèi vanti 
 ma dòuro cume el samier
 mèi i riesto in quista cal
 ca ningòun piòun fulpìa.

 Lo so bisogna andare avanti
 Ma ostinato come un mulo
 Io rimango in questa strada
 Che nessuno più calpesta.

II

 Zura racuòrdi bròuti e bài
 òuna man da pitòura.

 Sopra ricordi belli e brutti 
 Una mano di pittura.

III

 C'òun fià da vòuz
 in ciapo i cantiendi
 a Montomulèini.

 Con un filo di voce 
 In gruppo cantavamo
 A Monte Mulini.

IV

 Nuòto alta
 rabonbo da balighi 
 cumo ramuòrsi. 

 Notte alta 
 Rimbombo di passi 
 Come rimorsi.

V

 Pulvaro e graie 
 strite cale da griebani 
 dòutòuntòun el mar.

 Polvere e rovi 
 Tra sconnessi sentieri 
 Improvviso il mare.

VI

 Tra uosa sensa cruz 
 ciare aque del Carso
 giasade li scuro.

 Tra ossa insepolte 
 limpide acque carsiche 
 scorrono fredde.

VII

 Sensa òun lamento 
 cusèi cume i uò visòu
 a òun a òun.

 Senza un lamento 
 Così come vissero 
 Ad uno ad uno.

VIII
 Zanestre in fiùr 
 sul i ma ramanìo
 a Ponta Cruz.

 Ginestre fiorite 
 Solo, senza meta 
 A Punta Croce.

 
"Anca el racuordo s'infuoiba 
int'el sango de la tuova tiera rusa"
 

III Sezione
"Nuove Roma-Rovigno maggio-agosto 1999 "

 

I

 Tra quiste puoche rastanse
 del furmighier féiso da Ruvéigno
 int'òun mar intasalà da pisi piòun grandi
 a naso ancura qualco naréidula, qualco béio.

 A zì quil tanto ca na basta a nui, 
 mazinite sparnisade int'el pilago,  par sparà
 ca ancura par duman a ga séio

 almanco òuna méingula da mar
 andue pudì turnà a dastirà i crachi.


 Tra queste poche restanze 
 Del formicaio fisso di Rovigno, 
 In un mare zeppo di pesci più grandi 
 Nasce ancora qualche nerita, qualche gamberetto. 

 E' quel tanto che basta a noi, granchietti di scoglio 
 Sparsi in alto mare, per poter sperare 
 Che ancora per l'indomani ci sia 
 Almeno una briciola di mare 
 Dove poter tornare a riposare per sempre.


II

 Chèi ti son? Chèi ta cridi da iesi?

 I nu son ningòun,
 i son quil c'uò senpro samarà tra i griebani,
 ca zì zèi par mar a crusiase la véita,
 quil c'uò fato nasi el virdo
 là ula nu gira ca scui spaladi,
 c'uò tirà sòun stu furmighier bianco
 alsà el canpanèil e, sòun da paduome,
 lustrà a spiecio li pere da la cal,

 I nu son ch'el fèio da la sierva
 in sta tiera da paroni.


 Chi sei? chi ti credi d'essere? 

 Non son nessuno, 
 Son quello che ha sempre faticato tra le difficoltà, 
 Ch'è andato per mare a guadagnarsi la vita, 
 Quello che ha fatto nascere il verde 
 La dove non c'erano che scogli spelacchiati, 
 Che ha costruito questo formicaio bianco, 
 Alzato il campanile e, a furia di calpestarlo, 
 Tirato a lucido le pietre del selciato. 

 Non sono che il figlio della serva 
 In questa terra di padroni.


III
 I tri cunfèini 

 Par turnà a vìdate 
 a biegna pasà tri stanghe. 
 A uogni stanga sa paga dasio. 

 A zì i tri cunfèini ca t'uò miso 
 li tieste rave ca nu ta cugnuso, 
 ca nu sa ca tèi ti son senpro cunpagna. 

 I uò vulisto ciùte ugnidòun òun tuoco 
 Par vì anduve picà i Patafi nuvi da vieci scochi.


 I tre confini 

 Per tornare a vederti 
 Bisogna passare tre barriere. 
 Ad ogni barriera si paga dazio. 

 Sono i tre confini che ti hanno imposto 
 Gli sciocchi che non ti conoscono 
 Che non sanno che sei sempre la stessa. 

 Hanno voluto prenderti ognuno un pezzettino 
 Per aver dove appendere Stemmi nuovi di vecchi ladroni.


IV
 Ruvèigno 25 agòusto 1999

I tri culuri

1

  - Da carnaval nui pèice i sa vastiendi
  Nèina da bianco, Ita da ruso e mèi da virdo 
  puoi, inburasade, i ziendi a spasizà 
  zuta i mustaci intrincadi dal zandarmo. -
  Cusèi ma cuntiva ma nuona cui uoci ancura in rèidi.

  Ma quanti trèibuli i vemo pasà par quii tri culuri.

2

  Ma zio, bara Tuoni pascadur, el viva òuna batana
  cusèi viecia ca la sa guantiva nama ca par la pitòura 
  e, anca s'el viva fato el militar zuta la Dafòunta,
  la viva el fèil virdo, el cuorpo bianco e 'l fondo ruso.

  Ma quanti trèibuli i vemo pasà par quii tri culuri.

3

  Par pudì guantà quii tri culuri sensa la stila rusa,
  el Patafio carago da sango purtà da la murlachìa,
  i vemo lasà la nostra tiera in man da furiesti da vèia
  e da vieci zganbia bangiere boni par dòute li stazoni.

  Quanto saravo stà meo guantase al ganbo da radèicio, 
  al bianco e ruso de la tuova cruz stuorta ca nu tradèiso.


Rovigno 25 agosto 1999
Rovigno 25 agosto 1999

I tre colori

1

  - A carnevale noi bimbe ci vestivamo 
  Nina di bianco, Concetta di rosso ed io di verde 
  poi, tutte eccitate, andavamo a passeggiare 
  sotto i mustacchi unti di sego del gendarme. - 
  Così mi raccontava mia nonna con gli occhi ancora ridenti. 

  Ma quanti triboli abbiamo passato per quei tre colori. 

2

  Mio zio,  paron Toni pescatore, aveva una barca 
  così vecchia che si teneva assieme soltanto per la pittura 
  ed anche se aveva fatto il militare sotto la Defunta, 
  aveva il bordo verde, il corpo bianco ed il fondo rosso. 

  Ma quanti triboli abbiamo passato per quei tre colori. 

3

  Per poter mantenere quei tre colori senza la stella rossa, 
  l'Emblema carico di sangue portato da oriente, 
  abbiamo lasciato la nostra terra in mano di gente forestiera 
  e di vecchi cambia bandiere buoni per ogni stagione. 

  Quanto sarebbe stato meglio restar attaccati all'orticello, 
  al bianco e rosso della tua croce storta che non tradisce.
 


 

 
IV Sezione
"Roma 5 maggio 2002"

 
El ruvigniz
  
Il rovignese
 I dèizi ca sta lengua la zì masa ruosche
 Ca nu la zì gnanca talian, ca zì struguoto.

 I nu sà sti rave, ca stu gialìto zì stanpà
 Int'el giamanto griezo da Ruma.

 Ch'el tenpo uò fusconà ma nuò zgurbà del dòuto 
 E cu lu sento favalà par mèi a zì mòuzica.


 Dicono che questa lingua è troppo rozza 
 Che non è neanche italiano, che è ostrogoto. 

 Non sanno gli sciocchi, che questo dialetto 
 E' stampato nel diamante grezzo di Roma 

 Che il tempo ha offuscato ma non storpiato del tutto 
 E quando lo sento risuonare per me è musica.


 
 
V Sezione
"Ruvèigno 11 agòusto 2002"

 
 
I
 
 I zbòula, int'òun sìil
 carago da piova,
 cucai a vilo.

 Volano, in un cielo 
 Carico di pioggia, 
 Gabbiani a pelo d'acqua.
 
II
 
 Nigaro el mar,
 caraghe da piova li nòubi,
 in miezo òun fià da sparansa.

 Nero il mare,
 Cariche di pioggia le nubi,
 In mezzo un raggio di speranza.

III
 I ma dèigo ca ti son masa zganbiada 
 ca nu ti son piòun quila... 

 puoi a ma basta vidi el tuovo prufèil
 cu el sul và in saca.

 C'a zì cumo ca fuoso la prèima vuolta.


 Mi dico che sei troppo mutata
 Che non sei più la stessa...

 Poi mi basta vedere il tuo profilo 
 Quando il sole lento s'inabissa. 

 Che è come se ti vedessi per la prima volta.


 
 
VI Sezione
"Ruvèigno 13 agòusto 2002 - Arnu da Sant'Ufièmia "

 
GdeA
 Puovara santa
 Zuvanita t'iè patèi el martèiro 
 Tra bies'ce faruoci

 Ancui tra piatèini e biceri.

   
 Povera santa, 
 Giovinetta hai subito il martirio 
 Tra bestie feroci... 

 Oggi tra bicchieri e piattini.


 
Questa poesia nasce dal constatare che la stele posta dai rovignesi, per ricordare il miracoloso arrivo della pesante arca marmorea (era il 13 luglio dell'anno 800) con le spoglie della santa, ora è circondata dai bicchieri e dai piattini del "Bar Valentino"... un segno della mutata devozione popolare del suo popolo che una volta non avrebbe permesso un simile mercimonio.

Vorrei lanciare qui un appello al sindaco Gianni Sponza, e a tutti i rovignesi non degeneri, perchè un simile scempio debba cessare. Resti pure il Bar Valentino, la vita deve pur andare avanti, ma lasciamo in pace la stele della santa evitandole di far da "sierva ai turèisti"..

VII Sezione
da
"Canzoniere a due mani"


  
Anna Maria Zanetti

Gianclaudio de Angelini


Du pèici in braso
A du mare cuntente
Distèin cunpagno
  
Due bimbi in braccio
A due madri contente
Lo stesso destino.



La mazinita
Pice sate afèila
Sensa pagòura.

Il Granchietto
Piccole chele affila
Senza paura.



Lizere Undèine
Li ma dasfanta el cor
Pagòure antèighe.

Leggere Ondine
Mi sciolgono dal cuore
Paure antiche.



Plonzi e sabòusi
A ma fà 'l cor cu i penso
Del tuovo el dulsur.

Tuffi e capriole
Fa il cuore quando penso
Del tuo la dolcezza.



Pèice mèingule
A zì bronse e falìe
Par rascaldà el cor.

Piccole briciole
Braci e scintille che mi
Scaldano il cuore.


 
VIII Sezione
- Roma 8 gennaio 2007 -
"Per la Lupa di Pola
del Quartiere Giuliano Dalmata di Roma"

 
GdeA
Puovaro feîo. Par teî gninte neîne de la mare
I t'uò zgnacà veîa sensa cunpasion...
E tanfà tri didi de la man.

Ura la L
oûpa de Puola la zì ancura pioûn
El stiema del suovo puopulo dazgrasià.

Quil ca zì rastà e quil ca zì zeî veîa

Doûti e dò sensa pioûn el lato de la Mare
El sul c'anda pol fà crisi.
    
Povero figlio. Per te niente seno della madre
Ti hanno buttato via senza compassione..
E rubato tre dita della mano.

Ora la Lupa di Pola è ancor più
L'emblema del suo popolo sventurato.

Quello che è rimasto e quello che è andato via

Tutti e due senzà più il latte della Madre
Il solo che ci può far crescere.

  Questa poesia nasce dal triste fatto accaduto al Quartiere Giuliano Dalmata di Roma in cui nella notte tra il 27 e 28 dicembre ignoti teppisti, i soliti imbecilli che non mancano mai, probabilmente ubriachi o drogati, hanno danneggiato la Lupa di Pola con il triste risultato di far cadere uno dei due gemelli causandogli anche l'amputazione di tre dita della mano.

Per saperne di più

 
This page and all contents are Copyright ©
 

Profilo dell'Autore
Gianclaudio de Angelini
Rovigno 2004 - Premiazione Concorso M.L. Histria
Gianclaudio de Angelini è nato il 19 dicembre del 1950 a Rovigno d'Istria. Esule dalla sua città natale, dal 1953 risiede a Roma. Tornato la prima volta a Rovigno nell'estate del 1960 ha incominciato da tale data ad interessarsi della storia, del dialetto e delle tradizioni della sua terra d'origine.

Nel 1997 ha vinto il primo premio della Sez. in Vernacolo del Premio di Poesia LAURENTUM, con "El seîgo da pera" componimento in rovignese, l'antico linguaggio dell'Istria meridionale (ISTRIOTO). Alcune di queste poesie sono state inserite nel sito di Istrianet con la traduzione in inglese di Franco G. Aitala.

Nel dicembre 1997 ha pubblicato il volumetto "Poesia dell'esodo a due voci" insieme con il dott. Marino Micich, figlio di esuli dalmati, con la prefazione del Dott. Amleto Ballarin. Il Volumetto è stato recensito sulla Rivista letteraria La Battana pubblicata dall'EDIT di Fiume.

Già membro del direttivo della Società di Studi fiumani - Archivio Museo di Fiume che ha sede al quartiere Giuliano-Dalmata di Roma ricopre attualmente la carica di vice Presidente dell'Associazione per la Cultura Fiumana, Istriana e Dalmata nel Lazio, ha pubblicato saggi, articoli e partecipato a conferenze nell'ambito della storia e della cultura della sua terra d'origine.

E' uno dei collaboratori di Istrianet.org, il principale sito dedicato all'Istria., la cui gestione è cura di Marisa Ciceran e di pochi entusiasti. Partecipa inoltre alla M.L. Histria, sorta per iniziativa di Axel Famiglini, di cui è stato uno dei padri fondatori partecipando ad elaborarne il Manifesto Programmatico . La M.L. si è dotata anche di un proprio sito internet (www.mlhistria.it).

Da quasi due lustri sta lavorando con grande amore e pazienza alla compilazione di un Dizionario Enciclopedico Rovignese-Italiano.

Si è sempre dedicato alla poesia di stampo lirico intimista e, spinto dall'amore per la cultura giapponese, in questi ultimi tempi ha cercato la via degli Haiku sentendoli particolarmente affini al suo sentire ed alla sua poesia naturalmente predisposta al verso breve.

Dal 2003 al 2005 è stato presidente della Commissione del Premio M.L. Histria indetto per i ragazzi delle C.I. di Istria, Fiume e Dalmazia, facendo comunque sempre parte della
Commissione giudicante.



 
Indietro Menu Poesie
Indietro Menu Angelini